Non mancate sabato 16 luglio al ROCK BEER FEST di Isola Rizza (VR)

Si dice (spesso a sproposito) che i giovani si adagiano, vivano nell’ozio o vogliano solo divertirsi, senza sbattersi o affaccendarsi troppo in cose importanti. Quanto sono brutte le generalizzazioni, a partire da quell’infelice aggettivo (bamboccioni) affibbiatoci – così facendo inconsapevolmente mi ci metto dentro anch’io nella categoria “giovani” – da chi probabilmente ha lavorato meno di tutti noi per conquistare certe cose.

Beh, a smentire questo luogo comune c’hanno pensato i ragazzi della Pro Loco di Isola Rizza che hanno messo in piedi una Festa della Birra di tutto rispetto, organizzandola per la serata di Sabato 16 luglio 2016.

13406955_493256330878949_5665927635970786455_n

Una festa che già dal nome spiega molte cose: “ROCK BEER FEST”, dove quel rock sta per “indipendente”, sia perchè svincolato da grossi marchi, da major, sia soprattutto per l’attitudine, la creatività e il mood che caratterizzano le tre band di area veronese che si avvicenderanno sul palco dalle ore 21,30.

Prima però, per entrare a gamba tesa nell’atmosfera vivace e “festivaliera”, dalle ore 20, ci sarà spazio anche per un dj set, così potrete farvi accompagnare dalle note festose, intriganti e scatenate, mentre vi pappate quei gustosissimi “panini onti” che in ogni Festa non possono mancare. E poi fiumi di birra, prima, durante e dopo il concerto!

Ma l’attrazione principale sarà offerta da loro: dagli artisti, dai gruppi indie che si alterneranno sul palco, proponendo musica varia e interessante: gli SHAMANA, The Bottle Brothers – con quel nome così, non potevano certo non essere invitati a questo evento – e gli IANT.

Gli SHAMANA sono un quintetto capeggiato dall’istrionico tastierista e manipolatore di suoni Alessandro Lobosco,  che propone della buona ed efficace musica pop rock, debitrice di band inglesi che hanno fatto la fortuna del rinascente britpop degli ultimi 20 anni.

Più sofisticata la musica dei The Bottle Brothers, di area alternativa, con puntate e parti strumentali che sfociano nel post-rock e in genere piuttosto oscuri – anche se non per questo meno trascinanti rispetto ai colleghi di serata.

Infine i più diretti IANT, provenienti da Peschiera del Garda, che si muovono tra sferragliate punk e melodia irresistibile e testi (in italiano) tanto taglienti quanto spesso ironici.

Insomma, se siete amanti del rock, quello vero, puro, senza compromessi, beh, non potete proprio mancare a questo evento. 

Ce ne sarà davvero per tutti i gusti SABATO 16 LUGLIO al ROCK BEER FEST di Isola Rizza, per una Festa della Birra fuori dal comune.

 

Antonio “Rigo” Righetti con questo secondo album solista (“Water Hole”) si conferma rocker di razza, altro che “solo” l’ex bassista di Ligabue

Ecco la mia recensione del disco di Rigo, pubblicata sul sito di Troublezine.it

http://www.troublezine.it/reviews/21716/rigo-water-hole

 

Il nuovo album di Antonio “Rigo” Righetti, che i più ricordano per la sua lunga e fruttuosa collaborazione in qualità di bassista per Ligabue (era una delle colonne della “Banda”) e gli “esperti” per la sua militanza nei Rocking Chairs, conferma le buonissime impressioni che ci arrivano da una discografia che piano piano sta diventando sempre più corposa.

E’ un disco dalle atmosfere calde, soffuse, in un certo senso “rassicuranti”, nei suoni e nel cantato: merito principalmente dell’approccio educato e sobrio del cantautore modenese, che in queste tracce essenziali e dirette, mette in mostra tutto il suo amore per l’America. Non serve alzare i toni o gridarlo a pieni polmoni, a volte per esprimere i sentimenti, quelli veri, bastano poche cose, basta che ci sia l’intento vero e il cuore in mano e qui accade.

A tratti pare riecheggiare Bruce Springsteen, quello meno rock’n’roll e più acustico, ma l’attitudine scarna e il suono registrato in presa diretta, ne fanno un lavoro rock nell’anima. Rigo intona con voce profonda canzoni che mirano a rievocare la poetica dei grandi narratori d’Oltreoceano, e i nomi sono quelli più autorevoli: Faulkner e Carver. Testi tutti rigorosamente in lingua inglese, a riannodare ancora di più il filo che lo lega a quei scenari. Solo King of Love è introdotta in lingua italiana, e a declamare quei versi tratti proprio da Carver è l’attore teatrale Danio Manfredini, ma poi le sue liriche si dispiegano in inglese.

Un po’ di sano country, un po’ di folk, l’attenzione ai piccoli particolari che fanno la differenza (l’armonica che spesso arriva a rimarcare e intensificare l’atmosfera), tanta qualità da ogni parte lo si ascolti, grazie alla maestria di Rigo e dei suoi valenti collaboratori, uno dei quali è l’antico sodale Robby Pellati, batterista al suo fianco sia nei Rocking Chairs che nel gruppo di Ligabue.

Un consiglio? Il 5 gennaio, dal Cotton Club di Modena parte il suo tour in supporto al disco. Beh, non lasciatevelo scappare live, sarebbe un delitto!

Tracklist

 01. Henry’s Siege Mentality
02. Tear It Up
03. King Of Love
04. Dangerous
05. Glass
06. For So Long
07. The Beauty
08. (Don’t Want) To Cheat You

Splendida data veronese dei Marlene Kuntz per il tour celebrativo di “Catartica” e la presentazione di “Pansonica”

Ieri sera, assieme a un nutrito gruppo di amici di vecchia data, ho assistito alla data veronese del tour celebrativo dei Marlene Kuntz. Celebrativo perché si festeggiavano i 20 anni dal loro esordio discografico ufficiale, contrassegnato dall’epocale “Catartica”, qui omaggiato appieno, e rivisitato in ogni sua traccia. Quest’anno hanno dato alle stampe un nuovo album molto distante dalle loro recenti aperture alla musica d’autore italiana, tornando indietro nel tempo. Infatti “Pansonica” poco o nulla ha a che spartire con gli album della “svolta” del gruppo di Cuneo, risalendo nei suoi brani proprio alla genesi di “Catartica”. Non scarti dell’epoca – sarebbe ingeneroso affermarlo – ma piuttosto delle b-sides nello spirito. Già su disco avevano dimostrato in qualche modo di competere con le “elette”, quelle tracce immortalate poi nel primo fortunato album, ma a maggior ragione, eseguite dal vivo, nel contesto di un recupero delle atmosfere primordiali della band, si sono caratterizzate per la medesima intensità, per il notevole impatto e, non secondario, per la potenza delle parole. Mi ha sempre colpito del gruppo di Godano la capacità di “fare rumore”, senza disdegnare testi che spesse volte assomigliavano a veri testamenti intrisi di poesia. Così è stato ieri, con il pubblico – assai numeroso e partecipe –  avvolto in una rassicurante viaggio a ritroso nel tempo, nel pieno degli anni ’90, con unica concessione nel finale a quella “Musa”, inserita nell’insolito (per il loro repertorio) “Uno”. Da tempo, da una decina d’anni, forse di più, i Marlene Kuntz stanno battendo strade nuove, senza perdere comunque la loro attitudine e il loro spirito. Puntualizzato questo aspetto, è innegabile come, a risentirle tutte assieme, una dietro l’altra (e inframmezzate dai pezzi di “Pansonica” che, come detto, si legano ad esse come un continuum temporale), le canzoni di “Catartica” non abbiano smarrito un grammo del loro fascino e della loro carica. E poi, loro, i “ragazzi”: davvero a loro agio sul palco, a riappropriarsi della loro storia, più che a autocelebrarsi. Un’operazione che, lungi dall’essere meramente commerciale, o inserita in un momento storico di “stanchezza creativa”, mi ha convinto del tutto, specie dopo aver visto la piena sintonia tra band e affezionati sostenitori. Un tributo doveroso, con la consapevolezza di aver indicato all’epoca una strada credibile e autorevole, proiettata verso la piena affermazione di un certo tipo di rock alternativo che potesse avere una sua valenza anche in un territorio piuttosto ostico come il panorama musicale italiano.

Menzione speciale per le celebri cavalcate “Festa Mesta” e “Sonica” (probabilmente le più attese del pubblico, che si è scatenato letteralmente al loro incedere) e per il manifesto “Nuotando nell’aria”, prototipo valido per chiunque volesse cimentarsi nello scrivere una vera ballata rock con tutti i crismi, una delle perle più splendenti dell’intera produzione italiana degli anni ’90 (e non solo!). E poi ho trovato impeccabile la versione di “Trasudamerica”(per inciso, da sempre, una delle mie preferite del gruppo piemontese) e assolutamente trascinante, nella sua imperiosa melodia, “Canzone di domani”. Forse la sola “Lieve” (che adoro, specie nella loro primigenia versione, più che in quella passata alla storia grazie ai padrini C.S.I.) mi è parsa leggermente sottotono, ma questo è solo un punto di vista condiviso al più con il mio amico Riccardo, anche lui per il resto assolutamente soddisfatto dello spettacolo a cui abbiamo assistito. Tra le canzoni di “Pansonica” già su disco mi avevano colpito in particolare “Parti” e “Capello lungo”, e dopo averle sentite dal vivo, confermo la mia idea che non avrebbero assolutamente sfigurato in “Catartica”. Già, quella “Capello lungo” che ebbi modo di ascoltare molto tempo prima dell’inclusione in “Pansonica”, perché ne esiste una versione “lo-fi” su you tube, tratto da uno dei primi demo dei Marlene, quando ancora alla voce vi era Alex Astegiano, ora affermato fotografo e al seguito del gruppo, di cui è rimasto in strettissimi rapporti. Dopo il concerto, nonostante ci fosse davvero un sacco di gente accorsa per vederli, anch’io sono riuscito a scambiare piacevolmente due parole con il leader Cristiano Godano, autentica icona del rock italiano, che anche a vederlo in abiti “normali”, non in scena diciamo così, emana ugualmente fascino e carisma. Gli ho fatto i miei più sinceri complimenti e ho avuto anche modo di dirgli che ho omaggiato lui e il suo gruppo nel mio recente saggio “Revolution ‘90”, incentrato proprio sulla musica italiana degli anni’90. Lui mi ha salutato, a sua volta, con un sincero ’”in bocca al lupo” per il libro e la cosa mi ha fatto molto piacere; d’altronde non ho remore a definire i Marlene Kuntz come uno tra i 3 gruppi che maggiormente hanno segnato il mio immaginario dell’epoca (ma non credo di sbagliarmi se dico che la cosa ha riguardato la stragrande maggioranza del pubblico giunto ieri a Verona). Peccato non essere riuscito a salutare Alex che tempo fa mi rilasciò un’interessante intervista, già pubblicata nel mio blog e che includerò pure in un mio libro di prossima uscita: “Rock ‘n Words”. Mi auguro comunque ci saranno altre occasioni, perché questo tour vale davvero il prezzo del biglietto e non è detto che non mi conceda un’altra data qui nelle vicinanze.

Torna Gianluca Grignani con “A volte esagero”: un album ispirato e sincero!

Ho ascoltato tutto d’un fiato il nuovo lavoro di Gianluca Grignani, dal titolo programmatico “A volte esagero”. Dopo tutto il gran battage pubblicitario, non solo fatto di musica ma, suo malgrado, anche di altro, in molti attendevano al varco la sua nuova opera, salutata dal Nostro come un ritorno a certe sonorità più ruvide, rock, da alcuni vicini al suo entourage, addirittura capaci di farci riandare alla memoria di album passati alla storia come “La Fabbrica di plastica” e “Campi di popcorn”. Sgombriamo subito il campo da possibili equivoci: siamo comunque lontani da quel tipo di urgenza comunicativa, di sfogo puro in musica, di atto di ribellione, ma non mancano certo le sorprese in questo disco. Non che il Grigna, di album in album, non sappia spiazzare i suoi ascoltatori e la critica specializzata, visto che non è certo tipo che ama adagiarsi sui successi, su determinati standard. Una mosca bianca del panorama nazionale, con un’anima rock ‘n roll, più per attitudine forse che per reale inclinazione in fase di scrittura, laddove spesso prevalgono  o emergono altri contesti, diverse istanze. Il singolo apripista “Non voglio essere un fenomeno” alla fine ha centrato l’obiettivo. Non pareva prettamenparte commerciale come episodio, invece ha conquistato pubblico e radio, grazie a un testo efficace, nonostante la rima “sacrificio/dentifricio” potesse indurre più d’uno a lasciar perdere. E sarebbe stato un peccato perché la canzone offre tanti spunti interessanti di riflessione.

download

Tutto il disco è pervaso da un’atmosfera, non dico di tristezza, dacchè invece fanno capolino parole aspre e suoni forti, densi, pieni, “rock” nella più ampia concezione del termine, ma almeno di amara constatazione della realtà che ci circonda. La mia preferita, a un primo impatto, è proprio quella che intitola l’intera raccolta. “A volte esagero” è paradigmatica sin da titolo ma parla di tutti noi, della vita. Due canzoni possono emergere a livello puramente emozionale, perché scritte col cuore, e la cosa traspare in modo evidente: “L’amore che non sai” è una genuina, appassionata e sincera ode alla moglie Francesca; “Madre” invece rivolge parole bellissime, commoventi alla figura materna. E ci può pure scappare la lacrima, quando Gianluca – che scrisse questo pezzo 20 anni fa, e in un primo momento pareva potesse inserirlo addirittura nell’album di debutto – declama il verso che si sente perso nell’universo senza un padre.

Il tema è fortemente autobiografico, Gianluca, la sorella e la madre furono in effetti “abbandonati” dal padre, come si evince anche dal suo libro ma il tema era sin troppo personale forse per darlo in pasto sin dai tempi di “Destinazione Paradiso”. Un recupero importante, la canzone vale davvero. “Fuori dai guai” e “Il mostro” hanno in effetti sonorità che Grignani non ci faceva sentire da molto tempo: qui gli echi della “Fabbrica” sono evidenti, specie nell’intro della prima, una dichiarazione quasi in tempo reale dei fatti occorsi quest’estate e sui quali si è tanto speculato. “Il mostro” come più volte da lui raccontato è ispirato alla storia vera di una sua amica. Altri episodi si elevano, come l’incalzante “Maryanne” e “Rivoluzione serena” che nei suoi intenti sembra voler essere il manifesto del disco. Un bel disco, lo voglio sottolineare un’ultima volta, in un mercato italiano sempre più asfittico e dove le idee, specialmente da parte di artisti giunti a certi livelli, spesso latitano. Non è il caso di Gianluca, uno che la musica l’avverte proprio come una vera necessità, un modo per esprimersi come meglio non saprebbe fare. E anche dal punto di vista compositivo e musicale, ogni suo disco rappresenta sempre una scoperta.

Alla scoperta de “L’Ordine Naturale delle Cose”, gruppo di Parma che nel loro Ep d’esordio propongono un rock che riecheggia quello dei gruppi italiani anni ’90

Ho avuto modo di conoscere mesi fa il nome de “L’Ordine Naturale delle Cose” grazie all’impegno di Cococi Promotion, ufficio stampa che si sta davvero prodigando per far emergere i propri assi presenti nel roster. Da subito il quintetto parmense, dedito a un rock alternativo in lingua italiana caro a certi stilemi tanto in voga negli anni ’90, mi colpì per le musiche e per le liriche, e pensai bene di passarli subito in una puntata del mio programma “Out Of Time”, nello spazio solitamente dedicato ai gruppi nuovi.

download

Nuovi loro lo sono davvero, se consideriamo che con questa sigla sociale esistono da praticamente appena un anno, ma ascoltando bene le 4 tracce che compongono questo ep che sa di dichiarazione d’intenti, ci accorgiamo come alle spalle vi siano comunque anni di applicazione, di passione e di tecnica consolidata. Chiarisco subito che a conferire, a mio avviso, al tutto un’aurea di autenticità e di piglio, atto quanto meno a incuriosirti e a farti ascoltare piacevolmente le canzoni, è l’utilizzo di uno strumento un po’ insolito alle nostre latitudini, ma che un posticino nella storia del rock (presente in dischi leggendari come ben saprete) se l’è preso: parlo della viola, qui suonata da Enrico Cossu. Il virtuoso musicista pennella con suoni raffinati e obliqui le varie tracce, a partire da “Questa”, scelta come canzone apripista di questo lavoro. Il mio brano preferito in effetti, dove le varie anime del quintetto emiliano, capitanato da Stefano Cavirani si incontrano e si amalgamano perfettamente, creando ottimi intrecci melodici, su uno sfondo per lo più cupo e malinconico. Sono ben tre le chitarre suonate, considerando che il leader ha la ritmica, mentre alla chitarra e basso si alternano i polistrumentisti Gioacchino Garofalo e Mattia Amoroso (completa la formazione il batterista Alessandro Aldrovandi, sempre incisivo e sul pezzo). Il singolo da lontano presenta echi dei Marlene Kuntz meno arrembanti, nonostante la voce di Cavirani non sia debitrice di quella di Godano, e debba ancora trovare la sua forza. Nonostante i testi siano in media buoni (soprattutto in “Punta di piedi” che però di contro non mi convince a livello musicale col suo impasto sonoro che vira verso il rock duro), a colpire è soprattutto la struttura, l’impalcatura musicale, in un brano dal forte impatto come “Opaca”, qui Cossu adempie alla grande al suo dovere, che si stacca dal resto per l’arrangiamento leggermente più “easy”. E’ stato salutare comunque riascoltare un buon ep tutto cantato in italiano, solido e memore di un periodo storico che ci ha consegnato alcune tra le band migliori mai apparse in suolo italico: vedremo se nel prosieguo della loro appena avviata avventura, l’Ordine Naturale delle Cose saprà affrancarsi da certi modelli e brillare di luce propria… noi ce lo auguriamo!

In anteprima una mia intervista al grande Umberto Palazzo dei Santo Niente: un’occasione per parlare dell’argomento del mio saggio sulla musica italiana anni ’90 e sul suo personale percorso artistico

PELLEeCALAMAIO ha il piacere di ospitare Umberto Palazzo, protagonista del panorama musicale alternativo italiano sin dagli anni ’80, alla guida di varie band  e ora protagonista di interessanti e diversi progetti.

pal2

 “Ciao Umberto, l’argomento del mio saggio di prossima uscita è sì la musica italiana emersa nel decennio dei ’90 ma anche il contesto in cui veniva intessuto lo sviluppo artistico e culturale, se in effetti c’è stato. Tu che ne sei stato protagonista in prima persona, è stata “rivoluzione”, rispetto alle derive anni ’80 o solo un’illusione?”

 All’ inizio degli anni novanta ci fu un momento di vuoto assoluto dominato dai Litfiba e dai loro emuli, che faccio fatica a definire musica che mi appartenga. Le contemporanee tendenze americane erano seguite  poco o nulla, però erano molto vitali le scene hardcore e “posse”. I CCCP si erano sciolti. Poi arrivammo noi, quello che fu poi chiamato il Nuovo Rock Italiano e in un certo senso ci fu una piccola rivoluzione, favorita dall’exploit mondiale del grunge.

“Vorrei partire analizzando i passi della tua lunga carriera. Eri un giovane che ti spostasti a Bologna per motivi di studi (poi completati)..un iter comune a molti, così come l’infatuazione per la città, i suoi stimoli. In cosa pensi sia cambiata l’atmosfera rispetto a quei tempi?” 

Bologna non mi dice più niente, è sempre una bellissima e civilissima città, ma non è certo il crocevia di idee e creatività che è stata per un certo periodo. Direi che oggi un posto vale l’altro, abbiamo internet e gli aperitivi è meglio non frequentarli.

“Ciò che scopristi in Inghilterra e che finì per influire nel tuo percorso artistico una volta rientrato alla base, era impossibile da trovare in Italia?

Più che impossibile. Non ce n’era alcuna consapevolezza.

Non eri rimasto incuriosito o affascinato dai gruppi primigeni di un certo recupero di rock in senso stretto (gli esempi scontati sono quelli dei gruppi dell’IRA: Diaframma, Litfiba, Moda ecc..) o i tuoi riferimenti musicali e culturali erano già ben definiti?”

 

Nell’ottanta/ottantuno i miei riferimenti musicali erano, per quel decennio, già definiti. L’IRA è venuta dopo, ma non aveva nulla a che fare con il recupero del rock, la new wave era la negazione esplicita del rock.

“Ho letto con piacere il libro di Andrea Pomini sulla storia dei Massimo Volume, il cui tuo contributo nella genesi del loro processo creativo è stato importante e talvolta ho impressione che non sia stato non valorizzato. Nel libro è stato illuminante sentire diverse versioni. Col senno di poi mi viene da pensare che sarebbe stato interessante vedere l’evoluzione della band con le due menti creative, ma alla resa dei conti mi sembra ci fossero sin troppe divergenze sulla linea guida da tenere. Tu immaginavi che sarebbero diventati così “di culto” per molta gente con gli anni a venire?” 

Sì, io credevo tantissimo in quella band e le potenzialità si videro immediatamente, l’impatto fu subito fortissimo. Le divergenze non erano poi così tante, visto che le musiche che ho scritto per Mimì vengono tutt’ora suonate dal vivo. Il punto è che in origine c’erano due cantanti e poi si decise che ce ne fosse solo uno, ma io non fui coinvolto né avvertito di questa decisione. Ho amato quella band ed esserne allontanato è una delle cose che mi ha fatto più soffrire in assoluto. E’ ovvio che il mio apporto non sia valorizzato, perché il modo in cui hanno gestito la faccenda rimane fonte d’imbarazzo.

un giovanissimo Umberto Palazzo, quando ancora militava nei Massimo Volume, gruppo di cui fu tra i fondatori

un giovanissimo Umberto Palazzo, quando ancora militava nei Massimo Volume, gruppo di cui fu tra i fondatori

“L’esperienza dei Santo Niente fu un ritorno a un  viscerale rock, direi inedito per l’Italia, con testi ricchi di immagini anche “violente” o capaci di destabilizzare. Mi ricordavi Perry Farrell per l’attitudine. Vi vidi dal vivo sul finire degli anni ’90 e l’energia che emanavate era in effetti trascinante,pazzesca, eppure così diversa da quella trasmessa da band allora in auge come Marlene Kuntz o Afterhours. Pensi che il risultare forse eccessivi o “disturbanti” abbia influito negativamente sul percorso del tuo gruppo o pensi di aver raccolto il massimo?” 

Non era un ritorno perché prima quel modo di fare e suonare in Italia non c’era. Sicuramente eravamo troppo estremi. In realtà fummo definiti dalla major che finanziava il Consorzio “improponibili” al pubblico subito dopo la registrazione de “La vita è facile” e non ci fu dato alcun budget pubblicitario. Tutti sapevano che il Santo Niente era un morto che camminava, ma abbiamo lo stesso insistito a suonare e fare dischi e ancora oggi insisto. Ho motivazioni che vanno oltre la ricerca del successo, di cui ho perso ogni speranza già nel 96. E non ho raccolto nulla: le spese sono immensamente superiori agli incassi e non sono quello che si dice un artista di chiara fama. Per molti sono solo un cretino che non vuole ammettere di non essere tagliato per fare il musicista e non si perde occasione per ricordarmelo.

“Negli ultimi anni, pur non essendo mai stato dimenticato da chi ti seguiva prima, sei diventato piuttosto popolare per i tuoi interventi, a volte forse provocatori ma sempre lucidi e analitici, sui social network in merito a questioni non solo musicali. Una sorta di “opinion maker” autorevole e credibile, e non lo penso solo io. Tante volte mi dai l’impressione quasi di doverti “giustificare” per la tua attività fiorente di deejay, che per molti più integerrimi fans del rock più puro (esiste ancora?) è in netta contrapposizione con quanto esprimevi ad inizio carriera. Mi pare di capire che tu conosci a fondo la storia della musica, le sue evoluzioni e non ne faccia una questione sterile di supremazia di certi generi su altri, giusto?” 

Il fatto che gli appassionati del rock abbiano dei problemi con la musica dance dimostra solo quanto sia arretrata, puritana e poco consapevole delle origini la scena rock italiana. Io amo la dance e l’elettronica in tutte le sue forme ed è anche a causa della mia formazione: la new wave era musica per ballare. Il più grande hit dance degli ottanta è opera degli ex Joy Division, per fare un ovvio esempio. Ora il rock alternativo italiano, con pochissime eccezioni, è triste, autocommiserativo e patetico, oppure è ruffiano e sta morendo per questo. Ciò che non è vitale non attrae nuovi appassionati e quindi il rock italiano non fa altro che celebrare la sua stessa agonia. Manca totalmente di orgoglio.

Non ho mai voluto essere un opinion maker: posto le mie idee in genere mentre faccio altro, tipo pubbliche relazioni per una serata in un club. Quello che succede, succede per caso.

“Tante volte si è dibattuto sul fenomeno internet e anch’io mi chiedo spesso (e lo chiedo ai gruppi e agli artisti) se non fosse meglio un tempo nemmeno lontano, quando era più difficile farsi notare dalle case discografiche ma poi si seguiva bene o male un iter, una gavetta (pur non essendoci mai stata una “guida” per emergere), oppure ora che è facile per chiunque caricare i propri pezzi e i propri video in rete? Non pensi che, al di là dell’opportunità unica di diffondere “liberamente”, senza molti filtri la propria musica, ci sia sin troppa musica da ascoltare, da scoprire, da condividere, col rischio concreto che si perda la qualità vera, in funzione della quantità?” 

Non ha nessun senso chiedersi se fosse meglio o peggio prima. Il passato è passato e non tornerà. Bisogna piuttosto chiedersi come affrontare per il meglio cambiamenti che sono ovviamente irreversibili e sempre in corso e non mi sembra che ci si ponga abbastanza in quest’ottica: l’italiano non ama le novità. L’era del disco dal punto di vista pragmatico è lontana quanto quella del cilindro di cera di Edison. Persino il download è obsoleto e si perde tempo in discorsi sul come eravamo. L’unico discorso giusto sarebbe quello sul come saremo.

“La crisi discografica sembra non avere fine, salvata in parte solo dai “fenomeni” usciti dai talent, tendenza non solo italiana, ma che anzi ha radici lontane e radicate anche oltreoceano e oltreManica, le patrie del rock. Dove credi che porterà tutto questo? E’ una caduta irreversibile quella del disco, che scenari ti immagini da qui a dieci anni?” 

 La crisi discografica è finita, nel senso che l’industria discografica non esiste più: il tempo è dalla parte dei nativi digitali, per cui i dischi sono buffi oggetti d’antiquariato. Esiste l’industria della musica, che è altro. Bisogna sbrigarsi a capire questo e liberarsi da ogni nostalgia.

l'audace e bellissima copertina del nuovo lavoro dei Santo Niente

l’audace e bellissima copertina del nuovo lavoro dei Santo Niente

“Come sta procedendo il discorso relativo al tuo progetto solista, da cantautore sui generis, se mi permetti. Sei soddisfatto dei riscontri, e cosa sta bollendo in pentola? Stai scrivendo altro materiale in quella direzione o ti vedi di nuovo impegnato col gruppo? Da dove ricavi le tue ispirazioni? E cosa fa la differenza nel tuo caso, quali elementi influiscono maggiormente nel farti decidere se incanalare le tue suggestioni e i tuoi stimoli in un nuovo percorso solistico o nel Santo Niente?” 

E’ appena uscito “Mare Tranquillitatis”, il nuovo album del Santo Niente e sono totalmente preso da questo.

NEL RINGRAZIARTI PER LA TUA DISPONIBILITA’ E NEL RINNOVARTI I MIEI SINCERI COMPLIMENTI PER LA TUA MULTIFORME ATTIVITA’, TI SALUTO E MI AUGURO DI VEDERTI PRESTO LIVE.

(Gianni Gardon)

 

Oggi la replica dell’ultima puntata di OUT OF TIME! un saluto e un piccolo bilancio su questa splendida avventura radiofonica

Oggi alle 15 andrà in onda la replica dell’ultima puntata del mio programma radio OUT OF TIME, da me ideato e condotto per 15 settimane , da ottobre scorso a oggi.

oooo

Da molto tempo mi ero staccato dalla conduzione radiofonica, sia per oggettivi altri impegni, sia perchè sembrava un’avventura stupenda ma in ogni caso relegata a un determinato periodo della mia vita (quello universitario, quando assieme agli amici Ricky, Nicola, Fabrizio e Claudio ci eravamo avvicinati a Radio Popolare Verona).

Invece negli anni non ho mai abbandonato definitivamente questo mondo, soprattutto in occasione di eventi, concerti o quant’altro mi ritrovavo spesso in prima linea con gli amici  di sempre. Fu in quel modo che conobbi Dalse di Yastaradio, il quale da subito pensò a un eventuale spazio all’interno della sua interessante webradio (per cui già da anni Ricky collaborava).

All’inizio, parlo di circa 5 anni fa, non me la sentii di dare l’ok per una cosa che richiede molto tempo, visto che tra lavoro, collaborazioni varie e impegni personali sapevo di essere incasinato. Quindi, ho iniziato in sordina, da recensore di molti dischi. Tra articoli e interviste, la collaborazione è andata avanti per anni, fino al “rompete le righe” e alla decisione di riprendere in mano un microfono.

15 puntate, tutte diverse ovviamente una dall’altra, molto “libere” nella più ampia accezione del termine, nel senso che il contesto di Yastaradio assomiglia davvero, nei suoi aspetti migliori e più interessanti, al periodo degli anni 70 e delle radio libere.

La prima puntata è stata di rodaggio: è andata bene, in molti amici mi hanno ascoltato, e il Dalse mi disse che me l’ero cavata egregiamente per essere una sorta di seconda “prima volta”.

In realtà la voce era rotta dall’emozione, parevo a tratti il buon Ezio Luzzi, come mi fecero ironicamente notare alcuni amici ma la prova fu superata.

Poi è stato un crescendo, sia per qualità della proposta, sia per una maggiore sicurezza acquisita.

A me piace parlare, raccontare aneddoti, chicche su questo o quel gruppo, e talvolta ho parlato forse sin troppo, ma in realtà direi che sono soddisfatto. La conduzione, a detta di molti, si è fatta via via più sciolta e brillante (conservo ancora tutte le vostre mail contenenti suggerimenti, consigli, piccole critiche e complimenti) e a livello musicale spero di essere riuscito ad accontentare un po’ tutti, visto che ho alternato tanti generi, tanti artisti, tante canzoni, molte legate agli anni 90 (argomento principe di un mio saggio di prossima uscita) ma altre slegate da contesti e riconducibili agli anni 60/70 fino ai giorni nostri.

Alcune puntate sono state “speciali”: come quella dedicata ai cantautori, puntata tra le più apprezzate, o quella sulle voci femminili. Altre sono state di tipo monografico, nelle quali ho dedicato spazio e tempo ad artisti che stimo come i Modena City Ramblers, i Rem (da cui ho preso il titolo del programma stesso) al Britpop, con la riproposizione della “battle of the bands” che vide contrapposti nel 95 i due gruppi più famosi di quel filone,i Blur e gli Oasis.

Due puntate le ho dedicate al movimento del rock italiano e, a dir la verità,  sono quelle che mi hanno fatto giungere più messaggi sulla mia casella elettronica. Soprattutto mail di ringraziamento per aver ripescato questo o quel gruppo ma anche gente che mi chiedeva come mai ho dedicato poco spazio a Afterhours o Marlene Kuntz, quando invece (basta riascoltare le puntate) ho speso ovvie parole d’elogio per due tra le più rappresentative band italiane emerse negli ultimi 20 anni.

Un’avventura splendida, questa di OUT OF TIME, che ora per sopraggiunti imminenti impegni, devo gioco forza sospendere. Nel corso della 15esima puntata mi sono perso tra saluti e ringraziamenti, ma ci tenevo particolarmente.

Ora però posso annunciare con estrema sicurezza  che mi risentirete presto in radio, visto che preparerò 5 puntate di tipo monografico  per il programma già avviato “MonoFono”. A me piace moltissimo sviscerare le storie degli artisti, andare alle radici e raccontarne i momenti salienti della carriera.  Mantengo un po’ di mistero sugli artisti ai quali mi dedicherò, anticipando solo che si tratterà di 3 band straniere, di cui una “classica” e due più contemporanee (e ancora sulle scene internazionali) e di due artisti italiani.

Insomma, il mio è un arrivederci! Ci sentiremo presto dalle frequenze web di http://www.yastaradio.com.

Un saluto enorme e un grande GRAZIE a chi mi ha sempre sostenuto e incoraggiato in questo mio programma.