Il cast di SANREMO GIOVANI 2014

Nel giorno in cui sono stati resi noti i nomi dei prossimi big che accederanno alla rassegna finale del Festival di Sanremo, facciamo un passo indietro e torniamo alla selezione delle nuove proposte che a noi, di PELLEeCALAMAIO, interessa sempre particolarmente. Detta di una passata edizione che ha visto dominare l’ex Aram Quartet Antonio Maggio, poi confermatosi anche nelle vendite con il suo bell’album di esordio e ben figurare il talentuoso Renzo Rubino, anche quest’anno ai nastri di partenza si profilava una bella battaglia, come si è notato dalla lista dei 60 nomi arrivati in semifinale. Tra gente nota e meno nota, cantanti provenienti dai talent (come Antonella Lo Coco di X Factor o Edwyn e il tenore Matteo Macchioni di Amici), artisti di area underground come Il Pan del Diavolo o di matrice indie rock come i giovani Caponord o i Nonostanteclizia, interpreti più pop come Levante o al contrario più sofisticati come Jacopo Ratini – peraltro già presente a Sanremo Giovani 2010 – e  Edipo, e figli d’arte come Alberto Bertoli, alla fine della fiera ne sono rimasti solo 8, di cui due provenienti da AREA SANREMO (Bianca e Vadim).

the niro

I loro nomi sono certo interessanti ed eterogenei nel contesto di un Festival che, come l’anno scorso, sembra prediligere una certa “qualità” della proposta, indipendentemente dal genere più o meno “sanremese” che possa rappresentare.

Ecco quindi gli attesi The Niro e Zibba & Almalibre, entrambi da tempo nelle grazie di certa critica e, a detta di chi scrive, autentici talenti della scena musicale italiana. Il primo, al secolo Davide Combusti, ha iniziato cantando in inglese proprie composizioni, in parte legate a un immaginario lirico strettamente collegato a quello di grandi cantautori come Jeff Buckley, di cui prodigiosamente è in grado di accostarsi vocalmente, per poi passare alla lingua madre. In passato, ai tempi del suo splendido esordio, era stata lanciato all’estero dalla sua etichetta, la Universal, decisa a sfruttarne l’enorme potenziale. I secondi, ensemble composito con sede a Genova, sono già pienamente affermati in contesti autoriali come quelli legati alla rassegna del Club Tenco, dove nel 2012 vinsero il premio più prestigioso con la targa per il miglior album in assoluto dell’anno con “Il passo silenzioso della neve”, seppur ex equo con “Padania” degli Afterhours. Giustissimo riconoscimento per un gruppo che fonda tante anime: dal jazz, alla canzone d’autore, dal roots al rock, alla tradizione italiana. A Sanremo partono dal basso ma a mio avviso potrebbero ripercorrere le orme di Raphael Gualazzi, ampliando cioè il loro pubblico arrivando a colpire anche chi ha gusti meno sofisticati.

zibba

Tra le nuove proposte anche gli interessanti Diodato, autori di una raffinata proposta rock, il rapper napoletano Rocco Hunt, rappresentante di un genere tra i più in voga in Italia, specie tra i giovanissimi, Veronica De Simone, già nota a molti per la sua partecipazione alla prima edizione di “The Voice” e Filippo Graziani, figlio del compianto Ivan e, come il padre, valente cantautore sui generis, anche se dovrà combattere col pregiudizio di essere “figlio di”.

Motivi di interesse ce ne stanno parecchi insomma, anche se a completamento del post mi piace ricordare alcuni artisti passati di qui negli ultimi anni che non hanno avuto molta fortuna ma che secondo me meritavano maggior successo e attenzione.

Vi lascio i loro video.. ce ne sarebbero tanti ma non voglio lasciare troppo spazio alla nostalgia 🙂

BUON FESTIVAL A TUTTI, in attesa di un articolo sul cast dei BIG nei prossimi giorni!

Marco Baroni “L’immagine che ho di te”

Stefano Centomo “Bivio”

Marco Guazzone “Guasto”