Al via in Corea del Sud il Mondiale Under 20: l’Italia di Evani prova a stupire con i suoi talenti

La nazionale Under 20 allenata da Chicco Evani è già arrivata in Corea del Sud dove domenica 21 maggio esordirà nel Mondiale di categoria. Le prime gare dell’importante manifestazione iridata giovanile si disputeranno il giorno precedente e riguarderanno i gironi A e B.

Chicco Evani – l’ex grande centrocampista laterale del Milan degli Invincibili guiderà la Nazionale Under 20 al Mondiale di categoria

L’Italia, inserita nel gruppo D, se la vedrà con i forti corrispettivi uruguayani (fra i cui convocati spicca il centrocampista Bentancur, neo acquisto juventino) e le outsider Giappone e Sudafrica.

La nostra tradizione in questa competizione non è delle migliori ma con una buona regolarità gli azzurrini arrivano quanto meno a giocarsi queste fasi. Spesso accade, a differenza di altre Nazionali che tengono evidentemente di più a un Mondiale, che i prospetti migliori, ancora in età valida per disputare il Torneo, passino già in Under 21 a contendersi l’Europeo in questione.

E’ il caso ad esempio di giocatori già sulla via dell’affermazione come il portiere Meret, fresco di promozione in A con la Spal, Federico Chiesa, Manuel Locatelli o autentici big come Gigio Donnarumma, che con le sue 18 primavere da poco compiute, sarebbe sotto età addirittura di un paio di anni rispetto ai compagni convocati.

Non accade così in altre Nazionali prestigiose, se pensiamo che l’Argentina, spesso e volentieri vittoriosa, ha conquistato in passato a mani basse il Mondiale grazie a gente come Messi, Aguero, Zabaleta, Banega, Di Maria… tanti anni fa vi partecipò anche un certo Maradona (indovinate a chi andò la competizione quella volta?). Oppure la Francia che vinse due edizioni fa piuttosto agevolmente trascinata da un certo Paul Pogba, che da lì a pochissimo sarebbe stato protagonista in maglia bianconera.

Certo, spero di sbagliarmi nel pronosticare un’Italia non vittoriosa, ma almeno sulla carta vedo favorite squadre come la Germania, il Portogallo o il Messico, fermo restando le già citate Argentina (tra i convocati anche il furetto Colombatto, centrocampista dai piedi buoni in forza al Trapani), Francia e Uruguay (che appunto troveremo sin dal girone eliminatorio).

Conosco piuttosto bene tutti i ragazzi convocati da Evani, la maggior parte di loro è stata già protagonista in azzurro sin dall’Under 16. Si tratta in pratica del gruppo che solo un anno fa perdeva (purtroppo in modo netto) con la Francia la finale del campionato Europeo Under 19 agli ordini del tecnico Paolo Vanoli (ben 10 tra coloro presenti in quella manifestazione disputeranno ora il Mondiale in Corea).

il giovane difensore della Roma Riccardo Marchizza, stopper d’altri tempi

Il blocco è affidabile in giocatori come il roccioso difensore del 1998 Marchizza – a proposito, della stessa età e squadra di appartenenza, la Roma, avrei portato anche il fortissimo attaccante Tumminello – , il mediano-difensore Mandragora (“retrocesso” dall’Under 21, di cui prima dell’infortunio figurava tra i leader), l’esterno Dimarco (uno dei pochi ad aver giocato con discreta continuità nella massima serie quest’anno a Empoli), il centrale difensivo Romagna e l’estroso attaccante Vido, in prestito al Cittadella dal Milan.

Rolando Mandragora, reduce da un brutto infortunio, è uno dei leader riconosciuti della squadra

Evani strada facendo ha inserito altri buoni prospetti, traendo indicazioni dalle presenze accumulate dai singoli nei campionati professionistici rispetto a chi magari ha sempre fatto la differenza nelle giovanili, tra Allievi e Primavera (penso al campioncino della Juventus Clemenza, tornato assoluto protagonista nel massimo campionato giovanile dopo la brutta tegola dell’infortunio che l’ha messo fuori gioco un anno fa).

Ecco spiegate quindi le convocazioni del velocissimo terzino Pezzella (uno dei pochi a salvarsi nella disastrosa stagione del Palermo), del cesenate scuola Juve Vitale, buon protagonista a Cesena e di alcuni elementi da tempo nel giro azzurro ma finiti a farsi le ossa in Lega Pro, come il difensore Sernicola (titolare nel Fondi) e il fantasista tutto pepe Simone Minelli, grande talento delle giovanili viola e quest’anno tra i migliori nell’ Albinoleffe.

L’ex viola Simone Minelli, a differenza di Federico Chiesa, con cui si intendeva a meraviglia nelle giovanili, ha iniziato il suo percorso da professionista in Lega Pro, diventando uno dei beniamini dell’Albinoleffe

Alcune gerarchie non sembrano del tutto definite: penso al ruolo di portiere, dove Zaccagno pare sì favorito sui rivali ma dovrà vedersela con l’ultimo arrivato, il giovanissimo Plizzari del Milan (classe 2000).

Ovviamente ci si aspetta molto dai nomi più in vista, specie dagli attaccanti. Oltre al già citato Vido, che da gennaio ha saputo ritagliarsi un buono spazio al Cittadella, congedandosi dai compagni con una splendida doppietta nella sua ultima partita di campionato, i fari sono puntati su una coppia offensiva che ha fatto benissimo quest’anno ad Ascoli, vale a dire Favilli e Orsolini. Entrambi in orbita Juve, col primo che, giunto dalle giovanili del Livorno, aveva poi contribuito enormemente coi suoi gol a portare la Juve a contendersi la finale del campionato Primavera 2015/’16 contro la Roma (poi andata ai giallorossi) e il secondo che dopo essersi rivelato come uno dei migliori talenti emergenti della cadetteria, è stato acquistato dai bianconeri, strappato letteralmente a una nutrita concorrenza.

In mediana oltre all’esperienza e alla qualità di Mandragora, si potrà puntare ad occhi chiusi anche sul cagliaritano Nicolò Barella, titolare in serie A agli ordini di Rastelli e che nel corso del campionato è migliorato esponenzialmente diventando una sorta di “tuttocampista”.

Insomma, in fondo, scorrendo e analizzando i nomi, mi sono accorto come invece motivi per essere ottimisti ce ne siano. Conteranno al solito molte componenti ma di certo i ragazzi daranno tutto loro stessi per la maglia azzurra.

Di seguito, ecco l’elenco completo dei convocati di mister Evani:

Portieri: Samuele Perisan (Udinese), Andrea Zaccagno (Pro Vercelli); Alessandro Plizzari (Milan)

Difensori: Mauro Coppolaro (Latina), Federico Dimarco (Empoli), Riccardo Marchizza (Roma), Giuseppe Pezzella (Palermo), Giuseppe Scalera (Fiorentina), Leonardo Sernicola (Fondi), Filippo Romagna (Brescia);

Centrocampisti: Nicolò Barella (Cagliari), Alfredo Bifulco (Carpi), Paolo Ghiglione (Spal), Rolando Mandragora (Juventus), Simone Minelli (Albinoleffe), Matteo Pessina (Como), Mattia Vitale (Cesena);

Attaccanti:  Giuseppe Antonio Panico (Cesena), Riccardo Orsolini (Ascoli), Andrea Favilli (Ascoli), Luca Vido (Cittadella).

EDIT. (16.05.2017) Proprio nel giorno in cui ho postato l’articolo, uno dei più attesi della spedizione azzurra, l’attaccante esterno Simone Minelli, ha dovuto dare forfait per i postumi di un infortunio. Al suo posto l’allenatore Evani ha convocato la mezzala Cassata, scuola Juve, quest’anno protagonista di un buon campionato in B con l’Ascoli.

Annunci

Calcio italiano: cosa significa realmente partire dai giovani? Dar loro la possibilità concreta di giocarsela e pure di sbagliare

Italia-u17-610x250

 

Si sono consumati fiumi di inchiostro sul trionfo tedesco ai Mondiali: giustissimo omaggiare i campioni e la loro organizzazione ma si è fatta anche tanta demagogia sulla vittoria della Germania e su come il suo modello calcistico sia quello a cui guardare per provare a riemergere dalle sabbie mobili in cui invece il nostro calcio, quello italiano, è ormai sprofondato. Io da sempre sostengo come ci sia bisogno di un reale cambiamento in seno ai nostri campionati, e l’esempio della Germania doveva in realtà illuminarci da ben prima di questa loro fulgida e meritatissima affermazione mondiale. Le radici infatti affondano ben più in là negli anni, da quando anche loro avevano subito un clamoroso tonfo – certo, non paragonabile alla nostra debacle brasiliana -, così forte da indurre la loro federazione (a differenza della nostra, realmente convinta del cambiamento, e poco restìa a condizionamenti di vario tipo) a una svolta radicale. Senza cercare di scovare ricette magiche, occorrerebbe dapprima una piena, credibile valorizzazione dei giovani. Ciò non significa gettare nella mischia chiunque, col rischio serissimo di bruciarli ma dare una chance ai più pronti, senza negare la possibilità di carriera a tanti altri. La gavetta può avere un senso ma non deve essere eterna e, soprattutto, non è consono che un “nuovo Totti”o “nuovo Del Piero” partano dalla Lega Pro, per dire, col rischio di impantanarsi se non si emerge subito. La vecchia C ci può stare, in fondo hanno calcato certi polverosi palcoscenici anche campioni autentici come Baggio e Zola, ma in genere il salto in alto avviene in modo repentino, spesso scalando categorie di anno in anno. Ma se non si fa il botto subito, o se semplicemente un giovane non trova l’allenatore che crede in lui, questo rischia davvero di perdere gli anni migliori, senza tra l’altro giocare troppo. Un circolo vizioso, perché, non accumulando minutaggio, di conseguenza viene meno anche l’esperienza acquisita sul campo e, di pari passo, anche la giovane promessa, da tutti ritenuta fin dai vivai possibile campione da professionista, si ritrova a peregrinare, fino a scelte talvolta dolorose: la discesa nei dilettanti, pur di giocare e di trovare un ingaggio a volte migliori di molte società di Lega Pro, oppure addirittura il precoce ritiro agonistico per dedicarsi ad altro.

download

E allora qualche riforma per favorire l’inserimento dei migliori giovani la si deve approntare. Ben vengano le proposte ma personalmente mi sembrano poco realistiche o pratiche le cosiddette “seconde squadre” sull’esempio della Liga o la squadra riserve come accade da decenni in Inghilterra. E col mercato libero e i prezzi spesso spropositati per i giovani azzurri di prospettiva, ecco che molte squadre già dai vivai si affidano a ragazzi stranieri. L’involuzione della Juventus in tal senso è notevole: da squadra plurivittoriosa nel decennio del 2000 è divenuta un’incompiuta in questi primi anni del ’10, con tantissimi volti esotici in rosa che, alla resa dei conti, stanno rendendo molto meno di altri talenti autoctoni. Ma era il mio ovviamente solo un esempio, credo sarebbe importante, quello sì, che in ogni squadra di serie A e B ci fossero degli elementi provenienti dal vivaio ma… non per proforma, come accade con le comiche liste della Champions, ingolfate da nomi del vivaio che mai verranno realmente presi in considerazione. Io parlo di cose concrete: si infortunano due difensori di una grossa squadra, che succede all’estero? Semplice, fanno giocare uno del vivaio: caso recente successo al Chelsea, non a una squadretta, e in un match cruciale per l’assegnazione di una Premier il cui esito all’epoca era ancora incerto. Da noi invece parte la caccia al difensore straniero (spesso svincolato, sia mai, soldi da spendere ce ne sono sempre meno!). Perché la Juve, il Milan, la Roma o l’Inter non possono (nell’emergenza) dare una chance a prospetti di sicuro avvenire quali Romagna, Calabria, Capradossi o Dimarco. Perché non c’è coraggio, questa è l’amara constatazione. E ho citato tutti giocatori che gli esperti di calcio giovanile conoscono bene, trattandosi di nazionali Under 17 e 18, alcuni dei quali compagni di Scuffet ai recenti Mondiali Under 17. E altri in quella competizione iridata avevano messo in luce buone doti, penso anche all’attaccante milanista Vido, al dinamico mediano atalantino Pugliese, al trequartista dai piedi buoni Perugini, di proprietà del Toro e visto, assai poco, nella sfortunata stagione alla Juve Stabia (davvero non c’era modo di farlo giocare di più in quel contesto?) e al regista napoletano Antonio Romano. Guardando poi alle finali del campionato Primavera, impossibile non notare la tecnica, la bravura, il talento di gente come i clivensi Magri, Brunelli, Messetti, Steffè e soprattutto Costa o i granata Aramu, Barreca o Comentale. Gente così meriterebbe una chance in cadetteria, per non dire di provare a giocarsela nella rosa della prima squadra. Senza contare che in vista, per gli appassionati di calcio giovanile, tra i quali da sempre mi annovero anch’io, c’è una fortissima generazione della classe ’98. Insomma, scrivendo con cognizione di causa, sono certo, e i numeri fino a pochi anni fa lo stavano a testimoniare, vista l’incetta di premi a livello di Under 21, che i nostri giovani, almeno fino ai 18 anni, non abbiano davvero nulla da invidiare agli spagnoli o ai tedeschi, tanto per dire di due scuole attualmente all’avanguardia del panorama calcistico mondiale. Il problema per i nostri avviene dopo, se è vero che Darmian, forse unico azzurro salvabile della disastrosa avventura mondiale 2014, pur considerato e percepito alla stregua di un ragazzino, è in realtà un venticinquenne e viene da una lunghissima gavetta, dopo un’ottima esperienza giovanile nel vivaio del Milan, dei quali era la stella, mentre la maggior parte dei giocatori della rosa campione della Germania è composta da giocatori suoi coetanei, se non più giovani (vedi i decisivi Schurrle o Gotze).