Riuscirà il miracolo al Crotone?

l’allenatore Davide Nicola, artefice principale della clamorosa rincorsa del Crotone verso la salvezza

Questo scorcio di stagione ci sta consegnando un’inaspettata “resurrezione” calcistica in serie A: quella della matricola assoluta Crotone. Forse è stato questo il motivo, il fatto cioè di essere un’autentica debuttante nel calcio che conta, per cui  la compagine pitagorica ha disperso punti ed energie nella prima parte di stagione. O forse più semplicemente, se la quota salvezza non fosse stata mantenuta così bassa dalle dirette avversarie appena davanti (Genoa a +2, Empoli a +1), la squadra di Nicola non avrebbe potuto alimentare il suo sogno, una salvezza che davvero equivarrebbe a uno scudetto.

Quali che siano le ragioni, tralasciando i pur innegabili demeriti delle due rivali, specie il Genoa, che ha praticamente smesso di giocare da gennaio in poi (e non sono una scusante le cessioni a metà stagione di totem come Pavoletti e Rincon per un simile decadimento tecnico), credo sia più giusto sottolineare i tanti meriti dei rossoblu.

Non è da tutti riuscire a inanellare nelle ultime 7 partite qualcosa come 17 punti (difatti c’è riuscita solo la corazzata Napoli; il Genoa per dire ha racimolato la miseria di 4 punti durante questa striscia positiva dei calabresi). Non è da tutti soprattutto farlo mostrando anche un gioco coraggioso, spavaldo, brioso, fatto non solo di grinta e corsa, ma pure di tecnica e qualità.

L’allenatore Davide Nicola, a un certo punto della stagione seriamente a rischio esonero e con gran parte della tifoseria contro, ha avuto l’appoggio incondizionato della società, la quale ha visto giusto nel continuare a dargli fiducia. Certo, qualche aiutino dal mercato il buon tecnico lo avrebbe anche accettato volentieri ma giocoforza ha fatto di necessità virtù, ottenendo il massimo da calciatori che probabilmente avevano bisogno di un fisiologico tempo per adattarsi al meglio alla massima serie.

il bomber Falcinelli ha raggiunto comodamente la doppia cifra, segnando ad oggi 12 gol e risultando determinante per i sogni di salvezza della squadra

Altrimenti non si spiegherebbe ad esempio l’impennata di rendimento dei centrali difensivi Ceccherini e Ferrari (quest’ultimo in particolare già da tempo è in orbita di grandi club, dopo lo splendido campionato cadetto di un anno fa). Un calcio, quello proposto da Nicola, accorto come ci si deve aspettare da una neopromossa, ma da un paio di mesi anche spregiudicato, se si pensa che a due punte fisse (il prolifico Falcinelli, già 12 gol, mai così tanti in serie A in una stagione e il mobile e determinato Trotta) si sono aggiunti sulle fasce uomini molto offensivi come Rohden, un altro che è migliorato molto nel girone di ritorno, e soprattutto Nalini, stantuffo inesauribile e che gioca sempre come se fosse la sua ultima partita in serie A. D’altronde il veronese Nalini fino a non più di tre anni fa divideva la sua passione per il calcio con il lavoro come operaio presso una nota ditta della città. La sua escalation ha dell’incredibile, già a Salerno fece benissimo come movimentatore offensivo ma a Crotone ha affinato doti da esterno a tutto campo.

Non va dimenticato l’apporto in avanti che stanno dando calciatori come Acosty, giunto a gennaio e subito integrato e utilissimo alla causa e Tonev, e quello che è riuscito a dare in termini di qualità il fantasista rumeno Stoian, scuola Roma arrivato tardi all’appuntamento con la serie A (era nella covata giallorossa con i vari Florenzi, Bertolacci, D’Alessandro e Crescenzi) fino allo stop forzato causa un virus.

Molto bene poi anche la cerniera centrale formata dal giovane regista Crisetig (ex enfant prodige del calcio italiano ai tempi delle giovanili dell’Inter ma parso molto acerbo nelle precedenti esperienze in A) e il più pratico Barberis, che nel momento giusto ha messo i panni del leader in mezzo al campo. Anche Capezzi sulla lunga distanza ha dimostrato di poter valere la massima serie.

Gli uomini di esperienza hanno fatto il resto: parliamo soprattutto del laterale destro Rosi, girovago del nostro calcio, che ha sposato la causa con tanta motivazione e abnegazione, e il portiere Cordaz che in tante occasioni ha tolto le castagne dal fuoco, trasmettendo sicurezza a tutto il reparto.

Fermo restando il valore e i meriti dei giocatori, è evidente che il principale artefice di questa speranza salvezza che è possibile ancora tenere accesa è l’allenatore Davide Nicola. Non ha mai smesso di crederci, anche quando davanti alle sue parole ci sembrava di sentire i soliti discorsi triti e ritriti sul fatto di giocarsela sempre, di andare in campo a testa alta ecc… E invece a 180 minuti dal termine del campionato, ecco che il Crotone, da tutti gli addetti ai lavori “condannato” alla retrocessione sin da gennaio, è ancora lì a giocarsela, con rinnovato entusiasmo e la convinzione che vada come vada avrà dato il massimo delle sue risorse.

I rimpianti semmai ci saranno per aver “capito” tardi la serie A ma il futuro appare comunque roseo. Nell’immediato occorre essere tanto realisti, perché di fronte nelle prossime gare ci saranno una Juventus clamorosamente non ancora sicura dello Scudetto e una Lazio che vuole continuare a stupire, nonostante la qualificazione europea già in tasca da qualche settimana. Ma l’impressione è che i ragazzi di Nicola non partiranno certo come vittime sacrificali, con un orecchio teso ovviamente alla radiolina, visto che il loro destino dipenderà anche dai risultati delle avversarie Empoli e Genoa, squadre che sulla carta possono vantare indiscutibilmente degli organici migliori.

Storie di Lega Pro:Re Giorgio Corona a 40 anni supera il grande Piola tra i vecchi goleador dei campionati italiani. E a Salerno brilla la stella di Nalini, dalla Virtus Verona ai sogni di gloria

Sabato in Lega Pro si è consumato il sorpasso di Giorgio Corona, centravanti del Messina, ai danni addirittura dell’immenso Silvio Piola! Sì, proprio così, la punta siciliana, segnando uno dei 3 gol con i quali la sua squadra ha legittimato la vittoria contro la corazzata Lecce, ha superato l’ex bomber iridato del Mondiale ’38, andando in rete alla veneranda età di 40 anni. Essendo nato il 15 maggio ha superato di poco Pioli, fermatosi a 40 anni, 4 mesi e 9 giorni. Era nell’aria, ma al di là del dato meramente statistico, ciò che colpisce di Re Giorgio è la straordinaria continuità, l’invidiabile forma fisica, la voglia e la passione che è quella che dovrebbe avere ogni ragazzino.

download (1)

E anche se da qualche anno un po’ i fari si erano spenti sulla sua avventura calcistica – ma solo perchè era sceso a segnare fra i dilettanti – ora che è tornato in terza serie, le luci della ribalta sono giustamente ancora accese su di lui. Un esempio che non tramonta e che dovrebbe essere seguito da gente tipo Balotelli che, a differenza sua, si è trovato come dice la storia, a poco più di 18 inondato da stipendi milionari, sponsor e Ferrari. Tutto grazie al talento di cui Madre Natura lo ha reso dotato ma al quale non è andato di pari passo la testa, la voglia, la determinazione. Chiaro, sono due storie diverse e auguro a Mario di non sperperare tutto quello che di buono aveva promesso da giovane ma per fortuna il calcio è fatto anche di altro. Come Andrea Nalini, giocatore che conosco bene perchè aveva preso parte al miracolo Virtus Vecomp, terza squadra della mia città, Verona, emanazione di un quartiere (Borgo Venezia) e in grado di issarsi sino alla Lega Pro per poi dignitosamente retrocedere nel finale di stagione scorsa. Nalini, giovane centrocampista, quest’anno è fra i protagonisti – inattesi alla vigilia, vista la forte concorrenza di quotati giocatori in rosa – di una Salernitana che punta a vele scoperte verso la serie B. E lui che ha sempre lavorato duramente, oltre che a giocare e ad allenarsi, a 24 anni può finalmente ambire a fare della sua passione una professione ma non solo… può verosimilmente, con le qualità e la voglia di arrivare che si ritrova, mirare a categorie più alte!