Bilancio della serie A al giro di boa. Promossi, bocciati, top, flop e rivelazioni

Si è concluso ieri il girone di andata del campionato di serie A 2015/16 con il Napoli campione d’Inverno, come non gli accadeva dai tempi del suo ultimo scudetto. Che sia di buon auspicio? In questo caso sono leciti gli scongiuri da parte dei tifosi partenopei ma sembrano sussistere molte condizione affinchè questo avvenga nell’imminente futuro.

Higuain, straordinario cannoniere e vero trascinatore del Napoli Campione d'Inverno 2015/2016

Higuain, straordinario cannoniere e vero trascinatore del Napoli Campione d’Inverno 2015/2016

Primo fra tutti, il motivo principale di una possibile affermazione partenopea per lo scudetto è il bel gioco messo in mostra per lunghi tratti del torneo dai ragazzi di Sarri. L’ex tecnico dell’Empoli, accolto con parecchio scetticismo ma reduce da un sfavillante campionato in Toscana, ha presto smentito tutti, dopo il normale periodo di apprendistato. Il Napoli ha perso terreno sull’Inter solo due mesi fa ma la frenata dei nerazzurri e la conseguente ripresa degli azzurri, li aveva proiettati nuovamente in alto, fino al sorpasso giunto in extremis.

La stessa Inter però, a ragion veduta, può rappresentare una sorpresa, nel senso che non era pronosticata proprio come candidata principale al titolo. Non sempre le performance degli uomini di Mancini sono state entusiasmanti sul piano del gioco, ma i risultati arrivavano in serie e la difesa pareva irreprensibile. Non si spiega poi molto la doppia caduta consecutiva casalinga, contro Lazio e Sassuolo.

Ciò ha facilitato la lunga rincorsa dei detentori del titolo. La Juventus, attesa a un torneo interlocutorio, come sembrava testimoniare il complicato inizio di stagione, ha invece trovato gli ingranaggi giusti, risultando nuovamente vincente, oltre che rinnovata, spinta all’astro nascente di Dybala, uno degli uomini simbolo del campionato, assieme al “mostro” Higuain, capace di siglare ben 18 reti a metà campionato.

L'argentino Dybala, stella del torneo, sta riuscendo nell'impresa di non far rimpiangere Tevez alla Juventus

L’argentino Dybala, stella del torneo, sta riuscendo nell’impresa di non far rimpiangere Tevez alla Juventus

La Fiorentina, a lungo col fiato sul collo delle capolista, appare più debole negli interpreti (specie quando gli sono venuti a mancare i big della squadra Ilicic, Kalinic o Bernardeschi) e forse ancora troppo acerba a questi livelli. In fondo, eccezion fatta per la splendida affermazione a San Siro contro l’Inter, ha sempre fatto flop negli appuntamenti importanti, quando era chiamata al salto di qualità. Rimane comunque una delle rivelazioni del torneo, nonché una delle compagini che propongono un bel calcio, merito certamente anche dell’esordiente tecnico in serie A Paulo Sousa.

il giovane Bernardeschi, speranza viola e del calcio azzurro, una della rivelazioni della bella Fiorentina del girone d'andata

il giovane Bernardeschi, speranza viola e del calcio azzurro, una della rivelazioni della bella Fiorentina del girone d’andata

Chi ha deluso invece, senza se e senza ma, sono le due romane e il Milan.

Sulla Roma era lecito attendersi un campionato di vertice, sia per la qualità oggettiva dell’organico, sia per carenze altrui. I giallorossi però hanno inanellato una serie di prestazioni negative, sul piano della qualità del gioco come in quella dei risultati, rimanendo irrimediabilmente attardata in classifica. La Lazio ha alternato buone prestazioni, sulla falsariga dell’ottima passata stagione, ad altre disarmanti. Anche il Milan viaggia in un mare di problemi, con una società non più in grado di imporsi sul mercato, nonostante i tanti milioni (mal) spesi. Squadra spesso senza né capo, né coda, in cui anche il tecnico Mihajlovic, un po’ come accaduto a Garcia alla Roma, sembra in balia della situazione e incapace di trovare una dimensione tecnico/tattica alla rosa messagli a disposizione.

Le vere rivelazioni della serie A sono Sassuolo ed Empoli. Gli emiliani, al terzo anno di A sono ormai una certezza, in grado di infilare risultati clamorosi in serie, di non sfigurare contro le (presunti) grandi e di competere sul mercato. Possono puntare all’Europa League e nessuno griderebbe allo scandalo, considerando la bontà dell’organico di Di Francesco.

Chi ha davvero stupito è l’Empoli del neo-tecnico Giampaolo, che sembrava ormai perso per il grande calcio. Invece, redivivo più che mai, sta facendo persino meglio del suo predecessore Sarri (che innegabilmente gli ha lasciato in dote una buona eredità), avendo di fatto già salvato la squadra dalla serie B. Oltretutto lo ha fatto dopo aver perso molti pezzi pregiati in estate (Valdifiori, Hysaj, Vecino, Rugani, Sepe), sostituendoli con giocatori giovani e sicure promesse come il trio di centrocampo Zielinski-ParedesBuchel o il portiere Skorupski, potendo però contare sull’eterno Maccarone, sulle fragorose conferme di gente come Tonelli, Laurini e Pucciarelli e sulla piena affermazione dei futuri uomini mercato Mario Rui e Saponara, la stella della squadra.

Ricky Saponara, rimanendo a Empoli, ha fatto la scelta e ora si sta consacrando come un fuoriclasse giusta. Rappresenta la ciliegina sulla torta della sorpresa Empoli

Ricky Saponara, rimanendo a Empoli, ha fatto la scelta giusta e ora si sta consacrando come un fuoriclasse. Rappresenta la ciliegina sulla torta della sorpresa Empoli.

Hanno alternato a prestazioni superbe, gagliarde, positive, altre scialbe, deludenti e talvolta incomprensibili, squadre come le due genovesi e il Torino, attese a un campionato più che tranquillo, dopo aver navigato in zona Europa per tutta la stagione scorsa.

La Sampdoria, precocemente eliminata in coppa, ha saputo rialzarsi in fretta, ottenendo nella prima parte di stagione una serie di ottime prestazioni, condite da valanghe di gol, compensate però da fragilità difensive dettate da mancanza di equilibrio tattico. Zenga, mai entrato in sintonia con l’ambiente, è stato esonerato e il suo successore Montella solo sul finale ha dato segni di poter risollevare la squadra, imperniandola soprattutto sul marcatore Eder e su un Cassano forse mai così maturo. Il Torino aveva iniziato con gran piglio, per poi squagliarsi a ¾ del cammino. Il Genoa a tratti è parsa sin troppo allo sbando per essere vera, e distratta forse in alcuni suoi uomini dalle ricorrenti voci di mercato, finendo pericolosamente appena sopra la zona retrocessione.

Atalanta, Udinese, Chievo, Bologna e Palermo stanno disputando un torneo più che sufficiente, se vogliamo persino da 7, nonostante non siano proprio continue a livello di risultati. La salvezza appare comunque molto alla portata.

Rimangono le due “cenerentole” annunciate, Carpi e Frosinone, effettivamente da sempre nella zona calda della classifica, con i ciociari in grado però di alzare la testa per vedere cosa ci sta sopra e di disputare delle buonissime partite, specie tra le mura amiche. Troppi però i gol presi. Il Carpi ha un gioco forse meno propositivo ma è dura a morire e ha costretto più volte avversari più quotati tecnicamente a sudare per averne la meglio. Tuttavia, non possiamo darle per spacciate, visto che con le unghie e con i denti, sono a stretto giro di posta dal quartultimo posto.

Chi non ha proprio attenuanti è il fanalino di coda Hellas Verona, cui nemmeno il sofferto cambio in panchina, con l’avvicendamento tra lo storico allenatore Mandorlini (che aveva riportato la squadra in serie A, prendendola in terza serie) e l’esperto Delneri, ha portato la sospirata svolta. Otto punti sono davvero pochissimi, un record negativo che difficilmente potrà essere sopperito da un buon girone di ritorno.

I NOMI DEL CAMPIONATO squadra per squadra

Ovviamente non sempre top e flop corrispondono a un vero riconoscimento oggettivo o a una delusione effettiva. Laddove le squadre stanno primeggiando o giocando secondo aspettative, è difficile (e persino talvolta ingeneroso) indicarlo, così come nel caso di squadre in grave difficoltà risulta altresì arduo parlare di top o rivelazioni ma tant’è… eccovi i nomi che, nel bene o nel male, si sono contraddistinti in questa prima fase del campionato.

ATALANTA: TOP DE ROON, RIVELAZIONE GRASSI, FLOP DENIS

BOLOGNA: TOP GIACCHERINI, RIVELAZIONE DIAWARA, FLOP DESTRO

CARPI: TOP LETIZIA, RIVELAZIONE MATOS, FLOP MARRONE

CHIEVO: TOP MEGGIORINI, RIVELAZIONE INGLESE, FLOP MPOKU

FIORENTINA: TOP KALINIC, RIVELAZIONE BERNARDESCHI, FLOP MARIO SUAREZ

FROSINONE: TOP CIOFANI, RIVELAZIONE PAGANINI, FLOP ROSI

EMPOLI: TOP SAPONARA, RIVELAZIONE ZIELINSKI, FLOP ZAMBELLI

GENOA: TOP PAVOLETTI, RIVELAZIONE GAKPE, FLOP PEROTTI

INTER: TOP HANDANOVIC, RIVELAZIONE LJAJIC, FLOP KONDOGBIA

JUVENTUS: TOP DYBALA, RIVELAZIONE EVRA, FLOP CUADRADO

LAZIO: TOP BIGLIA, RIVELAZIONE HOEDT, FLOP MAURICIO

MILAN: TOP BONAVENTURA, RIVELAZIONE DONNARUMMA, FLOP BALOTELLI

NAPOLI: TOP HIGUAIN, RIVELAZIONE JORGINHO, FLOP CHIRICHES

PALERMO: TOP VAZQUEZ, RIVELAZIONE GOLDANIGA, FLOP DURDEVIC

ROMA: TOP PJANIC, RIVELAZIONE SADIQ, FLOP DZEKO

SAMPDORIA: TOP SORIANO, RIVELAZIONE IVAN, FLOP MURIEL

SASSUOLO: TOP BERARDI, RIVELAZIONE PELLEGRINI, FLOP DEFREL

TORINO: TOP BASELLI, RIVELAZIONE AVELAR, FLOP BELOTTI

UDINESE: TOP THEREAU, RIVELAZIONE LODI, FLOP DI NATALE

VERONA: TOP MORAS, RIVELAZIONE GOLLINI, FLOP PAZZINI

 

 

Annunci

Roma e Lanciano avanti tutta!!! E chi li ferma più?

Roma e Lanciano stanno marchiando a fuoco questo inizio di campionato, in serie A e in serie B, ma tutto lascia presupporre, specie alla luce di quanto dimostrato nelle gare di ieri – veri banchi di prove per entrambe, attese com’erano al varco di una fragorosa conferma – che il loro cammino non sarà destinato a fermarsi.
La Roma di Garcia schianta l’Inter nella partita tra le due rinate della massima serie, tra due grandi squadre restituite dopo tre anni di “magra” a una classifica dignitosa che lascia trasparire sogni di rinnovata grandezza. La squadra di Mazzarri ,a dire il vero, si presentava al via non in condizioni ottimali, mancando a livello di organico di gente come Campagnaro o l’esterno Jonathan, ormai titolare e con un Milito ancora a mezzo servizio; la Roma di Rudi Garcia invece poteva mettere in mostra tutta la sua argenteria al completo, col lusso pure di tenere in panca l’astro nascente Ljajic.

la freccia Gervinho, grande rivelazione di inizio satgione

la freccia Gervinho, grande rivelazione di inizio satgione

Fughiamo subito il campo da dubbi: il rigore che ha causato il parziale doppio vantaggio dei giallorossi non c’era assolutamente, essendo il fallo sulla freccia ivoriana Gervinho accaduto fuori area e inoltre se Guarin avesse centrato il “sette” con il suo tiro bomba, anziché far tremare il palo a De Sanctis largamente battuto quando quel gol poteva rappresentare un insperato pareggio, magari la partita sarebbe finita diversamente. Tuttavia, queste considerazioni posticce nel calcio lasciano il tempo che trovano ed è innegabile che la forza di Totti e compagni, capaci di espugnare San Siro con facilità quasi irrisoria, terminando la prima frazione di gioco in vantaggio di tre reti, sia emersa senza appello.

il gol di TOTTI, grande protagonista ieri a San Siro contro l'Inter

il gol di TOTTI, grande protagonista ieri a San Siro contro l’Inter

A questo punto, è tempo di sbilanciarsi, posto che dopo la sosta la Roma ospiterà all’Olimpico un’altra rivale storica, impegnata nella lotta al vertice, il Napoli di Benitez. Nel frattempo però gli uomini del pragmatico tecnico francese (che impatto Garcia!) hanno inanellato 7 vittorie consecutive nelle prime 7 giornate, segnando a raffica (20 reti e non ci vuole certo un genio della matematica per conteggiare che sono quasi 3 gol a gara!) e subendo il gol avversario in una sola occasione. Il gioco della Roma si dipana nel rettangolo verde in modo arioso, spettacolare quando occorre ma pure concreto, nelle ripartenze, con Totti a dirigere la trequarti da finto centravanti sempre nel vivo dell’azione, con possibilità di mandare in rete in maniera costante gli inaspettati (alla vigilia, perché ora più che mai bisogna farne i conti) Gervinho e Florenzi. Il primo, reduce dai chiaroscuri londinesi all’Arsenal, quando sembrava un incompiuto dribblomane, tornato al servizio del suo mentore, quando furoreggiava in Ligue 1 con il Lilla, sta stupendo tutti col suo gioco efficace e insospettabilmente concreto, il secondo, splendido prodotto di un fertilissimo vivaio, quello di casa, è un jolly vero e proprio – come dimostrato due anni fa nell’apprendistato di Crotone, quando fungeva indifferentemente da terzino, mediano, fantasista, capace di segnare ben 11 gol – che già con Zeman era stato tra i pochi a salvarsi da una stagione grigia, grazie al suo dinamismo e alla sua abnegazione. Benissimo anche la corposa e solida mediana, costituita da un rigenerato De Rossi (paiono lontanissimi i tempi dei mugugni zemaniani e delle avances straniere) da uno Strootman che gioca come un veterano e dal tecnico Pjanic, capace pure di mostrare numeri d’alta scuola. Non si può tralasciare di considerare la forza di una difesa bunker, nella quale De Sanctis ha portato esperienza e tanta personalità, la stessa clamorosamente mancata a Stekelenburg e Benatia si erge a baluardo pressoché insuperabile, grazie a doti non comune, specie nell’anticipo sugli avversari. Insomma, scommettitori, direi che la quota sulla vittoria finale giallorossa è assolutamente da rivedere.

la giovane e affascinante Valentina Maio, da anni alla presidenza del club abruzzese del LANCIANO

la giovane e affascinante Valentina Maio, da anni alla presidenza del club abruzzese del LANCIANO

In B il Lanciano, magari con meno spettacolarità ma con medesimo spirito garibaldino, efficacia e regolarità sta mettendo in fila risultati su risultati, lasciandosi alle spalle, partita dopo partita, ogni avversario. E ieri incontrava il Novara, mica l’ultima della classe, ma bensì una seria candidata alla promozione. Il 3 a 0 con cui la squadra abruzzese ha regolato la compagine di Aglietti è significativo di una forza e di una consapevolezza dei propri mezzi che va accrescendosi di sabato in sabato. Stesso risultato della Roma sull’Inter, ottenuto mostrando piglio da grande, personalità e grande maturità, certamente acquisita dopo l’anno vissuto da matricola assoluta nella passata stagione ma arricchita dalle nozioni del nuovo tecnico Baroni, catapultato dalle giovanili juventine, dopo poche esperienze tra i pro, ma subito in grado di dare la sua impronta, conferendo alla squadra un maggior equilibrio tra i reparti rispetto al pur valido Gautieri che l’anno precedente ottenne una storica salvezza al primo colpo in B con un gioco magari più spettacolare e sbarazzino.
Gli uomini del Lanciano, gestito a livello familiare e presieduto dalla giovanissima Valentina Maio in maniera assai oculata sull’onda di esempi concreti come quello del Cittadella ma che a molti ricorda il primo Chievo di Campedelli, sono in pratica gli stessi di 12 mesi fa, con poche e mirate aggiunte in un telaio già presente e vincente in terza serie, ma quest’anno sono esaltati dalla forza dei risultati e da una fiducia e autostima che si rafforza ad ogni traguardo conseguito… e qui saggiamente si parla di “mettere fieno in cascina in ottica salvezza”. Ci mancherebbe, non bisogna perdere il senso della realtà, ma la B ci ha insegnato dalla notte dei tempi che exploit simili si possono perpetrare fino al termine del campionato, e allora non si parlerebbe più di sorpresa.

giocatori del LANCIANO in festa dopo un gol

giocatori del LANCIANO in festa dopo un gol

Capitan Mammarella è una della bandiere, sempre positivo e propositivo, una vera guida per i più giovani compagni, un po’ come il difensore Amenta (scopertosi pure insolito goleador!) o l’esperto attaccante Turchi, compagno della Presidentessa. Un caso certo anomalo nei campi di calcio, ma che non va minimamente a inficiare sul rendimento e sugli equilibri interni della squadra. Ad alzare il tasso tecnico dell’ 11 abruzzese ci pensano soprattutto l’agile Piccolo, classe ’88 e dai tempi degli esordi piacentini in rampa di lancio, Falcinelli, da cui si aspettano pesanti gol, il giovane di scuola atalantina Nadir Minotti, rivelazione stagionale al pari del terzino di proprietà Hellas Verona Filippo De Col, arrembante in appoggio al laterale destro e validissimo nella linea difensiva; a centrocampo inoltre è sceso di categoria dal Bologna il mediano Casarini, a conferire ulteriore qualità a un reparto che già vantava due registi dai piedi buoni come Paghera, ex Brescia che ricorda Corini, e l’austriaco Buchel che dopo gli anni con la Primavera della Juventus è pronto a breve a calcare palcoscenici importanti, magari proprio con il Lanciano, visto che – anche se nessuno tra i tifosi e tra i 35.000 abitanti e poco più lo dice – ai sogni non si può certo rinunciare e, anzi, non è detto che alcuni non possano pure realizzarsi prima o poi.

Dossier serie A: quanto hanno inciso gli stranieri nel nostro campionato? – PARTE 1

Si fa sempre un gran parlare di esterofilia, specie nel calcio italiano, anche se a PELLEeCALAMAIO da sempre ci occupiamo dei talenti nostrani. Mentre il campionato di A è ormai alle spalle e quello (splendido) di B quasi giunto al termine, è bene notare che in effetti un’inversione di tendenza c’è stata, non siamo ancora ai livelli fragorosi di Germania e Francia, ma anche in terra italica sembra che abbiano capito, forse per cause di forze maggiori, che occorre puntare sui talenti autoctoni. L’Under 21 di Mangia parte giustamente coi favori dei pronostici, magari a livello fisico qualcosa ancora concediamo agli avversari, ma da centrocampo in su, ci dovremmo schierare con Saponara, Marrone (Florenzi), Verratti, Insigne, Destro, Borini, e in rosa ci stanno pure Sansone, Gabbiadini, Paloschi… un’autentica fucina di campioncini. In difesa hanno meno esperienza a certi livelli i vari Caldirola, Donati o Bianchetti, ma sta emergendo alla grande, dopo anni di anonimato, Regini, inventato centrale da Sarri nella splendida stagione empolese. Peccato manchi all’appello il miglior 91 che io abbia visto giocare da giovani, e cioè quel Kiko Macheda  che, dopo le splendide promesse dell’Old Trafford, sta faticando a trovare la sua strada, nonostante militi in un club importante come lo Stoccarda.

Va beh, lunga premessa per vedere appunto, alla luce di questa “esplosione” di giovani italiani, quanto gli stranieri abbiano inciso nei destini delle 20 squadre partecipanti in A, senza ovviamente generalizzare… se un giocatore è bravo, merita di giocare, che sia italiano, brasiliano, marocchino o lettone.

ATALANTA

Squadra solida, spettacolare specie in casa, fa leva su un gruppo di italiani, sui quali ha spiccato il volo il centrocampista tuttofare Bonaventura, buon protagonista anni fa in un Mondiale Under 20.

Tuttavia è innegabile l’imponente contributo in fatto di gol e leadership della punta argentina Denis, un carro armato mai domo, mentre a sprazzi ha fatto rivedere il suo talento il piccolo Maxi Moralez, dopo il boom dell’anno scorso. Poco utilizzato Parra, efficace l’esperto Scaloni, ancora acerbo Radovanovic. Buone qualità ha messo in mostra il talentino ex Inter Livaja, non corroborate da un  carattere fumantino.

BOLOGNA

Tanti gli stranieri nell’11 base ma alla resa dei conti a far girare la squadra ci hanno pensato soprattutto Gilardino e Diamanti, in stato di grazia e ormai prossima a una big che meriterebbe in pieno.

In difesa ha brillato il giovane Sorensen, troppo bruscamente bocciato dalla Juve, solido Antonsson, così così Garics, in perenne ballottaggio con Motta. Perez ha dato il solito contributo di grinta e esperienza, anche se la sua avventura in rossoblu pare giunta al capolinea. Khrin ancora deve esplodere, ma scommetto su di lui. È un mediano sette polmoni, deve solo avere meno problemi fisici… come se fosse facile! I due greci hanno regalato ottime partite, specie Konè, autore di gol preziosi e incursioni terrificanti, bene l’apporto di Christodoulopoulos, velocissimo. Taider a corrente alternata, ma stiamo parlando di un 92 che pare già un veterano in campo, normale qualche battuta a vuoto.

CAGLIARI

In un blocco italiano che da anni regala soddisfazioni in serie, gli stranieri hanno fatto la loro parte, a cominciare dalla…panchina, dove l’ex Diego Lopez ha dimostrato di avere stoffa, anche se il presidente sembra preferirgli l’altro ex Festa alla guida della prima squadra.

Ribeiro ha fatto il suo, Nainggolan ormai è una certezza, uno che tira la carretta da anni in Sardegna e su cui Mazzarri e Allegri farebbero carte false per averlo in squadra. Ibarbo prosegue nel periodo di ambientamento ma i mezzi tecnici e fisici suggeriscono che siamo di fronte a un campione vero. Abero è molto promettente in fascia, mentre Ekdal, pur migliorando in personalità, spesso appare ancora timido.

Il vero boom comunque è giunto da un sardo doc, quel Marco Sau che giustamente Prandelli ha convocato in Nazionale… in Italia pochi attaccanti hanno le sue caratteristiche: è veloce, tecnico, segna di destro e sinistro, è spettacolare, freddo sotto porta, un campione che ne ha masticato di gavetta dai tempi di Lecco e Manfredonia.

CHIEVO

Stagione buona, con salvezza timbrata e una rosa ormai collaudata sulla quale pochi stranieri si sono messi in mostra. Occorre però ricordare almeno l’ascesa di Cofie, che dopo lo scudetto primavera col Genoa, assieme all’asso El Shaarawy, Perin e Ragusa, non aveva convinto a Torino e Sassuolo e che invece a Verona ha guadagnato i galloni da titolare. Dinamico Hetemaj, molto utilizzato ma spesso senza infamia e senza lode lo sloveno Jokic, visti i problemi fisici che hanno attanagliato Dramè per tutta la stagione.

Su tutti però ha brillato il francese Thereau, autore davvero di un campionato maiuscolo, fatto di tecnica, muscoli, gol, assist e leadership in assenza del capitano storico Pellissier.

L

FIORENTINA

Squadra rivelazione del campionato, rivoltata come un calzino in estate e protagonista di un torneo splendido, giocato in modo scintillante. Moltissimi gli stranieri utilizzati, direi decisivi per le sorti del progetto.

In chiaro scuro il portierino brasiliano Neto, che per qualche settimana aveva rubato il posto a un incerto Viviano, in difesa subito sugli scudi un tris di nuovi: Roncaglia, divenuto idolo dei tifosi ma nel girone di ritorno spesso in panchina a causa di alcuni errori. L’ex Boca tuttavia ha mostrato un gran carattere, avercene… meglio di lui comunque l’esperto Gonzalo Rodriguez, per anni colonna difensiva del Villareal, giunto a prezzo di saldo e subito leader difensivo, autore pure di molti gol. E che dire del giovane Savic? A mio avviso la Viola nello scambio col City con Nastasic non ci ha rimesso per niente. Tomovic, a lungo titolare, ha disputato la sua migliore stagione italiana e ora la Fiorentina lo vuole trattenere.

A centrocampo così così Sissoko, sul quale da giovane si spendevano i lusinghieri giudizi che ora vanno al francese Pogba. Eppure il maliano non ha mai del tutto convinto,arrivato a gennaio è parso a disagio col tichi tachi viola. Romulo ha dato tanta sostanza, specie nel girone d’andata, ma poi i limiti tecnici lo hanno relegato in panchina. Mati Fernandez è in possesso di una tecnica cristallina, unica, col pallone fa davvero quel che vuole, eppure in viola, come nella Nazionale cilena (dove è in perenne ballottaggio con Valdivia) solo a sprazzi è stato sublime, mai decisivo. In attacco scarso l’apporto di El Hamdaoui, parso fuori categoria, nonostante qualche golletto.

Veniamo ai boom di stagione, davvero tanti. Pizarro, dopo la parentesi al City, si è riappropriato del suo talento, divenendo regista imprescindibile della squadra… peccato per il finale, che lo vede separato in casa. Nel suo campionato, pesa solo l’aver regalato un gol a Montolivo. Sugli scudi lo spagnolo Borja Valero, forse il miglior straniero giunto in Serie A quest’anno. Piedi sopraffini, cervello del centrocampo, mai sprecato un pallone, e che tocchi felpati! Sulla fascia, splendido e sostanzioso è stato il contributo del colombiano Cuadrado, ormai big assoluto, dopo la bella stagione di Lecce. Con Montella ha fatto un miglioramento encomiabile, da giocatore buono per tutta la fascia a vero funambolo offensivo, spesso imprendibile, oltre che miglior dribblatore della serie A, merce rara ormai nei nostri campi.

Detto di un Jovetic spesso frenato sul più bello dagli infortuni (ma si tratta di uno dei pochi campioni rimasti nel panorama della serie A e merita il gran salto), il migliore là davanti a mio avviso è stato Ljajic, lasciatemelo dire con forza. E’ da anni  che sostengo che Adem sia un campione, e mi è spiaciuto molto vederlo l’anno scorso così in ombra e sfiduciato. L’allenatore evidentemente ha toccato le corde giuste. Lui di suo c’ha messo il talento e finalmente la mentalità giusta. Gol, assist, delizie in serie, tanto impegno e voglia di dimostrare. Un giocatore finalmente compiuto.