Che impresa del Toro a Bilbao! I granata hanno fatto rivivere emozioni d’altri tempi non solo ai propri tifosi ma a tutti coloro che amano il calcio

Per una volta mi va di smettere i panni del cronista, del giornalista sportivo che deve analizzare in maniera obiettiva una determinata partita, situazione, competizione, per poter liberamente condividere a cuore aperto quella che è una grossa emozione provata ieri col passaggio del turno in Europa League del Torino di Ventura.

Sì, quel Torino che mancava dall’Europa da tempo immemore, passato attraverso fallimenti, rinascite, nuove illusioni e consolidamenti talvolta levigati verso il basso, da due anni a questa parte ha deciso di far rinverdire i fasti della sua gloriosa, eccezionale, unica storia.

Senza scomodare gli Invincibili di Superga, coloro che seppero portare il nome del Torino e di Torino nel mondo e che sono divenuti leggendari, gareggiare in Europa per i granata equivaleva comunque a darsi una connotazione che meglio compete alla squadra, memore di trascorsi che, in quanto a emozioni, certo non hanno nulla da invidiare a club più blasonati.

Ma se la sconfitta in finale di Coppa Uefa contro l’Ajax negli anni ’90, con Mondonico alla guida, era frutto di un’escalation verticale verso i piani alti della serie A, l’impresa (perchè di questo si tratta) di ieri sera in quel di Bilbao, apre nuovi e forse inaspettati scenari, dimostrando con i fatti che il Torino da subito ha creduto nelle potenzialità di questa competizione, sorella minore della Champions League. Soprattutto non ha mai messo in dubbio il proprio valore per bocca del tecnico Ventura, nemmeno quando a inizio stagione sembrava ostico ritrovare la quadra della rosa, dopo le inevitabili – ma non per questo meno dolorose – cessioni dei big offensivi Immobile e Cerci.

ATHLETIC CLUB BILBAO VS. TORINO

Già la gara d’andata, disputata in casa in un Olimpico d’altri tempi, aveva messo in mostra una squadra vogliosa, determinata e alla fine il risultato, al termine di un incontro disputato in modo gagliardo, era stato considerato comunque positivo, nonostante il pareggio con reti che, in teoria, pareva andare a vantaggio dei baschi, specie conoscendo la loro reputazione tra le mura amiche.

Insomma, in trasferta serviva una partita tutto cuore, ma anche tecnica, perchè non dimentichiamo che questi sono gli stessi che a inizio stagione, nei preliminari di Champions, fecero fuori nientemeno che il Napoli!

La vittoria, degna sì della storia granata, è stata sofferta, con ben tre reti siglate nel catino di Bilbao, tre splendide reti in rimonta, segno che il “tremendismo” da queste parti in fondo non è mai passato di moda.

Il fatto poi che i marcatori siano stati tre tra i maggiori interpreti della squadra significa poco o nulla, visto che non è banale affermare come a colpire in questo brillante scorcio di stagione, sia la compattezza e l’unione di un gruppo, che giochi questo o quell’altro la sostanza poco cambia.

Ieri tutti hanno giocato sopra le righe, con menzione speciale che mi sento di fare per due simboli di questa squadra come il “vecchio” Vives e l’immenso capitano Glik, che più di ogni altro incarna l’essenza del giocatore granata, e per un El Kaddouri troppe volte criticato, forse perchè da uno con il suo talento il tifoso si aspetta sempre qualche giocata “fuori classifica”.

E’ la sostanza targata Ventura il valore aggiunto, un tecnico che ha saputo tener duro, non scoraggiandosi quando i risultati stentavano ad arrivare e modellando via via un undici non fisso o stabile ma sempre equilibrato.

Molto ha aiutato il fatto che Quagliarella, uno dei principali candidati a sostituire i due totem offensivi ceduti in estate, abbia ingranato la quarta nel momento cruciale della stagione. L’attaccante napoletano non ha certo bisogno di presentazioni, ma ha pagato un duro scotto all’inizio quando la sua condizione fisica non era certo accettabile. L’ultimo arrivato, l’argentino Maxi Lopez, ha portato esperienza e molta motivazione, voglia di spaccare il mondo, dopo le ultime stagioni perse a immalinconirsi spesso in panchina, anche in squadre oggettivamente non così dotate tecnicamente come il Chievo.

Di Darmian pare scontato affermare come sia il gioiello del Torino, il Nazionale sulla bocca di tutti i migliori club italiani. Bravo Cairo a non aver ceduto a molte lusinghe di mercato e averlo trattenuto almeno fino a fine campionato.

Dicevamo che all’inizio è stato necessario lavorare di cesello, cercare di capire il reale apporto che molti nuovi nomi avrebbero potuto dare. Se il terzino fluidificante brasiliano Bruno Peres ci ha messo meno di un tempo per capire la serie A e diventare spesso padrone della sua fascia di competenza, mettendo in difficoltà quasi tutti i rivali (chiedere conferma anche agli juventini Evra e Vidal che ancora se lo sognano sfrecciare alle loro spalle), altri hanno necessitato di più tempo ma ora sono tutti elementi preziosissimi, oltre che “futuribili” (i vari Martinez, Benassi, Jansson).

Ieri sera i granata hanno dimostrato una volta per tutte che la strada intrapresa è quella giusta, come dimostra la splendida conferma in campionato. La partita ha ribadito che anche se la qualità di Immobile e Cerci forse non è stata del tutto compensata nei singoli, nel complesso niente è andato perduto dello spirito, della determinazione, della grinta, della voglia di imporre il proprio gioco, senza timore di farsi schiacciare da quello altrui.

E se è vero che 5 squadre italiane approdate tutte insieme agli Ottavi di Europa League rappresentano un vero record nella storia della competizione, giunti a questo punto tutto è possibile e nessuno può vietare sogni e speranze ai tifosi del Toro.

I calciatori italiani e la gavetta: quante differenze con i corrispettivi stranieri!

Mai come in questa seconda parte dell’anno si è assistito a un progressivo calo di competitività del nostro calcio. Un declino che ha chiaramente radici lontane e che non è ascrivibile a una sola causa ma che ha, coi pessimi risultati conseguiti al Mondiale brasiliano della nostra Nazionale e con le palesi difficoltà dei nostri maggiori club europei nelle manifestazioni in corso, raggiunto livelli d’emergenza nel momento in cui scriviamo.

Con l’avvento di Conte, qualcosa sembra essersi mosso verso una valorizzazione di nuove risorse, certamente presenti tra i nostri calciatori, ma troppe volte nascoste o lasciate svanire.

A dire la verità, i 9 punti in 3 poco probanti partite delle qualificazioni a Euro 2016, sono frutto soprattutto di una mentalità radicata nel nostro modo di giocare, ed escludendo la convincente prova contro l’Olanda in amichevole (la prima assoluta con in panchina il nuovo tecnico) sul piano del gioco abbiamo assistito a “spettacoli” invero non eccezionali.

Difficile tra l’altro anche per i più volenterosi provare ad attingere a piene mani da un serbatoio azzurro che stenta a produrre giocatori pronti per le grandi ribalte. Si badi bene: non giocatori validi tecnicamente – quelli ne abbiamo, basta osservare le competizioni giovanili, non ultima il recente Europeo Under 21 che ci ha visti cedere le armi solo in finale contro i favoritissimi spagnoli -, ma giocatori pronti, già fatti e finiti.

download

Già che si stia puntando su un’inedita coppia di attaccanti (Immobile e Zaza, oltre alle convocazioni di Pellè, Destro e El Shaarawy) ci lascia intendere che la voglia di rinnovamento c’è, ma obiettivamente la missione diventa quantomeno ardua, se teniamo conto che le nostre migliori squadre sono infarcite sempre più da giocatori esteri (non tutti propriamente dei campioni).

In questo modo risulta automatico andare a pescare tra le rose delle squadre medie/basse dove almeno figurano più italiani, con la conseguenza però che pochi di loro potranno avere sulle spalle quella esperienza minima, necessaria per affrontare competizioni internazionali importanti.

Tutto il contrario di ciò che accade all’estero dove, dati alla mano, si nota come quasi tutti i giocatori che entrano stabilmente nel giro delle proprie nazionali, lo facciano molto prima dei nostri corrispettivi, limitando a pochi anni la propria gavetta e riducendola anzi a un fisiologico inserimento nelle loro squadre dal cui vivaio provengono.

Analizzando le attuali rose della serie A, risulta che gli italiani sono solo in leggera maggioranza rispetto agli stranieri (e nel caso di alcune nostre big, addirittura in inferiorità, basti pensare ai casi di Inter, Napoli o Fiorentina); ancora meno quelle che si affidano a talenti cresciuto nel loro vivaio. Solo Empoli (con una media superiore, visto che provengono dalle giovanili Bassi, Moro, Signorelli, Pucciarelli, Pelagotti, Dossena, Shekiladze, Cammillucci, Valdifiori e i lanciatissimi Tonelli, Hysaj e Rugani) e Atalanta sembrano davvero credere nel valore e nell’importanza dei propri talenti, e vedono il settore giovanile non solo come una possibilità di assestamento, ma anche come fonte di investimento. Altri esempi dicono l’opposto: negli anni buoni (decennio 2000, che l’ha vista vincente a più livelli) la Juventus è riuscita a portare in prima squadra i soli Marchisio – l’unico a imporsi anche in azzurro – e Giovinco; il Milan e l’Inter hanno fatto, se possibile, ancora peggio, visto che nell’ultimo lustro hanno ceduto a cuor leggero, all’estero, i vari Cristante (i rossoneri), Santon, Donati e Caldirola (i nerazzurri). E la rotta non l’hanno invertita nemmeno le ultime due vincitrici del campionato Primavera, Lazio e Chievo. Se i biancocelesti hanno comunque dato buone chances a Onazi e Keita di misurarsi con i “grandi”, la squadra della Diga ha invece optato per una politica diversa, non tenendo in rosa neanche un giocatore tra quelli che hanno furoreggiato per tutto la scorsa stagione, conclusa con una storica affermazione. E si parla di una squadra non dai grandi mezzi finanziari, in piena lotta per non retrocedere. Davvero nessuno tra quei giocatori avrebbe potuto fare alla causa del Chievo? Il vero problema che si trova ad affrontare Conte nel tentativo di far tornare competitiva la Nazionale maggiore è trovare un ricambio generazionale pronto per le ribalte internazionali.

una provinciale come il Chievo ha vinto con merito l'ultimo campionato Primavera, eppure nessuno tra quegli interessanti prospetti ha trovato quest'anno posto nella rosa della prima squadra

una provinciale come il Chievo ha vinto con merito l’ultimo campionato Primavera, eppure nessuno tra quegli interessanti prospetti ha trovato quest’anno posto nella rosa della prima squadra

Un proposito difficile da realizzare visto che, tolta la Juventus, le altre squadre che giocano in Europa, comprese Torino e Lazio, nel loro 11 hanno ben poco di italiano. La rosa attuale, specie in ruoli come la difesa e il centrocampo, necessiterebbe di aria nuova. Verratti da due anni spopola nel Psg, visto che in patria nessuna squadra ha scommesso su di lui, ma viene visto ancora come vice – Pirlo. Ci sono Florenzi e Poli che sgomitano ma tra i convocati figurano anche Giaccherini, Parolo e Candreva, con alle spalle una lunga gavetta, impensabile per i giocatori tedeschi, francesi, inglesi, spagnoli, per non dire argentini o brasiliani. Giack ha giocato con Forlì, Bellaria, Pavia e Cesena, prima di approdare tre anni fa, 26enne alla Juventus. Parolo, anch’egli un 85, partito dal Como, ha girovagato a lungo con Pistoiese, Verona e Cesena (all’epoca in serie C), affermandosi in Romagna nella massima serie, prima di passare al Parma e da quest’anno alla Lazio. Dove è diventato sempre più un leader Candreva, 27 anni, che sin da giovane era protagonista nelle varie under azzurre, quando militava nel vivaio della Ternana. Eppure si è affermato solo due anni fa giungendo nella capitale, dopo gli anni a Terni, il breve passaggio a Udine, la rivelazione a Livorno, la bocciatura prematura alla Juventus e nuove tappe intermedie a Parma e Cesena. Poli e Darmian, considerati ancora come promesse, hanno già 25 anni, un’età in cui all’estero, se hai talento, sei già affermatissimo. Il terzino poi, ex giovane stella del Milan (che in quel reparto certamente non brilla in quanto a interpreti), e tra i pochi a salvarsi dal naufragio azzurro ai Mondiali brasiliani, nella sessione di mercato estivo sembrava a un passo dalla Roma ma poi è rimasto in granata, con i giallorossi che nel ruolo gli hanno preferito Cole e Holebas. Non vanno meglio le cose in difesa dove si sta finalmente dando fiducia a Ranocchia ma mancano riserve all’altezza, per la semplice ragione che i nostri interpreti giocano in squadre di bassa classifica o in cadetteria. Astori, che nei piani della Roma dovrebbe essere titolare a fianco di Manolas, ha comunque 27 anni e prima d’ora mai aveva calcato grandi ribalte, diventando una bandiera del Cagliari di Cellino, dopo anni di gavetta addirittura in serie C, con Pizzighettone e Cremonese.

All’estero è diverso. Eclatanti i casi delle due super potenze espresse nelle ultime edizioni dei Mondiali. Spagna e Germania, diverse come cultura calcistica e modo di intendere il gioco, sono però simili nel voler imporre un modello che si basa sul gioco propositivo, brillante, fresco, reso possibile anche dal continuo rinnovamento, nonostante una base già di prim’ordine. La Spagna, giunta alla fine di un ciclo irripetibile, si è già assicurata un futuro, inserendo in blocco quegli stessi giocatori che si stanno da anni imponendo in ambito giovanile, Under 19, 20 e 21. Il materiale è ottimo, con i vari Isco, Alcantara, Illaramendi, Rodrigo emersi nell’ultimo Europeo Under 21 e che stanno mantenendo le promesse, così come ha avuto un impatto devastante la ventunenne punta del Valencia Paco Alcacer, con 3 reti in altrettante gare in questa prima fase di qualificazione europea. Hanno già esordito anche il terzino Bernat, classe ’93, e la punta El Haddadi, addirittura classe 1995! E che dire di Koke, leader dell’Atletico Madrid e protagonista di una stagione splendida? Sono davvero pochissimi, a differenza dell’Italia, gli over 30 dell’attuale rosa delle Furie Rosse (in pratica il solo Casillas; Iniesta invece ne farà 31 nel 2015).

Ancora più emblematico il caso della Germania, prima al Mondiale con una delle rose più giovani (era la quarta in assoluto con un’età media di 26 anni e 114 giorni, dietro solo a Belgio, 26 anni e 15 giorni e le due africane Nigeria e Ghana, addirittura sui 25 anni) ma che lo stesso sta sentendo l’esigenza di rinverdire ulteriormente i suoi ranghi. Lo dimostrano gli innesti di giocatori come Kramer, Ginter, Durm o Rudiger, tutta gente di 20, massimo 21 anni. In rosa i soli Grosskreutz, prima di affermarsi definitivamente al Borussia Dortmund, dove era cresciuto, o i nomi nuovi Bellarabi e Kruse hanno alle spalle un po’ di gavetta in seconda serie tedesca ma nessuno tra i big (Muller, Ozil, Khedira, Reus, Neuer, il solo Hummels ma con la seconda squadra del Bayern dai 18 ai 20 anni) ha faticato per emergere tra i grandi, non avendo mai giocato in seconda serie, e men che meno in terza.

Il Belgio, con un copioso numero di figli di immigrati che ormai costituiscono la base per tutte le loro rappresentative, e l’Olanda vantano sì rose giovanissime (età media attorno ai 26 anni e mezzo, inferiori a Spagna e Francia che sono oltre i 27) ma allo stesso tempo esperte. Gli oranje vantano un gruppo di giocatori che si sta imponendo nelle maggiori squadre europee o sono comunque protagonisti ad alti livelli in patria, dove scarseggiano gli stranieri a favore della piena valorizzazione dei vivai nazionali (emblematici i casi di Ajax e Feyenoord, con quest’ultimo che in prima squadra vanta ben 17 giocatori provenienti dal proprio settore giovanile, di cui 6 finiti stabilmente in Nazionale).

Questo è l’esempio da seguire per il calcio italiano: occorre dare la possibilità ai migliori interpreti di esprimersi a certi livelli, senza incorrere a gavette lunghissime, col serio rischio che arrivino agli appuntamenti importanti ormai a un’età in cui all’estero i coetanei hanno già accumulato preziosa esperienza in più. Si tratta di un percorso lungo e che comporta un radicale cambio di mentalità ma sicuramente percorribile, visto che – cosa più importante – il materiale umano su cui lavorare è comunque di prima qualità.

 

Serie A: flop Napoli, boom di reti tra Inter e Milan. Intanto in Inghilterra brilla la stella di Graziano Pellè

E’ iniziato il campionato da due sole partite. Ieri qualche fuoco d’artificio è stato lanciato, specie dalle milanesi ma la sensazione che i quadri tecnici della serie A siano piuttosto sbiaditi è lampante. Juve e Roma già a correre, a vincere con il minimo sindacale, senza dannarsi troppo l’anima, e assieme a loro un Milan assai diverso da quello dimesso delle ultime stagioni ma che indubbiamente non sembra avere il pedigree della squadra vincente. Spettacolo in avanti indubbiamente, un Menez in stato di grazia e in genere buone trame offensive a mascherare quelle che sono mostruosità in terza linea. Inzaghi, tecnico assai promettente e dalla giusta mentalità, dovrà lavorare parecchio per trovare equilibrio fra i reparti. L’Inter umilia il Sassuolo, con identico punteggio dello scorso anno, la Viola senza Pepito fatica tremendamente in zona gol (ancora a secco, nonostante le innumerevoli occasioni ma pure Pinilla poteva far male e allora a sorridere sarebbe stato il Genoa). Buoni squilli da Atalanta e Sampdoria (bella la coppia Gabbiadini-Okaka con l’ex romanista finalmente al top, avendo trovato il giusto mix tra indubbie qualità tecniche e strapotere fisico. Ma l’exploit vero lo ha compiuto il Chievo, capace di espugnare il San Paolo di Napoli. La squadra di Benitez è in evidente crisi. Probabilmente ne uscirà ma prevedo una stagione assai difficile per i partenopei, ancora scossi dalla precoce eliminazione di Champions. Stasera personalmente ho grande curiosità per il debutto della stella Saviola al fianco di Toni alla guida dell’attacco gialloblu dell’Hellas contro il Palermo. Tra l’altro dopo un bel po’ di tempo tornerò allo stadio e l’emozione che sa regalare il Bentegodi è sempre palpabile!

download (3)

Ma l’Italia del calcio in questi giorni guarda anche oltre Manica. Balotelli? No, grazie, che se la spassi con le parrucchiere inglesi che è meglio. Scriviamo piuttosto del salentino Graziano Pellè, per alcuni ancora ingiustamente etichettato come quello che “da noi” non segnava mai. Ma, dati alla mano, ora che di gol ne segna in modo alquanto naturale anche in Premier, non basta più sbolognare la cosa come “ma tanto in Olanda i gol li sanno fare tutti!”. Sì, come no? Come fosse semplice per ogni attaccante siglare 50 gol in due stagioni di campionato col Feyenoord. Da tempo non siamo più il centro del mondo calcistico e se Pellè in Europa sta esplodendo, seppur tardivamente (nel 2015 compirà 30 anni tondi), un motivo valido ci sarà. Complimenti ai nostri ragazzi che all’estero tengono alta la nostra bandiera. Lui, ma anche Santon, Donati, Fausto Rossi, sperando che i due ex frombolieri del Toro Cerci e Immobile si sappiano disimpegnare anche in contesti davvero impegnativi e competitivi.

 

Come Conte ti può cambiare la Nazionale in due partite. Italia convincente grazie agli uomini nuovi come Zaza. E occhio ai fulgidi talenti dell’Under 21

Buona prova ieri della nostra nazionale maggiore, in quella che è stata la prima ufficiale del neo tecnico Conte, dopo le buone premesse dimostrate contro una quotata Olanda. Chiaramente la Norvegia non era un avversario così ostico ma quante volte si sono in realtà nascoste insidie in gare di questo genere? E’ piaciuto l’approccio dei nostri, il fatto che giocassero quasi alla morte su ogni palla, come da tempo (diciamolo pure, dal primo Lippi) non si assisteva in incontri di questa levatura (per non dire delle fiacchissime e soporifere amichevoli). Insomma, il tecnico salentino può piacere o no, stare antipatico ai più (compreso a me, non ne faccio mistero) ma i risultati ottenuti sinora – Europa a parte – stanno lì a confermare la bontà del suo operato.

download

Sembra che gli azzurri abbiano capito che di occasioni vere per entrare nelle sue grazie ce ne saranno poche, e che bisognerà sudarsi la chiamata e la conferma. Per questo gente come Immobile, Zaza – gran protagonista ieri ma campioncino in erba da tempo – ma anche Florenzi o Darmian hanno dato il massimo. Conte ha fatto intendere di voler puntare su un gruppo con determinate caratteristiche tecniche e agonistiche, piano perfetto per califfi come De Rossi o Bonucci, sin troppo appannati nella sciagurata avventura brasiliana. Se poi un po’ per volta farà integrare sempre più i vari De Sciglio, Poli, El Shaarawy (il trio milanista avrà grandi chances quest’anno con Inzaghi) ma anche talenti come Insigne, Verratti, Santon, Destro, ecco che forse la situazione sarà meno grigia di come realisticamente sembrava anche solo un paio di mesi fa. La difesa poi appare solidissima in gente come Buffon e Astori e nella ritrovata coppia Bonucci – Ranocchia, finalmente ricomposta dopo i fasti di Bari, una cerniera centrale che da due stagioni a questa parte a ogni sessione di mercato il tecnico azzurro avrebbe voluto rivedere insieme in maglia bianconera.

E la cosa più interessante è che, dopo la paura contro la Serbia, pure l’Under 21 di Di Biagio ha dimostrato, qualora ce ne fosse ancora bisogno, quanta benzina verde in realtà vi sia nel serbatoio della Nazionale italiana. Exploit fantastico nelle proporzioni contro Cipro (7 a 1) a parte, ciò che è piaciuto è stato anche qui vedere lo spirito, la motivazione, la determinazione con cui i nostri hanno affrontato le due gare decisive. Il resto l’ha fatto il talento, quello puro, naturale che sgorga dai piedi di gente come l’acclamato Berardi, finalmente uomo più anche in Under, il possente Belotti (speriamo che a Palermo trovi spazio), il geometrico Sturaro, il folletto Battocchio – impantanato in B dopo due anni al Watford, lui che è di proprietà dell’Udinese di Pozzo – lo scattante Zappacosta, già pienamente a suo agio alla sua prima in A con l’Atalanta, i sicuri Antei e Rugani e il tecnico Bernardeschi (con Rossi fuori, magari Montella puntasse sul suo estro e sulla sua efficacia in zona gol). Tanta carne al fuoco ma il punto è sempre quello: questi ragazzi devono giocare. Punto. Le qualità le hanno, non possono perdere anni e anni facendo una gavetta infinita e a conti fatti, il più delle volte deleteria.

 

Under 21: tanto rumore per nulla? Nessuna big ci crede davvero?

Scrivo questo post a mò di sfogo, di considerazione un po’ avventata, diciamo così, però mi andava di condividere con i lettori,specie quelli appassionati di calcio giovanile (secondo le statistiche del sito lo zoccolo duro dei miei followers)

Ok che c’è la Confederations Cup in corso, va bene che sono state da poco risolte (?) le comproprietà e le buste, che il mercato deve ancora decollare (con quali soldi poi?), ma non vi pare che l’eco delle brillanti prestazioni degli azzurrini di Mangia si sia già spento?

E non parlo dei tifosi che, anzi, probabilmente stanno reagendo come me perché la conoscenza porta coscienza e consapevolezza e tutti ormai hanno capito che abbiamo una generazione di talenti da lanciare, o almeno da testare.

Il guaio è che sembra spento l’entusiasmo da parte di coloro che dovrebbero innescare questo meccanismo, a mio dire vitale, per il risollevamento delle sorti del calcio italiano. A meno che il loro non fosse entusiasmo di facciata, tipico del politicante, di colui che deve salire sul carro dei vincitori).

un

Fatto sta che noto ad esempio che Gabbiadini e Immobile sembrano inseriti in mille trattative, che la Roma (per fare un esempio) cerca forte Rafael del Santos, quando Bardi è stato giudicato da molti il miglior portiere dell’intera manifestazione, che Donati è stato ceduto al Bayer Leverkusen (!), quando all’Inter ancora siamo in alto mare nella scelta degli esterni fondamentali per il gioco di Mazzarri (ma tanto ci sono in rosa Jonathan e Pereira), che su Caldirola è pronto a investire il Werder Brema, che Rossi e Biraghi probabilmente disputeranno l’ennesima stagione cadetta. L’esempio dell’Argentina, in tempi di crisi da anni, esportatrice di talenti in Europa sin dagli esordi dei loro migliori, non  mi pare abbia prodotti grandi risultati in termine di vittorie in competizioni importanti della Nazionale A, correggetemi se sbaglio. Talenti immensi isolati, ma gruppo smarrito.

In questo modo, disperdendo talenti e tempo di maturazione, il gap che a livello giovanile esiste ma è comunque calibrato, rischia di diventare sempre più solido al momento del dunque, specie se ci troveremo spesso e volentieri contro squadre in controtendenza rispetto alla nostra mentalità calcistica, tipo la Spagna (esempio a caso?).

Magari mi sbaglio e in realtà i direttori sportivi e gli allenatori stanno lavorando nell’ombra, speriamo sia così, perché il nostro serbatoio azzurro avrebbe poco da invidiare al resto d’Europa, e non parlo solo degli under 21.

Alla ricerca di Daud, Simone Esposito, Francesco Mancini e Tuia: talenti perduti classe ’90

Nel calcio, come in ogni campo della vita, non ci sono ricette vincenti per avere successo, per sfondare o anche solo per vivere di questa professione dagli apparenti contorni di un sogno. Tanti giocatori a cui era stata (con cognizione di causa) pronosticata una buona carriera o la capacità di imporsi, alla prova del campo denotano palesi difficoltà per emergere.

Non bastano le singole qualità tecniche, per quanto queste aiutino senz’altro a farsi notare dagli allenatori. La storia insegna che le variabili sono molteplici e che un ragazzino che fa la differenza negli Allievi o nella Primavera (categoria quest’ultima che in teoria dovrebbe spalancare le porte del professionismo) non è detto che poi si ripeta ad alti livelli o che, detta più terra terra, diventi un professionista del pallone. Cito ad esempio l’ex centrocampista giallorosso Raffaele De Martino, non certo vecchio ma nemmeno, a 26 anni compiuti, un esordiente, il quale dopo l’ottima trafila nelle giovanili della Roma e le molte presenze nelle varie selezioni azzurre, era da alcuni indicato come credibile o quanto meno degno erede di Daniele De Rossi in prima squadra. Una vera e propria odissea calcistica lo ha portato invece, dopo i brillanti esordi in prima squadra (nemmeno diciottenne) a cambiare vorticosamente maglia: da Bellinzona a Treviso, da Udine ad Avellino, da Crotone alla Nocerina fino allo scorso della stagione scorsa alla Paganese. Una parabola discendente, culminata con l’approdo in seconda divisione della Lega Pro con la maglia dell’Aversa Normanna, per il quale sarà indubbiamente il grande valore aggiunto.

Molti i fattori, dagli infortuni al carattere, dal mister che non ti vede alla discontinuità di rendimento… insomma, ho citato il buon Raffaele solo come esempio, ma già a 22 anni si possono capire, o per lo meno, intravedere certi destini.

Occorre avere personalità, forse faccia testa, di certo la voglia continua di allenarsi e di migliorarsi, la determinazione ma anche tanta fortuna, che può tradursi come trovare l’allenatore giusto al momento giusto, quello che sin dai primi giorni di allenamento ti guarda negli occhi e ti fa capire con uno sguardo che conta su di te. Un po’ come successo a Ciro Immobile, implacabile bomber delle giovanili bianconere ma mai pungente o utilizzato nelle prime esperienze da pro, a Siena e a Grosseto. Incrociato sulla sua strada un tecnico come Zeman, in grado di valorizzarlo, si è confermato super bomber cadetto con ben 28 gol e ora in serie A col Genoa sembra giocare con la predisposizione giusta e la sicurezza nei propri mezzi assolutamente ritrovata.

La stessa cosa non si può certo dire di altri due super talenti, classe ’90,  della Juve con cui Immobile componeva un tridente in grado di mettere a soqquadro ogni difesa avversaria. Infatti nè il tornante destro Simone Esposito, nè il suo contraltare a sinistra Ayub Daud stanno dimostrando le loro doti da quando sono diventati professionisti.

Se Daud già dalle giovanili alternava prove sontuose ad altre meno brillanti, essendo per natura umorale, su Esposito (il nuovo Camoranesi, come in più occasioni rilevato in contesti giovanili da più parte della stampa) era lecito attendersi una consacrazione veloce. Invece, presumo frenato dalla poca cattiveria e certamente non sostenuto da una condizione fisica accettabile, sta faticando enormemente a trovare la sua dimensione, essendo sembrato inadeguato alla primissima esperienza lontano casa, in quel di Ascoli e poi più reattivo ma non del tutto convincente a Reggio Emilia, prima di ripiombare nell’anonimato a Grosseto.

Lo stesso dicasi di Francesco Mancini, anch’egli transitato sinora senza successo da Grosseto, e in grado, nelle giornate di vena quando era nelle giovanili laziali, di cambiare da solo i destini delle partite. Tecnica sopraffina, carattere fumantino (tanto che pure l’allenatore Sesena nella Primavera della Lazio lo mise praticamente fuori rosa per un periodo a causa di intemperanze comportamentali) e soluzioni impeccabili al massimo della velocità, sembrava un Cristiano Ronaldo in miniatura, col suo dribbling ubriacante. Invece, esclusa una positiva stagione a Lumezzane, non si è ancora ripetuto e non ha fatto il salto mentale da professionista.

Inspiegabile invece appare l’involuzione tecnica di un altro predestinato laziale: Alessandro Tuia, per il quale sin da quando fece i suoi primi approcci in prima squadre a soli 16 anni, si parlò di un possibile nuovo Nesta. Io lì per lì, rimasi scettico nel confronto, proprio per le caratteristiche tecniche dei due. Del campione Nesta, infatti, Tuia non possiede la velocità, la tecnica e la grinta. Giocava molto di fisico, a testa alta sì, ma con limiti tecnici. Tuttavia, dopo gli elogi più volte ripetuti del presidente Lotito, suo primo sponsor, gli capitò un serio infortunio che, col senno di poi, gli avrebbe condizionato eccome la carriera, tanto che sia nel Monza che nel Foligno, è parso più volte impacciato, inesperto, acerbo. Quest’anno l’ulteriore salto all’indietro in Lega Pro seconda divisione, proprio nella Salernitana succursale della casa madre Lazio di Lotito.

A 22 anni le possibilità di farcela e di riavviarsi verso una carriera che possa in qualche modo confermare talune premesse ci sono ancora tutte per Daud, Esposito, Mancini e Tuia ma è necessario che ci mettano quel quid vincente che sinora è clamorosamente mancato.

Serie A: era solo la prima giornata però… è già tempo di giudizi!

Ok, amici, era la prima giornata di campionato. Finalmente l’attesa si è rotta, anche se il persistente calciomercato (uno dei più poveri dell’ultimo trentennio) fa sì che inevitabilmente l’attenzione sarà ancora una volta spostata su “top player” veri (Jovetic) o presunti (Llorente), su improbabili acquisti last minute per mascherare una crisi evidente, non solo economica, ma pure di idee, e su tante, troppe, eccessive chiacchiere.

Io invece intento provare, azzardando in anticipo, a dettare alcune personali impressioni che mi ha lasciato questo esordio di Serie A.

Innanzitutto, ciò che auspico maggiormente è che avvenga il tanto agognato salto di molti giovani talenti tra i “grandi”. Qualcosa, quasi impercettibilmente, sembra si stia muovendo in questo senso. Ieri il Milan ha schierato dall’inizio due ’92, già chiamati in azzurro da Prandelli, l’Inter sul velluto ha inserito due ’93 (Livaja e Duncan, oltre al già affermato Coutinho, autore pure di un bel gol, di un anno appena più vecchio), la Juve ha inserito dal primo minuto Marrone al centro della difesa (esperimento tattico direi riuscito, vista la grande intelligenza calcistica di Luca) e nel Napoli si è visto un assaggio delle grandi qualità tecniche del piccolo Insigne.

In mezzo a questi nomi, altri sono emersi nel contesto di una prima giornata quanto meno vivace e non noiosa, specie se paragonata a certi avvii al rallenty di alcune stagioni fa. Nel Pescara, pur sommerso di gol da un’interessante compagine nerazzurra in odor di eguagliare la Juventus del primo anno di Conte, sono piaciuti alcuni baby terribili, come l’estroso Caprari, già protagonista con Zeman da gennaio in poi nella trionfale serie B scorsa o il pugnace Weiss, non solo figlio del selezionatore maggiore slovacco, ma pure in possesso di ottima personalità, oltre che di buona tecnica di base. Discreto anche l’esordio del diciannovenne Quintero a metà campo: insomma, direi che il Pescara che pure dovrò stare più attento in difesa perchè in serie A non si scherza, con squadre di media bassa classifica può fare la sua bella figura sul piano del gioco e duellare ad armi pari.

Assai positivo l’esordio assoluto nel calcio italiano di Petkovic, neo allenatore della Lazio, invero molto criticato per i suoi metodi da sergente e per il disastroso pre campionato. Alla resa dei conti, però, quando i punti in palio hanno cominciato a contare davvero, la Lazio ha fatto bene sia in Europa League, sia vincendo nell’ostico campo di Bergamo, contro un’Atalanta che ha mantenuta inalterata la formazione che seppe meravigliare tutti l’anno scorso, aggiungendo inoltre due certezze come il prodotto del vivaio Brivio e l’ex genoano Biondini.

Il Genoa sciupa un rigore ma poi si rimette bene in carreggiata, grazie al decisivo squillo di Immobile, nome da tenere assolutamente d’occhio; ottima la prova del Chievo nello scontro ad armi pari contro un Bologna ancora turbato dalla vicenda Ramirez.

Siena e Torino non si fanno male, mentre i sorrisi maggiori giungono da Firenze, dove una squadra rinvigorita e ben guidata dal neo tecnico  Montella  lascia intravedere meraviglie sul piano del gioco, un po’ come accaduto l’anno scorso a Catania, dove cambiato il manico, non cambia la sostanza. Maran ridisegna la squadra con identico piglio e medesima qualità, riuscendo quasi nell’impresa di sorprendere la Roma zemaniana all’Olimpico.

Tante attese per la squadra del boemo che continuo a ritenere valida e sicura antagonista nella corsa al titolo contro la Juventus, ma che probabilmente dovrà essere in grado di gestire le notevoli pressioni ambientali e mediatiche. Ogni piccolo passo falso di Zeman verrà guardato con la lente di ingrandimento, dopo che ormai i giornalisti stanno facendo sovente domande al tecnico sulla vicenda scommesse, giusto per alimentare inutili e sterili polemiche.

I flop del giorno, oltre a quello parziale dei giallorossi, apparsi ancora appesantiti e lontani dalla miglior condizione atletica (necessaria per eseguire al meglio i dettami tattici dell’allenatore), sono stati Palermo, asfaltato da un fortissimo e convincente Napoli, e soprattutto il  Milan, sconfitto all’esordio contro la matricola di lusso Sampodoria.

La squadra di Ferrara, senza nemmeno soffrire troppo, imbavaglia i rossoneri che non sanno creare gioco. Il risultato è una prova pessima dell’undici milanista, come non se ne vedevano da anni. Basteranno il cavallo di ritorno Kakà e il muscolare Diarra (entrambi epurati da Mourinho) a colmare il gap di qualità che li separa da Juve, Inter, Napoli e Roma?