La seconda serata di Sanremo mostra il suo lato migliore: ottimi brani e qualità musicale elevata

Come nel post di ieri, ritengo doveroso fare una premessa: avevo ampiamente previsto – perchè mi capita ogni anno – che riasoltando con calma certi brani, magari su you tube o per radio, mi sarebbero “arrivati” di più e quindi confermo che i pezzi di Silvestri e Gualazzi non sono affatto male!

Ciò detto, occorre ammettere che, come in molti si auspicavano, ieri sera sono scese sul Festival le ammiraglie migliori.

La qualità delle canzoni in gara ieri mi è parsa superiore e, a dire la verità, la scelta di inserire in cartellone nella stessa serata i Modà, Malika, Elio, Cristicchi o Annalisa non è molto comprensibile… si potevano forse dividere meglio le due tranche. In ogni caso, ora inizia il vero Festival, con i 14 brani da votare, abbia inizio la gara con vincenti e perdenti.

I Modà sono i veri favoriti, nonostante la critica spinga per la “cocca” Malika. Non mi aspettavo granchè da loro, hanno mantenuto le promesse senza rischiare nulla: due ballate, non tanto “power” come in teoria si addice loro, cantate con eccessiva enfasi forse (ma in fondo è quello che piace ai loro numerosi fans, l’interpretazione sofferta di Kekko). Passa giustamente il primo pezzo, il secondo – dedicata alla neonata figlia – mi era parso troppo mellifluo.

Cristicchi ha sfoderato l’anima del cantautore giullare come meglio non si poteva, portando all’Ariston due signore canzoni… la prima, più sullo stile “filastrocca”, la seconda vagamente più impegnata, con riferimenti al nonno partigiano. Passa la seconda, ma il livello era buono per entrambe, e poi credo sia arrivato al suo obiettivo: portare pezzi che potessero cantare tutti, anche i bambini.

malik

Malika Ayane, una delle nostre migliori interpreti su piazza, ha il pregio di non sbagliare mai un colpo: che canti in inglese, in italiano, che sia sofferta, allegra, triste o ariosa, il risultato è sempre di quelli più che soddisfacenti.

Non fa una grinza nemmeno la sua partecipazione di ieri, con due brani – scritti entrambi da “mister Negramaro” Giuliano Sangiorgi, già autore di successo per lei – uno più interessante dell’altro. Viene premiata la seconda performance, quando io invece avrei optato maggiormente per il primo brano “Niente”, decisamente più intenso.

Gli Almamegretta sono stati una sorpresa in positivo… ascolto da quasi 20 anni il gruppo napoletano capitanato da Raiz. Tra i primi in Italia a fondere reggae, dub, suoni del mediterraneo, musica araba, dialetto napoletano e timide escursioni nella canzone d’autore, hanno svoltato negli anni ’90 arrivando in alto nelle classifiche inglesi, grazie ai remix per pesi massimi come i Massive Attack. Tornavano dopo una vita, e hanno abbandonato l’elettronica (d’altronde da tempo manca all’appello lo sfortunato e talentuoso D.RaD, morto tragicamente, colui che si occupava dei campionamenti) in favore di suoni caldi. Due ottimi brani, uno reggae scritto da loro e una ballata molto profonda, scritta da Federico e Domenico Zampaglione. Nonostante l’indubbia bellezza della seconda canzone proposta, a passare è la prima, tra la soddisfazione dei loro autori.

Max Gazzè ha fatto un figurone, portando due brani nelle sue corde: è parso allegro, brioso, istrionico, sprigionando il solito talento. Due belle canzoni, complementari anche se piuttosto simili… anche qui passa la seconda, più immediata.

E’ la volta di Annalisa, una delle uscite di “Amici” che maggiormente stanno raccogliendo consensi anche fra il pubblico meno legato ai Talent. Ha eseguito due canzoni molto diverse fra loro, la seconda più tradizionalmente ancorata a stilemi sanremesi, la prima (“Scintille”) dal sapore retrò, sullo stile della Zilli tanto in voga.

Beh, ottima interpretazione, stupenda presenza scenica, direi che ha convinto anche gli scettici, con la sua voce pulita, oserei dire perfetta, senza sbavature.

E infine, attesissimi salgono sul palco gli Elii, a distanza di 17 anni dalla fortunatissima esperienza del ’96 quando giunsero secondi dietro l’inedita coppia Ron – Tosca.

I soliti fenomeni, geniali e divertenti: due canzoni una più efficace dell’altra, difficile scegliere ma alla fine il pubblico premia la solarità e l’originalità della seconda, una sorta di non sense, invece che preferire la ficcante ironia della prima, molto attuale.

Hanno avuto modo di eseguire i loro brani finalmente anche i primi giovani in gara. E quando c’è di mezzo l’eliminazione di alcuni ci sono sempre delle sorprese in agguato, come quella riservata ieri a “Il Cile”, il super favorito della vigilia.

Per carità, il ragazzo ha un’ampia scuderia alle spalle, una carriera già ben avviata (ha toccato i piani alti delle classifiche di vendita col suo album d’esordio, ha partecipato a festival, manifestazioni tv, duettato con i Club Dogo… è insomma “inserito”) e si saprà rifare, ma resta la delusione di una precoce dipartita da Sanremo Giovani. Il suo brano non mi era parso esaltante, una ballata pop rock che poteva ricordare in parte (almeno nel testo) la sua hit “Cemento armato”, a lungo in heavy rotation nelle radio e tv generaliste.

Fuori anche Irene Ghiotto, che ha eseguito il suo brano con grande trasporto, ma onestamente non mi è sembrata nè carne, nè pesce, troppo “artistoide”.

Passano invece con merito il talentuoso Renzo Rubino, che già aveva fatto parlare di sè per un testo piuttosto audace, anche se in definitiva più poetico che altro. Ottimo pianista, da molti addetti ai lavori considerato una sicura promessa del panorama cantautorale italiano, potrebbe seguire le orme del genio di Vinicio Capossela.

Più a sorpresa, ma meritatamente, accedono alla finalissima anche i Blastema, gruppo giovane ma attivo già da qualche anno. Li conoscevo abbastanza bene, e mi ero stupito non poco nel vederli scelti tra il cast. Propongono da sempre un rock intenso, spigoloso, d’impatto ma pure difficile, sullo stile degli idoli Radiohead. Beh, mi fa piacere che le orecchie dei votanti siano state sufficientemente “aperte” per premiarli.

E’ stata una serata molto tranquilla, con i due conduttori sempre più affiatati, con una bellezza del calibro di Bar Rafaeli, un grande Beppe Fiorello e un divertente Neri Marcorè. Non si è giustamente ovviato all’assenza forzata dei Ricchi e Poveri ma in fondo è giusto così, davanti a certe tragedie come quella occorsa a Franco Gatti, che ieri mi ha commosso davvero con le sue parole, lo spettacolo non può sempre andare avanti: ci sono pure i sentimenti intimi da preservare.

Sanremo 2013: finalmente il cast ufficiale dei Big in gara. Fazio ha mantenuto le promesse, si preannuncia un buon Festival

Chi mi segue da tempo o solitamente mi legge qui, ormai ha capito che mi piace ascoltare, parlare e discutere spesso e volentieri di musica “alternativa” nella più ampia accezione del termine, senza scomodare per forza di cose il cosiddetto genere “indie” che poi, a dirla tutta, è stato erroneamente codificato come tale, visto che dovrebbe far accomunare gli artisti più che altro per istanze attitudinali più che musicali in senso stretto.

fazio

Però, c’è un però… e si chiama “Festival di Sanremo”! Sì, perchè nonostante tutto, ascolto il Festival da sempre, da quando ero bambino e volente o nolente ha rappresentato un punto fermo nella mia crescita, anche se mi piace discuterne in senso critico, nel limite del possibile, evitando di farmi travolgere dalle cose che c’entrano ben poco con la performance, il che è ogni anno più difficile, visto che l’attenzione sembra spostarsi sempre più su farfalle tatuate e celentanismi.

Mi fidavo di Fazio e del suo entourage, memore delle sue precedenti edizioni, quando seppe raccogliere alcuni tra i migliori esponenti della scena italiana, per qualità della proposta.

Tra gli esclusi non rimpiango di certo le moltitudini di artistucoli usciti dai talent negli anni – anche se mi spiace sempre generalizzare e, insomma, occorre fare delle distinzioni tra una Giusy Ferreri, una Noemi e un, per dire, Valerio Scanu o Tony Maiello, con tutto il rispetto; dicevo, nessun rimpianto per costoro, un po’ invece lo riservo per quel talento vocale assoluto che risponde al nome di Mario Biondi, attualmente in heavy rotation col duetto con i Pooh.

Oggi è uscito l’elenco ufficiale dei Big per il 2013 e allora rompiamo gli indugi e analizziamo la lista. Solitamente cerco di rimanere obiettivo, o dare una connotazione giornalistica al tutto ma concedetemi, a mente calda, dei giudizi che possono esulare da criteri di oggettività. Forse perchè appunto lo guardavo già insieme a mia nonna, forse perchè a 8 anni tifavo per Luis Miguel, forse perchè ci sono passati mostri sacri della musica tout court, specie nel decennio dei sessanta, forse perchè nei 90 sono emersi autentici puledri di razza (la Consoli, Giorgia, la Pausini, il Grigna ecc), forse perchè alla fine rappresenta uno spaccato dei cambiamenti di costume della nostra società tutta, forse perchè sono arrivati ultimi Vasco, Zucchero e i Negrita, a testimonianza di quanto la giuria sia “aperta”, forse semplicemente perchè Sanremo è Sanremo, come dice il ritornello di una sigla rimasta nel cuore, questo post sarà scritto più “di pancia” che altro, ma va bene così…

– RAPHAEL GUALAZZI felicissimo per il suo ritorno, a due anni dalla meritatissima (e scontata) vittoria in un’edizione Giovani in tono minore. Dopo aver consumato di ascolti il suo album “Reality and Fantasy” mi aspetto un forte contributo di raffinatezza da parte sua

– ALMAMEGRETTA beh, che dire??? Li ho amati alla grande negli anni ’90 quando, guidati dalla splendida e calda voce di Raiz, si issarono in cima alle classifiche generaliste mischiando tradizioni folk e moderno elettronico trip hop. Ritornano e destano curiosità, specie per il fatto che sono il classico gruppo “anti-Sanremese”, nonostante proprio Raiz abbia tentato, con scarsa fortuna, di cimentarsi nelle vesti insolite di cantore italico dalle atmosfere leggere.

– ELIO E LE STORIE TESE nome garanzia, confidando sul fatto che Elio abbandoni le velleità di conduttore/vocal coach/trainer per tornare al suo ruolo principale nel migliore dei modi, credo sia altresì molto improbabile che tirino fuori dal cassetto un brano migliore rispetto alla celeberrima “terra dei cachi” di antica memoria. Ma resto fiducioso su questi ragazzacci virtuosi.

– MALIKA AYANE è nata praticamente qui, nonostante fosse giunta ai primi successi con le canzoncine in inglese. Ormai tra le top italiane, vanta una voce da brividi che le consente di tirar fuori sempre il meglio, anche da pezzi meno riusciti: la classe non è acqua, credo possa essere sin da ora tra le favorite del pubblico

– DANIELE SILVESTRI quasi “scontata” la sua presenza festivaliera quest’anno ma con Daniele, che ebbi modo di intervistare svariati anni fa, dopo tappa a Cerea, si va sul sicuro, sia che proponga sonorità spensierate (“La Paranza” e “Salirò”) sia che spinga il piede su temi sociali, spesso scottanti (“L’uomo col megafono”, con cui si impose su questo palco nel ’95 e la spettrale “Aria”)

– MODA’ unica concessione fortemente “commerciale” dell’elenco, per aver convinto Fazio credo abbiano davvero in canna un grande pezzo, dalle sonorità ariose e potenti, sul loro stile. Puntano dritti alla vittoria, e non potrebbe essere altrimenti, visti gli innumerevoli successi mietuti negli ultimi 3 anni

– SIMONA MOLINARI con PETER CINCOTTI finalmente la Molinari su questo palco, verrebbe da dire, dopo i bagliori dell’edizione giovani 2009 (messa in ombra da un’autentica fucina di talenti emerse nella stessa edizione, dalla vincitrice Arisa, alla raffinata Malika, dalla suol singer Karima alle figlie d’arte Chiara Canzian e Irene Fornaciari). Qui in collaudata coppia con Cincotti, potrebbe essere una sorpresa candidata al Premio Mia Martini

– MARTA SUI TUBI come l’anno prima i Marlene Kuntz e prima ancora con gli Afterhours, i Subsonica o i Quintorigo, quest’anno annuncio in loro i miei favoriti, in quanto provengono dal mio “mondo di riferimento musicale”. Unici nel panorama rock italiano, di recente hanno duettato pure con Lucio Dalla, dopo che già simpaticamente lo avevano citato nella loro frizzante “Cristiana”. Mitici i ragazzi, originali, il minimo che mi viene per definirli

– SIMONE CRISTICCHI  ci sta eccome in un cast simile, visto il suo forte impatto in ambito sociale. Tuttavia Simone è da sempre un joker della musica italiana, capace spesso di ricorrere all’arma dell’ironia e del gioco per trattare tematiche spesso impegnative. Da seguire con attenzione

sanremoc

– ANNALISA trattasi della rossa di Amici, ma sarebbe davvero riduttivo, oltre che ingeneroso trattarla da “Emma” o “Alessandra Amoroso” di serie B, in quanto possiede certamente più pulizia formale nell’esecuzione, oltre che maggiore eleganza sul palco. Ottima voce, personalità ancora un po’ timida ma capace pure di inchiodare alla tv: è una che si fa ascoltare volentieri

– MAX GAZZE’ un altro dei miei favoriti, inutile girarci attorno. Ogni volta al Festival fa la sua onesta figura. Ricordo una bella intervista tanti anni fa, in coppia con l’amico fraterno Ricky, all’epoca proprio di un post Sanremo (quello de “Una musica può fare”), prima di un suo concerto al mitico Extravagario Teatro Tenda di Verona. Persona colta, squisita, umile.. un grande musicista.

– MARIA NAZIONALE in ambito “nazionale”è nota soprattutto per la sua partecipazione a Sanremo in coppia con il guru Nino D’Angelo nel 2010 (tra l’altro la canzone era davvero notevole), credo non si discosterà molto da quel registro, magari accentuando l’aspetto nazional popolare, meno incline al suono world music di quel pezzo-

– MARCO MENGONI gradito ritorno, uno di quei cantanti usciti da talent (in questo caso da X Factor) che vale la pena di ascoltare, sempre che smetta di voler emulare, in modo inconcludente, il mai dimenticato Jeff Buckley. Mengoni ha una voce bellissima e una personalità straripante, però a 24 anni deve ancora trovare la sua giusta dimensione e, soprattutto, deve cantare pezzi che lo rappresentano appieno, come appunto la “Re Matto” di un paio d’anni fa. Meno virtuosismi e più spazio alla sua vera anima e potrebbe risultare vincente anche in questo contesto

– CHIARA GALIAZZO come Nathalie due anni fa, approda qui direttamente da X Factor, nella quale si era da subito contraddistinta per la bella ugola e per i modi un po’ “da svampita” (in senso buono). Padovana, simpatica e talentuosa, resta tuttavia un’autentica scommessa a questi livelli: vedremo come affronterà un palco tanto prestigioso, capace di far tremare le gambe anche ad artisti molto navigati-

Comincia il conto alla rovescia! Che bella musica sia, e poche cazzate, please!