Premiati i migliori della serie B 2016/2017. Ecco la top 11 del campionato

Con la serie B ai titoli di coda – ma con verdetti importanti ancora da definire dopo le sicure promozioni in A della Spal e le retrocessioni in Lega Pro di Pisa e Latina – ecco che puntuali sono giunti i riconoscimenti dei 22 tecnici delle squadre impegnate nell’edizione 2016/2017.  A Rimini infatti nella 10° edizione del “Gran Galà Top 11”, sono stati indicati i migliori per ruolo ed è stata così allestita una forte Top 11, rappresentativa senz’altro dei valori emersi in campo.

Emergenti e califfi, gente “di categoria” o autentiche sorprese sono andati a comporre questa fantastica squadra.

Il miglior allenatore dell’anno è stato Semplici, vero artefice del “miracolo Spal”, votato dagli stessi colleghi quasi all’unanimità.

il fantasista dell’Ascoli Orsolini con le sue sgroppate sulla fascia a tratti ha ricordato l’olandese Robben

Il giocatore rivelazione dell’anno è stato invece l’estroso attaccante esterno dell’Ascoli Orsolini, sicuro protagonista con l’Italia Under 20 prossima a giocarsi il Mondiale di categoria in Corea del Sud dalla settimana prossima.

Gli altri giocatori, schierati con un ipotetico 4-3-1-2, sono stati:

Cragno – portiere paratutto del Benevento, ormai pronto al grande salto. Il giovane titolare dell’Under 21 ha sfoderato reattività, sicurezza e capacità di guidare il reparto.

Lazzari – primo rappresentante di questa lista della Spal, la “bandiera” ferrarese ha disputato una stagione monstre, tra involate sulla fascia destra, ripieghi, assist, diagonali difensive, e tanta grinta, supportata da una buona qualità.

Mancini – difensore centrale emerso a Perugia dopo le promesse nelle giovanili della Fiorentina. Ha convinto tutti con la sua eleganza, la sua padronanza e il suo tempismo. Già acquistato dall’Atalanta che sui giovani sa vederci lungo.

il difensore Bonifazi, autentico protagonista della capolista Spal

Bonifazi – altra fragorosa sorpresa del campionato, l’aitante centrale spallino, ha finalmente deciso di spiccare il volo, dopo i tentennamenti alle prove col professionismo delle precedenti stagioni. Abile sia in fase di spinta che di contenimento, ha spesso e volentieri giganteggiato sugli avversari, tanto da meritarsi le attenzioni del Ct. Ventura in chiave Nazionale A.

Di Chiara – il terzino sinistro del Perugia ha saputo riscattare la delusione di un anno prima, quando perse la finalissima Play off col suo Foggia. Già allora ci si rendeva conto di avere davanti uno che meritava un’altra categoria e alla prova del nove Gianluca ha convinto tutti, fluidificando (come si diceva un tempo) senza sosta sulla corsa mancina e inanellando molti cross vincenti per gli avanti umbri.

Schiattarella – giunto l’estate scorsa alla corte di Semplici per garantire quel tasso di esperienza cadetta di cui difettavano molti compagni nella Spal, il buon Pasquale non ha tradito le attese, divenendo in breve leader in campo e sorta di braccio destro del mister che sapeva di poter sempre contare sul suo apporto.

stagione sugli scudi per il centrocampista del Perugia Jacopo Dezi, uomo in più per il tecnico Bucchi

Dezi – altro protagonista della positiva stagione del Perugia, Jacopo non è una novità tra i migliori del campionato ma quest’anno il tecnico Bucchi ha saputo tirar fuori il meglio da lui, soprattutto in fase realizzativa. Ha giocato nel cuore del campo, spesso da centrale ma poi lo vedevi in realtà dappertutto. Instancabile motorino in appoggio ai compagni ma anche dispensatore di tanta qualità.

Bessa – Finalmente è esploso secondo le sue potenzialità l’italo brasiliano che letteralmente incantò nelle giovanili dell’Inter. A Verona ha avuto subito la fiducia incondizionata di Pecchia e lui, dapprima funambolo da “tiki taka”, è divenuto guida per i compagni, sempre nel vivo delle azioni gialloblu. Quasi un lusso per la categoria.

Amato Ciciretti ha spesso e volentieri fatto la differenza nella stagione del Benevento

Ciciretti – coetaneo di Bessa, come quest’ultimo c’ha messo un bel po’ per rivelarsi nel calcio che conta, dopo le meraviglie con le giovanili della Roma. A Benevento Baroni ne ha esaltato le caratteristiche. Certe sue giocate hanno fatto strabuzzare gli occhi non solo ai suoi tifosi ma a tutti gli amanti del calcio.

il sempre verde Pazzini ha stabilito il suo record di marcature in un campionato, staccando presto i rivali per il titolo di capocannoniere

Pazzini – ha smentito i molti scettici che dopo la deludente stagione scorsa lo davano sul viale del tramonto. Invece il “Pazzo” ha letteralmente trascinato il Verona, segnando tanti gol decisivi e facendo valere la sua immensa classe. Capocannoniere del torneo.

Dionisi – grande campionato anche per l’attaccante del Frosinone. Più del compagno di reparto Ciofani ha mostrato puntualità sotto rete e continuità di rendimento.

Focus serie B. Il Palermo espugna Latina, manca solo la matematica per la serie A. Il resto è all’insegna dell’equilibrio mentre in coda c’è il primo verdetto con la retrocessione della Juve Stabia

Al Palermo, dopo la perentoria affermazione in quel di Latina (che nonostante la sconfitta, rimane serissima accreditata almeno per i playoff), manca in pratica solo la matematica ma ormai i conti paiono fatti. Sarà meritata serie A, non solo perchè così “doveva essere”, considerato il pedigree e la rosa della squadra rosanero, ma perchè sancita in modo inequivocabile dal campo, dopo la traballante parentesi iniziale di Gattuso, ottimamente compensata dalla gestione Iachini, sempre più specialista in promozioni dalla cadetteria. Ora la palla spetta all’enigmatico e umorale Zamparini, che già si è fatto avanti sostenendo come Iachini sia il miglior tecnico con cui abbia mai lavorato. Può darsi che sia vero, ma da qui sono passati anche tra gli altri Zaccheroni, Delneri e Guidolin, e non si trattava certo di tecnici scarsi.

download

Dietro il Palermo è vero equilibrio, se non proprio bagarre. Riemerge l’Empoli e alla fine, pur con sudore, credo sarà proprio la compagine toscana di Sarri la più seria candidata alla promozione diretta: lo dice la storia, anche recente, ma soprattutto i numeri, il gioco, la continuità, anche se ormai è palese che i toscani dovranno fare i conti con alcune squadre davvero mai dome, ostiche, impertinenti e sbarazzine, che non temono confronti. Del Latina abbiamo già accennato: era in splendida forma, avesse fermato anche la capolista staremmo qui a parlare quasi di miracolo calcistico avvenuto, considerando che si tratta di una matricola assoluta della serie B (certo, ma che in attacco può vantare uomini del calibro di Jonatas e Paolucci, per dire!). Cade rovinosamente il Cesena in casa, sotto i colpi di un sempre più indecifrabile Brescia. La squadra lombarda avrebbe tutto per salire in A: storia, tradizione, un gran vivaio, giocatori top per la categoria come Caracciolo, capitan Zambelli o Corvia, uomini che se in condizioni un minimo accettabili possono fare la differenza (vedi Sodinha, ieri autore di una prova monstre). Tengono botta in alto il super Crotone dei tanti giovani (Bernardeschi, Crisetig, Dezi, Cataldi, Gomys, ieri assente), nonostante la sconfitta di Avellino (gli irpini irrompono nuovamente in zona playoff)  e il Trapani, tornato vincitore nella gara che ha sancito il primo verdetto ufficiale della stagione: la retrocessione in Lega Pro della Juve Stabia, giunta al termine di una sciagurata stagione, nata malissimo e mai migliorata durante il percorso.

Ormai pienamente guarito il Lanciano, ieri vittorioso a Varese  grazie al solito Mammarella, cecchino infallibile su punizione (sempre più valida nel suo caso l’iperbole di “Roberto Carlos d’Abruzzo”!). Varese che a questo punto, pare impossibile considerando i propositi di inizio stagione e la squadra allestita in estate, deve guardarsi bene alle spalle, visto che sono solo 3  i punti che lo dividono dal Novara e 4 dal Cittadella, che ieri si è imposto al Granillo in una gara da “dentro o fuori”. Reggina e Padova hanno ancora la possibilità di acciuffare i playout ma realisticamente pare a questo punto della stagione assai improbabile, e spiace vedere due squadre rappresentative di realtà importanti cadere così in basso. Occasioni perse sono sembrate quelle di due big della categoria: Siena e Pescara. Entrambe sono rimaste al palo nelle rispettive gare casalinghe, con pareggi a reti bianche contro Carpi e Novara, squadre sinceramente alla portata. Ma se per il Siena possono valere delle attenuanti (problemi societari non da poco e un clima di disfattismo evidente), per la squadra di Cosmi difficile trovare delle giustificazioni. E’ in pratica tutta la stagione, già dalla stagione Marino, che il potenziale notevole della squadra sembra non essersi mai espresso, peccato!

Insomma, da qui alla fine, sarà sempre più arduo lanciarsi in pronostici, considerando i tanti scontri diretti e le poste ancora in palio: prepariamoci a pregustare un grande finale di stagione.

 

i