Prime impressioni sulla nuova serie A dopo la quinta (ancora parziale) giornata

5 giornate sono pochissime per trarre ogni bilancio ma alzi la mano chi si sarebbe aspettato una classifica simile della serie A a questo punto del campionato.

INTER 15 – cinque partite su cinque vinte, un enplain che ha sparigliato le carte davanti, sgombrando dubbi sul reale valore della rosa che, innegabilmente, è molto buono. Da scudetto? Prematuro appunto dirlo, ma in fondo anche la prima Juve di Conte come mission aveva quella di tornare quantomeno competitiva in tempi brevi. Forse approfittando delle defaillances altrui, l’Inter di Mancini potrebbe sorprendere, magari migliorando nel gioco che finora latita, in favore però di un cinismo niente male.

FIORENTINA 12 – la pre-season era stata incoraggiante ma da qui a vederli come credibile seconda forza ne passava. Eppure la Viola, ben allenata da Sousa, gioca bene e maschera quelle che sono ancora delle lacune in alcune zone del campo. Difficile però pronosticare di volta in volta la formazione che scenderà in campo. Non c’è una formazione base, tanti doppioni che più o meno si equivalgono. Una risorsa o a lungo andare un limite? Nel frattempo godono i tifosi, un po’ meno chi deve schierare giocatori della Fiorentina al Fantacalcio!

SASSUOLO 11 – Un ruolino di marcia mica da ridere quello dei neroverdi allenati da Di Francesco. Al terzo anno consecutivo in A, gli emiliani sono sempre più sicuri dei loro mezzi, convincenti in campo, spesso sorprendenti e con una qualità media elevata. Stupiscono in particolare le tante soluzioni offensive, il fatto che tutti i numerosi attaccanti in rosa riescano a dare il loro efficace contributo. Non ci inoltriamo in previsioni ma almeno si può evitare di tirare in ballo la quota salvezza?

CHIEVO 10 – La prima rivelazione stagionale è la squadra della Diga veronese, che a dispetto della tanta esperienza ormai accumulata in A fa sempre specie quando inanella risultati simili. Il manico è lo stesso, gran parte della rosa pure, e allora in pratica si sta giocando sulla continuità del convincente finale di stagione scorso. Poi, se Paloschi e Meggiorini sono da Nazionale, Birsa attualmente uno dei fantasisti che più incidono, Castro e Rigoni due autentiche rivelazioni, forse può essere l’anno giusto per puntare a qualcosa di più dell’ennesima permanenza nella massima serie.

TORINO 10 – I granata sono tornati a far sognare i propri tifosi. Al di là dell’enorme tradizione e della gloriosa storia della squadra, il Toro si può accomunare al Chievo in questo inizio di stagione. Non fosse che qui certi interpreti sono cambiati e alla ribalta stanno salendo altri possibili nomi vincenti del calcio italiano, vedi Baselli.

SAMPDORIA 10 – Ottimo avvio di stagione per la squadra ligure che non godeva di grossi favori della critica ai nastri di partenza. Per via di una rosa molto rinnovata e in teoria indebolita negli interpreti e anche per un allenatore da troppo tempo lontano da certe ribalte. Invece la nuova Samp di Zenga, soprattutto tra le mura amiche, sprigiona una forza incredibile, trascinata da un super Eder.

MILAN 9 – Qualcosa ancora da perfezionare per il Diavolo, ma la sensazione è che Mihajlovic abbia trovato la strada giusta. Chiaro, non è la compagine bistrattata delle ultime due stagioni, ma nemmeno una carrozzata. Traguardi prestigiosi al momento sembrano preclusi ma si può tracciare un solido cammino. Ottimo l’impatto di Bacca, così così quello degli strapagati Bertolacci e Romagnoli (quest’ultimo comunque in ascesa), ma in compenso può emergere Calabria e continuare a crescere Balotelli.

LAZIO 9 – Squadra camaleontica, con un rendimento esterno choccante, ma dalle indubbie qualità tecniche. Sarà difficile ripetere il clamoroso torneo scorso, tuttavia gli uomini di Pioli hanno talento ed esperienza per mettere in difficoltà chiunque. nonostante cominci a pesare l’assenza di un grande bomber.

ROMA 8 – Non ci siamo… con una Juventus in evidente ritardo di classifica, i primi a giovarsene sarebbero dovuto essere i giallorossi. Invece la squadra manca del colpo da ko definitivo, di cinismo. Ma forse è questione di tempo… tradotto: che Dzeko si ambienti in fretta e diventi riferimento per il reparto.

PALERMO 7 – Partenza ottima, punti messi in saccoccia ma un trend negativo che pone dei dubbi sull’effettivo valore della rosa, soprattutto negli interpreti difensivi, forse non tutti all’altezza della serie A. In avanti poi, Gilardino non sta facendo il “Toni”, l’attaccante esperto ancora in grado di fare la differenza.

NAPOLI 6 – Qual è il vero Napoli? Fosse quello che ha asfaltato la Lazio, staremmo a parlare di squadra in grado di vincere il campionato ma la realtà è che la squadra deve ancora assimilare i dettami di Sarri. Probabile che trovato un 11 stabile, con alcune scelte forse nella testa del mister già compiute, il Napoli possa ingranare definitivamente.

ATALANTA 5- L’obiettivo reale (e realistico, vista la non eccelsa qualità del gioco finora espresso) è quello della salvezza. I mezzi ci sono, ma qualche variante si dovrebbe trovare nella ricerca del gol, soprattutto con un Denis in fase calante e un Pinilla purtroppo non esente da infortuni. Piacevoli le scoperte del mastino De Roon e del giovane del vivaio Grassi.

JUVENTUS 5 – Nessuno si sarebbe immaginato di trovare una Juventus così poco a fuoco, raramente concreta e fragile in diverse zone del campo. L’alibi della rosa largamente rinnovata è convincente, ma allora come si spiegherebbe di contro la stupenda affermazione in Champions in casa del City? Mancanza di stimoli in campionato e sguardo rivolto ai palcoscenici europei? Può essere, e sarebbe pure legittimo, vista la Finale della scorsa stagione, ma per consolidarsi bisogna arrivare come minimo tra le prime 3… e se l’andazzo è questo, che gli diciamo ad Allegri?

EMPOLI 4 – Considerando che nel momento in cui sto scrivendo, deve ancora recuperare la gara interna con l’Atalanta, direi che l’Empoli sta sorprendendo gli scettici (come me) che credevano che senza la guida Sarri e gente come Valdifiori, Vecino, Rugani e Hysaj avrebbe faticato non poco a salvarsi. Invece Giampaolo ha fatto un po’ come il primo Allegri juventino: non ha stravolto la squadra, impostandola sul suo abituale 4-4-2 e mantenendo l’impianto di gioco precedente, sta esaltando di nuovo un collettivo che, nonostante le perdite di cui sopra, può continuare a stupire, grazie soprattutto a Saponara, un autentico fuoriclasse.

VERONA 3 – Inizio in salita per la squadra veronese, specie sul fronte infortuni (il lanciatissimo Hallfredsson, il riscoperto Rafa Marquez, il recidivo Romulo e non ultimi i totem Toni e Pazzini). Ci sarà da sudare per conquistare una salvezza che comunque pare alla portata.

GENOA 3 – Difficile etichettare il nuovo Genoa, che a tratti ancora ha dimostrato l’impronta di Gasperini (nel modo di aggredire il gioco, di cercare diverse soluzioni offensive…) ma che sembra più fragile e inesperto. Magari col tempo l’inserimento dei nuovi sarà agevolato, e torneranno protagonisti attesi come Perin (peraltro ben sostituito da Lamanna), Pavoletti e l’involuto Perotti. Insomma, c’è moderata fiducia (anche se i dati parlano di peggior inizio di stagione dalla risalita in serie A).

UDINESE 3- Folgorante l’avvio, con quella bella vittoria in casa della Juventus, non corroborato però da un adeguato prosieguo. Da allora solo sconfitte, ben 4, anche se il secondo tempo contro il Milan dell’altro ieri, induce all’ottimismo.

BOLOGNA 3- Sorretto da notevole entusiasmo per il pronto ritorno nella massima serie, ora si deve però fare i conti con una realtà non al passo con le aspettative. La squadra però è intrigante nel suo mix tra giovani (Masina e Ferrari dal vivaio, e poi Diawara, Pulgar, Crisetig, Donsah), vecchi (Brienza, Gastaldello). A fare la differenza però devono essere Mounier (ottimo il suo esordio da titolare) e Destro, ancora desideroso di rilanciarsi.

CARPI 2- Arranca come previsto il Carpi,  che però non ci sta a fare la vittima designata, come testimoniano soprattutto le gare perse contro Inter e Fiorentina e i due pareggi. Promette di ripetersi anche in A la punta Mbakogu e, se così fosse, potrebbe fungere da elemento chiave, più ancora di Borriello, nella complicata corsa alla salvezza.

FROSINONE 1- Un solo punticino, ma importantissimo – conquistato allo Juventus Stadium – per il morale e per rompere il ghiaccio, muovendo finalmente la classifica. La rosa latita tremendamente in qualità.. si dovrà puntare sull’agonismo e sulla voglia di Stellone e i suoi di mettersi in mostra e stupire.

 

Annunci

Il difficile momento dell’Hellas Verona: occorre cambiare e mettere in campo ogni risorsa possibile per invertire questa pericolosa rotta

Amici gialloblu, è innegabile come definitivamente sia necessario voltare pagina e lasciar perdere la splendida stagione scorsa. Dobbiamo salvarci, e anche se io ho sempre sostenuto come la cosa sia assolutamente alla portata della nostra squadra, soprattutto per la scarsa qualità altrui (e per questo mio avventato e perentorio pronostico estivo stanno facendo settimanalmente gli scongiuri diversi miei amici dalla memoria lunga!), è giunto davvero il momento di guardare in faccia la mesta realtà dei fatti. Sarà dura raggiungere l’obiettivo, se il trend è questo. Non si vince più, nemmeno nella roccaforte del Bentegodi, in trasferta le buschiamo da tutti, comprese compagini certamente più pimpanti come il Sassuolo attuale ma invero alla portata dell’Hellas. Sorvolo sul fatto che in primis la società ci aveva illusi, e forse anche molta stampa locale, pronta a innalzare acquisti come il vecchio campione Rafa Marquez, reduce in effetti da un ottimo Mondiale, ma anche da stagioni in leghe minori e poco competitive rispetto a quando guidava da leader la retroguardia e la mediana del Barcellona. Non sono stati poi – lo dico da sempre – sostituiti in modo adeguato gente del calibro degli Iturbe, Romulo, Marquinho e Jorginho dell’anno scorso. Sì, forse a livello numerico la rosa è stata puntellata, ma sorvolerei sul fatto che sia effettivamente migliorata. Infine… Mandorlini, il nostro caro tecnico al quale dobbiamo la nostra rinascita nel calcio che conta, le nostre più recenti e vivide gioie, ma al quale ora più che mai si chiede di fare un passo indietro rispetto alle sue idee assolutamente scalfite nella pietra e mai messe da lui in discussione. L’idea che si fa sempre più spazio nella mente è che come minimo non stia riuscendo a valorizzare e sfruttare al meglio la rosa messa a sua disposizione. Ma se fior di allenatori hanno messo da parte dogmi e valori per riuscire a trovare la quadra della propria squadra, perchè non dovrebbe provarci anche lui, visto che è palese come l’atteggiamento in assoluto più rinunciatario dell’attuale campionato di serie A, il centrocampo clamorosamente meno creativo fra tutti, non stia portando chissà quali risultati. Urge cambiare in fretta, mentre noi tifosi dobbiamo ri-abituarci alla nostra dimensione “storica”, quella portatrice di sofferenza, dopo 3 anni vissuti vincendo e divertendoci. Ma questo non spaventa di certo il temprato e fedelissimo pubblico gialloblu, a noi basta raggiungere l’obiettivo lottando e mettendo in campo tutto l’ardore possibile. Forza Hellas Verona!

Bella prova, a tratti, del Verona contro l’Inter ma si poteva osare di più!

Finalmente ieri sera l’Hellas Verona è tornato, almeno a tratti, a dimostrare di essere una squadra “vera”, in grado di lottare, di giocare bene, di mettere in seria difficoltà anche un’avversaria (sulla carta) più dotata. Già, perchè l’Inter di ieri rispetto alle versioni trionfali di Mourinho ha mantenuto solamente il nome, ma è parsa invero lontana parente dello squadrone degno di lottare per grandi traguardi. E da qui il grande rammarico! Ok, venivamo da gare sottotono e io per primo ho elogiato i miglioramenti messi in mostra durante la gara, ma viene pure da pensare che si sarebbe potuto osare di più. E’ una questione annosa, che già vigeva in minor parte, anche nella stagione precedente, quella della mentalità difensiva e quasi sparagnina, ma che, venuti mancare elementi cruciali come Iturbe e Romulo, Marquinho e prima ancora Jorginho, in grado di elevare il gioco con la loro tecnica e imprevedibilità, si è fatta più marcata ed evidente quest’anno. Anche ieri sera, come contro il Napoli, il Verona ben presto è passato in vantaggio, dopo essere stato pericoloso sin dai primissimi minuti con il solito Toni, ieri parso finalmente recuperato, in primis mentalmente dal periodo grigio senza reti su azione, ma anche fisico.

Nico Lopez, decisivo ieri sera, assieme a Saviola, nel pareggio del Verona contro l'Inter

Nico Lopez, decisivo ieri sera, assieme a Saviola, nel pareggio del Verona contro l’Inter

Bene finalmente anche Lazaros, molto considerato dal tecnico per la sua duttilità ma che finora non aveva mai brillato in gialloblu, nonostante fosse reduce da un buon mondiale da protagonista con la sua Grecia. Ma il punto focale di tutto rimane il solito. Come mai una volta in vantaggio, che sia il primo minuto del primo tempo o l’ultimo di recupero del secondo, si smette letteralmente di giocare, ci si arrocca davanti al portiere (ieri per quasi tutto il primo tempo si è giocato con 6 giocatori sulla linea di difesa, talmente schiacciati all’indietro erano i due esterni offensivi) fino all’inevitabile gol dell’avversario? E fortuna che non è finita come a Napoli, per evidente scarsa qualità complessiva di una dimessa Inter, poi rimasta pure inopinatamente in dieci uomini per la giusta espulsione occorsa a Medel. Gli innesti tardivi degli attaccanti Nico Lopez, al terzo gol stagionale, giocando a singhiozzi, e di Saviola (che pure sarà stagionato, ma rimane un campione a queste latitudini, in grado di fare ancora la differenza, come dimostrato ieri nell’azione cruciale dell’incontro, con uno splendido e decisivo assist di tacco per il compagno di reparto, anch’egli subentrato) hanno se non altro evitato una cocente e immeritata sconfitta, ma perchè non inserirli prima, non provare addirittura a vincere? Certo, si dirà… abbiamo pure sbagliato un rigore (super parata del migliore al mondo in questa specialità, Handanovic, ai danni del nostro centravanti Toni) e preso un palo con Lazaros (ma pure gli interisti avrebbero potuto ammazzare la gara prima con quel palo clamoroso di Kuzmanovic). La verità quindi è che il pareggio può considerarsi giusto ma avremmo potuto fare di più, la vittoria a San Siro (mai centrata in tanti anni di storia gialloblu) mai come in quest’occasione era a portata di mano. Speriamo almeno che mister Mandorlini abbia tratto degli insegnamenti e delle indicazioni ulteriori da questa partita, alfine di far rendere al meglio il suo organico!

Considerazioni sulla serie A: la sorpresa Lazio e le delusioni Chievo e Parma

Due squadre partite con ambizioni che contemplavano qualcosa di più (legittimamente) di una comoda salvezza, si ritrovano in realtà alle prese con classifiche alquanto differenti. Se da una parte la nuova Lazio di Pioli, dopo un fisiologico periodo di assestamento, si sta rivelando come una delle sorprese del torneo, con rinnovato entusiasmo e freschezza, il Parma, rivelazione assoluta l’anno scorso, con tanto di Europa sfilata sotto il naso, sta precipitando gara dopo gara, perdendo tutte quelle sicurezze acquisite e la fiducia nei propri mezzi. Per carità, il campionato è lunghissimo e non me la sentirei di dare i gloriosi ducali per spacciati ma la recente discesa del Catania deve servire in qualche modo da monito. Piace la Lazio, finalmente rinvigorita da innesti mirati, su tutti pare una scommessa vinta quella del talentuoso attaccante Djordjevic, ma anche l’olandese De Vrij sta confermando le grandi premesse viste al Mondiale brasiliano. Senza troppe pressioni – difficile in un contesto come quello della Capitale – e magari riassorbendo la crisi interna tra tifoseria e Lotito, la squadra biancoceleste può ambire a posizioni di prestigio, fermo restando le situazioni complicate di accreditate rivali quali l’Inter, il Napoli e la Fiorentina. In coda comunque quello messo peggio mi pare il Chievo, e lo dico a malincuore. Corini che si è salvato due volte, seppure a fatica, non ha nel nda lo spirito garibaldino che lo vedeva protagonista da giocatore per la squadra veronese della Diga. Eccezion fatta per la clamorosa vittoria esterna del San Paolo, la pochezza di gioco fin qui espressa giustifica oltremodo la classifica deficitaria. Maran ha fallito l’anno scorso ma credo abbia le risorse per risollevare l’ambiente clivense, nonostante la lotta per non retrocedere la vedrà giocoforza coinvolta fino alla fine.

Hellas Verona, ormai è palese: salvezza ok ma contro squadre appena propositive si perde in partenza

Scrivo questo post prima di leggere altri pareri sicuramente autorevoli e attendibili, di persone del settore che stimo e che apprezzo e che certamente sono più vicine alla squadra del Verona rispetto a me. Mi occupo anch’io di calcio, lo faccio – diciamo – a 360 gradi e dove batte il cuore è difficile discernere nel modo migliore. Ero allo stadio, stretto tra amici, parenti e simpatizzanti. Tanti tifosi anche rossoneri fra gli spalti, ognuno che giustamente guarda alla propria squadra e, se è vero che il Milan non è più da anni quello squadrone in grado di inanellare coppe in serie in Europa, occorre però rimarcare che il divario coi nostri sulla carta era lampante. E, come da tradizione, Mandorlini quando si ritrova contro le squadre di fascia più alta rispetto all’Hellas, ecco che impone il difensivismo, lettura chiave di quest’anno che comunque diversi punti in palio ce li ha già fatti raggranellare. Eppure, una partita persa quasi prima di scendere in campo non mi va proprio giù, ho visto il peggior Verona dell’anno, consegnato agli avversari in tutti i sensi, con il risultato che ad esempio Honda ha fatto il diavolo a quattro. Io ho una mia teoria e me la tengo dall’inizio, sebbene i risultati per il momento mi stiano smentendo (e questo, da tifoso, mi fa piacere, non sono certo masochista). Io credo fermamente che la squadra sia più debole dell’anno scorso, ma che per nostra fortuna lo sia anche l’intero campionato, con la conseguenza che a una tranquilla salvezza arriveremo con anticipo a siglarla ma le emozioni, quelle vere, ne vivremo poche. La squadra è troppo chiusa, inspiegabilmente contratta, anche con i pari livello (non parlo del Milan che, per quanto non eccelso, è comunque due spanne sopra noi a livello qualitativo), mancano i guizzi, le accelerazioni, l’imprevedibilità. Oddìo, rischio anch’io di mancare di imprevedibilità nel sottolineare sempre quelle che ritengo evidente lacune ma è così, c’è poco da fare. A mio avviso, andato via Iturbe, l’unico – pur non assomigliandogli- che prova quantomeno a saltar l’uomo e a farci andare in superiorità numerica è il giovane Nico Lopez. Lo sostengo non da oggi, solo perchè autore di una bella iniziativa conclusa con il gol del pleonastico 3 a 1, ma perchè in lui vedo la voglia di provarci, di stupire, di voler dimostrare, la stessa che non riscontro nel soldatino Gomez e nell’incostante Jankovic (fermo restando la gratitudine che a loro verrà sempre riconosciuta). Considerando che è palese che Saviola lo vedremo con il contagocce, meglio sin da ora ipotizzare voli pindarici e assestarci su una comoda ma ben poco entusiasmante salvezza.

Hellas Verona, buona la prima al Bentegodi ma quanta sofferenza! La classifica però ci sorride: 4 punti in 2 partite

Ieri sera ho incontrato diversi amici allo stadio: andava in scena la prima al Bentegodi del Nuovo Verona 2014/2015. Sì, nuovo, perché questa gruppo è fondamentalmente diverso da quello che tanto aveva fatto entusiasmare i tifosi e stupire gli addetti ai lavori. Diverso ma non per questo necessariamente meno valido, seppur ancora “in costruzione”. Difficile scrivere della propria squadra, proprio ieri sera Antonio, un mio compaesano (va beh, da pochi anni risiedo da un’altra parte ma siamo originari dello stesso paese della Bassa) mi diceva che lui non sarebbe in grado di essere obbiettivo parlando dell’Hellas. Lo capisco, non è semplice, perché a volte si pretende sempre il massimo e istintivamente ce la prendiamo a male per una giocata sbagliata, un gol preso o fallito, dimenticando da dove si viene, da che stagioni di inferno proveniamo. Eppure il calcio è “adesso”, l’oggi, non occorre sempre rivolgersi indietro, altrimenti si corre il rischio di non andare avanti. La società di Setti, Sogliano e Mandorlini, dei giocatori e dei tifosi invece vuole andare avanti e per questo non concede troppe defaillances. Ieri contro il Palermo stava succedendo questo: pur non strafando o meritando particolarmente, i rosanero conducevano la gara e all’Hellas sembravano clamorosamente quelle fresche risorse che corrispondevano spesso e volentieri ai nomi di Jorginho, Romulo e Iturbe, finiti nelle tre grandi del campionato, guarda caso. Sono rimasti però Toni, Rafael, Alfredo, Moras, Agostini, è arrivato un signor giocatore, quel Rafa Marquez che sembra qui di casa da una vita e altri nuovi devono integrarsi ma le qualità ci sono.

download

Lasciamo stare che ieri il Taxi (fortemente rivoluto da Mandorlini, l’unico sinora che è stato capace di farlo emergere secondo le sue potenzialità… ci stava provando anche Zeman ma a Roma non è che brillino in pazienza) e Lazaros abbiano cannato la partita, che Obbadi appaia magro e fragile come un grissino al cospetto dei giganti mediani del Palermo (Bolzoni, Barreto e il settepolmoni Luca Rigoni che noi di Verona conosciamo bene per averlo, da avversari, apprezzato negli ultimi anni al Chievo) o che il promettente Nico Lopez si sia mangiato un gol su bella imboccata dell’altro interessante giovane brasiliano Campanharo. Il materiale su cui lavorare c’è, e comprende pure l’ancora timido Martic, l’esperto Brivio, ex enfant prodige del calcio italiano, quando furoreggiava da “Nuovo Maldini” al Mondiale Under 17, il coriaceo Sorensen, la valida alternativa Nenè e… vogliamo dirlo?… il fuoriclasse Saviola. Probabilmente saremo meno spettacolari dello scorso anno, certi esperimenti magari verranno provati (ma dubito che Campanharo, che ricordo bene come valido trequartista nella primavera della Fiorentina, possa diventare un nuovo Jorginho), altri innesti verranno effettuati specie in mediana (quanto manca ad esempio un Donadel che qui tornerebbe anche a piedi) ma la realtà dice che dopo 2 giornate il Verona viaggia a una media rispettabilissima: 4 punti conquistati, uno in trasferta e tre canonici al Bentegodi. Non penso che ci sarà da discutere se ci salviamo o no, conta il “come” ci salveremo. In fondo Parma e Torino sembrano essersi indeboliti rispetto all’anno scorso, noi invece a detta di tutti no! E’ vero che le milanesi molto difficilmente, o la Lazio, si bruceranno un’altra stagione, arrivando dietro la zona Europa ma intanto credo che dobbiamo essere ottimisti e forse provare a osare di più in certi frangenti. Ieri ai più è parsa francamente incomprensibile a un certo punto l’inserimento di un terzo centrale difensivo, Marques, contro i quasi inoffensivi avanti palermitani (anche se il giovane centravanti dell’Under 21 Belotti un po’ di paura a me l’ha fatta) al posto di un Hallfredsson a rischio cartellino rosso. Il risultato è stato che il Palermo si è come rivitalizzato nell’ultimo quarto d’ora, mettendoci in apnea, pur non creando grossi pericoli (uno grandissimo però è stato sventato prodigiosamente da san Rafael!). Insomma, io per primo non sono tornato a casa con la luce negli occhi di una partita splendida, non mi sono molto entusiasmato ma pur in svantaggio me la sentivo che avremmo vinto (e ho pure dei testimoni al riguardo!). L’ho pensato perché comunque questa squadra, pur essendo a mio avviso più carente in qualità (ma di contro molto più compatta) ha un grande cuore e uno spirito che non si spegne mai, come carattere dell’allenatore sta lì a testimoniarlo da ormai quasi 5 anni vincenti.

Analisi (il più possibile obbiettiva) della situazione attuale dell’Hellas Verona

E’ da un po’ che non mi occupo sul blog della mia “squadra del cuore”, l’Hellas Verona, il cui campionato ormai ha preso una deriva positiva, consolidando quella che all’inizio pareva una conquista difficile, ma che poi, inizio trionfale alla mano, era diventata questione quasi scontata: la salvezza, con conseguente permanenza in Serie A.

hver

Ora però pare quasi non si possa più criticare il Verona, nemmeno quando gira a vuoto, quando perde punti in modo alquanto scellerato, o quando perde le componenti che fin qui l’hanno sempre contraddistinta, vale a dire la grinta, la forza, la determinazione, perché no?, la qualità della manovra e dei singoli. Sì, perché se da una parte sono fastidiosi, per non dire odiosi, coloro che fanno i rovinosi e che si lamentano per ogni cosa, come se improvvisamente si dovesse lottare per partecipare alla prossima Champions League (per poi ovviamente… vincerla!), i quali si dimenticano che fino all’avvento di Mandorlini e la poderosa risalita nei piani alti del Calcio Italiano, si stava per sprofondare in quarta serie, dopo averla già sfiorata qualche anno prima nel famoso play out disputato contro la Pro Patria, dall’altra cominciano a stancarmi anche i “buonisti” a oltranza.

Lo so, è faticoso stare in mezzo al guado, essere equilibrati, quando si guarda al calcio con l’occhio clinico ma spesso coperto, dell’appassionato tifoso. Dovessi ragionare solo da addetto ai lavori, quale tra l’altro sono, allora davvero non avrei nulla da obbiettare: bravi i ragazzi, bravissimo come non mai l’allenatore, ottime la società per tutto quello che di unico e straordinario ci sta regalando! Ci mancherebbe! Godiamoci questa stagione, che dà l’idea – al di là del fatto evidente che Setti e Sogliano in primis ambiscono a consolidarsi nella massima serie – di rimanere unica.

tooo

Ora però mi lascio andare ad alcune considerazioni che, tra le mura di casa amiche, o sulle bacheche amiche di Facebook e Twitter, spesso hanno già fatto capolino in me, non sempre tuttavia condivise (e il calcio è bello perché è vario!).

Chiarisco subito il fatto che sono il primo ad essere contento, stupito, meravigliato, estasiato da un torneo condotto in maniera simile dai nostri giocatori gialloblu: speravo e confidavo nel raggiungimento dell’obiettivo minimo, soprattutto perché ben consapevole di come l’ambiente, la piazza possa veramente fare la differenza, trascinando col proprio entusiasmo un’intera città e contagiando il clima per 7 giorni su 7, come ai tempi dello storico scudetto targato Bagnoli. Quindi, essersi salvati a 3 mesi dalla fine del campionato è davvero, come si dice in maniera grossolana, “tanta roba”.

Adesso però ci troviamo davanti a un bivio, da più parti evidenziato: tentare il grande salto verso l’Europa (minore sinchè si vuole, ma pur sempre Europa: riapriamo la parentesi dei ricordi recenti per capire che sino qualche anno fa le trasferte più lontane stavano a Portogruaro o a Pagani), obiettivo alla portata visto il trend generale del campionato, con presunte big come Lazio e Milan quasi fuori dai giochi, perché incostanti o più semplicemente incappati in una stagione no, e dirette avversarie valide ma non palesemente superiori a noi, come Torino e Parma, nonostante le recenti sconfitte patite contro entrambe.

Io non mi aspetto nulla sinceramente: sono convinto, e lo sono da qualche partita, diciamo da quando si è concluso il girone d’andata (meglio, dal pareggio incredibile conseguito contro i Campioni d’Italia della Juventus) che il meglio sia stato fatto, a livello di prestazioni e, ma qui vorrei proprio sbagliarmi, a livello di “emozioni”. Sì, perché sinceramente se arrivasse davvero la qualificazione alla prossima Europa League, sarei ovviamente contento, ma mi accontenterei di assistere, da qui a fine maggio, a partite vere, vissute, giocate alla morte, emozionanti appunto! Non come le tante partite che ho visto negli ultimi anni da spettatore passivo e disinteressato, con squadre già salve a metà stagione e quasi pronte a “regalare” (detto senza alcuna malizia o dietrologia) punticini qua e là ai più bisognosi, o in ogni caso a tenere il freno a mano tirato.

doitr

Ecco, ho sempre pensato che all’Hellas Verona una cosa del genere non potrebbe mai capitare, perché nel dna della squadra questo aspetto non pare proprio essere contemplato, vista la determinazione dell’allenatore e il temperamento mostrato sinora da calciatori come Romulo, Maietta, Iturbe, per non dire del redivivo Toni, una specie di simbolo di tutto il Verona.

Però è indubbio che, da quando abbiamo venduto Jorginho al Napoli, qualcosa della splendida alchimia e dell’intesa tra i reparti sia andato un po’ perso, a scapito magari di una più marcata compattezza, che però finora non sta facendo rima con qualità.

Era impensabile vincere tutte le gare al Bentegodi, come quasi successo incredibilmente nel girone d’andata, ma ora non abbiamo più il pallino del gioco in mano, senza un regista del calibro del giovane iriundo, cresciuto nel nostro vivaio, tra l’altro. Il famoso coro “cambieranno i giocatori, il presidente, l’allenator.. ma il Verona resterà per sempre nel mio cuor… “ è certamente condivisibile e da mandare ai posteri, ma forse dico che si poteva quantomeno attendere qualche mese prima di monetizzare. Tanto, che cambiava? Forse il prezzo dell’italo-brasiliano, continuando molto presumibilmente su quei livelli, sarebbe diminuito? Così ci ritroviamo da alcune partite col vuoto in mezzo al campo, parzialmente colmato dall’esperienza dell’indomito Donadel (che però dura praticamente un tempo a partita, nel quale per carità, è ammirevole per abnegazione e sacrificio), meno dall’acerbo Cirigliano (non so quanto sia lecito ancora attenderlo… io vorrei vederlo almeno una partita intera da titolare prima di giudicarlo… e parlo da appassionato di calcio giovanile: conosco l’argentino da tanti anni, è ben più di una promessa in Patria, ma quando diventi professionista sono i fatti a contare, non le premesse o le referenze). Sarebbe meglio dire che il buco di Jorginho è più che altro compensato dal fatto che avere Romulo in campo è come avere due giocatori in uno: davvero sorprendente il campionato dell’ex viola, mai domo, mai stanco, mai squalificato, seppure sia uno che non si tiri indietro e si risparmi in partita, anche quando occorre difendersi e contenere gli avversari. Poi anche ieri se super Iturbe avesse finalizzato quella sua strepitosa azione personale alla Messi, alle quali ormai ci ha “quasi” abituato, magari starei parlando di un’altra partita. Ma ciò che volevo (evidentemente non riuscendoci) sintetizzare, è che mi spiacerebbe che la nostra stupenda stagione fosse in qualche modo “ridimensionata” da partite senza grinta, senza mordente. Vorrei di nuovo provare forti emozioni, non parlo certo di quelle “da brivido” più volte da me rimarcate procurate dal nostro reparto difensivo (un po’ meno, a dire la verità, da quando Gonzales si è seduto in panchina, ma ieri Rafael e capitan Maietta, solitamente entrambi tra i migliori per continuità di rendimento e prestazioni, ci hanno messo del loro!) ma delle emozioni che solo le gare sudate, infuocate, (possibilmente) equilibrate sanno regalare. E il Verona di quest’anno non solo è stato in grado di far emozionare i loro numerosissimi e appassionati tifosi, ma proprio li ha fatti sognare, e ancora può continuare a farlo, se davvero volesse provare un ultimo sforzo nella corsa (onestamente difficile) alla zona Europa. Forza Gialloblu!

imaromi