Che esordio per l’Hellas Verona: poker al Latina e grande gioco in mezzo al campo

Buonissima la prima, è proprio il caso di dire, dell’Hellas Verona al Bentegodi. Un risultato roboante, sottolineato da tutti i media locali e nazionali, e che va a certificare, semmai ce ne fosse stato bisogno, il ruolo che la squadra gialloblu dovrà recitare quest’anno in serie B: da protagonista.

Un 4 a 1 che ci sta tutto, frutto di un predominio non soltanto territoriale ma tecnico, dove il divario con il Latina era davvero troppo ampio. 

Tutti a festeggiare Bessa: che esordio da sogno per il talento delle giovanili dell'Inter

Tutti a festeggiare Bessa: che esordio da sogno per il talento delle giovanili dell’Inter

Ecco, forse a cercare di smorzare gli entusiasmi potrebbe entrare in gioco questo fattore: cioè che la squadra laziale non sia certo annoverata, almeno quest’anno, tra le compagini più in vista e accreditate. Ma sarebbe ingeneroso sottovalutare i meriti degli uomini di Pecchia che si trovavano a dover esordire necessariamente con una vittoria. Le pressioni ci saranno in questo lungo cammino cadetto ma mi piace il modo in cui tutti, dal tecnico, al direttore sportivo, ai giocatori (convincente il modo in cui i neo arrivati Fossati e Bessa – una coppia di qualità a centrocampo che non si vedeva da tempo da queste parti – hanno dichiarato di voler andare a Salerno per vincere), si stanno ponendo, scegliendo di non fare proclami ma allo stesso tempo non nascondendosi.

Mi scoccia, e vale per tutti i tifosi, rendermi conto che il mercato probabilmente ci porterà via quel Romulo, appena recuperato e smanioso di riprendere il proprio brillante cammino, già ieri trascinatore. Credo si sia speculato sul suo nome, io non l’ho mai percepito alla stregua di un mercenario. Tre anni fa ci condusse a una salvezza clamorosa, forte di un campionato eccellente, assieme ai vari Toni, Iturbe, Jorginho, Maietta… naturale che bussasse alla porta una grande, e in quel momento (ma direi… mai) era impossibile rifiutare la corte della Juventus.

La storia recente dell’italo-brasiliano è una sorta di remake del fortunato film “Sliding Doors”: acquistato dalla Juve, in procinto di diventare per lo meno un cambio dei titolari, o uno dei 12/13 titolari, e quasi certo di disputare i Mondiali in Brasile con la maglia azzurra, è incappato in un brutto infortunio che l’ha in pratica tenuto lontano dai campi di gioco per una stagione intera. Lo scorso anno il rientro in gialloblu fu in sordina, con il procuratore che cercava altre sistemazioni.

Ma il giocatore in sè non l’avevo mai sentito dichiarare frasi “inopportune” riguardo l’idea di restare da noi (in fondo l’Hellas lo ha reso giocatore importante) e sarebbe un peccato perderlo. Rimanesse e giocando con continuità, ottenendo quella promozione che tutti ci aggiudicano, volerebbe di certo verso altri lidi, se quella è l’ambizione di giocatori di un certo pedigree.

Diverso il caso di Viviani. Del talentino azzurro, protagonista assoluto delle giovanili giallorosse, quando un certo Florenzi gli stava dietro nelle gerarchie, si è visto davvero poco da quando è un calciatore professionista. Che sia la pubalgia, che siano fattori comportamentali, che mentalmente si consideri uno da serie A, conta relativamente.

Ha disputato un precampionato assolutamente non in linea con le aspettative, non pare il giocatore sul quale puntare le proprie fisches per ripartire. Di contro in B i nomi contano relativamente e gente come i già citati Fossati e Bessa, ma pure l’altro neo-acquisto Zuculini hanno le caratteristiche ideali per fungere da protagonisti dei nostri colori.

Tecnica, determinazione, motivazione, ambizione: ingredienti che sono basilari per vincere un campionato. Parlo della mediana, ma pure la difesa rischia di essere menomata da qui alla trasferta di Salerno. Helander in panca ieri significa una sola cosa: cessione.

Che in B lo svedesino abbia le giuste credenziali per guidare un intero reparto non ci sarà dato di sapere, fatto sta che lì (come sempre) entreranno in gioco i procuratori, e volente o nolente, si sta parlando di un giovane quotato a livello internazionale, che solo due anni fa vinse da titolare la finale dell’Europeo Under 21.

Via lui, dentro Cherubin… beh, personalmente, la cosa “s’ha da fare”. Il bolognese ha tanta esperienza, un discreto piede, sa destreggiarsi in più ruoli in difesa, pur essendo nato centrale. Con il passaggio dal modulo a 4 a quello a 3, lui mancino, spesso ha giostrato da centrale di sinistra. Non credo che dia il meglio di sè da terzino sinistro in una linea a 4, ma sicuramente sarà in grado di adattarsi, altrimenti vorrà dire che giocherà centrale insieme al convincente Caracciolo, al posto di quel Bianchetti destinato in A.

Ora, il ragazzo è stato spesso preso di mira. Ammetto, conoscendolo dalle giovanili dell’Inter e del Varese, prima ancora che nell’Under 21, che mi sarei aspettato qualcosa in più da lui con i “grandi”. Ma in B è parso davvero un leader in difesa: pulito, sicuro in ogni situazione di gioco, sereno. Giocare da titolare, magari con un traguardo importante a fine stagione, credo possa rappresentare per lui il vero salto di qualità. E’ ancora giovane, e anche se la sua parabola calcistica rischia di assomigliare a quella di Andrea Ranocchia, un predestinato che non ha saputo imporsi ad altissimi livelli, merita fiducia. Venderlo a campionato iniziato, quando il tecnico Pecchia ha dimostrato di aver puntato su di lui, non mi pare certo la mossa giusta.

Il portiere Nicolas può reggere il peso della responsabilità in una squadra che punta al vertice: non è più il ragazzino di un paio d’anni fa, è reduce da un grande campionato da titolare a Trapani e ieri, al di là del rocambolesco e casuale gol subito (per carità, bella l’idea e il tiro del figlio di bomber De Vitis), si è messo in luce per concentrazione e prontezza di riflessi. L’avversario non era probante, lo si è capito subito, ma la difesa ha subito pochissimo gli avanti avversari. Pisano in B è un lusso, Souprayen deve metterci più grinta (ma probabilmente… non ce l’ha, c’è poco da girarci intorno). In ogni caso arretrare il ciclone Fares a sinistra sarebbe uno spreco. Mi è piaciuto sinceramente anche il modo in cui il “vecchio” Juanito Gomez si è messo a disposizione della squadra, tra i pochissimi del vecchio corso a rientrare nel progetto e immagino utilissimo alla causa nel corso del torneo (boato ieri per il suo gol al termine di una bellissima azione in fraseggio).

Aspettando Ganz, l’intesa tra il turbo Luppi e il Pazzo è stata ottima. Per entrambi una rete, belle giocate, sempre sul pezzo.

Del centrocampo ho già detto. Contro Salernitana e Benevento sarà più difficile sicuramente, ma i nostri non buttano una palla, si smarcano, si cercano, fanno pressing.

C’è una mentalità nuova, e io è da settimane che rispondo a chi mi chiede un parere, che mi interessa per una volta divertirmi allo stadio, vedere un calcio moderno, propositivo, efficace, magari spettacolare. 

Il Popolo Gialloblu, sempre presente, numeroso e rumoroso! Un sostegno incredibile per la squadra

Il Popolo Gialloblu, sempre presente, numeroso e rumoroso! Un sostegno incredibile per la squadra

Ieri tutto questo c’è stato, per la gioia di tanti tifosi sempre appassionati (già ieri eravamo tantissimi allo stadio), mia e di mia moglie che, dopo i magri bottini dello scorso anno, quest’anno si è gustata ben 4 gol in un colpo solo!

Se il buongiorno si vede dal mattino, è proprio vero: ce la possiamo giocare! Il risultato eclatante di ieri – inutile dirlo –  è stata la vittoria in trasferta del neopromosso Cittadella ai danni del Bari, che io stesso avevo giudicato come la squadra più temibile in chiave promozione diretta.

Alla prima giornata ci sta, per carità, ma io mi sarei scoraggiato e incazzato non poco se avessimo perso la prima casa contro il Latina… bene invece, come era prevedibile, le altre big, Carpi e Frosinone, entrambe vittoriose in scioltezza con due gol di scarto sugli avversari. Altro che fuochi di paglia: questi vogliono tornare subito in A come il Verona. Ci sarà da divertirsi in questa lunga maratona!

Appello alle big italiane: non fatevi scappare il talento di Riccardo Saponara

Non è la prima volta che mi sbilancio su questo blog o in articoli vari sul talento di Riccardo Saponara.

Il trequartista dell’Empoli ha 25 anni, quell’età che certifica – casi persi a parte, vedi Balotelli e compagnia – come la maturità tecnica di un calciatore sia ormai acquisita.

images

E Riccardo ne ha dovute già passare di traversie, soprattutto dal punto di vista fisico, giacchè da quello tecnico sin da giovanissimo aveva messo in mostra doti tali da poter fare la differenza ovunque, prima di essere considerato a ragione l’uomo simbolo del calciomercato, almeno per quanto riguarda gli italiani.

Purtroppo i sostenitori “pigri”, quelli che seguono solo le cronache domenicali, hanno negli occhi l’opaca stagione vissuta in un’altrettanto carente situazione generale al Milan, preludio della deriva attuale, che vede il Diavolo partire da posizioni declassate nella griglia di partenza della nuova serie A.

Proprio da lì invece, da quella manciata scarsa di gettoni messi assieme da Ricky in rossonero, è partita, forse iniziata sul serio, la sua rincorsa ai vertici del calcio nazionale.

Afflitto da problemi fisici, spesso in infermeria, non ha saputo mostrare ciò di cui è capace, per un infortunio che in qualche modo ne compromise pure un Europeo Under 21 che in quell’edizione poteva davvero puntare al bersaglio grosso, forte di individualità quali Gabbiadini, Paloschi, Insigne, Immobile, Verratti, Florenzi e, appunto lui, Saponara.

In origine, quando ancora giocava a Ravenna, mostrava meraviglie in campo sulla fascia, fino a far spendere paragoni eccellenti con il portoghese Figo, che gli consentirono di bruciare le tappe fra i coetanei e di attirare l’attenzione di club più prestigiosi.

Se lo aggiudicò l’Empoli, da sempre attenta a nutrire il proprio vivaio, e con gli azzurrini toscani da subito Saponara fu in grado di prendere la leadership di un gruppo molto ben amalgamato e costruito, con gente come l’amico del cuore Tonelli, Angella, Pucciarelli, Signorelli e il meno fortunato Guitto, purtroppo perso nelle categorie minori.

Uno scudetto Primavera sfuggito solo in finale di un soffio, ma sirene della prima squadra ormai dirette su di lui, che in campo ama giocare con numeri sulla maglia non propriamente da attaccante o da fantasista (principalmente il 5 o l’8).

Gli infortuni non tarderanno ad arrivare ma per fortuna nemmeno le gioie, tanto che i vari allenatori che siederanno in prima squadra, all’epoca in B, compatti gli daranno fiducia, fino ad affidargli le redini del gioco.

Sarà Sarri a spostarlo in modo definitivo dall’esterno al centro del campo, in una posizione di raccordo, sempre più in estinzione, cioè colui che agisce dietro le due punte e davanti a un altro play, quell’anno Valdifiori, più vertice basso. Insomma, in soldoni, un 10, merce assai rara appunto nel calcio d’oggidì.

La consacrazione, con un campionato di B da protagonista in cui tra gol, delizie e assist si contraddistinse come il calciatore copertina di tutta la cadetteria, giunse al termine della stagione 2012/’13 quando si fece avanti il Milan.

Come detto, l’approccio con una maglia così pesante, e il passaggio dalla B di (sana)provincia al palcoscenico della A in uno stadio glorioso come San Siro non fu facile, ma come d’incanto, tornato a indossare nel gennaio 2015 la maglia empolese, Riccardo tornò a fare con naturalezza quello che già aveva mostrato anni prima. Una tecnica sublime, una visione di gioco ottima, una padronanza del ruolo, dietro le punte, sempre più solida, per uno score niente male: 17 presenze e 7 reti.

Sarri, decisivo in questo scorcio di stagione nell’imporlo come trequartista titolare alla conquista di una splendida salvezza in serie A, l’avrebbe portato con sè già il suo primo anno a Napoli, proprio nel momento in cui tutte le big del calcio italiano si stavano accorgendo di essere davanti a un talento ormai del tutto sbocciato, ma ancora giovane e con margini di miglioramento.

In particolare la “solita” Juventus sembrava aver già chiuso la pratica acquisto, opzionandolo, ma alla fine il presidente toscano Corsi decise di trattenerlo, confidando in una sua ulteriore crescita, con una conferma fragorosa nella massima serie.

Lo scorso anno, nemmeno per un attimo, fece capolino in lui la delusione per non essere passato a una big, anche perchè col nuovo tecnico Giampaolo, e una rosa ancora più giovane e da svezzare, le cose cominciarono subito a filare bene per gli empolesi. Tanti i nuovi virgulti lanciati in orbita dal neo tecnico, anch’egli desideroso di un rilancio in panchina: Paredes, Zielinski, Buchel, Pucciarelli, Barba… Su tutte però, furono le quotazioni dei campioncini del vivaio a impennare, gente come Tonelli e il nostro Saponara, ormai sì pronti a seguire le orme dell’ex compagno Rugani, volato 12 mesi prima in una grande, la Juventus.

Non a caso Sarri già a inizio mercato fece i loro nomi per rinforzare l’organico del suo Napoli, dopo la splendida stagione scorsa. Il difensore, ambito anche dalla Roma, andrà in effetti a riabbracciare uno dei suoi mentori già nella prima settimana di sessione estiva, mentre a tutt’oggi, ovvero passata la prima metà di agosto, il “termine” suggerito dal presidente Corsi nei confronti di possibili acquirenti di Saponara, il fantasista è ancora un giocatore dell’Empoli, che nel frattempo ha visto già salutare l’allenatore Giampaolo, oltre che Zielinski e Paredes.

Tantissime le squadre che hanno tentato un approccio con la società toscana, ma nessuna in grado di sopperire alla richiesta di partenza indicata per trattare una cessione: 15 milioni di euro.

Il Bologna sembra non poter competere a questi livelli, la Sampdoria pure, nonostante la spinta di Giampaolo che lo riterrebbe ideale come pedina in mezzo al campo, specie dopo la partenza di Soriano al Villarreal.

La Juve dopo i botti (Higuain, Pjanic, Dani Alves, Pjaca, Benatia) sembra aver placato il suo appetito, anche se un po’ di qualità sulla trequarti, dopo l’addio di Pogba non guasterebbe; l’Inter appare ai più esterofila, e lo stesso Milan timidamente sembrava voler ridare una chance al suo ex giocatore, salvo poi ripiegare su un giocatore meno costoso, più anziano e meno decisivo come Sosa.

A Empoli molti compagni di squadra, a partire dal big Maccarone, si sono esposti affinchè rimanga, e la scelta a inizio ritiro di prendersi la maglia numero 10 sembrava aver fatto desistere il giocatore a partire.

A questo punto, posto che molto probabilmente ad Empoli non vogliono smettere di stupire nemmeno col nuovo corso targato Martusciello, credo che Saponara meriti davvero arrivato al top della carriera di cimentarsi in un club dalle ambizioni più alte, che sia in Italia o all’estero. Da noi ad aver messo sul piatto un’offerta ufficiale è stato il Sassuolo, società che non sbaglia un colpo e in cui avrebbe terreno facile per inserirsi, grazie al tipo di gioco propositivo e moderno del suo tecnico Di Francesco, e soprattutto per la stima di cui gode presso lo staff tecnico.

Tuttavia sono le squadre straniere ad avere più disponibilità economiche in questo periodo storico. Hanno chiesto informazioni su di lui il Leicester di Ranieri – che però nel trionfale anno appena trascorso, con tanto di Premier League in saccoccia, giocava con un 4-4-2 piuttosto rigido – e in Spagna squadre come il Villarreal (che ha già pescato da noi i due “tedeschi” Soriano e Sansone) e il fortissimo Atletico Madrid, ormai una certezza in Europa. Lì recentemente ha floppato di brutto Alessio Cerci, ma Riccardo Saponara a mio avviso ha una personalità meno complessa dell’ex torinista, e soprattutto più umiltà e determinazione, che a questi livelli fanno la differenza.

Mi dispiacerebbe vederlo andar via dall’Italia, perchè sono convinto che potrebbe essere molto utile anche in contesti grandi.

Secondo me la Juve – a parte che Allegri sembrava non vederlo di buon occhio al Milan, ma in fondo si diceva lo stesso del suo rapporto con Pirlo… – farebbe un affare ad accaparrarselo. Anche perchè, pur in una rosa di assoluto livello, a mancare è proprio un trequartista, un giocatore in grado di legare i reparti, dispensando tutta la qualità di cui lui è invece in possesso.

Calciomercato all’insegna dei giovani talenti nostrani. Era ora! Accanto a nomi di respiro internazionale, a infiammare i nostri club sono soprattutto i giovani italiani

Il calciomercato sembra già entrato nel pieno del vivo, nonostante in fondo non sia ancora iniziato il mese di luglio. Un mercato che, accanto a nomi più o meno altisonanti – o fuori dalla portata dei nostri club da un paio d’anni a questa parte – sta virando finalmente verso il Made in Italy, più volte auspicato in questo mio spazio.

Se può lasciare scettici molti appassionati questo improvviso esborso massiccio da parte delle squadre italiane, che potrebbe sottintendere una rinnovata voglia di tornare competitivi in tempi brevi, sull’onda lunga della Juventus finalista di Champions, questo è dovuto soprattutto al fatto che non si sa bene da dove provengano in effetti questi soldi.

Che le proprietà di Inter, Milan, Roma, Sampdoria, Fiorentina, Napoli… stiano spendendo o abbiano avanzate trattative in corso è sotto gli occhi di tutti ma al di là di nuovi investitori, pare che sia più un’esigenza, un segnale forte da parte di queste di voler tornare a essere protagoniste, non solo comprimarie all’inseguimento di una Juve dai connotati sempre più internazionali. Entrare a gamba tesa sul mercato suona come un avvertimento di voler ridurre quanto prima il gap tecnico, oltre a far ritrovare entusiasmo.

E’ interessante però notare come siano i talenti nostrani a farla da padrone, con lo sbocciare di una gold generation, quella dei ’91 e ’92 che,  se ha lasciato sul campo internazionale in fatto di trofei poca roba, da sempre per molti addetti ai lavori rappresenta una nidiata di grande avvenire. 

download

Bertolacci  dal Genoa (via Roma, cui era rientrato al termine della stagione della consacrazione, con tanto di felice esordio azzurro) al Milan, pagato giusto una ventina di euro, è il caso finora più eclatante, simbolo della ricostruzione del glorioso club che avrà come prossima guida il sergente Mihajlovic, che ha caldeggiato il suo acquisto sin dal primo giorno in cui si era insidiato in via Aldo Rossi.

Ma solo sei mesi fa Gabbiadini sempre del ’91, un altro svezzato dal tecnico serbo quando stava alla Sampdoria, era stato acquistato dal Napoli, dove ebbe poche possibilità di duettare col coetaneo Insigne, complice il serio infortunio di quest’ultimo. Al Napoli (ma lo vuole pure la Juventus) potrebbe approdare un altro gran fantasista del ’91, quel Riccardo Saponara frettolosamente bocciato dai rossoneri, dove forse era giunto nel momento sbagliato. Lì ritroverebbe il tecnico Sarri e pure il regista Valdifiori con il quale ha alzato clamorosamente le quotazioni dell’Empoli, reduce da una splendida salvezza all’insegna di un calcio spettacolare, coraggioso e propositivo.

Zaza, stessa età, potrebbe finalmente giocarsi le sue carte in bianconero, dopo aver dimostrato nel Sassuolo, in coppia con l’altro golden boy Berardi (di tre anni più giovani e destinato ancora ai neroverdi prima di approdare anch’egli alla Juventus) di essere una certezza ormai, non più un prospetto. E’ nelle grazie di Conte per la complicata ricostruzione della Nazionale e, seppur fra alti e bassi, sta dimostrando di valere la maglia azzurra.

Presto potrebbe tornare protagonista anche l’italo brasiliano Jorginho, se dovesse passare al Torino. I mezzi tecnici di cui dispone sono enormi e in una piazza come quella granata avrebbe la possibilità di mostrare quella maestria da gran regista con cui si era affermato nell’Hellas Verona.

Nel Verona ha spopolato Jacopo Sala, tuttofare della mediana, impostato da Mandorlini come terzino destro, ruolo che a mio avviso va a spersonalizzarlo un po’ troppo, laddove l’ex Chelsea ha invece palesato grandi numeri a sostegno delle punte o in appoggio ai centrocampisti. Come ha ammesso più volte la dirigenza gialloblu è destinato a una grande squadra.

Scendendo d’età stiamo riscontrando un alto gradimento nei confronti di molti azzurrini, sebbene siano stati eliminati precocemente dall’Europeo under 21 in corso (sul come è avvenuto non mi pronuncio, consoliamoci però vedendo che a contendersi la finalissima saranno le due squadre che avevamo nel girone e che guarda caso col loro pareggio hanno sancito la nostra eliminazione).

Il centrocampista classe ’92 dai piedi buoni Baselli (da tempo immemore nei radar milanisti), invero in ombra in Rep.Ceca dove ha perso il posto da titolare in favore di Cataldi, è vicinissimo alla Fiorentina del neo tecnico Paulo Sousa, così come il terzino cresciuto nella Roma Sabelli. Fiorentina che sta cercando di strappare al Monaco, puntando sulla forza di un nuovo e stimolante progetto, il centravanti Destro, che a dispetto delle tante esperienze maturate, fa anche lui parte della classe di ferro 1991.

A proposito di terzini, il migliore visto agli Europei, è proprio il nostro Zappacosta, già molto positivo al primo anno di A con l’Atalanta, dove ha completato l’iter di crescita iniziato l’anno prima ad Avellino. Su di lui non solo il Napoli ma anche sirene di club europei.

Viviani, anch’egli prodotto del vincente vivaio giallorosso, è stato acquistato dal Palermo e finalmente potrà cimentarsi in serie A dopo il lungo apprendistato in cadetteria. Il già citato Cataldi è saldissimo nella sua Lazio, dove gioca già col piglio del veterano, nonostante sia un ’94. Rugani, suo coetaneo, è già uno dei migliori difensori della serie A assieme al più giovane Romagnoli (già prontissimo per giocare titolare nella Roma dov’era cresciuto) e a mio avviso dovrebbe rimanere in forza alla Juve che ne detiene il cartellino. Benassi, tra i più in mostra in Nazionale giovanile, era già emerso in serie A col Torino, e ora il suo cartellino a metà con l’Inter è stato acquisito in toto dai granata. Se i nerazzurri abbiano fatto o meno un errore tecnico lo stabilirà il tempo ma ho il forte sensore di sì!

Fari puntati sono anche su altri giocatori cresciuti nelle nostre “cantere” e mi pare di dire che non è mai troppo tardi se alla fine si ottengono dei risultati concreti. Non sarà questo a risolvere subito i mali del nostro sistema calcio ma può e deve essere una base su cui poggiare il proprio futuro, come hanno fatto nella vicina Germania all’incirca una decina d’anni fa. Mi pare che i frutti nel loro caso siano stati colti eccome!

Iturbe è un campione e quei soldi li vale tutti (chi non lo pensa non lo hai mai visto giocare)

download (1)

 

E così dopo il clamoroso sconquasso in casa Juventus col ribaltone di Conte, a sorpresa dimessosi, e l’annuncio quasi estemporaneo dell’ingaggio del neo tecnico ex Milan Massimiliano Allegri, sono cambiati anche gli scenari di mercato, e con essi i destini di alcuni giocatori altrimenti quasi certi di finire a indossare la gloriosa casacca bianconera. Tra questi uno dei nomi più caldi era senz’altro quello del talentino emerso nel Verona, Juan Manuel Iturbe, autentica rivelazione della stagione di serie A appena conclusa. Ho avuto modo di seguirlo da vicino e di ammirarne le qualità che già gli riconoscevo in parte, avendolo visto all’opera in competizioni giovanili, dove eccelleva clamorosamente sui compagni, andando a scomodare paragoni illustri. Poteva essere il classico giocatore pompato ad arte dalla stampa, poteva liquefarsi facilmente, perdendosi alle prime difficoltà, alle prese con un calcio tattico e che poco concede alla creatività e alla fantasia. Insomma, nonostante le ottime premesse, il suo nome l’anno scorso rappresentava più che altro una scommessa. Promessa in fin dei conti completamente ripagata, se è vero che sin dalle prime apparizioni di Iturbe si è cominciato a parlare, per quel che di strabiliante mostrava in campo, dacchè fuori dal rettangolo verde il suo nome non è mai stato associato a qualcosa di sconveniente. 20 anni eppure già stella riconosciuta di un Verona che, grazie anche al suo “turbo” ha letteralmente messo le ali già nel girone d’andata, quando tutto in casa gialloblu funzionava come una sinfonia perfetta di strumenti, finendo con l’esaltare anche le doti di oscuri mestieranti come Cacciatore, su cui in un momento di azzardata euforia si era persino tirato in ballo la Nazionale o come l’indomito capitano Maietta.

download

Ma è indubbio che gli artefici principali della rivelazione Hellas fossero in primis gli elementi di maggior spessore: Jorginho, subito venduto al Napoli, Romulo, giunto a un passo dai Mondiali brasiliani, saltati solo per precaria condizione fisica, l’eterno Luca Toni, rigenerato dall’ambiente e soprattutto lui, il piccolo combattente paraguaiano d’origine ma argentino di nazionalità. Tecnica cristallina, velocità impressionante, ottimo controllo di palla, corsa inesauribile, impegno, grinta, personalità, duttilità tattica, grazie agli sproni di Mandorlini che l’ha indottrinato per bene, facendolo diventare uomo a tutta fascia. Manca un po’ di concretezza sotto porta, ma se già così fosse,staremmo davvero parlando di plausibile nuovo Messi (eccolo, il paragone scomodo, ma in fondo mai così fondato, se è vero che, specie palla al piede in velocità lo ricorda tremendamente). A mio avviso col tempo potrebbe mutare ruolo, un po’ come Robben, avvicinandosi di più alla porta, senza troppi compiti di copertura. Ma già così, sono pronto a pronunciarmi in suo favore e affermare che la Roma, soffiandolo alla Juve, ha messo a segno un vero e proprio colpaccio di mercato. E’ nato un campione!

JORGINHO al Napoli: la parola al tifoso!

Lo premetto a scanso di equivoci: per una volta smetterò i panni del giornalista sportivo, obbiettivo e capace – in teoria – di analizzare da esterno i pro e i contro di quella che sembra una normale, classica trattativa di mercato. Da che mondo è mondo d’altronde le cose stanno così: un giovane di una squadra di un certo livello emerge fino a destare l’interesse di uno o più club di più alto rango. Via alla trattativa, e tutti contenti, tra plusvalenze, premi valorizzazione, clausole, rinnovamento di contratti, soldi nuovi freschi in cassa e vai con la sopravvivenza. Certo, ma dicevo prima, oggi lascerò spazio al tifoso  che è in me: il tifoso gialloblu che è in me, quello che sin da piccolo gioiva per partite e annate passate alla storia, per lo scudetto, per idoli mai dimenticati e per tante stagioni da protagonista nella massima serie. Il tifoso che c’era pure nei momenti chiave, quelli del fallimento nel ’90, della caduta in B e rinascita, fino al periodo della Lega Pro, anche se il momento dell’incanto era terminato da un pezzo. Ma al cuor non si comanda, e la squadra va sempre seguita, sostenuta, amata, anche se le tappe al Bentegodi erano sempre meno frequenti.

Quest’anno per tutti i tifosi del Verona, ma anche per tutti gli appassionati calciofili che amano esaltarsi non solo con le gesta delle proprie squadre, è inevitabile non rimanere indifferenti allo splendido cammino sin qui percorso con piena sicurezza dagli scaligeri di Mandorlini. Un girone d’andata e una classifica da RIVELAZIONE, termine che abbiamo imparato ad associare negli anni a club come Udinese, Catania, Genoa… sì, quest’anno tocca a noi, e sembrava impossibile immaginarlo quando con Giannini si stava toccando il fondo.

Torniamo al punto, e scusatemi per la divagazione “romantica”, ma volevo riallacciarmi a uno dei tormentoni del mercato, legato al nome di Jorginho, talento che l’Hellas in questi anni ha saputo forgiare, crescere, portare ad alti livelli, grazie alla fiducia datogli dal mister e alle sue indubbie qualità, non solo tecniche, ma anche professionali, umane.

jorg

Il brasiliano, ma prossimo alla naturalizzazione italiana, è approdato qui da adolescente, ha fatto la trafila nelle giovanili: lui, che sembrava ancora più piccolo, gracile rispetto ai suoi coetanei, timido persino, al cospetto di alcuni guasconi compagni di avventura, quando è ancora davvero troppo presto per farsi cullare dai sogni, come quello di diventare calciatore di serie A. Un breve passaggio a Sassuolo, poi il primo vero banco di prova, in prestito nella vicina San Bonifacio, con la squadra locale allora protagonista in Lega Pro. Jorginho appare ancora timido, ma la personalità in realtà si sta formando e in campo il brasiliano è in grado di leggere le partite, sa quando smistare il pallone, gioca più di fioretto, quello sì, ma non è certo uno di quei brasiliani giocolieri, frombolieri, fumosi. Il ritorno a Verona coincide con un normale processo di integrazione in prima squadra; a poco a poco Mandorlini gli regala minuti, lo fa giocare in tutte le zone del centrocampo, non da regista in un primo tempo, quello è un ruolo sin troppo delicato per un ventenne in una squadra che vuole, DEVE tornare quantomeno in serie B.

In cadetteria i progressi del nostro sono eccezionali e in fretta, con estrema naturalezza, quasi senza sgomitare (quando in realtà nessuno gli regala mai nulla, i suoi miglioramenti sono frutto di un estremo e rigoroso lavoro sul campo dove dimostra una serietà e una determinazione incredibili, una maturità inaudita, anche nel modo di porsi), si ritrova a dirigere la squadra, titolare inamovibile. Non è più una mezzala che si limita a toccare pochi ma giusti palloni, che quasi si nasconde in campo. Ora è sempre nel vivo del gioco, chiama i compagni, alza la testa, si concede giocate sempre meno scontate, dare il pallone a lui significa “metterlo in banca”: un’espressione che tra  i tifosi comincia a farsi largo.

Arriviamo ai giorni nostri, con Jorginho ormai diventato per tutti in città il “Piccolo Giorgio”, regista ambito da tutti, centrocampista tra i migliori per rendimento e prestazioni di tutta la serie A. Cominciano sin dalle prime giornate di campionato a fioccare notizie relative a veri o presunti abboccamenti nei suoi confronti da parte di grandi società, italiane e straniere. Si rincorrono i nomi di Milan, Juventus, Fiorentina, ma anche (e soprattutto) Liverpool.

Poi d’improvviso spunta il Napoli e stavolta l’affare è serio, non più soltanto un apprezzamento pubblico. La trattativa da settimane rimbalza fino al “felice” epilogo. Ma sarà davvero così? Certamente per Giorgio sì, che a livello economico avrà un’impennata al suo ingaggio. Per carità, legittimo, è venuto qui da ragazzo, aveva un contratto ancora poco più che un Primavera. A livello tecnico, poi, andrà a rinforzare ulteriormente una squadra già fortissima, come abbiamo avuto modo di ammirare proprio in quella che sarà stata la sua ultima gara in gialloblu. E sono sicuro che Benitez saprà valorizzarne al massimo il suo talento. Ma al Verona questa operazione servirà davvero a qualcosa? Sarà utile? Le “rivelazioni” si sanno mantenere negli anni con operazioni di questo tenore, rivendendo i pezzi pregiati e reinvestendo, magari alla scoperta di qualche altro talento. E poi, da un punto di vista dei tempi.. ma non si poteva posticipare l’operazione? Aspettare almeno fino a giugno? E a livello economico? Siamo sicuri che sia un affare venderne al comproprietà per 5 milioni di euro quando, leggo nel frattempo, Capoue, altro obiettivo del Napoli, certamente meno forte del nostro, è valutato 15 e l’Atalanta per il suo gioiellino Baselli (gran talento ma che finora in serie A sta giocando poco, all’ombra di Cigarini, del quale è legittimo erede in cabina di regia) ne vuole almeno 12?

E poi, manca tutto un girone di ritorno… bando alla scaramanzia, il Verona è salvo, stagioni incomprensibili (o meglio, col senno di poi, comprensibili sin troppo) come l’ultima in A targata Malesani sono un lontano ricordo. Ma quest’anno c’erano davvero tutti i presupposti per disputare tutta un’annata straordinaria, grazie a un gruppo fantastico, a un’alchimia vecchi-nuovi unica nel panorama dell’attuale serie A. Quanti colpi del ds Sogliano andati a buon fine e che stanno dando frutti incredibili: Toni, Iturbe, Romulo, uniti ai reduci, alcuni dalla Lega Pro. Gente come Rafael, Maietta, Gomez, Hallfredsson e… lui, il gioiello di casa più fulgido, Jorge Frello JORGINHO. Non voglio insinuare che, perso lui, il cervello a metà campo, il giocattolo si possa rompere. Sono anch’io del parere che la squadra viene prima di tutto, che la maglia vale più dei singoli giocatori, concetto questo valido a maggior ragione per una piazza come la nostra. Ma la sensazione che l’operazione sia stata sin troppo affrettata mi pervade, specie se il sostituto naturale di Jorginho continuerà a essere fermo ai box. Sto parlando di Cirigliano, su cui Sogliano e la dirigenza crede molto, e a ragione, verrebbe da dire, viste le riverenze che il giovanissimo argentino si porta in dote. Gran regista basso, play anche difensivo, sulla falsariga di Mascherano, a cui spesso in Patria è stato paragonato. Lanciato nel River Plate dal grande Almeyda, altro che lo ricorda nelle movenze, ha bruciato le tappe, arrivando anche in Nazionale ma in pratica per una ragione o per l’altra a Verona non l’abbiamo mai visto, se non in sporadiche occasioni  (e nemmeno indimenticabili, vedi la gara persa di coppa Italia contro la Samp, complice anche un suo disgraziato disimpegno al portiere Mihajlov).

Troppo poco per certificarne una repentina affermazione in gialloblu, anche se sembrava difficile a occhio e croce la sua coesistenza in campo con Jorginho, sebbene quest’ultimo avesse più libertà d’azione sul rettangolo verde.

Tuttavia le occasioni per l’argentino d’ora in poi non mancheranno, fermo restando la questione sui suoi problemi fisici. Speriamo che possa giocare presto almeno 3 gare di fila per poterlo giudicare, altrimenti se la vedranno nel ruolo che fu di Giorgio i più classici ed esperti (bolliti?) Donati e Donadel. Se la squadra non verrà ulteriormente modificata (mi raccomando, niente scherzi fino a giugno almeno per il campioncino Iturbe, eh?) c’è la possibilità concreta che Cirigliano possa farsi ben valere. E’ fiducia cieca che ripongo in Sogliano che ha promesso di riscattarlo, quindi significa che nel “piccolo Mascherano) ci crede eccome.

Forza Gialloblu e un grande grosso in bocca al lupo a Jorginho, che sono sicuro saprà raggiungere grandi traguardi in carriera.

 

Juan Manuel Iturbe: cosa deve aspettarsi l’Hellas Verona da lui?

In tanti a Verona si stanno chiedendo quale impatto potrà avere sulla squadra gialloblu dell’Hellas Verona il giovane fantasista tascabile Juan Manuel Iturbe, giunto proprio in prossimità della fine delle trattative di calciomercato, in prestito con diritto di riscatto dai portoghesi del Porto.

Iturbe, stella della nazionale giovanile argentina: sarà una stella della serie A o un flop?

Iturbe, stella della nazionale giovanile argentina: sarà una stella della serie A o un flop?

La sua storia è nota per gli addetti o semplici appassionati di calcio giovanile: il piccolo argentino, classe ’93, è da quando ha 15 anni che fa parlare di sè, come fosse un predestinato del calcio non solo argentino ed esposto quindi ai “soliti” paragoni importanti, da Maradona all’attuale Messi, ma proprio del panorama mondiale, specie dopo le belle prove in nazionale nell’ultimo Sudamericano Under 19.

Diciamo che strutturalmente assomiglia ai due assi, ma è chiaro che non è l’unica componente che ne può far di lui un campione. Se a livello giovanile si mise in mostra, tanto da far diventare il suo un caso di dispute internazionali, visto che da giovanissimo si è formato in Paraguay, disputando tante partite (e decidendone i felici destini) con il Paraguay, fino all’Under 20 – dove giocava a 16 anni con gente di 4 anni più di lui – prima di optare per la nazionale argentina. Decisione di cuore o di “convenienza calcistica”, di certo non si sa, essendo comunque lui figlio di paraguayani. Fatto sta che al Porto in pratica da professionista non si è in pratica mai visto all’ opera, mentre il successivo passaggio in prestito al River è stato fruttuoso sia come importante tappa di crescita e maturazione, sia soprattutto per la possibilità finalmente di misurarsi efficacemente con il calcio “dei grandi”. L’anno scorso, oltre alle ottime prestazioni, fatte di tecnica cristallina, rapidità impressionante e personalità a grandi dosi, ha dimostrato che, a differenza di tanti altri fantasisti, in un passato recente etichettati anch’essi come “nuovi Maradona” (vedi D’Alessandro, Buonanotte, Aimar, Saviola, Ibagaza), lui in campo si sacrifica, corre come un forsennato, si mette a disposizione di tutti, scalando spesso sulla linea dei centrocampisti, anche se il suo ruolo naturale parrebbe proprio quello di fantasista, dietro le punte, da assistere con le sue giocate, spesso imprevedibili.  Probabile che nell’Hellas, Mandorlini lo intenda come attaccante/mezzapunta nel 4-3-3 o 4-3-2-1 che dir si voglia.

Di fatto deve ancora disputare partite importanti. L’attesa comunque c’è, visto che molti addetti ai lavori, anche di spicco, si sono esposti parecchio, paragonando il suo arrivo a quello di campioni conclamati come Tevez, Higuain o Gomez. Se non altro da tutti è visto come un calciatore da seguire con particolare attenzione, vista la sua nomea di fenomeno.

C’è invece anche del sano scetticismo  da parte dei tifosi gialloblu, oltre alla curiosità e ovviamente alla speranza davvero che si tratti davvero di quel calciatore in grado, se non proprio di fare la differenza, almeno di elevare il tasso tecnico della rosa.

Che dire? Io andrei cauto, più che altro per questioni legate all’ambientamento in generale, all’Hellas e poi nel contesto di un torneo duro come la serie A. Sono speranzoso, a mio avviso dovrà comunque cercare di fare il suo, senza voler esagerare con gli “effetti speciali”, visto il pragmatismo del mister – che comunque nei ruoli adibiti a trequartisti ha i suoi pupilli o gente di cui si fida – e il fatto che ci si deve salvare, anche senza fronzoli.

"Ciro" Montano: furono poche e modeste le sue apparizioni in gialloblu

“Ciro” Montano: furono poche e modeste le sue apparizioni in gialloblu

La paura che aleggia, tra la fascia di tifo più pessimista, è che si riveli al pari di altre meteore spacciate per campioni e poi rivelatisi dei bidoni e dei “fantasmi” veri e problemi, mai visti in campo: cioè il colombiano Johnnier Montano o il franco/algerino “nuovo Nasri, strappato a Barcellona, Chelsea e Juventus” Hakim Khadrejnanè.

Khadrejnanè: mai visto in campo con l'Hellas: troppe le aspettative su di lui, pompato dalla stampa a dismisura per un ragazzo che attualmente milita in quinta serie francese

Khadrejnanè: mai visto in campo con l’Hellas. Pompato dalla stampa a dismisura, furono troppe le aspettative  per un ragazzo che attualmente milita in quinta serie francese

Io sinceramente, oltre a auspicarmi che per lui non vada così, sono convinto che possa in realtà se non altro giocarsi le sue carte, senza sentire troppe pressioni. Ecco, anche i tifosi secondo me, devono incoraggiarlo, come sicuramente faranno, e non aspettarsi per forza il campione devastante che viene suggerito dai media ma piuttosto un giovane che deve dare il suo contributo sostanziale, concreto.

Vedremo più avanti se il bravo ds Sean Sogliano avrà veramente pescato il jolly finale di questo calciomercato: in quel caso davvero il Verona potrebbe ritrovarsi a recitare il ruolo della mina vagante del torneo, visto il positivo approccio al campionato (troppo superiore sul piano tecnico la Roma per farne un banco di prova) e la qualità generale della rosa, dove dati alla mano, ci sono minimo due giocatori di ruolo equivalenti fra loro a livello tecnico. Per non parlare dell’entusiasmo contagioso di un’intera città, testimoniato dai quasi 17.000 abbonamenti (solo l’anno dello storico e indimenticabile scudetto furono di più).

Luca Toni, un campione per il ritorno dell’Hellas Verona in serie A

Il prossimo campionato di serie A, con le squadre già radunate e che gradualmente inizieranno il ritiro estivo, si sta delineando nonostante il mercato da anni si movimenti proprio sul filo di lana, quando esigenze concrete finiranno per favorire e sbloccare situazioni che ora paiono compromessi (insomma, si cerca pure sempre di monetizzare, pur in momenti di crisi).

Per il sottoscritto sarà un campionato da vivere con più intensità, in quanto dopo 11 anni si è riaffacciata nella massima serie la mia squadra “del cuore”, l’Hellas Verona, per cui tifo da bambino e per il quale, specie da adolescente, ho gioito, sofferto, mi sono emozionato. Questo è il mio blog e non temo di mostrarmi, fermo restando che sono sicuro di non aver mai peccato di professionalità o di obbiettività nei miei articoli generalisti.

Il Verona è molto atteso, questo è palese, sia perchè si tratta di una squadra storica, una delle poche (l’unica non capoluogo di regione) provinciali ad aver vinto uno scudetto, a detta dei più, l’esempio più calzante di un calcio d’altri tempi, vero, genuino e per questo rimasto nei cuori non solo dei calorosi sostenitori gialloblu.

In città si sta lavorando ai fianchi per evitare che il giusto entusiasmo faccia perdere di vista l’obiettivo primario della società, vale a dire un graduale consolidamento nella massima serie, all’insegna di una studiata programmazione. Sogliano e Setti, indiscutibilmente, hanno imposto un cambio netto da un punto di vista delle strategie, della comunicazione e del modo stesso di operare: pochi proclami ma piuttosto spazio ai fatti.

Il campione del mondo Luca Toni, grande acquisto dell'Hellas

Il campione del mondo Luca Toni, grande acquisto dell’Hellas

Esempio certo, l’acquisizione di un campione, certo in fase calante a livello fisiologicoo, come l’iridato 2006 Luca Toni. Il quale sta convincendo tutti a livello umano, per il momento. I suoi propositi, le sue motivazioni, la sua voglia di rimettersi in discussione e di rendersi utile come uomo guida, d’esperienza (il che non guasta mai) ma soprattutto come leader e goleador (la cosa che gli riesce meglio).  Insomma, Toni a mio avviso è un acquisto azzeccato, che migliora sensibilmente un organico che pare già competitivo in ottica salvezza che, come detto, deve essere letto come uno scudetto.

Quasi 12000 abbonati sono tanti in poche settimane, l’entusiasmo è alle stelle, la vicinanza e il senso di apaprtenenza non sono mai venuti meno, se è vero che pure in Lega PRO, quando si toccò il punto più basso della gloriosa storia gialloblu, con il gol di Zeytulaev giunto all’ultimo secondo di recupero di un playout contro la Pro Patria che avrebbe condannato l’Hellas all’ex C/2., gli abbonati erano tantissimi.

Sono fiducioso e mi sento di fare un plauso alla società, oltre che un grosso in bocca al lupo al grande mister Mandorlini (al di là dei discutibilissimi exploit extra calcistici, il suo apporto in questi due anni e mezzo è stato eccezionale, è uno di quei tecnici che tirano fuori il 110% dai suoi uomini) e ai giocatori.