L’impresa del Leicester dovrebbe mettere tutti d’accordo, ricordandoci che nulla è impossibile!

Il Leicester ha davvero, con la splendida affermazione in Premier League, centrato un’impresa forse senza eguali, per lo meno nel calcio moderno.

download

Uno scudetto costruito mattone su mattone, partita dopo partita, con risultati dapprima sorprendenti e poi che quasi non facevano più notizia, visto il perdurare di queste meraviglie. Lasciatisi alle spalle i colossi annunciati – i vari Manchester City, i cugini dello Utd, i Reds, il Chelsea e l’Arsenal, per i quali non a sproposito si è parlato di flop – a contendersi quasi fino all’ultimo il “sogno” sono stati gli Spurs che, pure a lungo digiuno di scudetti, potevano comunque vantare un palmares di tutto rispetto, specie se paragonato alle Foxes,  a secco di vittorie in campionato, sapientemente allenate da Claudio Ranieri.

Ci sarebbe di che gioire e basta, di provare se non altro empatia per la favola a lieto fine del Leicester; invece girovagando in rete mi accorgo che molti si sono affrettati a dire di quanto si siano “rotti le palle” a sentire parlare di questa storia.

Dico la verità, a me non piace nemmeno l’atteggiamento di notissimi giornalisti sportivi che tendono a sottovalutare la cosa o quanto meno a non darne i connotati dell’eccezionalità, sostenendo che in fondo il club è… ricco, perchè ha dietro un magnate thailandese…

Beh, tutto è in proporzione ovviamente, e a quanto mi risulta, il Leicester a inizio campionato era il quint’ultimo club in base alla situazione economica: che poi sia migliore della maggior parte delle nostre bistrattate squadre non dovrebbe fare testo.

Insomma, molta supponenza, quando invece, al di là di quelle che possono essere simpatie (io stesso ho sempre guardato con vicinanza all’Arsenal, specie dopo aver fatto di “Febbre a 90°” un mio libro cult) bisognava come minimo applaudire a questo scudetto.

Poi mi pare azzardato d’altro canto fare la gara a quale sia stata la più grande affermazione in ambito calcistico della storia: a me piace pensare che in questa cavalcata trionfale ci fosse stato lo spirito dell’Hellas Verona di Bagnoli che, 31 anni fa, salì meritatamente sul gradino più alto della serie A. Ma forse in quel caso è il cuore che mi fa parlare, e allora, suvvia, nessuno potrà mai eguagliare ciò che mi hanno regalato Elkjiaer, Briegel, Fanna, Garella, Tricella e gli altri mitici gialloblu.

Il pagellone della serie B. Carpi e Frosinone pronte per la A, riusciranno a resistere agli assalti di Bologna e Livorno? In coda deludono Crotone, Latina e Catania.

CARPI pt. 43  voto 9

Il cammino degli emiliani ricorda sin troppo da vicino, con le dovute proporzioni, quello dei cugini stretti del Sassuolo. La provincia di Modena va al potere grazie al campionato monstre della squadra di Castori, tornato ai fasti di Cesena, che dopo un girone d’andata quasi da record, può ambire legittimamente a un posto in serie A.

Il centravanti Mbakogu, “piccolo Drogba” ai tempi in cui furoreggiava nelle giovanili di Padova e Palermo (che portò allo scudetto Primavera) è finalmente esploso in zona gol, dopo vari anni di apprendistato, anche in Lega Pro, ed è il leader della squadra, pronto per la A.  Di contro la questione Concas, sospeso perché trovato positivo alla cocaina, rischia di macchiare la favola.

BOLOGNA pt 37 voto 7

Dopo una partenza deludente, la super big del campionato, attesa a una pronta risalita, ha ritrovato le giuste motivazioni, dovute forse anche all’avvento della nuova società, con le loro cariche di promesse. L’intelaiatura era già buona ma col mercato di gennaio potrebbero aprirsi scenari ancora più clamorosi, sentendo certe voci che circolano in merito a calciatori di altra categoria

E’ sempre bomber Cacia, massimo cannoniere di categoria, a fare la differenza, mentre stentano altri compagni di reparto, su tutti l’esperto in promozioni Troianiello, raramente decisivo, spesso partendo dalla panchina

FROSINONE pt 34 voto 8

Protagonista assoluta per buona parte della stagione, la squadra di Stellone ha subito una leggera flessione sul finale di campionato, conquistando una sola vittoria nelle ultime 5 partite. I play off però rimangono un traguardo accessibile, visto l’impianto di gioco molto collaudato e spesso spettacolare.

Sugli scudi il talento di casa Luca Paganini, già vincitore di uno splendido torneo Berretti qualche anno fa, proprio guidato da mister Stellone. Fantasista trasformato in ala solida e incisiva, rivelazione della B. Tra i molti giovani interessanti presenti in rosa è lecito attendersi il salto di qualità dal portiere ex Roma Pigliacelli, che tarda ad arrivare.

LIVORNO pt 34 voto 6,5

Un po’ in ritardo e molto altalenante, la squadra amaranto toscana ha tutti i mezzi per risalire la china, raggiungendo una delle tre posizioni. Ma i diretti concorrenti, in una B di anno in anno più equilibrata, non mancano di certo. Oltre alle doti tecniche, occorre anche molta fame agonistica

La rosa è composta per lo più da giocatori esperti, è da loro che maggiormente ci si deve attendere la svolta.

SPEZIA pt 34 voto 7

Che sia l’anno buono? Ogni inizio campionato la squadra ligure viene inserita di diritto tra le plausibili candidate alla promozione, forte di mezzi economici sempre dispensati a piene mani da una società ambiziosa. Il nuovo tecnico Bjelica ha portato entusiasmo e risultati ma il “solito” tourbillon di acquisti e cessioni del mercato di gennaio (già a buon punto da queste parti) rischia di ottenere l’effetto indesiderato, creando confusione nella squadra.

LANCIANO pt 33 voto 7

Si sta confermando (ed è il terzo anno consecutivo) il Lanciano, ormai una realtà del campionato di B. Spinto da giovani davvero interessanti, su tutti l’attaccante giramondo Monachello, che fece tempo a farsi notare nelle giovanili di Inter e Parma, prima di emigrare precocemente all’estero, accumulando preziosa esperienza, e che al primo anno da titolare sta segnando con regolarità. Basterà a centrare i playoff?

AVELLINO pt 33 voto 6,5

Ha mantenuto la stessa intelaiatura dello scorso anno, cambiando però interpreti in ruoli chiave. Magari meno spettacolare rispetto ai rivali ma alla fine la squadra irpina è sempre lì e dopo troppi anni di alti e bassi, sembra finalmente essersi assestata, nel tentativo di puntare al bersaglio grosso. I gol di Castaldo possono dare una grossa mano alla causa.

PESCARA pt 31 voto 6

Le tre ultime vittorie consecutive hanno cambiato i destini del Pescara che, sembrava impossibile rosa alla mano, aveva trascorso gran parte del girone d’andata nella parte bassa della classifica. Nonostante la dolorosa cessione del bomber Maniero, la squadra biancoazzurra, ritrovando fiducia nei propri mezzi, potrà fare lo sgambetto a molti, puntando in alto.

PRO VERCELLI pt 31 voto 7

Poco appariscente e acclamata dagli addetti ai lavori alla vigilia del torneo, forse memori dell’ultimo campionato cadetto, terminato anzitempo con una cocente retrocessione, la gloriosa Pro ha invece spesso stupito, inanellando la marcia giusta negli ultimi due mesi e risalendo la classifica. L’obiettivo resta la salvezza che, continuando di questo passo, sarà meno problematica del previsto.

TRAPANI pt 30 voto 6,5

Non era facile confermarsi ma la squadra di Boscaglia tutto sommato lo sta facendo. Sembra essere svanito l’effetto novità, che aveva fatto la differenza l’anno scorso, e sono sempre più pressanti le voci che danno il super bomber Mancosu, conteso dalle big Bologna e Catania, come partente. La sua sarebbe una grave perdita, da compensare al meglio, perché altrimenti potrebbe essere facile farsi risucchiare nelle paludi

PERUGIA pt 29 voto 6,5

Prima parte da 8/8,5 e seconda appena sopra la sufficienza. Da una matricola, seppur di extralusso, forse non ci si poteva attendere una continuità al vertice, ma se tu godi di un pubblico tra i più fedeli e numerosi della categoria e vanti in roster gente come Taddei, Verre, Falcinelli, Del Prete ecc puoi fare di più.

MODENA pt 28 voto 6

Vale lo stesso discorso fatto per il Perugia, con l’aggravante che qui non siamo più matricole da un pezzo. La squadra è indubbiamente completa in ogni reparto, con l’aggiunta di uno tra i tre migliori bomber in circolazione in serie B, El Diablo Granoche. In più in panchina c’è un combattente navigato come Novellino… tradotto, bisogna migliorare assolutamente la classifica

TERNANA pt 28 voto 6,5

In linea con i propri obiettivi, almeno con quelli della società, perché forse i tifosi dopo anni di vacche magre, si attendono di più di una salvezza risicata, la squadra rossoverde ogni tanto ha regalato exploit che inducono all’ottimismo, specie se il talento di Bojinov si manifesterà con più frequenza

VICENZA pt 28 voto 7,5

Molti davano la squadra veneta per spacciata, dopo un burrascoso ripescaggio dell’ultimissima ora e una rosa allestita tra mille difficoltà, con nomi al più poco avvezzi a un campionato così impegnativo come quello cadetto. Invece spesso nelle difficoltà emergono i valori forti e a quanto pare il Vicenza ha molte risorse

BRESCIA pt 26 voto 7

Lo stesso discorso lo si può applicare per il Brescia, la squadra con più presenze in B ma che quest’anno sta vivendo probabilmente la più complicata delle sue stagioni, alle prese con una conclamata crisi societaria, che sfocerà nel passaggio di consegne tra il presidente di lungo corso Corioni e una cordata straniera. In campo Caracciolo sta letteralmente sostenendo un gruppo di giovani molto interessanti (come da tradizione del vivaio delle Rondinelle). La salvezza non dovrebbe essere un problema, dopo di chè si potrà tornare a sognare in grande

BARI pt 26 voto 5

La stagione scorsa fu epica, quasi da romanzo e quest’anno sembrava ovvio che il Bari, sull’onda dell’entusiasmo e di una squadra ulteriormente migliorata, dopo aver trattenuto i suoi gioielli, potesse puntare addirittura alla promozione diretta. La stagione del rilancio di Mangia è da bocciare, al nuovo tecnico Nicola il compito, non semplice, di ricompattare la squadra per evitare spiacevoli inconvenienti in fondo alla classifica.

VIRTUS ENTELLA pt 25 voto 6,5

Il campionato della matricola assoluta Entella è pienamente sufficiente, anche se si naviga a vista sopra la zona retrocessione. L’impianto è valido e gente come gli esperti Mazzarani e Sansovini e l’emergente Under 21 Battocchio ce li hanno in pochi, per questo ritengo che la squadra ligure possa togliersi diverse soddisfazioni

VARESE pt 23 voto 6

Una stagione contradditoria quella dei lombardi, che già lo scorso anno dovettero sudare sette camicie per rimanere in B, lontani dai fasti delle recenti stagioni. Quest’anno le difficoltà sono ulteriormente aumentate ma la sensazione che, un po’ l’esperienza, un po’ la notoria tecnica di molti interpreti, potranno aiutare il Varese a conseguire il suo minimo obiettivo

LATINA pt 21 voto 4

Non mi nascondo, a inizio campionato avevo indicato il Bari e il Latina come forti pretendenti alla promozione in serie A. In particolare avrei scommesso sui laziali, perché ritenevo il magnifico campionato scorso, terminato a un passo dalla promozione, non certo un caso isolato. Quest’ anno la rosa allestita in partenza mi sembrava se possibile ancora più forte di quella passata ma i risultati furono impietosi da subito, costringendo la società a un cambio tecnico (e su Beretta avevano puntato molte fisches, così come su molti suoi ex giocatori del Siena giunti a Latina con lui, dopo il fallimento del club toscano) e a rivedere tutti i piani iniziali. A questo punto tocca a Breda dare continuità, sicurezza e fiducia a un gruppo apparso troppe volte sulle gambe e in disarmo dal punto di vista psicologico

CATANIA pt 21 voto 3,5

Da possibile ammazza-campionato a squadra peggiore della categoria in un batti baleno. Come sia stata possibile l’evoluzione della squadra etnea, a lungo protagonista in serie A nell’ultimo lustro, è difficile a sapersi ma forse è stato proprio il contraccolpo psicologico a non essere stato assorbito a dovere. In B bisogna entrare nella giusta mentalità, altrimenti si rischiano bruttissime figure. Ma la società intende fare sul serio, senza buttare al vento una stagione, e l’ingaggio del centravanti Maniero dal Pescara lascia intendere che nel girone di ritorno la musica cambierà.

CROTONE pt 21 voto 5

Soltanto pochi mesi si parlava, e a ragione, di favola con tutti i crismi, col Crotone di Drago giunta a contendersi la promozione, presentando contro ogni avversario un gioco scintillante, armonioso. Si sapeva che molti di quegli splendidi e promettenti interpreti sarebbero volati verso altri lidi o tornati all’ovile delle proprie squadra madri, ma lo stesso la rosa allestita, sulla falsariga di quella passata, sembrava buona al punto da escludere simili patemi. Molti giovani cresceranno, ne sono certo, ma per quest’anno occorre essere realisti e puntare alla salvezza

CITTADELLA pt 20 voto 5,5

I miracoli in serie compiuti da Foscarini quest’anno nel corso della sua lunghissima stagione quest’anno dovranno materializzarsi in corso d’opera un po’ prima del previsto, se non si vorrà sprofondare in Lega Pro dopo tanto tempo. Il copione sembra lo stesso ma oggettivamente bisognerà iniziare a correre. Le ultime gare hanno dimostrato che il carattere, così come l’abitudine a lottare, non mancano e questi due ingredienti potrebbero rivelarsi fondamentali.

 

Serie A: flop Napoli, boom di reti tra Inter e Milan. Intanto in Inghilterra brilla la stella di Graziano Pellè

E’ iniziato il campionato da due sole partite. Ieri qualche fuoco d’artificio è stato lanciato, specie dalle milanesi ma la sensazione che i quadri tecnici della serie A siano piuttosto sbiaditi è lampante. Juve e Roma già a correre, a vincere con il minimo sindacale, senza dannarsi troppo l’anima, e assieme a loro un Milan assai diverso da quello dimesso delle ultime stagioni ma che indubbiamente non sembra avere il pedigree della squadra vincente. Spettacolo in avanti indubbiamente, un Menez in stato di grazia e in genere buone trame offensive a mascherare quelle che sono mostruosità in terza linea. Inzaghi, tecnico assai promettente e dalla giusta mentalità, dovrà lavorare parecchio per trovare equilibrio fra i reparti. L’Inter umilia il Sassuolo, con identico punteggio dello scorso anno, la Viola senza Pepito fatica tremendamente in zona gol (ancora a secco, nonostante le innumerevoli occasioni ma pure Pinilla poteva far male e allora a sorridere sarebbe stato il Genoa). Buoni squilli da Atalanta e Sampdoria (bella la coppia Gabbiadini-Okaka con l’ex romanista finalmente al top, avendo trovato il giusto mix tra indubbie qualità tecniche e strapotere fisico. Ma l’exploit vero lo ha compiuto il Chievo, capace di espugnare il San Paolo di Napoli. La squadra di Benitez è in evidente crisi. Probabilmente ne uscirà ma prevedo una stagione assai difficile per i partenopei, ancora scossi dalla precoce eliminazione di Champions. Stasera personalmente ho grande curiosità per il debutto della stella Saviola al fianco di Toni alla guida dell’attacco gialloblu dell’Hellas contro il Palermo. Tra l’altro dopo un bel po’ di tempo tornerò allo stadio e l’emozione che sa regalare il Bentegodi è sempre palpabile!

download (3)

Ma l’Italia del calcio in questi giorni guarda anche oltre Manica. Balotelli? No, grazie, che se la spassi con le parrucchiere inglesi che è meglio. Scriviamo piuttosto del salentino Graziano Pellè, per alcuni ancora ingiustamente etichettato come quello che “da noi” non segnava mai. Ma, dati alla mano, ora che di gol ne segna in modo alquanto naturale anche in Premier, non basta più sbolognare la cosa come “ma tanto in Olanda i gol li sanno fare tutti!”. Sì, come no? Come fosse semplice per ogni attaccante siglare 50 gol in due stagioni di campionato col Feyenoord. Da tempo non siamo più il centro del mondo calcistico e se Pellè in Europa sta esplodendo, seppur tardivamente (nel 2015 compirà 30 anni tondi), un motivo valido ci sarà. Complimenti ai nostri ragazzi che all’estero tengono alta la nostra bandiera. Lui, ma anche Santon, Donati, Fausto Rossi, sperando che i due ex frombolieri del Toro Cerci e Immobile si sappiano disimpegnare anche in contesti davvero impegnativi e competitivi.

 

Federico Macheda, un talento ritrovato grazie al boom di Birmingham, ora ripartirà dal Cardiff

 

download

Federico Macheda è pronto a giocarsi una grande chance di tornare protagonista a certi livelli grazie al Cardiff City, la squadra gallese appena retrocessa dalla Premier League. Tuttavia qui ci sono solide basi per un progetto, e soprattutto il fatto che l’attaccante italiano ritroverà uno dei suoi mentori, quel Ole Gunnar Solskjaer, ex Manchester Utd come lui, che tanto lo apprezza dai tempi in cui l’ex laziale deliziava il pubblico che assisteva alle partite delle “riserve” dello United. L’ex bandiera ai tempi di Ferguson è uno dei più promettenti allenatori d’Inghilterra e ha già speso parole d’elogio nei confronti di Kiko che, dopo gli esordi folgoranti con la maglia dei Red Devils (come dimenticare il suo gol decisivo all’esordio in prima squadra quando non era ancora maggiorenne, sollevando l’entusiasmo dei più navigati compagni e di tutti i tabloid inglesi?). Di acqua da allora ne è passata sotto i ponti e Federico, pur continuando a godere della stima dell’ambiente e di Ferguson non si è confermato a certi livelli, fallendo clamorosamente con le maglie di Qpr, Sampdoria e Stoccarda (mai a segno con queste maglie in campionato) fino al ridimensionamento avvenuto l’estate scorsa col passaggio alla matricola Doncaster Rovers in Championship.

images

Qui la parziale rinascita (3 gol in 14 partite) ma soprattutto una ritrovata condizione fisica – atletica e una rinnovata fiducia nei propri notevoli mezzi tecnici che hanno sancito la sua piena affermazione col passaggio a gennaio nella più prestigiosa Birmingham City. Qui Macheda ha fatto letteralmente la differenza, segnando con una regolarità spaventosa, ben 10 reti in 18 gare, divenendo stella della squadra e idolo indiscusso della tifoseria. A 22 anni non è troppo tardi per riprendersi palcoscenici importanti, e lui possiede molte doti che agli inglesi piacciono, prime fra tutte la determinazione e la voglia di lottare.

Roberto Mancini, idolo dei tifosi del City, da noi sarebbe già stato esonerato?

Roberto Mancini, a detta di tutti, guida una squadra da sogno, in teoria dalle risorse economiche illimitate (poi, vuoi mettere mai che il fair play finanziario venga messo sul serio in atto?), e ogni estate può sedersi tranquillamente al tavolino del club per discutere se sia meglio sganciare soldi per prendere, chessò, Cavani o Falcao?

Eppure, dati alla mano, presenta ancora un curriculum modesto, rosa alla mano: una FA Cup nella vittoria di due anni contro lo Stoke City e una Premier vinta al photofinish nella passata stagione contro i rivali dello United, battuti solo per differenza reti. Lasciamo perdere la Champions, dove, nonostante l’apporto di campioni quali Tevez, Aguero, Dzeko, Silva, Tourè (mi fermo per questioni di… spazio), da due anni consecutivi non riesce a superare la fase a gironi.

mancio

Quest’anno,poi, oltre appunto al fatto di essere stati già eliminati precocemente dalla massima competizione europea, anche in campionato le cose non vanno benissimo: sono ben 12 i punti che separano il City del Mancio dal “solito” United di Ferguson.

Insomma, ci sarebbero tutti i requisiti, se Mancini allenasse in Italia, per far scattare l’allarme – tradotto “l’esonero” – invece in Inghilterra Roberto è considerato alla stregua di un Mito dai suoi tifosi, che gli riconoscono di aver portato quei successi che solo fino a un lustro fa sembravano utopia (ok, non c’erano ancora gli sceicchi, diranno i maligni).

Da più di 30 anni il Man City veleggiava nell’anonimato più assoluto, niente coppe, niente exploit particolari contro le storiche rivali, niente campioni tra le sue fila. Mancini ha portato una caratura internazionale tutta nuova, e con lui i tifosi si sono ritrovati a condividere un sogno, quello di primeggiare contro i cugini plurimedagliati dei Red Devils. Sarebbe come se il Toro, da anni nell’oblio del grande giro calcistico italiano e europeo, si ritrovasse come per magia a primeggiare sul mercato, a vincere in Patria, rinnovando antichi splendori. Utopia, sogno, appunto, e poi i tifosi granata sono ben inchiodati con i piedi per terra per anche solo immaginare un futuro così roseo.

Ma la storia del City e di Mancini deve far riflettere ancora una volta sulle notevoli differenze tra il calcio italiano e quello inglese. Da noi esistono presidenti come Cellino, Preziosi, Zamparini o Camilli (ieri l’ennesimo esonero per il patron del Grosseto) che fanno e disfano, in Inghilterra c’è chi spende milioni e milioni di sterline per vincere (almeno finora) relativamente poco, eppure il tecnico è considerato un Grande, un Intoccabile. La cultura calcistica di un Paese la si vede anche da queste cose. Poi lasciamo stare che i massimi campionati europei (Inghilterra, Germania e Spagna) siano già in pratica decisi a metà stagione (con gli attuali distacchi abissali delle rispettive capolista Manchester Utd, Bayern e Barcellona sul resto del gruppo) e che invece da noi sia bello e avvincente lottare per scudetto, terzo posto e salvezza. Purtroppo le cose che spesso fanno la differenza sono il comportamento, il fair play (di presidenti, di giocatori, di tifosi) e tutto ciò è ancora piuttosto carente sui nostri campi di gioco.

Non solo Balotelli: dal City è rientrato in Italia anche Luca Scapuzzi

Luca Scapuzzi, giovane calciatore cresciuto nel Milan, è appena rientrato in Italia, acquistato in prestito dall’ambizioso Varese. Attaccante atipico, in possesso di una tecnica molto elevata, non si può propriamente definire un goleador, ma è uno di quei giocatori che può cambiare il corso delle gare, con le sue giocate illuminanti, le sue accelerazioni e i suoi inserimenti. Tutte doti che lo fecero paragonare, quando ancora stava fra i ranghi milanisti, al modello Kakà, nonostante una struttura fisica meno impostata. Su di lui si muovono presto alcuni club minori che lo chiedono in prestito. Se lo aggiudica il Portogruaro e in un ambiente certamente tranquillo e non assuefatto da pressioni esterne, mette a referto in meno di due anni 29 presenze. Ciò è sufficiente per muovere addirittura degli emissari oltre Manica. Finisce addirittura al Manchester City, insieme al figlio di Mancini.

scap

Si allena spesso con top player autentici, respira la grandeur di un club in grande ascesa internazionale ma le occasioni per farsi notare sono ridotte al lumicino. Mette a segno un paio di gettoni di presenza in Coppa di Lega, assapora insomma il grande calcio inglese. L’anno successivo il City lo presta all’Oldham in terza serie e qui Luca ha modo di giocare e far divertire i suoi tifosi. E’ un ragazzo serio, si applica tantissimo e impara bene la lingua inglese. L’esperienza è fruttuosa e per la successiva stagione, il Mancio decide di prestarlo al Portsmouth, in Championship, in un club che intende risalire in fretta in Premier.

Non gioca tantissimo, a onor del vero, patendo più del dovuto l’irruenza e la fisicità dei difensori inglesi. In Championship non si gioca sul velluto, la componente agonistica è preminente e lui pare non del tutto adeguato alle “battaglie”.

Luca Scapuzzi in maglia City con Dzeko

Luca Scapuzzi in maglia City con Dzeko

Così in gennaio arriva la chiamata di Varese, con i dirigenti Milanese e Montemurro che già da un anno lo tenevano d’occhio. Scapuzzi rientra in Italia con un bagaglio d’esperienza importante, non è più la promessa delle giovanili che sapeva incantare con le sue giocate. Da lui ora ci si aspetta il salto di qualità, e una società seria e ben strutturata come quella lombarda può solo agevolarlo nel suo percorso di crescita. Il Varese sulla trequarti si è rinforzato benissimo, con gli innesti di Ferreira Pinto, fortemente voluto da Castori che lo lanciò a Cesena, Juan Antonio e, appunto, Scapuzzi. I requisiti per fare bene ci sono tutti.