La rinascita di Andrea Masiello

Sono tante le storie belle da raccontare nell’Atalanta che sta stupendo tutti in questo scorcio di stagione. Si stanno sprecando i paragoni col Leicester ad esempio. Forse si tratta di un volo pindarico, ma almeno da parte di allenatore e società si sta evitando di parlare in modo buonista e ipocrita di salvezza da raggiungere il prima possibile. Insomma, la consapevolezza nei propri mezzi c’è da parte degli orobici, ma anche credo si è consci che certi miracoli calcistici avvengono non dico una volta sola ma quasi.

Sta di fatto che la compagine bergamasca sta disputando un torneo di altissimo livello, conseguendo risultati anche eclatanti, dopo un inizio alquanto stentato, e sta mettendo in mostra gioiellini come da tempo nel pur quotatissimo vivaio atalantino non se ne vedevano. E poi c’è Gasperini, Gasperson come era chiamato a Genova, che pur col cruccio di aver fallito in una grande piazza, non ha smarrito il suo entusiasmo, la sua voglia e la sua abilità nel trasmettere idee di un calcio piacevole, atletico, veloce ma anche, forse mai come quest’anno, redditizio.

In mezzo a virgulti destinati con ogni probabilità a palcoscenici importanti, da Kessie a Caldara, da Gagliardini (quello con la maggior gavetta alle spalle, ma anche il più talentuoso del gruppo sin dalle giovanili, di cui divenne presto capitano) a Conti, da Petagna a Kurtic fino alle colonne Toloi e capitan Gomez, la storia che più mi pare significativa è quella di un calciatore che davvero si sta rilanciando. Anzi, sta quasi rivivendo un’epopea calcistica, dopo essere passato per reietto, dopo aver sbagliato, di grosso.

Sto parlando di Andrea Masiello, uno dei pilastri, fra i più importanti protagonisti di questa splendida ascesa dell’Atalanta verso i piani altissimi della classifica.

download

Un calciatore il cui nome viene quasi dimenticato, raramente nominato, se non in occasioni di gol (già 3 quest’anno) che per un difensore sono solo la ciliegina sulla torta, quasi avesse ancora delle colpe da espiare. Ai tempi del Bari la combinò grossa, fu protagonista volontario di combine, di autogol clamorosi, fu squalificato e tra i primissimi a collaborare. Una vicenda che ancora porta con sé degli strascichi, visto quante persone, quanti club, furono coinvolti a diverso titolo.

Lui cercava solo una nuova occasione, ben sapendo che forse almeno ad alti livelli non sarebbe mai più arrivata. In fondo si trattava di fare una grande opera di fiducia sulla persona, prima ancora che sul calciatore. Anzi, le sue doti di calciatore non erano mai state messe in discussione prima di quegli incresciosi fatti.

Il tempo sta dimostrando quanto per quei calciatori diventati tristemente noti alle vicende giudiziarie prima che sportive, sia difficile rientrare nei ranghi. Molti di loro si sono ritirati, altri hanno tentato carte esotiche, altri ancora sono ripartiti molto dal basso, con la fiducia appunto che pare persa, prima di tutto in sé stessi.

Andrea però era ancora giovane, un passato felice alle spalle, una famiglia che si stava costruendo dopo la nascita della primogenita Matilde nel 2011. Aveva tanto da farsi perdonare, molto ancora da dare, tutto praticamente da dimostrare. E l’occasione datogli dall’Atalanta, che lo tenne in rosa e lo fece rientrare in gruppo, era di quelle da cogliere al volo, da giocarsi al massimo delle possibilità. In fondo lo avevano aspettato, avevano creduto alla sua redenzione, lo avevano ascoltato.

In origine da giovanissimo difensore della Lucchese finì nel vivaio della Juventus (stesso percorso che fece tanti anni prima Francesco Baldini, identico ruolo, che si ritrovò a dominare in ambito giovanile con Del Piero e compagnia) e riuscì a destreggiarsi grazie a doti non comuni per un centrale difensivo, in particolare nella velocità e nella tecnica. Ricordo un suo gran gol a un Torneo di Viareggio (tra l’altro suo paese natale) in maglia bianconera, in cui come birilli scartò diversi avversari prima di depositare il pallone in rete. Per la cronaca le Coppe Carnevale vinte con la Juventus furono 2.

Per quanto poi in prima squadra fece solo una comparsata, la sua carriera si dispiegò agevolmente nei passaggi ad Avellino e a Genova, sponda rossoblu, preludio dell’avventura barese, iniziata nel migliore dei modi, avendo incrociato sulla sua strada due maestri come Conte e Ventura.

Sì, nel pimpante Bari di Bonucci e Ranocchia, di Meggiorini e Barreto, di Parisi e Almiron, a far bella figura in difesa c’era anche lui, baluardo che più di una volta si concedeva sortite offensive fruttuose per la squadra.

Sembrava quello l’apice raggiunto da Masiello in carriera, prima della rovinosa caduta.

Invece la sua è propria una bella storia, una storia di rinascita, di rivalsa, di seconda chance che la vita gli ha dato e che lui c’ha messo del suo nel saperla sfruttare al meglio. Con un’umiltà encomiabile, in silenzio, quasi ancora a vergognarsi di un passato recente ma che è giusto mettersi alle spalle, specie se si sta vivendo il momento più bello del proprio percorso calcistico e non si ha intenzione di fermarsi.

Il Pagellone della serie B al termine della Regular Season, squadra per squadra.

E’ terminato il campionato di serie B, estenuante come al solito con i suoi 42 (!) turni, ma mai come in quest’occasione così equilibrato e incerto fino all’ultimo, almeno nella zona “calda” dedicata alla promozione. E’ vero che storicamente il torneo cadetto regala sorprese e grande suspence ma con l’allargamento dei playoff fino all’ottavo posto in molte squadre hanno mantenuto alta la speranza di raggiungere l’obiettivo ed altre sono pienamente arrivate in corsa al momento opportuno dopo grande rimonta. Meno avvincente la lotta in coda, considerando che le tre retrocesse lo erano già prima di questa gara conclusiva: rimane il playout appannaggio di due tra le squadre più deludenti della serie B di quest’anno, considerando gli obiettivi stagionali iniziali. Rientra in A dalla porta principale, oltre il Palermo già promosso con varie giornate di anticipo (e che proprio ieri ha battuto il record di punti per la storia del campionato cadetto) anche l’Empoli di Sarri, squadra tecnica, che gioca un gran bel calcio, sulla falsariga della bellissima stagione scorsa terminata all’ultima gara dei playoff.

Ecco il mio resoconto completo della stagione, squadra per squadra.

AVELLINO 7

Premesso che tutte le matricole provenienti dalla Lega Pro mai come quest’anno hanno disputato una stagione favolosa, andando ben oltre le aspettative, se c’era una squadra partita col botto, quella è stata l’Avellino, in fondo la più blasonata delle quattro, laddove Latina, Carpi e Trapani erano autentiche debuttanti del palcoscenico della serie B. Girone d’andata ottimo per gli irpini, sempre in zona playoff e poi un lieve ridimensionamento, senza perdere mai di vista l’alta classifica. Alla fine per poco non si è centrato un obiettivo magari non dichiarato ma che – a conti fatti – poteva essere alla portata.

Il big: ARINI

Note di merito per il lanciatissimo terzino Zappacosta, inesauribile nelle due fasi sulla fascia destra e nel mirino dei grandi club, per il centrale difensivo Izzo e per il bomber Galabinov, mai così prolifico, ma il mio premio va ad Arini, questo mediano che ha conosciuto tanta Lega Pro prima di affermarsi a certi livelli ed entrare nel mirino di squadre di serie A. Passato dalle giovanili della Roma, ha terminato l’iter giovanile nel Napoli, diventando capitano delle selezioni azzurre. Poi tanta gavetta nei duri campi del sud e ora a 27 anni l’occasione per calcare palcoscenici più ambiziosi.

 

BARI 8,5

Comunque andrà la stagione, è impossibile non sottolineare l’impresa della squadra pugliese. Penalizzata a più riprese (brutta però questa consuetudine del nostro calcio di dare e togliere a torneo in corso punti importanti ai fini delle graduatorie finali), senza società – fino al bellissimo annuncio proprio in extremis dell’acquisizione del club da parte di una cordata presieduta dall’ex arbitro Paparesta – dapprima senza tanto sostegno di un pubblico sempre appassionato (come testimoniato dalle decine di migliaia di spettatori giunti allo stadio nel girone di ritorno, fino al tripudio dei quasi 50.000 dell’ultima gara decisiva per entrare ai playoff) e sin dalle prime battute senza allenatore, ruolo poi assolto alla grandissima dall’inedito duo, a questi livelli, Alberti-Zavettieri. Una risalita che ha dell’incredibile, una serie utile nella seconda parte del campionato da brividi, fino ai meritati playoff che, ora, sospinti da un notevole entusiasmo di tutto il capoluogo pugliese, fanno accreditare i biancorossi come i veri favoriti per la promozione.

Il Big: GALANO

Il collettivo l’ha fatta da padrone: certo, bisogna sottolineare almeno l’apporto in difesa di due talenti assoluti come Polenta, Ceppitelli (pure buon goleador) e Sabelli. Il primo, ancora giovanissimo, è in Italia da una vita e vinse un torneo Primavera (tra l’altro firmando i rigori decisivi) col Genoa accanto a El Shaarawy, Perin e Sturaro, mentre Sabelli era una delle colonne della Roma Primavera e attuale terzino dell’under di Di Biagio. Ma il migliore è stato un autentico prodotto locale: Cristian Galano, nato a Foggia ma cresciuto nel Bari e finalmente protagonista di una stagione ad altissimi livelli nel ruolo di trequartista in appoggio alle punte. Spunti, gol, giocate incredibili e tanta personalità, ha fatto il salto di qualità e a 23 anni è pronto per la massima serie.

BRESCIA 5,5

La prima delle deluse, anche se alla fine, classifica alla mano, i playoff sono sfuggiti per poco. Ma onestamente bisogna ammettere che mai i lombardi sono stati realmente in corsa per un obiettivo che la storia loro imporrebbe. La squadra è stata sin troppo altalenante, senza un’identità precisa, capace di sorprendere in alcuni elementi come di prendere delle cantonate pazzesche nei momenti salienti della stagione. Ottimo il lancio di tanti giovani, come da tradizione del club.

Il Big: CARACCIOLO

L’esperto attaccante ha cantato e portato spesso la croce, nel contesto di una squadra composta da vecchi leoni (tra cui il sempre positivo capitano Zambelli, ormai un’autentica bandiera delle Rondinelle, tra l’altro cresciuto nel vivaio locale) e tante giovani promesse. A sprazzi si è rivisto in tutto il suo talento anche Sodinha che sembrava perso per il grande calcio ma che, tecnicamente parlando, almeno in serie B, ha pochi rivali.

CARPI 6,5

Mai in affanno nella ricerca della salvezza, anzi, a un certo punto, per un buon lasso di tempo, i “piccoli” emiliani di una sempre più affermata provincia di Modena (vedi alla voce “miracolo Sassuolo”) sono pure anch’essi rientrati nell’affollata zona playoff. Un campionato insolitamente tranquillo che pochi forse avrebbero previsto alla vigilia e la sensazione che ci si possa assestare senza grosse difficoltà anche in futuro.

Il Big: MEMUSHAJ

Nell’ambito di una stagione memorabile, dove tutti sono promossi a pieni voti, nessuno dei protagonisti della storica promozione, quasi tutti esordienti in serie B, ha patito il salto di categoria, ma la nota di merito va all’albanese Memushaj, capace di segnare molti gol “pesanti” nell’economia della salvezza emiliana. Peccato per il grave infortunio (rottura del legamento crociato) patito nel finale di stagione. Un valido apporto l’hanno dato anche i più esperti a certi livelli, come il promettente portiere Colombi, ex Atalanta e le punte Mbakogu e Ardemagni, giunto dal Chievo a gennaio.

CESENA 7

La squadra di Bisoli magari non entusiasma sul piano estetico del gioco, specie se riferito ad altre squadre in lizza per la promozione, ma dalla sua ha una caratteristica ben marcata e rara in un torneo come questo: la continuità. Già, perché i romagnoli, comunque esperti e in un certo senso abituati ai saliscendi dalle categorie, mai hanno dato segno di cedimento, nel rispetto di un equilibrio comprovato da poche cadute a vuoto, così come pochi guizzi veramente esaltanti. Ripartirà in posizione di vantaggio, dalla semifinale playoff e sinceramente ci sono tutte le carte in regola per rivedere una squadra storica in serie A.

Il Big: D’ALESSANDRO

Tanti giocatori hanno veleggiato ben oltre la sufficienza, risultando tra i migliori nei rispettivi ruoli (dal ritrovato bomber Succi, ai difensori Renzetti e Krajnc, dall’esperto mediano Cascione al prodotto locale Tabanelli, finchè non è volato verso Cagliari). Inoltre si è visto a tratti il talento del giovane interista Garritano e la ripresa dell’ex viola Camporese, tormentato dagli infortuni ma il big, l’uomo capace di cambiare i destini delle gare è parso più volte l’ex romanista D’Alessandro. Il velocissimo laterale, ancora giovane (è del ciclo giallorosso dei Florenzi e Viviani) ha esordito prestissimo e ha già accumulato una vastissima esperienza cadetta, ma mai come in Romagna è riuscito a mettere in mostra le sue notevoli doti tecniche: un’ala vecchio stampo come ormai se ne contano ben poche nel panorama calcistico italiano.

 

CITTADELLA 6

Mai come quest’anno sofferta, sul bilico del precipizio ma alla fine meritata ampiamente la permanenza in categoria per la squadra della provincia di Padova (che ormai ha scavalcato le gerarchie, classifica alla mano). Foscarini, il Ferguson dei veneti, aveva una rosa francamente meno allettante degli anni precedenti, senza un vero bomber, almeno fino all’acquisizione tardiva del talentuoso Djuric , ma è riuscito a condurre la truppa all’obiettivo dichiarato grazie a un rush finale davvero degno di nota.

Il Big: PAOLUCCI

A 28 anni l’ex centrocampista cresciuto in un forte Pescara (in quella squadra tra gli altri il bomber Ciofani e il difensore Diakite, poi passato alla Lazio) di proprietà della Fiorentina, ha trovato la propria dimensione tecnica, dopo tanta, troppa serie C. Giocatore completo, di lotta e di governo, non fa mai mancare il suo apporto, è dinamico e sufficientemente tecnico, capace di caricare i compagni. Peccato si sia infortunato gravemente in extremis con conseguente inevitabile operazione. Bene nel finale anche il contributo di Djuric, decisivo in zona gol (gli manca purtroppo la continuità per sfondare del tutto), mentre si è ben confermato l’ex “gemello” di Baselli nella scorsa stagione, quel Busellato, ventunenne prodotto del vivaio locale, su cui si stanno muovendo diverse big.

CROTONE 8

Stagione storica per i pitagorici, a cui è ora impossibile precludere dei sogni legittimi di promozione. Che playoff siano dunque, mai come in questo caso meritatissimi, perché se c’è una squadra che per tutto l’arco del lunghissimo torneo ha saputo ben bilanciare esigenze di risultato e bel gioco, è proprio quella del bravissimo allenatore Drago.

Il Big: BERNARDESCHI

Si è detto: il Crotone dei giovani. E mai definizione fu più azzeccata. Perché se è vero che un grande contributo l’hanno offerto anche giocatori più esperti come la bandiera Galardo, crotonese doc e i terzini, l’arrembante ex juventino Del Prete (che vinse tutto a livello giovanile con i vari Giovinco, Paolucci, Marchisio e Criscito tra gli altri) e Mazzotta, sugli scudi sono finiti proprio gli under 20: il portiere Gomis, Cataldi (fresco vincitore l’anno scorso con la Primavera della Lazio) e gli azzurrini Crisetig e Dezi (che prima di finire nelle giovanili del Napoli già furoreggiava da giovanissimo in serie C con la maglia del Giulianova). Premio però il fantasista ex viola Bernardeschi, autore di 12 gol, molti dei quali di pregevole fattura, ad appena 20 anni in grado di trascinare spesso i compagni, finendo nel mirino persino di Prandelli che ha speso parole di grande elogio al riguardo, dicendo che in Italia pochi saltano l’uomo come lui. Una vera investitura quindi per un giocatore che potrebbe fare la differenza nei playoff.

EMPOLI 8,5

download (1)

Cavalcata trionfale e raramente messa in discussione quella dei toscani di Sarri che, dopo le belle stagioni Di Arezzo, aveva faticato a emergere a buoni livelli. Ora l’allenatore ha centrato la sua prima promozione in A alla guida di un gruppo solido, formato in grandissima parte dagli stessi giocatori che sfiorarono l’impresa appena 12 mesi fa, perdendo la finale playoff contro il Livorno. Partiti con alterne fortune verso la serie A Regini e Saponara, sul campo sono stati egregiamente sostituiti dal prodotto cresciuto in casa Rugani (che però aveva terminato l’iter giovanile nella Juventus, che tuttora ne detiene il cartellino) e da Verdi e Pucciarelli (altro proveniente dal floridissimo vivaio empolese) che si sono alternati nel ruolo di trequartista alle spalle del super duo Tavano – Maccarone.  Nonostante la pressione durante il campionato a sua volta del Lanciano, dell’Avellino e ultimo, del Latina, i toscani non hanno mai seriamente messo in pericolo la conquista della promozione diretta.

Il Big: RUGANI

Classe ’94, ha bruciato le tappe, giocando in un ruolo delicatissimo, centrale difensivo, spesso tra l’altro nei panni di leader. In grado di compensare doti tecniche, fisiche e atletiche, è il fiore all’occhiello di un vivaio che ha dato alla prima squadra anche l’altro difensore centrale, il più esperto Tonelli, il laterale sinistro albanese Hysaj (coetaneo di Rugani e già alla seconda stagione da titolare fisso), il fantasista Pucciarelli e i centrocampisti Valdifiori (alla prima promozione in A ) e il venezuelano Signorelli. Insomma, tutto o quasi nasce da lì e da una società solida che non sbaglia un colpo. Se poi davanti puoi disporre pure di due colossi come Maccarone e Tavano che giocano con l’entusiasmo dei ragazzini e con un grande attaccamento alla maglia, allora tutto diventa più facile.

JUVE STABIA 4

Un cambiamento drastico, quasi senza spiegazione quello della squadra campana, dopo il buon campionato scorso, da matricola per la B. Arreso sin dalle prime battute, intristito dai risultati che proprio non arrivavano, il team stabiese non è mai stato in corsa nemmeno per il penultimo posto, e a tutt’oggi sembra azzardato prevedere una pronta risalita in cadetteria, specie al termine di una stagione che ha mostrato sul campo una pochezza tecnica a tratti disarmante, se paragonata alle bellissime prestazioni ancora impresse nella memoria degli appassionati nel campionato scorso.

Il Big: VITALE

Difficile in un contesto simile emergere per i più giovani, seppur dotati di grande talento, come Falco, Zampano, Liviero o Suciu, alla fine gli ultimi a cedere le armi sono stati i “vecchi” Caserta e il terzino rigorista Vitale, stabiese doc che mai ha fatto mancare il suo impegno e l’attaccamento ai colori.

LANCIANO 7

Al secondo anno di B, la squadra abruzzese presieduta dalla giovane Valentina Maio, è stata ad un passo dal raggiungimento dei playoff, dopo aver a lungo cullato il sogno, visto che almeno nel girone d’andata gli uomini di Baroni hanno duellato ad armi pari con gli squadroni, nelle primissime posizioni di classifica. Il Lanciano a mio avviso ha pagato la scarsa esperienza di molti suoi pur bravissimi interpreti ad alti livelli e una rosa francamente un po’ striminzita almeno nelle alternative ai “titolarissimi”.

Il Big: MAMMARELLA

Benissimo molti protagonisti, dal fantasista Piccolo alla punta Falcinelli, dal difensore goleador Amenta al portiere Sepe ma la palma di migliore va senz’altro al capitano Mammarella che, oltrepassati i 30 anni, ha inanellato una stagione monstre, confermando i miglioramenti già evidenziati l’anno scorso in Abruzzo e accentuando le sue doti di leadership. Poi, con quel sinistro alla “Roberto Carlos” ha fatto più di una volta impazzire i suoi tifosi!

 

LATINA 8

Matricola assoluta e per un soffio non ci faceva vedere il “doppio salto” dalla Lega Pro alla massima serie. Già, sono stati proprio i laziali a contendere fino all’ultimo respiro ai favoriti dell’Empoli un posto al sole in serie A. Una conquista che sarebbe stata sì clamorosa se riferita ai quadri di inizio stagione, ma assolutamente plausibile vista la “prova del campo”. Breda ha saputo in corsa confezionare un autentico gioiello che ora ha tutte le carte in regola per ambire a entrare di diritto tra le elette del nostro calcio.

Il Big: JONATHAS

E’stata la stagione della consacrazione per il brasiliano ex Brescia, da tanto tempo in Italia e finora mai espresso a questi livelli, con la giusta continuità. Grandi doti fisiche abbinate a una tecnica brasileira hanno fatto spesso la differenza. Che coppia in attacco con l’ex juventino Paolucci, ma benissimo hanno fatto pure Crimi in ripresa dopo alcune stagioni grigie, gli ex interisti Laribi e Gerbo, il promettente regista Viviani, dopo l’infelice parentesi pescarese, un ragazzo su cui in molti sono pronti a scommettere, memori dei prodigi nel vivaio della Roma, gli esperti Milani, Esposito e Bruno, imprescindibile per il reparto di mezzo.

MODENA 7,5

Un finale in crescendo, in cui Novellino è riuscito a trasmettere tutta la sua notevole esperienza, la sua grinta, anche mettendosi in gioco, visto che sembrava (ingiustamente) ormai fuori dai giochi a certi livelli, dopo alcune stagioni invero non memorabili. In Emilia ha ritrovato gli stimoli giusti per imprimere a tutto l’ambiente la fiducia necessaria per conseguire un traguardo minimo che ora consente ai più di sperare realisticamente nel Grande ritorno in serie A. Il connubio con un roster di giocatori ben amalgamato pare vincente, l’impresa è alla portata, nonostante i miei pronostici dicano altro.

Il Big: BABACAR

20 gol è il tondo bottino del colored ex viola, finalmente capace di esprimere al massimo le sue immense qualità in attacco. Potente, veloce, tecnico, freddo sotto porta, ad appena 21 anni alcuni già iniziavano a “preoccuparsi” del fatto che fosse sin qui troppo discontinuo o un po’ “insolente”. Invece a Modena ha zittito tutti i detrattori, trascinando i canarini a un grande traguardo. Con il Diablo Granoche compone in avanti un tandem “da paura”, in grado di scardinare ogni difesa avversaria.

NOVARA 5

Fine di un sogno? Non ancora, ma è evidente che la favola del Novara, che solo pochi anni fa era stata protagonista di una cavalcata culminata nella fantastica doppia promozione dalla terza alla massima serie, è diventata una realtà fatta di lotta e sudore per mantenere la categoria. La società è solida, il parco calciatori pare francamente buono, così come il pedigree degli allenatori che in questi due anni si sono succeduti alla guida della squadra, ma qualcosa evidentemente non ha funzionato. Non rimane che ancorarsi a un playout fra deluse contro il Varese ma è palese che siamo alla fine di un ciclo che tante gioie ha regalato al pubblico piemontese, visto che ha ottenuto i massimi risultati nella storia del club.

Il Big: LAZZARI

Flavio Lazzari prometteva tantissimo da giovane, avendo esordito non ancora maggiorenne nel Lodigiani prima di passare all’Udinese, dove era divenuto fiore all’occhiello di un ciclo giovanile molto interessante (con la punta Gerardi, il centrocampista Eremenko e il difensore Rinaldi tra gli altri). E’ passato attraverso diverse squadre ma mai come quest’anno è stato decisivo con le sue doti tecniche, bravo a realizzare ma soprattutto come assist man e dando qualità alla squadra nel ruolo di raccordo tra centrocampo e attacco. La sua forma e la sua voglia di emergere potrebbero fare la differenza nel playout contro il Varese. E a 28 anni non è troppo tardi per puntare in alto.

PADOVA 3,5

Inappellabile il mio giudizio sulla squadra veneta: non ci sono attenuanti per una stagione nata male e mai minimamente raddrizzata durante il corso della lunga stagione. A nulla sono serviti gli interventi in panchina, la sessione di mercato a gennaio e gli appelli di un’intera città che, dopo gli anni di Cestaro (che non aveva lesinato sforzi economici alla ricerca della serie A), ha visto sgretolarsi le speranze con la gestione sciagurata targata Diego Penocchio. Sarà dura ripartire e tornare protagonisti in tempi brevi.

Il Big: MELCHIORRI

Viene veramente difficile indicare un nome in una stagione tanto negativa per il club bianco scudato. Più facile indicare le tante delusioni, a iniziare dall’enfant du pays, quel Pasquato che avrebbe potuto (e dovuto) fare la differenza in campo, al vecchio Rocchi che con la sua esperienza poteva contribuire maggiormente in avanti. E poi i giovani come il figlio d’arte Benedetti o Almici a cui si chiedeva il salto di qualità sono parsi spesso in balia degli avversari. Poco hanno potuto fare le colonne Iori e Cuffa, cosicchè è giusto premiare la punta Melchiorri, 27enne che in passato fece faville con la Primavera del Siena ma che sembrava perso per il grande calcio (anche a causa di una grave malattia che lo colpì sul più bello, da cui poi si riprese perfettamente) e che invece ha mostrato buoni numeri e una grande propensione al gol, attirando le attenzioni di club titolati.

PALERMO 9

images (1)

Dopo l’abbaglio iniziale preso con Gattuso – che a mio avviso comunque pare tagliato per il ruolo di allenatore – Zamparini si è allineato al torneo cadetto, al quale non era forse più abituato, chiamando in soccorso l’espertissimo (e pluri vincente a questi livelli) allenatore Beppe Iachini, e consegnandogli una delle squadre più forti e complete mai viste all’opera in tutta la storia della serie B. Missione compiuta a suon di record, ma ora in serie A bisognerà evitare gli errori fatali che avevano portato all’inopinata retrocessione di due anni orsono. I mezzi per consolidarsi nella massima serie ci sono tutti.

Il Big: BOLZONI

Verrebbe da citare tutti i protagonisti di una stagione irripetibile (il fuoriclasse Hernandez, pienamente calatosi con la giusta umiltà nella realtà della serie B, il nazionale paraguaiano Barreto, il difensore Munoz, il ritrovato Vazquez, scommessa vinta da Iachini, il giovanissimo bomber Belotti, grande colpo proveniente dal florido vivaio dell’Albinoleffe) ma il mio preferito è stato l’ex interista Bolzoni che seguo dai suoi primi passi da calciatore. Una colonna in tutte le formazioni giovanili dell’Inter, un giocatore serissimo, che già ragionava da professionista a 15 anni. Centrocampista mai domo, corre per un infinità di chilometri senza mai perdere la lucidità necessaria anche per avviare l’azione, quest’anno per la prima volta pure puntuale in zona gol, tra l’altro capace di decidere importanti partite nel finale. Si distingue anche per il look anticonvenzionale se rapportato alla tipologia del calciatore “moderno” ma soprattutto per il suo rendimento sempre ben oltre la sufficienza. A 25 anni un veterano, destinato a una grande carriera.

PESCARA 5

La mia delusione personale! Ammetto che avevo puntato molte fiches a inizio stagione sulla voglia di rivalsa degli abruzzesi, sul fatto che – rosa alla mano – potessero davvero giocarsela alla grande con le squadre più accreditate (che alla vigilia ritenevo fossero Palermo, Empoli e Siena). Grandi giocatori, molti giovani sulla via della piena affermazione e un allenatore (Marino) che dopo brutte stagioni personali, aveva tutte le credenziali per rinverdire a queste latitudini il mito di Zeman. Invece né con lui in panca, né con Cosmi, il Pescara ha dato l’idea di potersela giocare almeno per i playoff, manifestando una grande discontinuità di risultati, una certa ritrosia alla vittoria (la “pareggite” ha colpito a lungo i biancoazzurri nel corso della stagione) e in generale immaturità nel momento di fare il salto di qualità.

Il Big: RAGUSA

Se ero pronto a scommettere sul Pescara a inizio stagione era soprattutto per il validissimo parco attaccanti messo a disposizione da un tecnico che solitamente prediligeva il calcio offensivo come Marino. Tra Cutolo, Sforzini, gli ex romanisti Politano e Piscitella (poi sostituito a gennaio da un altro prodotto della Roma, l’altrettanto talentuoso Caprari), il vecchio Mascara e Maniero, spiccava lui: Ragusa. Il quale,  pur cambiando ogni anno squadra non aveva mai deluso in passato con Salernitana, Reggina e Ternana, dopo le meraviglie con le giovanili del Genoa, quando da protagonista vinse uno scudetto Primavera. A Pescara si è confermato alla grande, sdoppiandosi spesso come ala e come interno, prevalentemente a sinistra. Nonostante il sacrificio richiesto, è stato uno dei più puntuali in zona gol, abilissimo anche come prezioso assist man.

REGGINA 4

Altra nobile decaduta come il Padova, retrocessa senza appello, al termine di una nefasta stagione in cui i calabresi mai davvero sono stati in lotta per la salvezza. Non mi spiego un simile crollo, le gare complete che ho visto mi avevano dato segnali confortanti, non confermati però alla prova successiva. Sono mancati i filotti buoni, e in un torneo come quello cadetto, spesso sono le serie a fare la differenza… e gli amaranto non ne hanno mai beccata una positiva, perdendo via via sempre più fiducia e sicurezza nei propri mezzi. Come il Bologna, la retrocessione è giunta peraltro in coincidenza con una ricorrenza importante (in questo caso il centenario della fondazione avvenuta nel 1914): tuttavia l’impegno di un amareggiato presidente Lillo Foti è ripromesso anche per l’immediato futuro e secondo me il prossimo campionato in Lega Pro sarà “di transizione” per un immediato ritorno in categorie più consone al blasone della squadra.

Il Big: DUMITRU

Come nel caso del Padova, nell’ambito di una stagione deludentissima, culminata nell’amara e anticipata retrocessione in Lega Pro, difficile sottolineare il campionato di qualche singolo giocatore. Nemmeno certezze come Di Michele o Adejo sono stati in grado di raddrizzare la barca che stava affondando. Qualche bel gol lo hanno regalato due ex promesse, ancora giovani (sono entrambi del ’91) Fischnaller e Dumitru. L’altoatesino, un passato fugace anche nelle giovanili della Juventus, ha avuto molte più chances rispetto all’ex Empoli e Napoli, sul quale fino a qualche anno fa veniva quasi scontato prevedere un futuro da protagonista a buoni livelli. A tratti Dumitru ha dimostrato di possedere doti tecniche davvero non comuni, ma non è bastato a salvare la squadra calabrese da un destino che pareva ben presto segnato.

SIENA 7,5

Punti alla mano, senza penalizzazioni, la squadra toscana allenata da Beretta, avrebbe meritato sul campo la qualificazione ai playoff, contendendo anzi realisticamente il passaggio diretto in A alle due big designate Palermo e Empoli. Tutti però siamo al corrente delle condizioni in cui i bianconeri hanno dovuto affrontare il torneo, che comunque hanno onorato alla grandissima, sfiorando d’un soffio l’accesso ai playoff nell’ultima gara, quella decisiva, se solo Rosina, il giocatore simbolo della squadra, non avesse sbagliato un rigore nel finale (ci sta il parallelismo con il granata Cerci al temine della gara contro la Fiorentina).

Il Big: ROSINA

Ok, come detto si è “macchiato” del rigore sbagliato all’ultima giornata ma Rosina quest’anno è stato davvero determinante per le sorti della squadra, arrivando a 30 anni suonati alla piena maturità calcistica e affermatosi finalmente secondo le reali potenzialità. Non più “Rosinaldo”, come lo chiamavano ai tempi del Torino, funambolico ma spesso anche fumoso trottolino offensivo, ma ormai perfetto nel combinare tecnica, giocate di fino e tanta concretezza e sostanza. E’ diventato anche molto prolifico, da lui deve ripartire il Siena per una nuova rinascita della società. Tutti comunque hanno onorato al massimo la maglia, con citazioni di merito anche per i giovani Spinazzola (ex giovanili Juventus) e Rosseti e per gli esperti Angelo (ormai una bandiera bianconera) e Dellafiore.

 

SPEZIA 7

Dopo anni di tentativi, investimenti, speranze, errori, finalmente i liguri sono arrivati in fondo alla competizione con solide credenziali per ambire all’obiettivo grosso: la tanto sognata serie A. Sono servite almeno quest’anno la girandola di giocatori subentrati in rosa, il cambio di allenatore e mille traversie, ma alla fine Mangia, uno dei migliori giovani allenatori su piazza, alla prima vera esperienza da professionista – dopo i primi precoci passi alla giuda del Palermo e la positivissima esperienza alla guida di una forte Under 21 azzurra – è riuscito ad amalgamare al meglio una rosa di gran qualità in tutti i reparti, battendo sul filo di lana Siena e Lanciano.

Il Big: GIANNETTI

Premio Giannetti per quello che ha fatto durante tutto l’arco della stagione, essendo giunto in Liguria solo a gennaio dopo aver furoreggiato nella natia Siena. Anche allo Spezia comunque il giovane centravanti, che aveva timidamente debuttato in prima squadra  nella Juventus anni fa, ha fatto il suo, completando una linea d’attacco fortissima messa a diposizione del tecnico Mangia, col colosso Ebagua e l’esperto Nick Ferrari, assai provvidenziale nel finale di stagione. Ma molto positivi ai fini della scalata playoff si sono rivelati pure il fenomenale portiere Leali, ad appena 21 anni uno dei migliori della categoria e pronto per la A, dove la Juve – che ne detiene il cartellino – probabilmente lo parcheggerà a settembre, gli esperti laterali Madonna e Schiattarella e il giovane regista Bellomo, un lusso per la B, spesso decisivo (anche da subentrato) con i suoi gol nelle ultime gare, quelle più importanti.

TERNANA 6

Si poteva fare di più onestamente. Campionato di basso profilo quello degli umbri, mai in lotta vera per non retrocedere (e questo è un merito) ma mai nemmeno agganciati al treno che portava alla chimera della serie A, un treno che abbiamo visto ha accolto nel corso del torneo molte compagini. Toscano è un ottimo allenatore ma rispetto all’anno scorso non ha mantenuto le attese, nel contesto di una squadra non certo indebolita, e ha dovuto lasciare in corso d’opera la panchina al più navigato Tesser. Risultato minimo raggiunto come detto ma una squadra come la Ternana può legittimamente ambire a qualcosa di più.

Il Big: ANTENUCCI

Una autentica sicurezza per la B, una garanzia per ogni squadra che volesse affidarsi a un efficace attaccante “di categoria”. Spiace tuttavia spendere questa denominazione per uno come Antenucci che avrebbe molti mezzi tecnici per poter dimostrare anche in serie A il suo valore.  Ha 30 anni e probabilmente andrà a maturare un’esperienza all’estero (lo danno molto vicino, al pari dell’altro attaccante cadetto Pavoletti, al Leeds di Cellino), nel frattempo ha condotto la Ternana a una comoda salvezza, segnando spesso gol spettacolari (a mio avviso, quello suo in rovesciata è stato il migliore di tutto il campionato). Confortante pure il miglioramento di Maiello (indicato come l’”Hamsik della Primavera del Napoli” ai tempi in cui furoreggiava in coppia con un certo Insigne nelle giovanili azzurre), il ritorno dopo lunga assenza dell’altro bomber Litteri e positivo il campionato a metà campo dell’ex reggino Nicolas Viola, ormai pienamente convertito al ruolo di playmaker “alla Pirlo”, lui che in passato (anche in diverse Nazionali giovanili) veniva impiegato come fantasista.

TRAPANI 8

A mio avviso la vera rivelazione dell’intero torneo, e poco importa (parlo non da tifoso, chè ai tifosi siciliani importava eccome!) che i playoff siano sfuggiti di pochissimo. Nella memoria rimane una stagione memorabile, fatta di grandi imprese, ottimo gioco espresso – per lunghi tratti IL migliore di tutta la categoria, grazie alla sagacia di un allenatore come Boscaglia, vero artefice del miracolo Trapani, portato in pochi anni dalla serie D a “quasi” la serie A. Per l’anno prossimo sarà possibile dare un seguito alla positiva stagione, magari limando con l’anno di esperienza in più sulle spalle, certi squilibri che hanno portato talvolta a risultati “incomprensibili” e poco preventivabili (tipo sconfitte casalinghe con squadre di più bassa classifica o passaggi a vuoto nei momenti “clou”della stagione) e mantenendo l’ossatura vincente, anche se il primo passo sarà proprio quello di ottenere la conferma del tecnico, attualmente chiamato dalle sirene della serie A.

Il Big: MANCOSU

Strepitosa la stagione di Matteo Mancosu, che ha bissato il titolo di capocannoniere ottenuto l’anno scorso in Lega Pro, ma migliorando sensibilmente il bottino di reti, chiuso a 26 marcature. Goleador completo, rapido, spietato sotto porta, instancabile, abile a lanciarsi sugli spazi come di approfittare delle “dormite” delle difese avversarie, segnando spesso “di rapina”.  Prometteva di più da giovane il fratello minore Marco (trequartista classe ’88 cresciuto nel Cagliari, già Nazionale Under 17 e attualmente al Benevento) ma con gli anni Matteo ha saputo scalare le gerarchie, dimostrando un carattere e una passione encomiabili, che a 30 anni compiuti potrebbero dargli in dote la serie A. Ma tutto l’organico – la cui ossatura era formata dal gruppo delle due storiche promozioni ravvicinate – è andato oltre le aspettative: dal regista Caccetta (un passato nell’ultimo Foggia di Zeman, che preferiva schierarlo terzino destro fluidificante) al veterano Basso, dalle bandiere Abate, Gambino, Nordi e Pirrone (notevole il loro contributo, anche talvolta da subentrati nel caso dei due attaccanti) ai nuovi Terlizzi, Ciaramitaro e Iunco che hanno portato in dote la loro maggiore esperienza rispetto ai compagni a questi livelli. Una stagione forse irripetibile ma le basi per consolidarsi in categoria ci sono tutte.

VARESE 5

Dopo diverse stagioni ai vertici, concretizzatesi in lotte serrate per una promozione in serie A che da queste parti manca da 40 anni, dai tempi eroici del duo d’attacco Egidio Calloni – Giacomo Libera, quest’anno il Varese, che da poco aveva cambiato società, si è trovato al centro di una stagione anonima, finchè a un certo punto è rimasto invischiato nella pericolosa lotta per non retrocedere. Sembrava alla portata, nomi alla mano, quantomeno una tranquilla salvezza, nonostante una stagione tutta in salita, invece a un certo punto è probabilmente subentrata la paura di non farcela, una certa insicurezza e forse inconsapevolmente pure la perdita d’abitudine di lottare per la sopravvivenza, anziché per la vittoria del torneo. Tutti fattori che allo stato attuale – non me ne vogliano i sostenitori biancorossi – mi fanno propendere per il Novara nella gara decisiva dei playout per la permanenza in categoria.

Il Big: PAVOLETTI

Non si può certo rimproverare il bomber Pavoletti di non aver dato il suo contributo alla causa. Certo, a inizio stagione per lui – reduce da una brillantissima stagione col Sassuolo che ancora ne detiene il cartellino – e per tutto l’ambiente era difficilmente pronosticabile un campionato tanto tribolato, con appendice finale della salvezza da decidersi dopo playout. Tanti gol da parte sua che non sono stati sufficienti, complici anche lo scarso rendimento di molti suoi compagni, in ribasso dopo le due positive stagioni precedenti, qualche cessione affrettata e non ben smaltita (ad esempio Nadarevic), lo smarrimento di alcuni talenti come Caetano Calil, lontano parente del funambolo di due anni fa al Crotone, quando fuori c’era la fila per accaparrarselo e Fabrizio Grillo, di ritorno dal Siena. Scarsissimo anche l’apporto dell’esperto Blasi,  che pare giunto a una prematura chiusura di carriera. La rosa messa a disposizione di Gautieri e poi di Sottili (entrambi ottimi tecnici) mi pareva pure competitiva in gente come Damonte, gli esperti Corti e Neto Pereira, i difensori Rea e Laverone e il promettente terzino sprint Fiamozzi, ma giunti a questo punto occorre solo giocare col coltello tra i denti per ottenere una difficile permanenza in categoria.

 

Matteo Paro, campione di sfortuna, potrebbe ripartire da Catanzaro.

Matteo Paro ad appena 30 anni si ritrova a un bivio della propria travagliata carriera: decidere dolorosamente di appendere le scarpe al chiodo dopo le belle promesse giovanili o ripartire nuovamente, stavolta dal basso?

La storia calcistica di Paro assomiglia a una sorta di Odissea, visto che la sua carriera è divisa nettamente in due tronconi: la prima, costellata di soddisfazioni, nella quale stava mettendo a frutto i prodigi mostrati da ragazzo; una seconda invece all’insegna dei gravi infortuni che ne hanno compromesso inesorabilmente l’ascesa nei piani alti della serie A.

paro

Leader riconosciuto di una Juventus giovanile che comprendeva fra i ranghi gente come Palladino, Cassani, Piccolo, Gastaldello, Konko e Mirante, Paro ha sempre giocato col piglio del veterano, regista sopraffino dalla buona tecnica di base, mai una giocata fine a sè stessa e tanti palloni che passavano inevitabilmente dai suoi piedi. Dinamico anche se non propriamente veloce, grande senso tattico, con la Juve vince due Viareggio e un Primavera, prima di approdare in prestito al Crotone dal mentore Gasperini. Anche in Calabria, Paro mise in mostra agevolmente le sue grandi doti, finendo per prendere per mano i più esperti compagni. L’ambiente è ottimo, sorta di succursale bianconera, visto che oltre a lui e all’allenatore, figurano in rosa anche Konko, Mirante, Gastaldello e Scicchitano.

Il successivo passaggio al Siena ne certifica e conferma le doti, fino al ritorno alla casa madre juventina, in occasione di un’annata storica, quella della prima dopo Calciopoli, con la Juventus mestamente scesa in B e depauperata da un punto di vista tecnico, nonostante le conferme di Del Piero, Buffon, Camoranesi e Trezeguet.

Deschamps gli affida le chiavi della squadra: lui gioca bene e mette a segno il primo storico gol cadetto (a Rimini) della centenaria avventura juventina.  Nella seconda parte di stagione, il regista si infortuna e l’anno successivo riparte da Genova, fortemente voluto dal tecnico Gasperini.

Matteo non gioca tantissimo, alle prese con problemi di natura fisica, ma quando è in campo dà pienamente il suo apporto alla squadra rossoblu. Tuttavia, proprio in questa stagione, nel 2008 rimane vittima del primo grave infortunio della carriera, quando in pratica ha appena 25 anni e tutta una storia calcistica ancora da scrivere. Contro il Napoli si rompe il legamento crociato anteriore del ginocchio sinistro, infortunio che lo terrà lontano dai campi di gioco per un’infinità di tempo. Quando rientra è già stato ceduto in prestito al Bari ma durante un’amichevole pre-campionato purtroppo si rompe il legamento crociato anteriore dell’altro ginocchio, il destro. Una mazzata, tanto che Paro perderà in pratica tutto il campionato, senza disputare nemmeno una presenza in maglia biancorossa e arrivando così al 2010, quando si profila per lui una nuova ripartenza, stavolta da Piacenza.

Ma i postumi del doppio infortunio sono ancora evidenti e in Emilia riesce a disputare solo 4 partite. A fine agosto si accasa al Vicenza dove ritrova un minimo di continuità, giocando in due stagioni 45 partite, segnando 4 gol, tra cui uno su punizione, la sua antica specialità. A contratto scaduto, però il ragazzo rimane senza squadra, fino ad arrivare ai giorni nostri, quando si è ventilato di un interessamento da parte dell’ambizioso Catanzaro, che mira a breve a tornare in B.

Inevitabilmente alcune sue caratteristiche sono andate smarrite, ma ciò che più colpisce nel suo gioco attuale è che sembra sempre frenato, e non potrebbe essere altrimenti visto i due pesantissimi infortuni che lo hanno colpito.

mat pa

Ho avuto modo di vederlo a Vicenza e in campo la sua tecnica è ancora sopraffina, sopra la media ma è altrettanto palese che fatica tremendamente a tenere i 90 minuti nelle gambe. Forse ripartire da una realtà piccola, ma molto passionale come quella di Catanzaro potrebbe rivelarsi una cosa buona per lui, ma deve essere lui per primo a capire cosa vuole fare della sua vita da calciatore. Vale la pena ancora rischiare? Quali sono le sue motivazioni? C’ è ancora la voglia di dimostrare di essere ancora un giocatore professionista? Io mi auguro che tutte queste domande abbiano come risposta un fragoroso SI e che Matteo possa tornare a dispensare calcio come sa fare. Purtroppo la sfortuna si è accanita su di lui proprio quando il grande calcio stava bussando alla sua porta. Forza Matteo!

AAA difensori centrali cercasi. Che si possa riformare la coppia Bonucci-Ranocchia in bianconero?

Il calcio mercato sta entrando nel vivo in queste settimane, nonostante (o forse grazie a) l’Europeo sia in piena fase di coinvolgimento. Un tempo, nemmeno troppo remoto, competizioni come un Europeo o un Mondiale, diventavano occasioni per conoscere calciatori, testare alla prova del campo presunti talenti e magari provare a scommettere sul nome “nuovo”.

Ora il nome “nuovo” è impossibile da scovare, la tv massificata e il web che aggiorna costantemente ogni situazione di ogni campionato, anche quello più sperduto, se da una parte hanno fatto sì che gente come me andasse in brodo di giuggiole (insomma, più informazioni ci sono, meglio è) allo stesso tempo hanno tolto una sorta di curiosità, di magia sul da farsi, volendo essere romantici ad ogni costo. Così, un terzino interessante come il colored ceco Gebre Selassie, dopo un paio di partite buone, poteva tornare utile per qualche  squadra italiana (la Roma?). Macchè, come anticipato in altre sedi, in pratica era già stato promesso al Werder. Difficile poi che, in tempi di magra come questo che stiamo vivendo, si possano fare certi investimenti in Italia. Chi vende bene è certamente l’Udinese, capace di fare delle plusvalenze da urlo (ultimo caso, i 36 milioni complessivi guadagnati per Isla e Asamoah dalla Juventus, una delle poche società italiane con soldi freschi da spendere).

Si punterà molto sul mercato interno, credo, almeno quello di solito diventa un’ancora di salvataggio per coloro i quali, più che i soldi, devono mettere sul piatto l’ingegno.

Lunga premessa per dire che, da qualche giorno a questa parte, in sede di mercato, oltre che  top player (odio questa parola) veri e presunti, sembra che a tenere banco siano alcuni tra i nostri migliori difensori centrali.

Su Astori si erano mossi il Milan prima e poi la Roma, e quest’ultima potrebbe essere in pole, considerando che probabilmente non otterrà il prestito del danese Kjaer (peraltro a mio avviso molto sopravvalutato). Il fatto è che la squadra di Cellino molto probabilmente finirà per cedere l’altro centrale difensivo, il 27enne Canini, anch’egli di gran talento e appetito dall’Atalanta (nel cui florido vivaio è cresciuto) e soprattutto dal Torino, a un passo dall’acquisto. Così Astori (classe ’87)  in bilico fino all’ultimo per partecipare all’Europeo, dovrebbe rimanere un altro anno a Cagliari.

Le mosse del Milan da tempo portano a Acerbi, autentica rivelazione del Chievo nella stagione appena conclusa. Lunga gavetta, nonostante la giovane età (è un 88). Dalla Lega Pro di Pavia alla cadetteria di Reggio Calabria, dove già l’anno scorso aveva dimostrato meraviglie, assieme a un altro talento emergente di difesa, Adejo, di un anno più giovane.

Con il riscatto della comproprietà da parte del Genoa, che deteneva il suo cartellino  insieme al Chievo, il giocatore finirà al Milan, così come da accordi presi con la squadra di Preziosi. Acerbi ha pazientato durante tutto il girone di andata, aspettando il suo turno ma, una volta entrato, non ha più concesso presenze ai suoi rivali, essendo comunque i vari Cesar, Morero, Mandelli degli onesti mestieranti ma nulla più. Con Andreolli (su cui è stato smentito un suo ritorno all’Inter), Acerbi ha formato una delle più interessanti coppie difensive della serie A. Tutte le big, dal Milan all’Inter, dalla Roma alla Juventus hanno chiesto informazioni su di lui, e alla fine come scritto sopra, la spunterà il Diavolo. Non un nuovo Nesta, per carità, ma alla fisicità e alla velocità, Acerbi unisce una buona tecnica. Un giocatore su cui provare a scommettere, insomma.

Solitamente il passaggio da una realtà di provincia a una squadra in lotta per grandi vertici provoca una situazione ambivalente. Chi supera la prova, sia da un punto di vista caratteriale che tecnico, diventa un “big”, chi invece non emerge è destinato a tornare in una società meno ambiziosa. Esistono le eccezioni, le seconde possibilità, per carità. E forse è a questo che sta pensando Antonio Conte nei confronti di Andrea Ranocchia, suo pupillo all’Arezzo e protagonista a Bari.

Da un anno e mezzo all’Inter, non si può proprio dire che Andrea abbia convinto gli scettici, anzi, forse è riuscito pure a scoraggiare chi in lui davvero rivedeva un erede legittimo dei grandi difensori di scuola italiana. Io continuo a pensare che sia un ottimo giocatore, probabilmente gli manca la cattiveria giusta, la personalità prorompente, sembra timido e sulla difensiva, metaforicamente parlando.

Ma un addetto ai lavori, un addetto di mercato, deve capire se sull’ex prodigio Ranocchia (classe ’88) si può ancora puntare, magari fidandosi di chi meglio lo conosce. Se davvero Andrea andasse alla Juve (ma la stima nei suoi confronti nell’ambiente è tanta, basti pensare che pure il Mancio del Manchester City e Ancelotti del Paris St Germain stanno provando a sondare il terreno con l’Inter), potrebbe riformare con Bonucci la coppia d’oro di Bari.

Tutti gli appassionati di calcio hanno negli occhi la stagione favolosa della squadra pugliese due anni fa, agli ordini di Ventura, ideale prosecutore del disegno di Conte. Di quel bel giocattolo, i fiori all’occhiello erano indubbiamente i due talenti al centro della difesa, che sin dalla primissima giornata, seppero imbrigliare i fortissimi attaccanti interisti. Da lì un crescendo di prestazioni, con i due complementari e perfetti insieme, abili sia con i piedi (forse sin troppo, infatti Bonucci ogni tanto si concede dei rischi) che con la “testa”. Ciò che colpiva era la grande intelligenza calcistica di entrambi, la loro affinità. Ricordo bene come i loro nomi da lì a pochi mesi finirono dritti nei taccuini di mezza Europa (si parlava di Arsenal, Manchester Utd, oltre che di tutte le big italiane).

Il resto è storia, con Bonucci in difficoltà nel primo anno juventino con Delneri alla guida (ma in fondo, in quella stagione delusero proprio tutti) e in pieno riscatto in quello successivo, con tanto di scudetto conquistato da titolare. Ranocchia invece, tra infortuni più o meno seri, e amnesie (come nella gara contro il Bologna, nella quale regalò un gol a Di Vaio con uno stop assai impreciso), a immalinconirsi in panchina nell’Inter.

Sarei proprio curioso, lo ammetto, di vedere ricomposta quella splendida coppia che aveva fatto sognare i tifosi del Bari. Io darei un’altra chance ad Andrea, le sue qualità erano davvero evidenti. Poi, è chiaro, la Juve può vantare i difensori titolari della Nazionale (Chiellini e Barzagli) ma avere in ogni caso un ct come Conte che ti stima potrebbe sbaragliare le carte in campo; per questo credo davvero che la voce che vuole la Juve interessata a Ranocchia sia tutt’altro che infondata e, anzi, sia il preludio a un ottimo affare di mercato.

Un ricordo di Francesco Mancini, ex portiere di Zemanlandia, stroncato da un malore improvviso a 43 anni

Un grave lutto ha colpito ieri il mondo del calcio: è morto all’età di soli 43 anni Francesco Mancini, preparatore atletico del Pescara.

Gli appassionati di calcio però ben lo ricordano come il portiere del Foggia dei miracoli emerso negli anni’90, sotto la guida del tecnico boemo Zdenek Zeman.

Proprio così, il guardiano di quella splendida terra chiamata “Zemanlandia” era proprio lui! Una squadra in cui gli attaccanti attaccavano e segnavano che era una meraviglia, i terzini spingevano per 90 minuti lungo le fasce con contrapposizioni repentine e ripetute, i centrocampisti erano per lo più preposti a impostare gioco e alla difesa non restava altro che provare a difendere il baluardo.

E in questo, nonostante i tanti gol subiti, Francesco Mancini era una sicurezza, sempre esente da colpe, anzi, quante volte ha evitato goleade con la sua freddezza e la sua bravura tra i pali. Non concedeva molto allo spettacolo Francesco (a quelli ci pensavano già le frecce Rambaudi, Baiano e Signori), era forse duro con i compagni di difesa, certamente aveva una grossa personalità che sciorinava all’interno dell’area piccola.

Ha giocato a lungo, difendendo le porte anche di Lazio (forse l’apice della carriera), Napoli, Bari, Pisa, Salernitana ma è indubbio che il suo nome rimarrà per sempre legato all’epoca di quel Foggia.

Nato a Matera, smesso i panni del portiere, inizia a preparare i giovani colleghi di reparto, ad allenarli a dovere. Fu così che dopo un paio d’anni di apprendistato tra Manfredonia e Foggia (dove l’anno scorso ritrova il vecchio mentore Zeman), il sodalizio col boemo si rafforza ulteriormente in quella che era diventata una stagione trionfale per il Pescara, capace di replicare o per lo meno di avvicinare quel gioco scintillante di cui lui era stato protagonista una ventina d’anni fa.

E così, mentre manifestiamo una gioia immensa per il ritorno alla vita di Muamba, il giovane calciatore del Bolton, il cui cuore aveva cessato di battere per 78 minuti, oggi piangiamo la precoce perdita di un grande uomo.

Addio Francesco

Forza Cassano!

Eh, no… dopo il povero Sic, perdere anche un altro talento nostrano come Antonio Cassano sarebbe stato davvero troppo. Stavolta non ci sarebbero venute in soccorso nemmeno quelle frasi vere ma che pure sembrano di circostanza come "cosa vuoi? nel motociclismo i piloti lo sanno che ad ogni curva rischiano la vita". Ma nel calcio questo in teoria non dovrebbe succedere, specie per un giocatore che, per quanto non ancora trentenne, è un professionista del pallone da ben 12 anni.
Tanti ne sono passati dallo splendido esordio di Cassano, subito ribattezzato Fantantonio. Per sfavillante esordio non intendo quello ufficiale, ma quello "vero", la sua prima da titolare, coincisa con una magia da far strabuzzare gli occhi, una prodezza da 3 punti contro l'Inter. Prima di lui era andato a segno l'altro talentino di casa con una cannonata da 30 metri.
Ma se di Hugo Enynnaya si persero quasi subito le tracce (attualmente sgambetta in Eccellenza lombarda), il barese di Bari Vecchia (come da subito si è voluto sottolineare) era qui per rimanere. Una carriera che poi solo a sprazzi fu mantenuta sui livelli di quel primo gol premonitore in serie A.
Le Cassanate lo accompagnarono da subito nel suo cammino, diventandone elementi inscindibili dalle abilità pallonare. Quanti gol, quanti sberleffi, quante espulsioni.. tutto condensato alla velocità della luce. Il passaggio alla Roma, il rapporto non proprio idilliaco con Totti, fatto di chiari e scuri, di alti e bassi, l'esilio dorato a Madrid, la pelliccia alla presentazione, il ritorno da campione acclamato a Genova, dove in coppia con Pazzini ha fatto rivivere nei tanti sostenitori blucerchiati il mito di Vialli e Mancini.
Ma i sogni durano poco, spesso drasticamente si tramutano nel peggiore degli incubi.. e cosa è stato se non un incubo, una nube profonda il suo precoce addio alla Samp? I soliti fantasmi caratteriali che lo attanagliavano, e sì che Antonio in quella breve parentesi sembrava davvero in pace con sè stesso, maturato, compagno fedele (dopo lo scoop delle 700 donne amate e raccontate nella sua autobiografia curata dal giornalista e amico Pierluigi Pardo).
E allora il Milan come salvezza, come ultima chiamata, come ennesima prova di maturità.. Antonio ce la sta facendo, ha contribuito con umiltà (parola spesa pochissime volte per lui) allo scudetto rossonero e quest'anno pienamente inserito negli schemi e recuperato anche in maglia azzurra, stava veramente diventando leader in campo e nello spogliatoio. Fino al (per fortuna temporaneo) stop! Le scarse notizie avevano contrbuito a far scattare allarmi spropositati (ictus, danni cerebrali, problemi al cuore)… fino al tanto sospirato e giustificato ottimismo degli ultimi due giorni. Torna presto a deliziarci Antonio, ti aspettiamo!

Il punto sulla serie B

La Serie B si dimostra come sempre torneo avvincente e mai banale, non fosse altro per le 42 giornate di campionato che determinano alla fine di un estenuante percorso le tre elette, coloro che approderanno nell'olimpo della serie A. So di non sbagliare se mi azzardo a definirlo il torneo professionistico italiano più complesso e difficile. Escludendo l'anno in cui salirono senza passare dai playoff (tale fu la superiorità dimostrata sul campo) le corazzate Juventus, Napoli e Genoa, anche quest'anno in realtà dopo gli equilibri degli ultimi due anni, in molti avevano notato, neanche troppo velatamente, come vi fossero tre squadre più attrezzate delle altre: la Sampdoria appena retrocessa, l'ambizioso Padova e il glorioso Torino, in cerca di riscatto dopo l'ultima opaca stagione.
Ma qualcosa alle loro spalle si muove, un lungo serpentone di squadre che, con un pizzico di determinazione, convinzione nei propri mezzi e – perchè no? – fortuna, rischia seriamente di compromettere le aspettative delle squadre sopracitate. E allora proviamo ad analizzare il breve tragitto fin qui percorso dalle compagini impegnate nella cadetteria 2011/2012.

ALBINOLEFFE – Non smette mai di stupire la piccola realtà bergamasca, sorta di "Chievo" della B che ogni anno parte a fari spenti, ma che poi sovverte pronostici e tentativi di catalogazione. E' partito a razzo l'ex prodotto del vivaio del Cagliari, il piccolo attaccante Cocco, capocannoniere e mai così prolifico in carriera. Il mister Fortunato all'esordio in B schiera un mix di giovani ed esperti che può mettere in difficoltà chiunque, ne sa qualcosa il Padova sconfitto nell'ultimo turno infrasettimanale.

 – ASCOLI – Dura a morire la squadra di Castori, veterana della B che, un po' come l'Atalanta, è riuscita in un batter d'occhio a cancellare la limitante penalizzazione. Si prevede un campionato difficile, con giocatori da testare, dopo alcune perdite eccellenti (il trio d'attacco Lupoli-Feczesin-Giorgi) ma alcuni stanno emergendo prepotentemente (vedi l'ex clivense Sbaffo o il difensore Ciofani), mentre Papa Waigo con il mister che lo fece esplodere a Cesena ha ritrovato fiducia nei suoi notevoli mezzi

BARI – Dura la vita delle retrocesse, ne sa qualcosa la squadra pugliese, affidata a un esordiente della cadetteria come Torrente, reduce dal boom di Gubbio. Ma le ultime due partite l'hanno rimessa prepotentemente in carreggiata nella corsa come minimo ai playoff. Ottimo Forestieri (ma non è certo una novità), la cosa più importante è che la squadra sembra aver smaltito la delusione dell'anno scorso, quando retrocesse mestamente.

 – BRESCIA – Una delle più belle realtà di questo inizio di stagione, la squadra di Scienza è una sorta di mina vagante, è reduce dalla massima serie ma ha puntato su un profilo basso, lanciando tanti giovani di qualità. Tra questi spiccano le bocche da fuoco offensive Juan Antonio, mago del dribbling in velocità, e il possente Jonatas. Ma anche prodotti fatti in casa come il fantasista El Kaddouri o il playmaker Salamon stanno andando oltre le aspettative

CITTADELLA – Partita senza nessun favore di pronostico dalla critica, che la vedeva assai indebolita rispetto alle ultime due stagioni, la squadra allenata dall'esperto Foscarini si è rimboccata le maniche, pescando l'ennesimo attaccante in grado di garantire numerosi gol (dopo Meggiorini, Ardemagni e Piovaccari, il testimone è stato raccolto da Maah, ormai pienamente recuperato). Attualmente a metà classifica, punta al bel gioco, specie tra le mura amiche del Tombolato.

CROTONE – Appare in difficoltà la compagine pitagorica, così come il suo allenatore Menichini. E sì che il telaio appare molto buono, con individualità di spicco come Eramo, Djuric, Caetano, la sorpresa Florenzi (neo campione d'Italia primavera con la Roma e protagonista pure in under 21) e l'attaccante Ciano, dal sinistro al fulmicotone. L'impressione è che debbano ancora trovare l'assetto giusto per rendere al meglio.

 – EMPOLI – Mi ero lanciato in un ardito pronostico nei confronti dell'Empoli, in quanto fiducioso sui notevoli mezzi dei fenomenini del vivaio, come Mori, Saponara, Dumitru e altri, coadiuvati dalle vecchie volpi Tavano, Buscè e Coralli. Invece, dopo una brutta partenza, Aglietti è stato esonerato e ora toccherà al navigato Pillon l'arduo compito di ridare fiducia a una squadra molto promettente.

GROSSETO – Tra le sorprese della stagione, la squadra di Ugolotti è tra le più continue a livello di prestazioni e risultati. Sognare è possibile, d'altronde, quando si dispone di gente come il cavallo di ritorno Sforzini, l'esperto Zanetti in regia e un ottimo prospetto difensivo come l'ex romanista Antei. Caridi è il leader riconosciuto, l'uomo che si assume le responsabilità maggiori.

GUBBIO – Dopo una partenza da brividi, nella quale la giovanissima squadra allenata dall'esordiente Pecchia è stata in balia di ogni avversario, faticosamente la matricola umbra si sta risollevando, a suon  di pareggi e prestazioni spesso al di sopra dei propri limiti. La difesa, composta per lo più da ex primavera, seppur talentuosi come il nazionale figlio d'arte Benedetti o il biondo Farina. è stata troppo spesso sotto tiro. Si preannuncia un torneo complicatissimo, dopo le ultime trionfali cavalcate che hanno permesso un doppio salto da sogno

JUVE STABIA – Altra matricola, ma che stavolta ha retto sin da subito il passo, contando anche su un pubblico d'eccezione. Braglia fa giocare la squadra a memoria e in B appaiono ancora più evidenti le innate doti del giovanissimo bomber Mbakogu.

LIVORNO– Non si può certo dire che a Livorno regni la massima fiducia nella squadra di Novellino, nonostante sprazzi di buon calcio e la volontà di cambiare ciclo, affidandosi a giovani in rampa di lancio come Remedi, Rampi o Bardi. I playoff comunque paiono ampiamente alla portata dei labronici, soprattutto se Paulinho tornasse a far vedere le meraviglie delle stagioni trascorse a Sorrento.

MODENA – In caduta libera dopo un discreto inizio. Bergodi faticosamente sta riuscendo nell'impresa di miscelare giocatori di categoria affermati come bomber Greco e Perna a giovani rampolli come Carraro, De Vitis e Spezzani. Si subiscono troppi gol.

 – NOCERINA – Diverte la squadra di Auteri, che propone un calcio champagne, come se non avvertisse la differenza di categoria. Ma la B sa essere fatale alla prima tua distrazione e di questo la Nocerina deve preoccuparsi per evitare di perdere punti preziosi. L'entusiasmo comunque sta dando una grossa mano, così come l'apporto del bomber brasiliano Farias, di scuola Chievo.

PADOVA – Rispetto all'anno scorso forse gioca peggio, nonostante l'ingresso in rosa di giocatori eccellenti come Cacia, Milanetto, Donati o Marcolini, tanto per citarne alcuni. L'organico è sontuoso e Dal Canto onestamente non può fallire. Occorre capire se avrà, oltre a indubbie qualità tecniche, anche la forza di allentare le inevitabili pressioni. Il cammino sinora, eccezion fatta per l'imprevista sconfitta con l'Albinoleffe, è stato regolare, e quindi in media promozione.

PESCARA – Tutti attendevano al varco Zeman, che è ripartito dal suo credo iper offensivo, soltanto parzialmente più equilibrato, col risultato che la squadra abruzzese si candida ad essere la vera incognita della stagione , in quanto capace di alternare prestazioni maiuscole, condite di gol e spettacolo ad altre in tono minore, soprattutto a livello difensivo. Finora ne stanno giovando i tre attaccanti, specie Insigne, imprendibile folletto della corsia mancina e l'ex jubentino Immobile che potrebbe addirittura vincere la classifica cannonieri (si accettano scommesse!)

 – REGGINA– Breda ha in mano una squadra apparentemente senza molti punti deboli e sta cercando di individuare l'11 migliore, in attesa del rientro a tempo pieno di Bonazzoli. Sinora non lo hanno fatto rimpiangere i bomber Campagnacci (che grinta 'sto ragazzo) e Ceravolo e l'ex enfant du pays Missiroli, uno dei big della categoria. Permangono tuttavia clamorose amnesie difensive e la mancanza di veri leader nella zona nevralgica del campo, lì dove spesso si vincono le partite.

SAMPDORIA – La corazzata di Atzori ha un compito stimolante ma pure ingrato: deve come minimo tornare in serie A, possibilmente senza passare nemmeno dai playoff. Certo, la rosa è sontuosa, gente come Piovaccari, Dessena o Maccarone si ritrova in panca, quando non confinata in tribuna. Ma il gioco latita paurosamente, si risolvono le partite con le superiori qualità dei singoli rispetto agli avversari e alla lunga questo potrebbe diventare un serio problema.

SASSUOLO – Dopo le ultime stagioni che avevano fatto accarezzare più volte il sogno di un possibile approdo nella massima serie, il ridimensionamento dell'anno scorso ha smorzato gli entusiasmi, specie alla vigilia del torneo. Allenatore preparato ma pur sempre proveniente dai settori giovanili (Fulvio Pea), giovani promesse come l'ex genoano Boakye ('93!), l'italo-tunisino Laribi o bomber fantasia Sansone sembravano poter garantire un campionato vivace ma francamente difficile da catalogare. L'alta classifica invece può essere alla portata, soprattutto se si raggiungerà un equilibrio maggiore, una continuità di risultati che finora è mancata.

TORINO – Non gioca benissimo la squadra di Ventura e per una volta la fortuna sembra sorridere ai granata nella corsa, ancora lunghissima, a quella serie A che manca davvero da troppo tempo. Il team vincente Ventura-Petrachi sta funzionando alla grande: primo posto solitario, squadra costruita con pochi soldi e tante idee, discreta gestione dei casi spinosi. Con un Ogbonna da nazionale.

VARESE – Sono disorientati i tanti sostenitori varesini, dopo le ultime splendide stagioni targate Sannino. A Benny Carbone è già stato dato il benservito, al suo posto un tecnico pragmatico come Maran deve cercare di non affondare la barca, pesantemente indebolita rispetto alla passata stagione. Il tempo è certamente dalla sua parte.

VERONA – L'Hellas sta ancora beneficiando dell'ondata positiva proveniente dalla felice promozione dell'anno scorso. La squadra gioca a memoria, insidia fortemente un posto nei playoff  a compagini più accreditate e, con un pizzico di cattiveria in più sotto rete, potrebbe addirittura avere più punti di quelli incamerati. Hallfredsson da serie A, Gomez che incanta tutti con le sue giocate e lo sprint di D'Alessandro alla stagione che potrebbe definitivamente consacrarlo sono tutte carte che mister Mandorlini vuole giocarsi sino alla fine.

VICENZA – L'ultima compagine veneta non se la sta passando per niente bene… anzi, diciamo pure che è la vera delusione del torneo sin qui disputato. Baldini al ritorno in panca ci ha messo del suo, non riuscendo a trasmettere quelle idee che l'hanno reso famoso sin dai tempi di Empoli quando in pratica inventò in Italia il 4-2-3-1. Di positivo c'è solamente il pieno ritorno al calcio giocato dell'ex juventino Paro, uno che qui può fare la differenza.