Considerazioni finali sul campionato di serie A 2015/2016

Si è concluso tra sabato e ieri il campionato di serie A, con le partite decisive ai fini degli ultimi piazzamenti “caldi” in contemporanea, per “garantire la regolarità del torneo” (concetto quantomeno “ballerino”, visto che partendo da quei presupposti, si sarebbero dovute disputare tutte e 38 le gare allo stesso orario).

download

Quello che doveva in qualche modo sancire un passaggio di consegne in vetta, con diverse squadre che di volta in volta vi si erano affacciate, alcune pure soggiornandovi a lungo (Inter, Roma, Fiorentina, Napoli), è finito per diventare il campionato che certifica il nuovo status leggendario di un club come la JUVENTUS, capace di aggiudicarsi ben 5 scudetti consecutivi, impresa capitata solo altre tre volte in serie A (la stessa Juve ’30-’35, quella cosiddetta “del quinquennio” appunto, il Grande Torino negli anni ’40, intervallati tuttavia dallo stop bellico e dall’incursione dei Vigili del Fuoco di La Spezia, e infine l’Inter del dopo-Calciopoli).

Insomma, la squadra di Allegri ha compiuto letteralmente un’impresa, specie rapportandola al calcio moderno, soprattutto tenendo conto delle serie difficoltà incontrare a inizio torneo, giustificate poi in modo fisiologico, viste le rinunce in estate a tre big riconosciuti come Pirlo, Vidal e Tevez.

Allegri c’ha messo solo un po’ di tempo per tastare il livello qualitativo della sua “nuova” Juventus, sciogliendo poi le briglie a cavalli di razza come l’argentino Dybala, destinato a segnare un’epoca e il francese Pogba, all’inizio sin troppo titubante, quasi abulico, nel calarsi nei panni del leader della squadra. La stessa inedita maglia numero 10 sembrava pesargli e non poco, e pareva che senza validi scudieri come i tre citati campioni ceduti in estate il francese faticasse a trovare la sua posizione migliore in campo, oltre che una sua dimensione tecnica.

Ormai invece non ci sono più dubbi: Pogba è un fuoriclasse, destinato a compiere imprese sia individuali che di squadra negli anni a venire, anche con la stessa Juve, visto che sembra scontata una sua permanenza.

Sugli scudi anche l’eterno Buffon, che intende prolungare fino ai prossimi Mondiali, la solita difesa imperniata sui tre colossi azzurri Barzagli-Bonucci-Chiellini, fra i quali timidamente si è scorto pure il talento puro del giovane Rugani, prezioso a inserirsi al posto di uno o dell’altro, specie di Chiellini, a lungo fermo per infortunio.

Hanno dato un enorme contributo alla causa anche Mario Mandzukic, tenuto sempre in seria considerazione dall’allenatore e mostratosi utilissimo alla causa, oltre che uomo d’area e di lotta imprescindibile. Dietro hanno scalpitato Morata, che il meglio lo sembra dare nei big match, specie quelli europei (e questo alla lunga potrebbe rappresentare un limite alla sua crescita) e Zaza, autore comunque di gol decisivi, vedi quello nel big match contro il Napoli.

Anche il centrocampo lungo il cammino ha trovato un assetto vincente, con Marchisio un po’ sacrificato davanti alla difesa ma affidabilissimo e un Khedira efficace anche in zona gol, oltre che posseduto dalla tempra del leader.

Notevole impatto anche del brasiliano Alex Sandro, valido assistman e dotato di un ottimo sinistro.

Non si può considerare un flop ma forse a metà campo il fosforo era lecito aspettarselo da Hernanes, che invero si è limitato al compitino.

Il NAPOLI ha compiuto un altro passo in avanti ma il gap nei confronti dei bianconeri è ancora lontano dall’essere colmato.

Ha mostrato probabilmente il calcio migliore del torneo, specie nel girone d’andata; ha giganteggiato in avanti, col centravanti Higuain MVP della serie A, e non solo per il clamoroso exploit sotto porta (ben 36 gol in 35 partite, superato il record di Nordhal che durava da ben 66 anni), ma anche per quanto ha dato in campo, quanto è stato importante per la squadra. Sarri si è dimostrato tecnico da grande squadra, dando un’impronta evidente.

Il secondo posto è stato legittimato al termine di una corsa a due con la rediviva Roma di Spalletti, e al netto dell’intero campionato, ampiamente meritato.

Occorre ancora qualcosa però per ambire al gradino più alto del podio.

Lascia l’amaro in bocca il terzo posto della ROMA, conquistato di forza e con prepotenza, dopo un periodo disastroso che aveva portato all’esonero di Garcia e alla perdita di sicurezze. Spalletti ha saputo toccare le corde giuste, rivitalizzando alcuni giocatori (El Shaarawy, giunto a gennaio e assai prolifico), rendendo centrali al progetto altri (Nainggolan mai così incisivo) e valorizzando al meglio talenti pure come Pjanic, in odore però di cessione, Salah e Perotti, altro rinforzo della sessione invernale di calciomercato). Florenzi e Manolas sono ormai dei califfi. Dulcis in fundo, ha gestito bene una situazione che sembrava essergli sfuggita di mano: quella relativa a Totti. Il Capitano ha dimostrato che, seppur a piccole dosi, è ancora in grado di essere giocatore importante.

Il quarto posto dell’INTER di Mancini sa invece di amara delusione. Partiti probabilmente non con l’obiettivo scudetto, i nerazzurri hanno poi di fatto cullato il sogno almeno per 1/3 del torneo, quando si erano dimostrati cinici (nelle vittorie di misura), determinati (nella veemenza di gente come Medel, Murillo o Melo), solidi (nel paratutto Handanovic e in un Miranda che sembrava in stato di grazia, alla Thiago Silva)  fantasiosi il giusto (prima della riscoperta di Icardi in zona gol, in elementi poi rivelatisi incostanti come Ljajic e Jovetic).

Le certezze sono crollate nel prosieguo del campionato, dove si è evidenziata una carenza evidente di qualità generale della squadra, specie nella zona nevralgica del campo, dove il solo Brozovic, schierato però con poca continuità, poteva vantare qualche colpo.

Altalenante anche il campionato della FIORENTINA, che ha tuttavia conteso a Napoli e Roma per lunghi tratti lo scettro di “più bella del campionato”, anche se poi nei momenti clou si è come squagliata, facendo pesare il dislivello qualitativo tra i titolari designati e i loro sostituti, nonostante gli innesti di gennaio Zarate e Tello, che però non sono riusciti a innalzare il tasso tecnico generale.

Sul più bello poi Kalinic, quasi implacabile in area tra doppiette e autore di una tripletta nel girone d’andata, si è fermato, finendo per afflosciarsi in zona gol e lasciando qualche dubbio per il futuro. La mediana ha giocato alla grande, imperniata nel “solito” Borja Valero, coperto da scudieri affidabili come Vecino e Badelj. La fantasia era appannaggio del talentino di casa Bernardeschi, che in effetti ha mostrato sprazzi di classe purissima, anche se appare ancora non del tutto a fuoco, specie a livello tattico. I numeri però li ha eccome, e intanto ha accumulato una buonissima esperienza quest’anno.

Sorprende l’exploit del SASSUOLO che, al di là dell’esito della Finale di Coppa Italia tra Juve e Milan (che potrebbe, a rigor di regolamento, regalare un’immeritata qualificazione in Europa League ai rossoneri) ha mostrato agli scettici ampi progressi, e soprattutto la propria forza al cospetto di compagini che partivano favorite per questo piazzamento (oltre al Milan, anche la Lazio).

Scorrendo la rosa, però lo stupore va a scemare, visto che in porta c’è un ottimo portiere come Consigli (con la pecca di un clamoroso autogol che però non macchia una grande stagione), la solida difesa, una delle migliori, imperniata sui titolarissimi Vrsaljiko, Cannavaro, Acerbi (uno dei migliori centrali della serie A per rendimento) e Peluso; a centrocampo sono emersi il giovanissimo Pellegrini e si è rivelato in tutta la sua forza il poderoso Duncan, di scuola Inter (non avrebbe certo sfigurato tra i nerazzurri e, almeno quest’anno, il paragone tra il suo rendimento e quello del pari ruolo Kondogbia è impietoso) e in attacco, pur non assistendo alla definitiva esplosione di Berardi e certificando come deludente il torneo dell’atteso Defrel, di volta in volta si sono ben disimpegnati la saetta Politano, il classico 9 Falcinelli, oltre che il confermato guizzante Sansone.

I mezzi per migliorare ci sono ancora, ma giustamente da queste parti non si vogliono fare i passi più lunghi della gamba.

Sul disgraziato MILAN ci sarebbe da scrivere un intero libro, o molto probabilmente liquidare la faccenda lanciando un allarme: urge ritrovare la grandezza perduta! I cicli vanno e vengono, la stessa Juve prima di Conte ha faticato non poco a imporsi, con stagioni anonime alle spalle. Ma il Milan sembra incurabile da tre stagioni a questa parte: passano gli allenatori, magari si rischia pure di bruciare gente valida (d’altronde non si dicevano meraviglie di Inzaghi o Brocchi quando guidavano le giovanili?), o di perdere la bussola, come fatto con Mihajlovic.

Bacca ha segnato, è vero, Bonaventura ha tirato la carretta, sballottato come Honda per il campo, e a mio avviso è tra i pochi che forse meritano questa maglia così gloriosa per il passato che rappresenta, anche se certi totem ovviamente sono inarrivabili.

Da qualcosa bisogna ripartire, verrebbe da dire cambiando i vertici societari e magari passando sì la mano oltre Italia.

Altra cocente delusione l’ha rappresentata la LAZIO, specie se la confrontiamo con quella spavalda, spesso splendida, di 12 mesi fa. Tante incognite, una rosa immensa difficile da gestire, giocatori clamorosamente sottotono, in primis la stella Felipe Anderson, ma anche Candreva, parso involuto per metà campionato e ripresosi solo nel finale, e a farne le spese è stato Pioli, acclamato sino a pochi mesi prima ma poco vigile quest’anno e non in grado di intervenire.

Il suo successore, Simone Inzaghi, ha la stoffa per allenare e, scoppola a parte con la Fiorentina, aveva dato segni di ripresa alla squadra: chissà se sarà stato sufficiente per Lotito ai fini di una conferma.

Ottimo campionato del CHIEVO, in grado di chiudere addirittura a 50 punti, laddove solo un anno prima era stato tacciato da molti di essere tra le più papabili candidati alla retrocessione. Un giudizio in effetti sin troppo severo, visti i progressi sul finale di torneo scorso dati dalla cura Maran.

L’allenatore si è confermato alla grande, mostrando gran piglio e voglia di imporsi, senza accontentarsi. Privato del suo miglior bomber, Paloschi emigrato in Inghilterra allo Swansea di Guidolin, non ne ha fatto un cruccio, optando per altre soluzioni tattiche e ripresentando a piccolo dosaggio il leader storico Pellissier. Citazione per l’indomito attaccante Meggiorini, a tratti imprendibile, l’affidabile portiere Bizzarri, un veterano, e per l’esordiente in serie A Nicola Rigoni, che poco ha da invidiare al più navigato ed esperto fratello Luca, un totem da queste parti. Promette bene la punta Inglese, autore di gol pregevoli.

L’EMPOLI di Giampaolo compie un’impresa, aggiudicandosi il decimo posto, miglior risultato della sua storia, e rivelando al mondo autentici talenti che diverranno prede dei grossi club: Saponara, che finchè il fisico ha retto, è stato forse il miglior trequartista della serie A, Zielinsky, qualità cristallina ma anche quantità nel nuovo ruolo cucitogli addosso dal mister (mezz’ala anziché fantasista), Paredes (play dall’ottima visione di gioco, di proprietà della Roma, così come l’aitante portiere Skorupski), Mario Rui (anche per lui una fragorosa conferma dopo i bagliori con Sarri, che l’avrebbe rivoluto con sé a Napoli) e capitan Tonelli, una roccia in difesa.

Una squadra sbarazzina, che ha saputo giocare al calcio senza timori reverenziali, alla quale si può solo imputare di essersi psicologicamente adagiata nel girone di ritorno, dopo essersi praticamente salvati già a gennaio.

Difficile classificare, al di là delle posizioni in graduatoria, le stagioni di GENOA, TORINO e ATALANTA. Hanno chiuso tutto sommato bene, rispettivamente a 46 (Genoa, al pari dell’Empoli) e 45 punti (Toro e Atalanta) ma il loro percorso è stato tutto un sali scendi, costellato di illusioni, speranze e cadute piene di paura.

Forse i più costanti sono stati i bergamaschi, ben presto stabilizzati però in classifica, lontani sufficientemente dalla zona rossa e pertanto finiti col perdere presto la vis pugnandi. Si sono esaltati però elementi come il portiere Sportiello, finito giustamente in orbita azzurra, l’olandese De Roon che c’ha messo pochissimo per ambientarsi in serie A, il redivivo Borriello giunto a gennaio dopo una mezza stagione anonima a Carpi e il satanasso offensivo Gomez, tornato quello dei fasti catanesi.

Diverse le situazioni di Genoa e Torino, due compagini che per pedigree, ambiente, tifo e città, vogliono sempre ambire a qualcosa di più di una comoda salvezza. O meglio, dovrebbe essere così, ma la realtà dei fatti parla di un campionato per entrambe fatto di guizzi, exploit per lo più isolati, senza purtroppo dare continuità ad essi. Se il Torino è sembrato ai più alla fine di un ciclo, più nella guida tecnica che in campo, visto i positivi innesti di giovani come Belotti, Baselli o in misura minore Zappacosta, il Genoa può solo mangiarsi le mani per aver troppe volte smarrito le proprie qualità cammin facendo.

Gasperini però è imprescindibile, allenatore capace di far indossare molte vesti tattiche ai suoi uomini, anche di ruotarli al meglio e valorizzarli. Una base solida c’è in Perin, Izzo (entrambi vincitori in passato di uno spendido scudetto Primavera con questa maglia), bomber Pavoletti, cresciuto in modo esponenziale e in grado di mantenere anche con i galloni da titolare un’invidiabile media gol, De Maio, Rincon, Burdisso, ai quali si sono aggiunti in modo perentorio Dzemaili, Rigoni (epurato dal Palermo dove pure era tra i leader) Suso, quest’ultimo a gennaio dal Milan, dove sembrava più una meteora che un’abbagliante stella. Bisogna cercare di trattenerli tutti e ripartire da qui.

Salvezza senza patemi anche per la matricola di lusso BOLOGNA, cui ha giovato il preventivo cambio tecnico in panchina tra uno stanco Delio Rossi e un Donadoni in cerca di rivincita dopo il campionato da incubo vissuto a Parma.

Il suo Bologna ha mostrato un buon calcio, indipendentemente che giocasse tra le mura amiche o fuori di esse, anche se gli è mancato Destro, davvero sottotono, e qualche alternativa da pescare in panchina. Si è rimesso in luce, anche in chiave europea, il jolly offensivo Giaccherini, che ha dispensato gol e assist in buona quantità, supportato a centrocampo dai due astri nascenti Donsah e Diawara (39 anni in due!). In difesa hanno mostrato i denti i “vecchi” Maietta e Gastaldello, che si compensavano benissimo con la solidità di Rossettini e l’esuberanza giovanile di Masina, esordiente in serie A. Bene in porta anche Mirante.

Anche qui però i remi si sono tirati in barca sin troppo presto, complici le situazioni travagliate delle quattro squadre sempre in fondo alla classifica.

Ha toccato i fatidici 40 punti anche la SAMPDORIA, di Zenga prima e di Montella poi, ma il giudizio sulla squadra è insufficiente. Troppi punti oscuri, bui, in questo campionato, troppa confusione, troppi cambiamenti in corsa, col risultato che dopo un buon avvio la squadra stava sprofondando nei bassifondi, smarrita e incapace di una svolta.  Poi anche qui le cose sono state rese possibili e agevolate dai limiti altrui ma per il futuro, considerando che, dopo Eder a gennaio, saranno prevedibili altre cessioni eccellenti, come quella di Soriano, sarà necessario tenere gli occhi bene aperti e stare sull’attenti.

Si salvano anche PALERMO e UDINESE, protagoniste di un campionato molto negativo. I friulani sono progressivamente stati risucchiati nelle paludi, salvandosi solo alla penultima giornata ma hanno regalato ben poche soddisfazioni e gioie ai propri sostenitori, forse a dire il vero solo la vittoria esterna contro la Juventus, nella partita d’esordio. Cannato in pieno il progetto Colantuono, il riciclato De Canio non ha saputo invertire il triste trend inaugurato in primavera e protratto per tutto il restante tragitto.

C’è pure uno splendido stadio di proprietà, ci sono elementi di sicura buona prospettiva, non ci sarà più il mitico capitano Totò Di Natale, che ha chiuso in bellezza con un gol su rigore, bisognerà però ritrovare lo spirito garibaldino dei bei tempi, sperando che l’attenzione della proprietà non sia rivolta maggiormente in Inghilterra o in Spagna, dove giocano le “cugine” Watford e Granada.

Il Palermo ha saputo tirarsi su solo nell’ultimo mese finale, con 10 punti conquistati in 4 partite e aggiudicandosi l’ultima partita contro il già retrocesso Hellas Verona, simultaneamente attento a cosa nel frattempo stava combinando il Carpi a Udine.

Verdetto piuttosto scontato, con entrambe le squadre in corsa per salvarsi a vincere le rispettive sfide ma con gli emiliani condannati alla serie B con un punto di scarto dai più esperti rosanero.

Chi meritava di più? Attenendoci ai numeri, il Palermo, ma se così fosse, si tratterebbe della salvezza più arrembante degli ultimi anni. I siciliani sembravano aver tutto contro, calendario a parte, e cosa più particolare, era da tutto il torneo che “giocavano” quasi a farsi male da soli, come testimonia il record, difficilmente battibile, di allenatori cambiati e rimescolati. La salvezza è giunta per mano di Ballardini e di un giocatore come Maresca che ha vissuto una vera odissea personale quest’anno, essendo finito in due occasioni fuori rosa.

Zamparini sembrava davvero non avere più nulla in serbo, a partire dalla voglia e dalle energie. Ma alla fine la squadra è riemersa ma i tifosi rosanero credo ricorderanno a lungo questa “impresa”.

Le parole di Castori, allenatore del CARPI, ieri a fine partita, erano all’insegna di una grande amarezza e somma tristezza, evitando quelle dietrologie che mai come quest’anno sembravano porgere valide ragioni cui appigliarsi. La questione del “paracadute”, l’oggettivo andamento “misterioso” di squadre in teoria più accreditate, come lo stesso Palermo, la Sampdoria o il fanalino di coda Verona.

In mezzo a tutto ciò la matricola assoluta Carpi, sorta di Cenerentola annunciata del torneo, al pari del “pari grado” FROSINONE, ha condotto il suo campionato con grande dignità e valore, cullando a ragione il sogno salvezza e vendendo cara la pelle al cospetto di chiunque. Soprattutto l’ha fatto affidandosi allo zoccolo duro, ai condottieri che 12 mesi fa avevano compiuto la “missione impossibile”, gente rivelatasi valida anche in serie A (e che potrebbe rimanerci): l’attaccante Di Gaudio, il valido difensore Romagnoli, scuola Milan e (almeno) quest’anno migliore del suo strapagato omonimo rossonero, il “disturbatore” offensivo Lollo, il tornante Pasciuti, il veloce terzino fluidificante (sì, proprio vecchio stampo) Letizia e il goleador di riserva Lasagna, protagonista di una favola nella favola, visti i suoi recenti trascorsi nelle serie inferiori. Meno bene ha fatto l’atteso Mbakogu, di sicuro talento ma poco incisivo al suo primo campionato di A, sciagurato soprattutto nell’aver sbagliato due rigori alla penultima giornata, disputata in casa, e col senno di poi decisiva per il mancato conseguimento della salvezza.

Per i ciociari valgono più o meno le stesse parole spese per il Carpi: erano dati per spacciati a inizio campionato, hanno confermato i pronostici ma onorando alla grande questa grande occasione. Sono stati anche più volte di là della cortina di ferro, senza mai però staccare le tre squadre in fondo. Specie nel girone d’andata la banda di Stellone ha giocato a viso aperto, osando, soprattutto in casa al Matusa, e mettendo in mostra validi interpreti.  Molti erano stati protagonisti con il tecnico della scalata dalla Lega Pro alla massima serie (come Blanchard, bomber Daniel Ciofani – che ha gonfiato molte reti anche in A – il fratello difensore Matteo, il terzino Crivello o il mediano austriaco Gucher); altri addirittura provenienti dal vivaio, come il fantasista Paganini o il centrale di centrocampo Gori, due ’93 che con la formazione Berretti avevano vinto il Campionato Nazionale. Credo che mantenendo questa ossatura, con l’aggiunta dell’innesto d’inverno Kragl, con la dinamite nei piedi sui calci piazzati, la compagine laziale possa seriamente candidarsi a un pronto ritorno in serie A.

Stessa cosa che ovviamente si auspicano anche i moltissimi sostenitori dei gialloblu del VERONA, anche se qui il discorso relativo alla (netta) retrocessione assume connotazioni molto differenti.

All’inizio da molti considerati addirittura come rinforzati rispetto alle precedenti due bellissime compagini capaci di salvarsi agevolmente, regalando spettacolo soprattutto il primo anno con gente come Iturbe, Jorginho, Romulo e il redivivo Toni, ben presto hanno palesato limiti strutturali evidenti, a partire dalla complicata coesistenza in avanti tra il Capitano Luca Toni, anch’egli al passo d’addio e clamoroso capocannoniere a 38 anni del campionato precedente e l’esperto Pazzini. Due nomi altisonanti per una realtà di provincia, che poteva inoltre contare su altri giocatori consolidati, oltre che su talenti bene in vista come lo stopper Helander – fresco vincitore con la sua Svezia di un Europeo Under 21 -, il regista Viviani, scuola Roma e sinora frenato solo da infortuni, il potente Ionita o l’estroso Siligardi.

Niente di tutto ciò: al di là di infortuni in serie, dell’avvicendamento forse tardivo dell’eroe Mandorlini, artefice degli ottimi risultati conseguiti con la squadra dalla Lega Pro alla serie A, con Delneri, della crisi che ha attanagliato molti protagonisti, di colpo parsi inadeguati alla categoria… resta antipatica e fuorviante la motivazione relativa al cosiddetto “paracadute”, già citato in precedenza, che garantiva al Verona, in caso di retrocessione simultanea alle matricole Carpi e Frosinone, una “buona uscita” dalla massima serie di… 40 milioni (25 + 15 la stagione successiva, se la squadra dovesse rimanere in serie B! Un’enormità, che secondo i maligni avrebbe indotto la squadra a giocare al ribasso.

Da giornalista ma soprattutto tifoso – proprio dell’Hellas – mi sono sempre rifiutato di pensare a situazioni simili. Avendo visto allo stadio tutte le gare casalinghe, oltre che praticamente tutte le altre in tv, mi vien semplicemente da pensare che sia sempre mancato qualcosa per risalire la china, a partire dal coraggio e dalla personalità. Certo, può sembrare inspiegabile l’aver perso in casa tutti gli scontri diretti e di conto aver battuto Milan e Juventus al Bentegodi, pareggiato con l’Inter in casa dopo essere stati in vantaggio per 3 a 1 e con la Roma in casa e all’Olimpico.

Forse è il caso veramente di resettare tutto e, se ci sarà quest’ancora di salvataggio per la B, di saperla sfruttare al meglio, puntando sui migliori giocatori della cadetteria.

 

 

Annunci

I casi di Chievo e Sassuolo insegnano che nel calcio non esistono regole.

Nel calcio, nonostante anni di storia, di studi, di tattiche, di approfondimenti, certe “logiche” sono destinate a infrangersi, certe ricette precostituite a sciogliersi come neve al sole, certe sentenze a mostrarsi vane. Come nel caso del famoso “cambio d’allenatore” per il bene della squadra, per scuoterla dal torpore, da una brutta classifica, da una discesa libera. Non esistono regole, a volte si agisce d’impulso, ma il detto che l’allenatore è sempre il primo a pagare può andar bene solo in certe situazioni. Ogni storia è a sè, a meno che non vi chiamate Zamparini.

L’anno scorso Massimiliano Allegri, tecnico perennemente nell’occhio del ciclone, avendo sposato la causa milanista in anni “di transizione”, pur avendo portato in dote uno scudetto – meritatissimo- al primo colpo e un secondo posto dietro una forte Juventus, la prima di Conte, era finito in una spirale assai negativa. Partenza shock dei rossoneri, dopo le dolorose cessioni degli assi Ibra e Thiago Silva, ma terzo posto e qualifica Champions acciuffati in extremis, quando per la maggior parte dei tifosi o appassionati, doveva essere già esonerato da un pezzo, magari mangiando il panettone nella sua Livorno.

Quest’anno alzi la mano quanti avrebbero tenuto un quasi esordiente in serie A come Di Francesco dopo la batosta del suo Sassuolo contro l’Inter. Un 7 a 0 interno che avrebbe fatto vacillare qualsiasi presidente e società, e probabilmente pur nella tranquilla cittadina emiliana più di un ragionamento in merito al cambio tecnico sarà stato fatto.

Ma alla fine si è deciso di far quadrare il cerchio: quanto di buono costruito da Squinzi, da Bonato negli anni, con il tecnico Di Francesco artefice della prima, storica, spettacolare promozione in serie A evidentemente aveva ancora una ragione d’essere, e così tutti insieme si è andati avanti, remando dalla stessa parte.

di francesco

Squadra ritoccata negli interpreti e nei moduli, per quanto questi possano essere sempre flessibili, il recupero di alcune pedine di qualità, come l’ex juventino Marrone, un lusso per le squadre di bassa classifica e il lancio definitivo di due tra i giovani attaccanti più promettenti dell’intero panorama calcistico italiano: Zaza (classe ’91, che sembra giochi in serie A da sempre, e che di categoria in categoria continua a buttarla dentro con regolarità) e Berardi, un ’94 con già all’attivo 7 gol e a 19 anni più prolifico di Del Piero e Totti rispetto a quando loro esordirono nella massima serie.

Insomma, in questo caso l’aver tenuto il tecnico è stata la mossa vincente, il Sassuolo dovrà sudarsi la salvezza, per carità, ci mancherebbe altro, ma sta dimostrando di gara in gara, di poterci stare alla grande in serie A e, migliorando in esperienza e accortezza tattica, magari qualche punto in più rispetto all’attuale classifica (comunque buona, sarebbe salvo allo stato attuale) l’avrebbe pure incamerato, come nell’ultima sfida esterna di Cagliari, dove in vantaggio di due reti si è fatto poi rimontare nella ripresa, portando a casa un meritato pareggio che profuma comunque di beffa.

Discorso opposto invece quello relativo al Chievo. Società modello ormai da quasi un decennio per tante piccole realtà di provincia, tra cui appunto il Sassuolo, che può tuttavia vantare dalla sua una forza economica ben diversa, con la Mapei alle spalle. Chievo che si è sempre mostrato all’altezza della categoria, anche dopo gli anni boom con Delneri, quando da autentica sorpresa del calcio italiano, incantava tutta Europa col suo gioco e i suoi incredibili risultati. Poi venne un anno da comprimario in Champions League, con Pillon alla guida. Un anno eccezionale ma che portò ripercussioni negative in campionato, tanto che alla fine i gialloblu retrocessero, pagando a caro prezzo l’essersi avvicinati troppo al “sole”, sciogliendosi e perdendo energie. Poi una pronta risalita, quasi una formalità con Iachini in sella a guidare il Chievo in una vincente serie B. Da allora in serie A tanti allenatori si sono susseguiti in panchina, ognuno però portatore di un solo risultato: la salvezza, puntualmente acquisita e in piena sintonia con la società. Ci riuscì benissimo anche Corini lo scorso anno, addirittura in maniera “comoda”. Lo strappo estivo pareva stridente – in fondo, senza entrare nei dettagli, si parlava di una richiesta di un biennale da parte del tecnico brianzolo, ex grande bandiera della squadra, a fronte della proposta di un anno da parte di Campedelli, come era solito fare con tutti i suoi allenatori negli ultimi anni.

cor

Niente firme e nuova ripartenza con Sannino, gran lavoratore, tecnico molto stimato nell’ambiente ma che, alla resa dei conti, non è riuscito a imprimere il suo marchio a fuoco nei ragazzi. Squadra che non ha mai lesinato d’impegno ma che faceva tremendamente fatica a seguire le direttive del mister, non vincendo, non segnando, e finendo col perdere strada facendo alcune caratteristiche peculiari delle squadre allenate dal tecnico ex Varese e Palermo.

Alla fine, in una situazione critica ma non ancora disperata, ecco il colpo di scena, annunciato in realtà da qualche settimana, e indice del fatto che lo strappo non era stato indolore ma anzi fonte di rammarico per entrambi. Eugenio Corini ritorna in pista, più motivato che mai, in vista di un sentito e atteso derby contro l’Hellas Verona che, almeno sulla carta, quest’anno partiva con i favori del pronostico. Vittoria meritata in extremis, grazie a Lazarevic, un giocatore lanciato in pratica da lui, visto che con Sannino aveva toccato il prato verde in una sola occasione e la settimana dopo sonora vittoria con tre gol di scarto contro la diretta concorrente per la salvezza Livorno. Un Chievo propositivo come non accadeva da tempo, con Thereau, il migliore della squadra, finalmente tornato ai livelli di eccellenza dell’anno scorso, quando con i suoi numerosi gol e assist aveva trascinato i clivensi alla salvezza e con un Rigoni ormai da Nazionale. 6 punti in 2 gare, con la prospettiva concreta, visto il calendario rimanente a concludere il girone d’andata, di incrementare ulteriormente il bottino da qui a Natale. In questo caso, il cambio del tecnico è servito eccome. Ma, come scritto in apertura, ogni storia è a sè, e solo la compattezza tra società, ambiente, allenatore e giocatori può far sì che anche le situazioni più ingarbugliate possano trovare una nuova luce

Il segreto della rinascita del Milan? Massimiliano Allegri!

Ammetto di essere stato parecchio duro, ai nastri di partenza del campionato di serie A, nel giudicare – per l’apposita rubrica del Guerin sulle presentazioni delle squadre – il Milan, orfano delle stelle Ibra e Thiago Silva e di moltissimi dei senatori che hanno contribuito nell’ultimo decennio ad accrescerne ulteriormente la quotazione internazionale.

Ritenendo il Milan quanto meno una mina vagante, sapevo certo di non fare un complimento ai rossoneri, ma il giudizio era sincero e dettato da un evidente impoverimento sul campo. L’inizio disastroso sembrava confermare le già scarse aspettative e solo i gol del talento El Shaarawy, esploso in tutta la sua forza, e gli innesti di giovani del vivaio come il polivalente De Sciglio sembravano dare un po’ di luce all’intera stagione. Con l’allenatore sempre in bilico, nonostante, almeno in Europa, il Milan fosse andato avanti bene per la sua strada. A distanza di pochi mesi però ecco risorgere il Diavolo, che si ritrova – con quasi tutto un girone di ritorno da disputare – in una classifica non solo dignitosa, ma pure consona a un obiettivo minimo, eppure importante, vale a dire l’accesso al turno preliminare di Champions League, quel terzo posto che solo a dicembre sembrava utopia, e che ora invece dista solo sei punti. Cos’è cambiato in sostanza nel Milan da allora, qual è il segreto di una così fragorosa rinascita (il Milan negli ultimi dieci turni ha fatto più punti anche della capolista Juventus o del Napoli)? Se da un punto di vista del gioco, i limiti sono ancora evidenti, colpa di una rosa ridotta all’osso a livello qualitativo, da un punto di vista della continuità di risultati e della voglia di lottare fino alla fine per il risultato i progressi sono stati evidenti e i meriti a mio avviso sono da trovare nella bravura di Allegri, tecnico più volte dato sulla graticola e invece in grado di trasmettere ai suoi la giusta calma e consapevolezza dei propri mezzi, necessarie componenti per risalire la china.

ALLE

Poco reclamizzato, il tecnico toscano – che nei modi di fare ricorda un altro ex milanista, Albertino Bigon, poi trainer del Napoli dello scudetto-bis – è stato in grado di ridare un’anima alla squadra, anche a costo di fare scelte impopolari. Alcuni ancora gli rinfacciano il mancato rinnovo di Pirlo, poi condottiero dei rivali bianconeri nella passata stagione, ma ormai pare appurato che le responsabilità dell’allenatore furono alquanto minime. In realtà, tutto il campionato attuale del Milan è un continuo tourbillon di schemi, moduli e uomini diversi, alla ricerca di una perfezione che evidentemente quest’anno sarà impossibile ottenere. Eppure la scelta di affidarsi a un nuovo ciclo e di mantenere intatte dopo sbandamento iniziale, le credenziali di giocatori abituati a ben altra pasta, si sta rivelando vincente, alla faccia di chi ne chiedeva insistentemente l’esonero anticipato… altro che panettone lontano da Milano. Non solo i già citati El Shaarawy o De Sciglio, da qualche partita è titolare fisso anche il francese Niang, sorta di Balotelli se possibile più fisico, un tornado nel tridente d’attacco, anche se ancora fumoso (stiamo parlando di un ’94!). Montolivo sta prendendo per mano la squadra a centrocampo, e pure Nocerino, addirittura dato in partenza dopo la stagione boom del 2012, sta tornando su buoni livelli di eccellenza. Peccato per il grave infortunio che ha messo fuori gioco l’esperto olandese De Jong, ma almeno si sono rivisti calciatori affidabili come il francese Flamini. Rimane l’enigma della difesa, dove il più brillante pare essere l’adattato Constant, che agirebbe meglio qualche metro più avanti. Bocciati Acerbi e Mesbah, rimane enigmatico il colombiano Zapata, lontano anni luce dalle vette di Udine e più vicino ai flop col Villareal e sconcertante talvolta il rendimento di Mexes, che alterna buone prestazioni ad altre quasi imbarazzanti. Eppure, nel contesto di una situazione alquanto deficitaria, i rossoneri sono lì, a -6 dalla rivelazione Lazio e vicinissimi a quell’Inter che, almeno sulla carta, sembrerebbe avere qualcosa in più. Grande quindi il merito di Allegri, il primo vero artefice delle rinnovate ambizioni milaniste.

La metamorfosi di Emanuelson

Quando Urby Emanuelson giunse al Milan c’erano diversi punti di scetticismo su di lui. Prodotto delle giovanili dell’Ajax, come molti altri lancieri, lanciato prestissimo tra i professionisti in prima squadra, dopo i primi bagliori iniziali, da terzino sinistro con le trecce al vento, aveva lasciato perdere dietro di sè tracce del suo talento.

In un Ajax oggettivamente non trascendentale, nemmeno in patria, dove in questi anni ha spesso lasciato il passo, oltre che alle rivale storiche, anche a compagini minori come Utrecht e Az Alkmaar, non ha mai fatto la differenza e, per quanto ancora giovane (classe ’86) appariva una sorta di incompiuto, pur con l’attestato di sicurezza Ajax! Da terzino con libertà di spingersi in avanti (ma d’altronde in Olanda chi non lo fa?) a vera ala sinistra e talvolta interno, mai mezzapunta o fantasista. Nel Milan, che ha scommesso su di lui e sul suo talento, ci ha messo molto a farsi valere ma a quanto pare ha seminato benissimo nell’ombra, col lavoro quotidiano negli allenamenti.

Poteva diventare come Taiwo, il terzino nigeriano acquistato dal Marsiglia che accreditavano come buon propulsore ma valido anche in difesa, e invece Allegri, dopo aver giudicato inadeguato al calcio italiano l’africano, nei confronti di Emanuelson ha osato di più, intravedendo doti tattiche non indifferenti e quanto mai inaspettate.

Ne è passata di strada negli ultimi mesi dai primi esperimenti come trequartista alle spalle di Ibra e Robinho. Prima inconcludente e tendenzialmente confusionario, ora appare invece un instancabile stantuffo, una zanzara sempre pronta a pungere, un giocatore moderno che sa sempre dove, come e quando occupare gli spazi in campo. Se poi trova pure il varco giusto, ecco che l’olandese riesce ancora e meglio di un tempo a involarsi letteralmente sulle fasce o verso la porta, come in occasione dello splendido gol segnato al Parma. Insomma Emanuelson si è giocato alla grande le sue carte, con umiltà, adattandosi certo ma con l’attitudine giusta, quella cioè di un professionista con alle spalle già diverse presenze nella sua nazionale eppure desideroso di mettersi in gioco in un grande club. Ora quando rientreranno Boateng, Pato, gli altri giocatori dediti all’attacco rossonero, sanno che dovranno giocarsi le loro carte con questo terribile furetto olandese, un vero e proprio “guastatore offensivo” delle aree altrui

Allegri: “Sei squadre lotteranno per il titolo!” (e io che non me ne ero accorto)

In principio furono le “Sette Sorelle”, sette squadre che, verso la fine degli anni ’90, arrivarono a contendersi lo scudetto. Non andò mai esattamente così, ma almeno sulla carta in effetti ci fu un livellamento verso l’alto che portò più di un allenatore e di un giornalista a pensare che si trattasse del campionato più difficile d’Europa, oltre che il più qualitativo (quello era piuttosto implicito). Era il 1998/99.
Accanto alla Juve pre-Calciopoli (ma già con la triade ben salda da qualche anno) e al Milan che, se in campionato faticava assai, poteva sempre ben dire che il “vero” obiettivo era la Champions, vi erano l’Inter morattiana ancora alla ricerca di una propria identità calcistica (che appena un anno prima aveva infilato il colpo Ronaldo, il miglior giocatore del momento), la Roma in forte ascesa trainata da un Totti che da Pupone si stava sempre più trasformando in Imperatore, Lazio e Parma che stavano crescendo vertiginosamente e che attendevano soltanto di affilare la zampata vincente e quell’anno pure la Fiorentina, guidata dal vecchio Trap in panchina e sul campo dal bomber Batistuta, da Toldo, Rui Costa e il brasiliano Edmundo.
Effettivamente la squadra viola fu la vera sorpresa della stagione, duettando ad armi pari per tutto il girone di andata, finchè complice l’infortunio di Bati-gol e le mattane di Edmundo che preferì culi e samba all’impegno per il club (lungi da me ridimensionare un fenomeno socio-culturale come il Carnevale di Rio ma se ti pagano miliardi per far vincere la tua squadra, devi saper comportarti da professionista), la Fiorentina non si squagliò poco a poco, rimanendo comunque squadra insidiosissima.
 
Perché ho voluto in breve ricordare questi tempi che sembrano lontanissimi (l’unica affinità è che il “vecchio Trap” è ancora in sella e continua ad allenare con l’entusiasmo di un bambino)?
La risposta è che ieri Allegri si è lasciato scappare che le squadre pretendenti al prossimo titolo saranno addirittura sei! 6???
Allora ho provato a ragionarci un po’: forse il livellamento verso il basso, tanto malauguratamente auspicato da più parti si è consumato in anticipo sui tempi, forse il mister, secondo logica aziendale, ha voluto distogliere l’attenzione sul suo club, sparpagliando un po’ le carte per confondere, o forse sono io che non mi sono accorto di nulla?
Sei squadre in lotta per il titolo?! Ma quali sarebbero poi? Ci vuole un po’ di fantasia: proviamo a utilizzarla.
Il Milan è fresco di titolo, è abituato a vincere, ha solamente puntellato la rosa, prendendo due centrocampisti da Nazionale. Forse un po’ poco, ma resta la squadra da battere. L’Inter ha rivoluzionato in extremis la squadra, ha un tecnico emergente ad alti livelli (ma che da anni dispensa un calcio innovativo e di qualità). La Juventus ha buttato all’aria annate in cui poteva avvicinarsi alle rivali storiche: deve assolutamente ritrovarsi come club prima ancora che a livello tecnico. Marotta e Agnelli daranno il tempo a Conte di ricostruire l’ambiente?
Le romane appaiono alquanto antitetiche: la Lazio di Lotito procede a piccoli passi, dando l’idea di essere una società integerrima che lascia per strada il monello Zarate e consegna al vecchio leone Reja una squadra più esperta che potrebbe risultare la mina vagante del torneo… ma potrà davvero lottare per lo scudetto? La Roma è la novità più stuzzicante del campionato, tra allenatore marchiato Guardiola in rampa di lancio, società americana che viene da un altro “pianeta”, giocatori di qualità come Gago e Pjanic inseriti in fretta negli ultimi giorni di mercato (oltre ai giovanissimi talenti Bojan e Lamela presi ad inizio sessione). Infine il Napoli che si è rinforzato in modo evidente, laddove c’erano le pecche e che ha infoltito la rosa in vista del massimo impegno europeo, elevando la qualità generale della rosa.
Sarebbe affascinante vedere issarsi in vetta al campionato una squadra poco accreditata, per molti addirittura una boccata d’ossigeno necessaria, dopo le vicende extracalcistiche che ormai occupano gli spazi mediatici molto più delle imprese dei giocatori sul campo. Ma un esito simile probabilmente rimarrà. un grande affare di fantasia.