Italia quarta ai Mondiali Under 20: le pagelle di tutti i protagonisti azzurri

E’ terminata con un quarto posto l’avventura iridata dei nostri giovani azzurri Under 20. Forse il Mondiale non era propriamente alla portata ma, in fin dei conti, quelle che erano le più accreditate alla vigilia hanno tutte steccato, a partire dall’Argentina, per finire al quotatissimo Portogallo, che c’aveva battuto un anno fa all’Europeo Under 19 (il ciclo di giocatori delle due competizioni era pressochè lo stesso, anzi forse i lusitani erano ancora più forti grazie agli innesti rispetto a noi, che abbiamo “prestato” gente come Zaniolo, Tonali e Kean all’Under 21 e alla Nazionale dei “grandi”). Per non dire dell’Ecuador, fresco vincitore del Sub20, e che in effetti, per come si erano messe le cose, e per quanto fattoci già vedere nel girone – quando battemmo i giovani sudamericani con grande affanno – avrebbe potuto ambire a più di un terzo posto finale, che comunque rappresenta il più alto punto mai toccato dal piccolo Stato.

La gioia dei nostri ragazzi che hanno cullato il sogno di arrivare a giocarsi la finale del Mondiale Under 20

A mio avviso l’Italia ha fatto (e dato) il massimo, magari si poteva fare meglio in semifinale contro i futuri campioni dell’Ucraina (a proposito, uscimmo anche la volta precedente con quelli che poi vinsero il torneo, in quel caso gli inglesi) ma in fondo aver bissato a distanza di due anni le semifinali in una competizione che, tradizionalmente, non c’ha mai sorriso, beh, rappresenta un buonissimo risultato ed è testimonianza di come nei fatti il nostro movimento azzurro sia in crescita (prova ne sono anche le due finali consecutive – purtroppo sempre perse, ed entrambe le volte contro l’Olanda – agli Europei Under 17).

Forse, dico forse, con l’Ecuador un po’ di coraggio non avrebbe guastato ma i nodi sono venuti al pettine, e alludo in particolare alla condizione fisica, al fatto che, giocando più o meno con gli stessi 11 per tutto il Torneo (avevo scritto già in apertura di Mondiale che avevamo una panchina corta, specie a centrocampo), fisicamente abbiamo pagato il conto, proprio in alcuni dei nostri uomini più rappresentativi, quali il bomber e capitano Pinamonti, l’altra punta Scamacca e il motorino di centrocampo (dai piedi buoni) Frattesi. Alcuni sostituti, pur validi, non si sono dimostrati, a conti fatti, all’altezza dei titolari, o meglio, era evidente come non fossero ben inseriti nel meccanismo perfetto messo a punto da mister Nicolato.

Però il plauso generale va a tutti: chi più, chi meno, ha messo in luce buone qualità, lasciandoci più di una promessa per il futuro. Certo, stride un po’ che a vincere sia stata quell’Ucraina che nello scontro diretto ha mostrato di non esserci superiori, né per individualità, né per gioco di squadra. Anzi, non fosse stato annullato, in maniera alquanto dubbia, quel bellissimo gol di Scamacca allo scadere, magari staremmo qui  a raccontarci un’altra storia ma è inutile ormai aggrapparsi agli episodi. Gli ucraini sono stati coriacei, scaltri, pratici, compatti e bravissimi a livello difensivo, ma in fondo erano tutte componenti che nel corso della manifestazione avevamo messo ben in mostra anche noi. Onore anche ai sudcoreani, giunti secondi e mai così vicini nella loro storia a un exploit simile in una competizione iridata.

Sperando che questa sia stata solo una fase di passaggio, seppur prestigiosa, di un lungo cammino da professionisti, qui di seguito ecco le mie pagelle alla spedizione azzurra che ha ben figurato al Mondiale Under 20.

NICOLATO 8

L’allenatore, che può vantare uno storico scudetto Primavera alla guida del Chievo nel 2014, ha mostrato ancora una volta grande feeling col calcio giovanile, dopo la splendida cavalcata dell’anno scorso alla guida dell’Under 19, giunta a un passo dal titolo europeo di categoria. Si è trovato una rosa un po’ depauperata a livello tecnico ma lui ha fatto di necessità virtù e ha impostato una squadra inedita, specie nel modulo, laddove in tanti anni c’aveva abituato a dirigere magistralmente un 4-3-1-2. Mancando i giocatori con determinati caratteristiche (in particolare un vero trequartista e i due centrali difensivi che aveva schierato spesso nell’ultimo biennio: Bettella e l’infortunato juventino Zanandrea) e potendo disporre di ben tre mancini niente male (di base, tutti e tre terzini sinistri) ha impostato la squadra con un anomalo 3-5-2, risultato di più intuizioni tattiche vincenti, su tutte Ranieri come terzo di difesa e Pellegrini come interno “alla Davids” o volando più bassi “alla Laxalt” prima maniera e soprattutto ha creato un gruppo, una squadra. Non è retorica, Nicolato ha saputo ottenere il 100% dai suoi ragazzi, anche grazie a particolari espedienti extracalcistici. Prima di tutto però ha fatto valere la sua sagacia tattica, facendo valere le sue doti “da maestro”, da “educatore”.

PLIZZARI 7,5

Si è mostrato un portiere estremamente valido e affidabile. Non si ricordano gravi errori da parte sua. Ha il merito di farsi valere, di ispirare fiducia e tranquillità nei compagni, che lo riconoscono come uno dei leader. D’altronde è un vero habituè del calcio azzurro e, dopo un anno trascorso in panchina nella “casa madre” Milan, è il momento che, dopo i buoni primi approcci con il calcio dei pro a Terni due anni fa non ancora maggiorenne, cammini con le proprie gambe, dimostrando a tutti di poterci stare a buoni livelli. E’ un 2000 ma ha sempre bruciato le tappe in ogni categoria.

GABBIA 6,5

Buon marcatore, ha giocato in modo pratico, con grande sicurezza e in un ruolo non propriamente suo, visto che nelle giovanili del Milan ha fatto per anni anche il mediano, prima di arretrare il raggio d’azione in difesa (dove ha giocato in una linea a 4), anche in prestito da titolare alla Lucchese in C quest’anno. Fisicamente è già formato, deve lavorare su alcuni aspetti, saper mantenere la concentrazione per 90 minuti, ma in fondo questo riguarda un po’ tutti i suoi coetanei che agiscono in un ruolo così delicato.

DEL PRATO 7

Il capitano dell’Atalanta Primavera (che, proprio perché impegnato da protagonista al Mondiale, non ha potuto giocare e vincere le finali del torneo con i bergamaschi) ha disputato un buon torneo, con poche sbavature. Utilizzato sia in campionato che al Mondiale anche a metà campo, ruolo che gli piace di più, potrebbe avere un buon futuro da regista difensivo “alla Bonucci”, pur con diverse caratteristiche. Approfittando del fatto che il forte compagno di Nazionale Bettella, capitano designato, sia arrivato a Mondiale in corso, causa impegno da titolare con il Pescara ai playoff di B, ha preso subito con sicurezza i galloni da titolare in mezzo alla difesa e si è mostrato leader anche qui come in Primavera. Gasperini sa che può contare eccome su di lui.

RANIERI 7,5

Tra i migliori, non solo dell’Italia, ma dell’intera competizione, sia per doti fisiche, che tecniche. Se Del Prato è stato il nostro piccolo Bonucci, a lui spetta il titolo di “Chiellini in miniatura”, non certo per l’altezza e la struttura fisica (già ragguardevoli) ma per uno sviluppo tecnico ovviamente ancora da completare. Le premesse però, ottime anche nella sfortunata stagione al Foggia culminata con un’inopinata retrocessione in serie C all’ultima giornata, sono state ampiamente confermate e, se fossimo nella Fiorentina, che ne detiene il cartellino, ci penseremmo due volte prima di privarcene, anche solo se in prestito per un’altra stagione.

BELLANOVA 6,5

Indubbiamente meno straripante rispetto a un anno fa, quando fu per distacco il miglior terzino dell’Europeo Under 19, forse ha risentito della nefasta stagione con la Primavera del Milan terminata con una clamorosa retrocessione, lui che già era stato ceduto al Bordeaux. Le doti tecniche e fisiche rimangono importanti e preminenti, così come la facilità di corsa e la capacità di inserirsi e di correre via all’avversario palla al piede. Mi auguro che in Francia possa maturare e migliorare ancora. Ha le qualità per sfondare e per raggiungere grandi livelli.

FRATTESI 7

Frattesi (al centro) sprigiona tutta la sua incontenibile gioia per il gol segnato nella gara inaugurale del girone contro il Messico, festeggiato dai compagni Tripaldelli, Pellegrini e Ranieri.

Il biondino, già protagonista di una buonissima stagione ad Ascoli, lui che è di proprietà del Sassuolo ma cresciuto calcisticamente nella Roma, si è confermato molto bene anche in questa occasione. Tra gli intoccabili di Nicolato, possiede in effetti delle caratteristiche e delle qualità che lo differenziano dagli altri della rosa. Ricorda Marchisio, magari con meno tecnica ma certamente con più dinamismo e ha già la “testa giusta” per fare il calciatore ad alti livelli. Non al meglio nella seconda parte della competizione per dei guai fisici, non ha mai mollato ma il suo rendimento è giocoforza calato, e di questo ne ha risentito tutto il reparto.

ESPOSITO 6,5

Ha alternato buonissime prestazione, nelle quali sembrava accarezzare il pallone più che colpirlo, con una tecnica sopraffina, ad altre in cui veniva quasi sovrastato a livello fisico da avversari più strutturati e più veloci. Nato trequartista, già nell’ultimo anno in Primavera con l’Inter aveva brillantemente arretrato la sua zona di competenza, diventando regista “alla Pirlo” o “alla Tonali”, per restare con il paragone al compagno che in pratica ha sostituito in questo Mondiale. Salvatore, autore di un buon campionato di rodaggio a Ravenna in serie C, è destinato a salire di categoria, lui che è di proprietà della Spal, ma deve crescere un po’ sul piano del carattere. Quando la gara si butta sulla lotta, è un po’ impreparato, usando lui più il fioretto che la spada. Ecco, in questo Tonali è sicuramente più pronto, riuscendo a combinare meglio qualità e quantità, ma forse è anche questione di personalità, che il buon Salvatore – anch’egli classe 2000 – deve ancora tirare fuori al meglio. Lui è il primo tifoso di suo fratello Sebastiano, autentico crack giovanile dell’Inter, classe 2002 e già tra i migliori in Primavera, oltre che esordiente a 16 anni in Europa League. Speriamo che non soffra psicologicamente l’inevitabile paragone, anche se il fatto che i fari siano puntati soprattutto su quest’ultimo, potrebbero infine avvantaggiarlo.

PELLEGRINI 6,5

Meriterebbe 7 pieno per l’abnegazione, l’impegno e la padronanza con cui si è impossessato di un ruolo non suo, per quanto da giovanissimo nella Roma giocasse molto più in fase offensiva sulla corsia di sinistra, prima di diventare ottimo terzino (come ha già fatto intravedere nello scorcio di stagione nella massima serie a Cagliari). Gli do’ mezzo voto in meno perché a volte c’ha messo davvero troppa foga, rischiando di compromettere le sue prestazioni. Ha un futuro davanti, e magari proprio da mezz’ala atipica, con grande propensione offensiva e notevole resistenza. Il carattere va però limato, certi atteggiamenti di sfida un po’ controllati. Di contro, ha il merito di non arrendersi mai e di fungere da esempio per i compagni. Spero che non incappi più in brutti infortuni, perché ha la strada spianata in serie A, Roma o non Roma.

TRIPALDELLI 6,5

Veterano delle giovanili azzurre, un altro dei fedelissimi di Nicolato, ha risposto “presente” anche in quest’importante occasione. Pronti, via, terzino a tutta fascia ma con evidenti doti in proiezione offensiva, laddove invece fatica ancora nella lettura di alcune scelte difensive. Corre per 90 minuti, non è mai stanco ma tuttavia non perde lucidità nelle giocate. Deve crescere dal punto di vista fisico e mi auguro che, dopo aver visto il campo davvero con il contagocce quest’anno tra prestiti in Olanda e al Crotone, possa trovare una squadra con cui esprimersi al meglio per le sue qualità, lui che è sotto contratto con il Sassuolo (dopo una vita spesa nelle giovanili della Juventus, sempre da protagonista). Non è uno da guizzi di fantasia ma assicura appunto una spinta costante sulla fascia, quello che si definisce uno stantuffo.

PINAMONTI 7,5

Partito col freno a mano tirato, è salito di livello partita dopo partita, segnando ben 4 gol e manifestando tutta la sua leadership (lui, con la fascia di capitano al braccio) e, diciamolo, la sua superiorità. Sempre pericoloso, predatore d’area ma non di quelli egoisti. Certo, appena ha uno spiraglio, l’istinto è quello di tirare, e non sempre lo ha fatto in modo preciso, ma ha ampi margini di miglioramento che potrebbero garantirgli un futuro a ottimi livelli in serie A. Dopo il buon anno, per lo meno a livello personale, con il Frosinone in serie A, è giusto che si cimenti in un contesto più competitivo.

SCAMACCA 7

E’ vero, non ha segnato, e per un attaccante questa può essere un’aggravante non da poco, ma il gigante di proprietà del Sassuolo, cresciuto nella Roma e con già alcune esperienze all’estero (come avrete notato, la società emiliana ha un occhio di riguardo per i giovani nostrani e spesso e volentieri li strappa alle concorrenti) ha messo in mostra doti da attaccante di razza. Abilissimo nelle sponde (alcune spettacolari, “alla Ibrahimovic”), è capace di grandi movimenti a disorientare gli avversari, di rifinire per i compagni, (grazie a piedi da trequartista in un fisico da centravanti all’inglese), e di concludere a rete, spesso ricorrendo a soluzioni non banali. Deve migliorare l’apporto di gol, quello è persino ovvio ribadirlo, e maturare sul piano caratteriale ma ha tutto per diventare un attaccante completo. A mio avviso può già misurarsi nella prossima serie A.

Questi erano in pratica gli 11 giocatori che hanno giocato da titolari, in quanto Nicolato ha preferito puntare su una squadra che potesse affiatarsi e conoscersi a memoria, visto che, per la natura di un torneo simile, il turn over non pare francamente indicato. Squadra che vince poi difficilmente si cambia e quindi, giusto così, anche se in panchina figuravano comunque giocatori da non perdere di vista, seppur non protagonisti in questa edizione.

A loro non do’ un voto vero e proprio, perché poche sono state le occasioni per mettersi in mostra, ma qualche considerazione la spendo più che volentieri.

I portieri Carnesecchi e Loria, tesserati rispettivamente per Atalanta e Juventus, sono entrambi buoni prospetti, in particolare è molto monitorato il primo che ha preso il posto del titolare Plizzari nelle gare “meno importanti”: quella nel girone contro il Giappone (con noi già qualificati agli ottavi) e nella finale per il 3°/4° posto. Oddio, giudicare quest’ultima come meno importante un po’ fa storcere il naso ma tant’è, questo è l’approccio (sbagliato o quanto meno discutibile) che hanno tenuto i Nostri, probabilmente arrivati stanchi, oltre che rimaneggiati, all’appuntamento con la medaglia di bronzo.

Tra i difensori si sono visti pochissimo il torinista Buongiorno (quest’anno in prestito al Carpi), che ha giocato da centrale – lui che agisce soprattutto da centrale sinistro in una difesa a 3 o terzino sinistro in una linea a 4 – nell’unica gara disputata con il 4-3-3 dai Nostri in questo Mondiale, vale a dire quella contro il Giappone. E’ parso una spanna indietro rispetto ai titolari e necessita di fare esperienza ancora in cadetteria, dopo la faticosa stagione in Emilia Romagna, terminata con la sua squadra retrocessa in C e le sue presenze molto limitate nella seconda parte di stagione.

Anche il genoano Candela, reduce da una stagione altalenante per sua squadra, retrocessa in Primavera 2 dopo lo spareggio con l’Empoli – che così ha “vendicato” il verdetto dei “grandi” impegnati in serie A – eppure in grado di giungere in finale al prestigioso Torneo di Viareggio, ha giocato poco qui al Mondiale in Polonia. In entrambi le competizioni nostrane però, lo scattante e tecnico terzino ha spiccato per qualità incredibili da “fluidificante” (come si diceva dei difensori di spinta negli anni ’80) e sono curioso di vederlo all’opera nel prossimo campionato, se non proprio al Genoa, almeno in altre squadre da professionista.

Di Bettella ho già accennato: si tratta di uno dei difensori più talentuosi della sua generazione (anche lui uno dei classe 2000 aggregati al Mondiale, aperto anche ai ’99), leader di questo ciclo di Under con Nicolato e che è stato in grado quest’anno di prendersi una maglia da titolare in una squadra competitiva come il Pescara, giunta a giocarsi a pieno titolo le proprie chances di tornare in serie A. Non ce l’ha fatta, eliminato in semifinale dall’Hellas Verona poi promosso nella massima serie, ma il giovane difensore cresciuto nell’Inter e ora di proprietà dell’Atalanta ha impressionato per la personalità e lo spessore con cui ha giocato gare sentite e decisive. Qui è giunto in ritardo (proprio per disputare i playoff con il Pescara appunto) e si è trovato così nelle retrovie; dopotutto il trio difensivo composto da Gabbia – Del Prato – Ranieri coadiuvato ai lati da Bellanova e Tripaldelli stava dando ampie garanzie, quindi Nicolato non se l’è sentita di alterare i nuovi equilibri raggiunti. Resta il fatto che, insieme a Ranieri, è proprio Bettella il difensore su cui scommetterei di più per un buon futuro in serie A nei prossimi anni.

A centrocampo hanno sgomitato per un posto, ottenendo poca fortuna, l’atalantino Colpani e Alberico, il jolly italo-tedesco pescato dagli emissari azzurri nelle giovanili dell’Hoffenheim, dove il Nostro si era messo in mostra sia nelle giovanili, sia nella seconda squadra del Club di Bundesliga. Qui ha mostrato buon dinamismo e grande intraprendenza ma anche uno “spirito libero” che poco si sposa in teoria con l’idea tattica del mister. Ha provato a vivacizzare le gare in corso ma con poca concretezza. Sufficiente il contributo del forte Colpani, tra i pilastri della fortissima Atalanta Primavera e che avevo previsto probabile titolare, qualora il tecnico avesse proseguito nel suo 4-3-1-2 marchio di fabbrica: in quel caso avrebbe preso il posto dell’ex compagno delle giovanili bergamasche Melegoni, gran protagonista un anno fa con l’Under 19 ma alle prese con il recupero da un grave infortunato occorsogli nella stagione che lo ha visto impegnato nei ranghi del Pescara. Nel nuovo 3-5-2 invece Colpani ha avuto poche possibilità di esprimersi al meglio.

In attacco hanno fatto da rincalzi Olivieri, che quest’anno ha accumulato esperienza nella Juve Under 23 in serie C e il centravanti Gori, di proprietà della Fiorentina e che si è diviso in B tra Foggia e Livorno nella stagione appena passata, mettendosi in mostra soprattutto nella sua Toscana. Mi ha stupito invece lo scarso utilizzo di Capone, quasi sempre titolare in questi ultimi due anni con Nicolato e che fece un grande Europeo Under 19 un anno fa, in supporto alle punte o come seconda punta. E’ stato penalizzato dal modulo, ma anche dal fatto che ha giocato davvero poco nel Pescara in serie B a causa anche di un infortunio. Il guizzante attaccante ha oltretutto il fardello di aver sbagliato una comoda occasione contro l’Ucraina, su assist di Pellegrini, pochi minuti prima che l’arbitro decidesse poi di annullare il gol a Scamacca. Ma sarei ingeneroso ad attribuirgli colpe particolari, piuttosto mi auguro che con il campionato venturo abbia modo di far valere le sue indubbie qualità che lo hanno sempre fatto emergere nei trascorsi giovanili all’Atalanta. Più volte Capone ha detto di ispirarsi al Papu Gomez: in effetti può ricordarlo nelle movenze. Di strada ne deve fare ancora molta ma in fondo anche il fenomeno argentino in forza a Gasperini ha dovuto masticare molta gavetta prima di diventare un big.

Mai mollare. Ed è un augurio che sento di fare a tutti questi ragazzi elencati, per quanto poi siano molteplici le incognite che generano o meno una carriera da professionisti a certi livelli. L’importante è che abbiano se non altro le possibilità di giocarsi le proprie carte. Anni fa avrei dibattuto molto su questo punto ma finalmente, da un po’ di tempo a questa parte, mi pare che si sia capito al meglio la strada giusta da intraprendere, dando fiducia ai nostri ragazzi. Poi è sempre il campo il giudice sovrano ma se non viene data una possibilità vera a questi giovani calciatori di giocare e crescere, di misurarsi con i più bravi, diventa difficile per tutti emergere.

Talenti comunque ce ne sono in buon numero, quindi non posso che professarmi fiducioso per il futuro del nostro calcio.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...