Al via il Mondiale Under 20 in Polonia: ecco i protagonisti Azzurri convocati da Nicolato. Quali prospettive dopo la semifinale di due anni fa?

Giovedì 23 maggio avranno inizio i Mondiali Under 20 di calcio in Polonia, ai quali parteciperà anche l’Italia, reduce da un brillante terzo posto nell’ultima edizione, svoltasi due anni fa in Corea del Sud.

Fu quello l’apice raggiunto dai Nostri, quando persero in semifinale contro i futuri campioni dell’Inghilterra. Per il resto, però, questa importante competizione iridata non c’ha mai visto protagonisti, un po’ per effettive mancanze a livello tecnico, ma soprattutto perché storicamente dalle nostre parti si è sempre preferito, a livello giovanile, puntare sugli Europei Under 21, dove in effetti di soddisfazione dagli anni ’90 in poi ce ne siamo prese.

Dopo l’ottimo piazzamento del 2017, coronato pure dal titolo di capocannoniere della nostra punta di diamante Orsolini (finalmente esploso quest’anno in serie A a Bologna, dove è stato fra gli artefici della grande rimonta che ha portato alla salvezza degli emiliani), dove andremo ora a posizionarci nella griglia di partenza? Può l’Italia ripetere quel fragoroso exploit, inserendosi fra le favorite per il titolo?

In ambito giovanile è oltremodo difficile fare pronostici: certo, alcune “scuole” calcistiche sono più prolifiche di talenti rispetto ad altre e hanno conseguito maggiori risultati, ma in fondo può capitare a chiunque il ciclo meno forte o quello in cui latitano gli interpreti. Ad esempio, quest’anno mancheranno dal torneo delle autentiche corazzate a livello giovanile, quali Brasile, Ghana, Germania, Spagna, per non dire dei campioni in carica dell’Inghilterra.

Paolo Nicolato, allenatore che guiderà l’Italia Under 20 al Mondiale di categoria in Polonia

I favori dei pronostici sembrano andare al Portogallo, fresco vincitore dell’ultima edizione degli Europei Under 19 ai danni guarda caso degli Azzurrini, e intessuta di fenomeni specie in avanti, ma non bisogna sottovalutare la forza delle sudamericane Argentina e Uruguay (che battemmo ai rigori nel 2017 nella finale per il terzo e quarto posto), della Francia – in grado come i lusitani di sfornare campioncini a getto continuo – , degli Usa entusiasmanti nelle proprie qualificazioni e di quel Messico con cui ci troveremo a battagliare sin dalla gara di giovedì che aprirà le contese nel Gruppo B alle 18 (curiosamente nella fase a gironi, l’Italia disputerà tutte le 3 gare a quell’ora).

In generale non siamo messi male neanche noi, anzi, abbondano i talenti puri sui quali poter contare a occhi chiusi – non solo in questo Torneo, ma si spera anche in futuro – la maggior parte di essi provenienti proprio da quel favoloso gruppo che entusiasmò un anno fa all’Europeo Under 19.  Tuttavia, come detto, anche in questa occasione si è preferito indubbiamente puntare su altri palcoscenici, vedi appunto l’imminente Europeo Under 21.

Se due anni fa i sacrificati eccellenti furono l’astro nascente Chiesa e l’ancora più giovane Donnarumma (che, per età, essendo un classe 1999, rientrerebbe anche in questa edizione, pensate un po’ la sua precocità), al via stavolta sono diversi coloro che, rispetto alla splendida spedizione dell’Europeo Under 19 non saranno presenti: Zaniolo, Kean, Tonali (che già hanno assaggiato, alcuni in modo eclatante, vedi l’attaccante juventino subito in gol, la Nazionale Maggiore) ai quali si aggiungono altri ottimi elementi di quella rosa come il centrocampista Melegoni e il difensore Zanandrea, entrambi fermi ai box. Per esigenze di Under 21 mancheranno anche il forte difensore Bastoni, tra i migliori del Parma quest’anno in serie A e costretto a sua volta a saltare per infortunio il più volte citato Europeo Under 19 che si è tenuto un anno fa in Finlandia, e l’estroso attaccante Sottil, di cui il Pescara non ha voluto privarsi in vista dei playoff di serie B.

Detto degli esclusi (ci pareva quantomeno doveroso, proprio per sottolineare finalmente la nostra abbondanza di giovani di qualità), adesso è tempo di soffermarci sul presente, andando a passare in rassegna i protagonisti che proveranno a regalare da giovedì nuove soddisfazioni ed emozioni ai tanti appassionati di calcio giovanile.

A contenderci il passaggio del turno nel nostro gruppo saranno (oltre al Messico), l’Ecuador, che vorrà mettere in mostra quella che è la miglior nidiata della sua storia, e il Giappone (contro il quale pareggiamo una gara assai combattuta anche al Mondiale Under 20 del 2017).

Il forte terzino sinistro azzurro Luca Pellegrini, una delle stelle più attese della rassegna iridata

Il nostro reparto difensivo appare davvero molto attrezzato. Eccezion fatta per Zanandrea, fermo da tempo per infortunio, potremo presentarci infatti con 4/5 della difesa titolare del gruppo dell’Europeo Under 19 (il portiere Plizzari, i terzini Bellanova e Tripaldelli e il centrale Bettella); inoltre, ciliegina sulla torta, il ct Nicolato potrà disporre pure del terzino sinistro Luca Pellegrini, una delle stelle più lucenti e attese di tutto il Mondiale. Gioiello delle giovanili della Roma, ha disputato un ottimo girone di ritorno, da titolare, in prestito al Cagliari, culminato in una tranquilla salvezza per i sardi. Pellegrini ha confermato anche tra i “grandi” le indubbie qualità che da sempre gli riconoscono: tecnica, grande velocità e personalità. In passato è stato spesso tormentato da infortuni, anche molto pesanti ma per fortuna il peggio per lui sembra finalmente alle spalle.

In genere in difesa siamo messi bene, specie sulle fasce, dove una chance la cercano legittimamente anche Candela del Genoa, vero stantuffo sulla destra, pericolosissimo quando accompagna l’azione in velocità (in pratica le identiche caratteristiche del fortissimo “rivale” nel ruolo Bellanova, milanista ceduto al Bordeaux) e Ranieri sulla fascia sinistra. Quest’ultimo, scuola Fiorentina, ha giocato spesso e volentieri titolare nella tribolata stagione del Foggia, terminata con l’inopinata retrocessione dei pugliesi in serie C. Il giovane difensore però se l’è cavata benissimo, mostrando grande personalità e qualità, sia in difesa che in fase di spinta. Notevoli anche le sue qualità fisiche, che potrebbero predirgli un utilizzo in mezzo al reparto, più o meno come capita al compagno Buongiorno (di proprietà del Torino, che quest’anno ha accumulato una buona esperienza al Carpi), in grado di agire infatti da terzino sinistro o da centrale.

Per un posto da titolare al centro della difesa, a fianco dell’imprescindibile Bettella, uno dei maggiori prospetti nel ruolo, si candidano anche il milanista Gabbia (quest’anno assoluto protagonista nella Lucchese, dove si è posizionato stabilmente in mezzo alla difesa, dopo i trascorsi giovanili da mediano) e il capitano dell’Atalanta Primavera Enrico Del Prato. In ogni caso, l’abbiamo capito, si tratta di giocatori di pieno affidamento.

In porta tra gli azzurri sembra scontata la presenza di Plizzari, già grande protagonista un anno fa con l’Europeo Under 19, quando perdemmo in finale contro il Portogallo

In porta, pare scontata la conferma di Plizzari, che quest’anno, dopo la buona esperienza dell’anno scorso in cadetteria a Terni, ha fatto anticamera al Milan, società dove è cresciuto. Gli sono buonissime alternative tra i pali anche gli altri due convocati, l’atalantino Carnesecchi e lo juventino Loria.

A occhio e croce sembra il centrocampo il nostro reparto più debole, anche solo numericamente parlando. Le certezze sono rappresentate da Frattesi, gran protagonista ad Ascoli in serie B, dove non ha patito per nulla il salto tra i grandi, dopo i trascorsi giovanili spesi tra Roma e Sassuolo e dall’ex interista Salvatore Esposito, che si è fatto apprezzare in C al Ravenna dopo gli scampoli di inizio stagione alla Spal. Esposito, ex trequartista, arretrato in regia, eccelle nel ruolo proprio in virtù di evidenti qualità tecniche e un’ ottima visione di gioco. Ha anche due fratelli calciatori, entrambi all’Inter, in particolare sulla bocca di tutti è finito Sebastiano, prodigio del 2002 che non solo sta trascinando la Primavera dell’Inter (da sotto età) in campionato ma è stato anche il migliore dei suoi agli Europei Under 17, dove l’Italia si è arresa solo in Finale ai fortissimi pari età olandesi il 19 maggio scorso (analogo triste epilogo dell’anno precedente, quando gli stessi Arancioni sconfissero la nostra Under 17 ai rigori nella Finalissima della competizione europea).

Frattesi è una delle certezze del centrocampo azzurro: leadership, personalità e dinamismo le sue principali caratteristiche

Ecco, tolti però Frattesi ed Esposito, come accennato, è proprio la mediana il reparto più funestato dalle assenze (per motivi vari). Difficile sopperire a gente come Zaniolo, Tonali e Melegoni. Una maglia da titolare sembra poter andare così a Colpani, che sta disputando una stagione da incorniciare (come tanti suoi compagni, giusto sottolinearlo) con la Primavera dell’Atalanta, primissima nella Regular Season e seria candidata allo Scudetto di categoria. Tutto da scoprire invece è l’italo tedesco Alberico, nato e cresciuto in terra germanica e affermatosi nelle giovanili dell’Hoffenheim (ma con all’attivo anche esperienze nella corrispettiva Squadra B). Si tratta di un mastino di centrocampo, capace di giocare anche laterale.

In cabina di regia ci si aspetta molto da Salvatore Esposito, che può vantare grande tecnica e visione di gioco

Veniamo così al reparto offensivo, dove indubbiamente la stella risponde al nome di Pinamonti. Il centravanti designato della nostra giovane spedizione, dopo gli assaggi in prima squadra con l’Inter (società dove ha scalato le gerarchie a suon di gol nelle giovanili) ha messo a segno 5 gol nella difficile stagione del Frosinone, terminata con la mesta retrocessione in serie B dei ciociari. Un buon bottino per lui ma soprattutto una acquisita esperienza e la dimostrazione di poter competere a certi livelli al cospetto di navigati difensori. Gli saranno vicini in avanti, assieme o alternandosi, il potente Scamacca e l’agile Capone, proprio come accaduto un anno fa con l’Under 19 (completava un reparto atomico Moise Kean). Entrambi questi giocatori (Scamacca e Capone), pur avendo visto il campo col contagocce quest’anno, sono pronti a prendersi il palcoscenico in maglia azzurra: sono in possesso di conclamate qualità tecniche, oltre a essere dei fedelissimi del mister. Dovranno stare ben attenti però alla forte concorrenza nelle retrovie di Gori e Olivieri, pronti a giocarsi le loro chances per assicurarsi un posto da titolare in attacco.

GettyImages-1134727784-min

Punta di diamante della nostra spedizione è il centravanti Pinamonti, in grado di abbinare al meglio qualità tecniche e fisiche. Dovrà farsi valere in zona gol, come sta già facendo in serie A

Il primo, proprio in extremis di campionato, ha trovato la via del gol con una bella doppietta decisiva per il suo Livorno, dopo che nella prima parte di stagione aveva giocato poco a Foggia, sempre in serie B; il secondo invece si è ritagliato tanto spazio nella Juventus Under 23, primo esperimento di “seconde squadre” tra i professionisti per i club italiani. Il talentino, con un passato nelle giovanili dell’Empoli, ha accumulato minutaggio importante, mostrando oltretutto buoni numeri, anche se non è propriamente efficace in zona gol.

Il tecnico Paolo Nicolato ha tutte le capacità di far rendere al meglio la rosa, avendo già dimostrato di essere un vero e proprio “mago” con i giovani. Io mi appresterò come al solito a fare un gran tifo per gli Azzurrini, convinto della forza e della qualità dei nostri giocatori ma soprattutto dal fatto che da un po’ di tempo abbiamo finalmente imboccato la strada giusta per far rifiorire il calcio italiano, dopo troppi anni bui e carenze di talenti.

In bocca al lupo alla nostra giovane spedizione, sperando di poter fare tanta strada in questo Mondiale Under 20.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...