Al via il campionato di serie B 2016/2017: i miei pronostici. Big, rivelazioni, possibili promosse e retrocesse.

Il campionato di serie B 2016/’17 è ormai alle porte, e si preannuncia assai equilibrato e avvincente, sulla falsariga dell’ultimo disputato, concluso con le promozioni di Cagliari, Pescara e Crotone.

Al via tante squadre appaiono ben disegnate e in grado di farla da padrone, ma come sappiamo, rispetto al gradino superiore, in cadetteria contano tantissimi aspetti, primo fra tutte la tenuta sulla lunga distanza.

La B è una vera maratona calcistica che si dipana lungo 42 tappe, e sarà decisivo farsi trovare pronti a primavera; quello è negli ultimi anni il periodo consono a delineare meglio le candidate più serie a giocarsi la promozione e allo stesso tempo indicativo di coloro che dovranno sudare per mantenere la categoria.

Negli ultimi anni ci sono state compagini abili a sparigliare le carte e le griglie di partenza, ultimo caso (eclatante, visto come si era salvato solo 12 mesi prima) quello del Crotone. Ma in fondo anche l’Empoli di Sarri o le due matricole assolute per la massima serie, Carpi e Frosinone – che solo un paio d’anni prima stazionavano addirittura in Lega Pro –, non partivano certo favorite in origine.

Questo per dire che molto probabilmente in fase di pronostici mi farò fregare anche quest’anno, laddove scrissi all’inizio della stagione scorsa che vedevo bene Cesena, Bari e Latina (parlavo di outsider, non di probabili promosse).

Prima di andare nel dettaglio, e dichiarando per chi ancora non ne fosse a conoscenza la mia fede calcistica per il Verona (oltre che per il Torino) – il tutto senza inficiare il mio senso di obiettività e imparzialità – mi azzardo a dire che mai come quest’anno le tre provenienti dalla A mi sembrano attrezzate per disputare un ottimo torneo e soprattutto mi pare non abbiano subito il classico contraccolpo psicologico post-retrocessione.

Ecco la prima giornata da calendario e qualche annotazione in merito alle squadre:

SPEZIA-SALERNITANA
Spezia (4-3-3): 
Chichizola; De Col, Terzi, Valentini, Migliore; Sciaudone, Errasti, Pulzetti; Piu, Iemmello, Piccolo. Allenatore: Di Carlo
Salernitana (4-4-2): Terracciano; Laverone, Bernardini, Schiavi, Vitale; Busellato, Odjer, Moro, Rosina; Donnarumma, Coda.Allenatore: Sannino

Subito un incontro ostico per lo Spezia, squadra che da anni si annovera tra le più promettenti e interessanti, forte anche di una società che non si può dire abbia badato a spese per puntare alla A. Eppure ogni anno manca un piccolo tassello, che forse potrebbe essere colmato anche grazie a una guida tecnica ormai salda in Di Carlo. Di contro però arriva una Salernitana che, nemmeno troppo a fari spenti, si candida a rivelazione, contando su un pubblico in grado di trascinare ma soprattutto su una qualità media della rosa elevata anche grazie a innesti come quello di Rosina, strappato a numerosi club.

Fra i liguri impossibile non tributare elogi per un tridente d’attacco che promette scintille, e che vedrà due nuovi acquisti al fianco del consolidato Piccolo: Iemmello, reduce da una stagione memorabile al Foggia, e il giovane Piu, protagonista da sempre fra i vivai italiani alla guida dell’Empoli.

Tra i campani invece occhio alla coppia Coda – Donnarumma, confermatissima e probabilmente la meglio assortita della categoria, e a una difesa che poggia su veterani come Schiavi e Bernardini, rinvigoriti sulle fasce da uomini da serie A come Laverone e Vitale.

AVELLINO-BRESCIA
Avellino (3-4-3):
 Frattali; Gonzalez, Jidayi, Biraschi; Visconti, Paghera, Omeonga, Gavazzi; Bidaoui, Mokulu, Verde. Allenatore: Toscano
Brescia (4-3-3): Minelli; Calabresi, Somma, N. Lancini, Coly; Bisoli, Pinzi, Ndoj; Morosini, Rosso, Bonazzoli. Allenatore: Brocchi

Da molti accreditata come possibile nuova sensazione della B, io invece nutro dei dubbi (in chiave playoff si intende) sugli irpini. Se si guarda l’11 titolare emergono nomi come gli esperti Gavazzi, Gonzalez (entrambi reduci da una buonissima stagione) o le certezze Visconti e Jidayi, ma forse non sono compensati dalla scarsa esperienza di elementi pur validi come l’ex giallorosso Verde (al primo vero banco di prova dopo aver trovato pochissimo spazio nello scorso campionato) o discontinui come il seppur talentuoso Bidaoui e Mokulu. Se dovesse rimanere (ma le sirene del Genoa sono sempre più rumorose), il vero crack sarebbe certamente Biraschi, altrimenti la sua perdita sarebbe gravissima.

Il Brescia sembra aver scoraggiato anche i più ottimisti fra i tifosi, dopo le pessime prove stagionali, che fossero amichevoli o incontri ufficiali. Certo, la squadra ha una età media bassissima, al di là del “sommo” Caracciolo. Ma quella in fondo sarebbe relativa se alla base ci fosse materiale buono su cui lavorare. Molti provengono dallo stesso vivaio locale (un tempo assai florido) ma fatico a trovare un potenziale campione. Senza scomodare nessuno, almeno da Somma e Morosini mi aspetto però un apporto importante, fiducioso che Brocchi, un tecnico desideroso di rimettersi in carreggiata con rinnovato spirito, saprà gestirne la crescita.

Che sia l'anno giusto per il Bari? Nella mia griglia di partenza parte al primo posto, anche se poi sarà il campo a dare le giuste risposte

Che sia l’anno giusto per il Bari? Nella mia griglia di partenza parte al primo posto, anche se poi sarà il campo a dare le giuste risposte

BARI-CITTADELLA
Bari (4-4-2)
: Micai; Sabelli, Cassani, Moras, Daprelà; Fedato, Martinho, Romizi, Basha; Maniero, De Luca. Allenatore: Stellone
Cittadella (4-3-1-2): Alfonso; Pedrelli, Pascali, De Leidi, Benedetti; Schenetti, Iori, Valzania; Chiaretti; Arrighini, Litteri. Allenatore: Venturato

Per molti una sorta di testa-coda, e il favoritissimo Bari (anche in chiave serie A) dovrà stare attento a non cannare di fronte a un avversario che, in fondo, ha fatto solo una breve scappatella al piano di sotto, prima di tornare nella casa che gli è più consona. Il Cittadella, guidato da Venturato, un allenatore che, alla stregua di un Maran, viene considerato poco rispetto ai reali meriti, ha una solida base e un gioco fluido e piacevole. Da tenere d’occhio l’espertissimo ex “scozzese” Pascali e il giovane Valzania. Insomma, non la vedo certo come una vittima sacrificale, nell’ambito di una lotta di sopravvivenza per rimanere in B, anche se indubbiamente il Bari di Stellone può vantare tantissime frecce al proprio arco (Maniero, Fedato, Martinho, Romizi, Sabelli, Moras).

Non mi sarei aspettato che il tecnico romano lasciasse Frosinone, convinto che avesse nuove motivazioni tali da tentare la nuova immediata risalita con quella che era a tutti gli effetti una sua creatura, e invece ha preferito rimettersi in gioco in una piazza caldissima, che attende da troppi anni una consacrazione e il ritorno ai fasti di un tempo. La squadra pugliese, disegnata sul congeniale 4-4-2 è forte e completa in ogni reparto e credo davvero sia la volta buona per salire in A, addirittura senza passare dai playoff.

BENEVENTO-SPAL
Benevento (4-3-1-2):
 Cragno; Venuti, Lucioni, Camporese, Lopez; Chibsah, Agyei; Melara, Falco; Puscas, Ceravolo. Allenatore: Baroni
Spal (3-5-2): Meret; Cremonesi, Vicari, Silvestri; Schiattarella, Arini, Picchi, Schiavon, Mora; Antenucci, Cerri. Allenatore: Semplici

Due neopromosse dall’ex serie C subito a confronto nel primo turno e due destini che probabilmente si incroceranno spesso, visto che entrambe lotteranno per salvarsi… anche se una sbirciatina ai play off secondo me avranno voglia di darla. A dispetto dello status di matricola assoluta, il Benevento ha messo in piedi una rosa davvero niente male, con uomini importanti in ogni reparto: dal portierino azzurro Cragno, al ritrovato Camporese in difesa (uno che da giovanissimo nella Fiorentina consideravano migliore di Nastasic, prima di essere etichettato come “infortunato cronico”), a Chibsah in mediana (vi ricordate quando sembrava trascinare da solo il centrocampo del Sassuolo?) a una coppia d’attacco ben assortita tra il “vecchio” Ceravolo e l’ex enfant prodige interista Puscas, innescati da quel Falco  che ai tempi delle giovanili del Lecce veniva soprannominato con un volo pindarico il “Messi del Salento”. Tanta carne al fuoco quindi, da contrapporsi alla concretezza della Spal, nobile decaduta del nostro calcio che tantissimi appassionati hanno salutato con affetto al suo ritorno in serie B (non solo i loro tifosi). Io ho sempre guardato con simpatia alla squadra biancoazzurra, un po’ perché Ferrara in fondo è a un tiro di schioppo da casa mia, pur essendo io della provincia di Verona, e poi perché da bambino spesso e volentieri mi recavo allo stadio “Paolo Mazza” con mio papà. Da allora ho sempre seguito gli estensi nonostante le mille vicissitudini. Già immagino ci saranno tra i lettori coloro che mi bacchetteranno perché in pratica simpatizzo per diverse squadre. Il fatto è che io mi innamoro delle storie, e quella della Spal ad esempio è bellissima.

In ogni caso l’11 assemblato non è niente male, con anzi due prospetti di assoluto valore del calcio italiano, vale a dire Meret e Cerri, assolutamente da non bruciare. Poi la squadra è stata irrobustita e puntellata con ottimi interpreti, esperti ma ancora validissimi come Antenucci, dopo le brillanti parentesi estere, Arini – ex bandiera dell’Avellino – e Cremonesi, reduce dalla splendida promozione in A col Crotone, e che a mio avviso meritava di rimanere in Calabria a godersi la massima serie dopo tanta gavetta. In panchina quel Semplici che sembra tremendamente a suo agio anche tra i “grandi” dopo le vittorie in compagini giovanili.

FROSINONE-ENTELLA
Frosinone (4-4-2):
 Bardi; Ciofani, Pryyma, Brighenti, Mazzotta; Gucher, Frara, Kragl, Paganini; Ciofani, Cocco. Allenatore: Marino
Entella (4-3-1-2): Iacobucci; Iacoponi, Pellizzer, Ceccarelli, Keita; Palermo, Troiano, Moscati; Tremolada; Masucci, Caputo. Allenatore: Breda

Ce la farà il Frosinone a trovare subito la strada maestra verso un pronto ritorno in A, oppure sarà stato uno splendido, al di là della retrocessione, episodio isolato? Quel che è certo è che gli ingredienti per puntare al bersaglio grosso ci sarebbero tutti. La rosa non smantellata e ricca di fosforo e talento (Gucher, Paganini, Ciofani), con aggiunte importanti come quelle di Mazzotta e i due ex vicentini Brighenti e Cocco che il neo tecnico Marino ha voluto a tutti i costi portare con sé (e almeno nel caso di Brighenti rischiando di creare un pandemonio nella città veneta, visto quanto l’ex capitano fosse benvoluto da tutti).

Si diceva che la B è fatta di tante tappe, quindi si vedono alla distanza le squadre migliori. Come inizio per il favorito Frosinone c’è quell’Entella che l’anno scorso ha fatto le prove generali ma che, sotto sotto, sembra voler ricalcare le orme di un’altra provinciale non capoluogo, il Sassuolo. Già, magari il paragone può sembrare azzardato ma anche qui c’è una buona società (magari non così in forze finanziarie), un ottimo gruppo e un ambiente salubre, tutti ingredienti che in B possono fare la differenza. E poi c’è la ciliegina Caputo in avanti a trascinare i compagni.

PRO VERCELLI-ASCOLI
Pro Vercelli (4-3-3):
 Provedel; Germano, Konatè’, Bani, Mammarella; Castiglia, Ardizzone, Palazzi; Mustacchio, Ebagua, Vajushi. Allenatore: Longo
Ascoli (4-3-3): Lanni; Almici, Mengoni, Augustyn, Mignanelli; Hallberg, Bianchi, Giorgi; Lazzari, Cacia, Gatto. Allenatore: Aglietti

Due squadre veramente molto interessanti, la Pro Vercelli e l’Ascoli, di quelle che non metterei protagoniste in chiave playoff ma che molto probabilmente saranno in grado di divertire e proporre un gioco di qualità. Il perché è presto detto: in panchina siedono due allenatori, uno all’esordio assoluto fra i pro – e giovanissimo anche per età, 41 anni – l’altro che in cadetteria non ha bisogno di presentazioni ma che ancora è atteso all’exploit. Longo e Aglietti sapranno imprimere le loro idee e valorizzare delle rose di livello qualitativo medio, ma con all’interno elementi di sicuro interesse. Nella Pro, Mustacchio, una sicurezza in B – ma gli avevamo auspicato una carriera ancora migliore quando si divideva tra le giovanili delle Rondinelle e la Primavera della Samp –,  Ebagua in avanti e Mammarella in difesa dovranno far da chiocce a gente come Provedel e Palazzi, di grande talento. Nell’Ascoli questo compito ce l’avrà Cacia, inseguito per tutta l’estate da squadre di ogni dove, fino al sigillo del rinnovo con quella voglia di riprendere dal girone di ritorno scorso, quando gli si era accesa impietosa la miccia del gol. Atteso alla consacrazione il terzino Almici, curiosità per il mediano Hallberg.

TERNANA-PISA
Ternana
 (4-2-3-1): Di Gennaro; Zanon, Meccariello, Valjent, Sernicola; Coppola, Bacinovic; Furlan, Falletti, Surraco; Avenatti. Allenatore: Carbone
Pisa (4-3-3): Ujkani; Avogadri, Del Fabro, Lisuzzo, Longhi; Tabanelli, Di Tacchio, Colombatto; Mannini, Cani, Varela. Allenatore: Colonnello

Lo dico fuori dai denti, sperando per i rispettivi tifosi ovviamente di sbagliarmi: Ternana e Pisa sono le squadre più accreditate a salutare la compagnia a fine campionato. Chiaramente i problemi per entrambe non sono solo di natura tecnica – anzi la squadra nerazzurra toscana ha appena compiuto un capolavoro tornando in B – ma certo le incognite sono tante. Entrambi gli allenatori poi non sembrano frutto di scelte societarie (quali società poi?) accurate, e in ogni caso hanno avuto poco tempo a disposizione per plasmare le proprie squadre. Partono in ritardo, anche se lo scontro alla prima in fondo potrebbe da subito dare slancio in caso di vittoria dell’una e dell’altra e regalare un po’ di serenità all’ambiente

Secondo i bookmakers è la candidata principale alla promozione in A. Ma le stagioni successive a una retrocessione nascondono spesso insidie. La squadra gialloblu pare ben costruita e molto attrezzata per raggiungere il traguardo

Secondo i bookmakers è la candidata principale alla promozione in A. Ma le stagioni successive a una retrocessione nascondono spesso insidie. La squadra gialloblu pare ben costruita e molto attrezzata per raggiungere il traguardo

VERONA-LATINA
Verona
 (4-3-3): Nicolas; Pisano, Bianchetti, Caacciolo, Romulo; Zuculini, Viviani, Fossati; Luppi, Pazzini, Ganz. Allenatore: Pecchia
Latina (3-5-2): Pinsoglio; Bruscagin, Dellafiore, Garcia Tena; Regoli, Rocca, Marchionni, Mariga, Scaglia; Paponi, Corvia. Allenatore: Vivarini

Ovviamente i pronostici devono essere rispettati sul campo e nella mia esigentissima città (almeno sponda Hellas)  i tifosi sono stati purtroppo scottati nelle precedenti stagioni cadette che avevano seguito la retrocessione dalla A. Ma obiettivamente questa squadra sembra essersi lasciata dietro le scorie di pochi mesi orsono e ha poco o nulla da condividere con la squadra che con Malesani scese in B per poi inabissarsi ancora più giù.

Pecchia sembra aver convinto i più scettici, non solo per il positivo cammino in Coppa Italia ma soprattutto per i suoi metodi di allenamento, per la ricerca di un gioco moderno e offensivo e per la grande ambizione e determinazione che sembra essere riuscito a trasmettere anche in elementi fondamentali come Romulo o Pazzini. C’è un bel mix tra nuovi acquisti (su tutti Ganz, Fossati, Antonio Caracciolo e Zuculini) e alcuni reduci desiderosi di riscatto.

Il Latina, su cui avevo riposto grandi aspettative lo scorso campionato, tuttora mi incuriosisce ed è formato in campo da giocatori su cui è possibile puntare (Corvia, Scaglia, il giovane Marchionni) ma sembra soprattutto solido. Mi dà l’idea che dopo lo spavento dell’anno scorso vorrà badare al sodo, e la scelta di ridare fiducia a certi giocatori “di categoria”, integrandoli con nuovi dalle medesime caratteristiche, ne è per me una conferma.

Anche il Carpi ha un organico forte, che poggia le sue basi sul gruppo di giocatori che pochi mesi fa sfiorò l'impresa salvezza in serie A. C'è rivalsa, spirito di gruppo e tanta motivazione, incarnate alla perfezione dall'allenatore Castori

Anche il Carpi ha un organico forte, che poggia le sue basi sul gruppo di giocatori che pochi mesi fa sfiorò l’impresa salvezza in serie A. C’è rivalsa, spirito di gruppo e tanta motivazione, incarnate alla perfezione dall’allenatore Castori

VICENZA-CARPI
Vicenza (4-2-3-1):
 Benussi; Pucino, Fontanini, Adejo, D’Elia; Signori, Rizzo; Galano, Bellomo, Fabinho; Raicevic. Allenatore: Lerda
Carpi (4-4-2): Belec; Letizia, Blanchard, Romagnoli, Gagliolo; Pasciuti, Crimi, Fedele, Di Gaudio; Lasagna, Catellani. Allenatore: Castori

Due bellissime squadre, molto intriganti, lo dico a scanso di equivoci. A Vicenza sono abituati da anni ad allestire squadre valide ed estremamente interessanti con pochi mezzi a disposizione (in pratica dal primo anno di Marino), affidandole poi a tecnici con una impostazione di gioco votata all’offensiva. Come nel caso di Lerda, uno dei più “accaniti” sostenitori del 4-2-3-1, con la fantasia al potere sulla trequarti. Sarà bello per me (visto che li avevo seguiti tanto nelle giovanili) rivedere assieme i due baresi Bellomo e Galano, due che con le qualità tecniche che si ritrovano non so che ci facciano a 25 anni ancora in B.

Il Carpi, beh… lo scrivo a chiare lettere, credo abbia tutto per tornare subito in A, per quanto non credo sia un obiettivo dichiarato, essendo una squadra di provincia abituata alla concretezza, e che si è “concessa” un regalo di lusso due anni fa, con una storica promozione. Tranne Mbakogu in pratica sono rimasti tutti; è rimasto soprattutto il Maestro in panchina, Castori, per molti di loro un mentore. Senza grandi squilli potrebbero fare lo sgambetto a squadre più accreditate.

NOVARA-TRAPANI
Novara (4-2-3-1):
 Da Costa; Dickmann, Troest, Scognamiglio, Calderoni; Casarini, Viola; Kupisz, Faragò, Sansone; Galabinov. Allenatore: Boscaglia
Trapani (3-5-2): Guerrieri; Pagliarulo, Fazio, Casasola; Rizzato, Crecco, Nizzetto, Scozzarella, Balasa; Coronado, Petkovic. Allenatore: Cosmi

Un bellissimo big match, tra due squadre rivelazioni degli ultimi anni. Il Novara ha dimostrato, ce ne fosse bisogno, che la caduta in Lega Pro di qualche stagione fa era stata solo accidentale, e che la società mira a stabilirsi in B, tentando sotto sotto di fare le scarpe in chiave play off a rivali favorite. Boscaglia incontra la squadra con cui strabiliò tutti. Non fu a quanto pare un fuoco di paglia, se nel frattempo lui è diventato uno dei tecnici più in voga, innovativi e promettenti del calcio italiano, e il Trapani una serissima candidata alla promozione, dopo averla davvero sfiorata qualche mese fa. Lì in panca c’è ancora colui che sostituì proprio l’attuale tecnico novarese, quel Cosmi che,  a genio e novità, impose esperienza e concretezza, facendo volare i siciliani e promettendo di riprovarci.

In campo, da una parte fari puntati sul bomber Sansone – uno dei grandi colpi di calciomercato di questa sessione -, Dickmann (futuro quasi assicurato in A), Viola (a mio avviso il miglior playmaker dell’intero campionato), Faragò e Galabinov; dall’altra attese le colonne Coronado,Fazio, Nizzetto – tecnica purissima abbinata a dinamismo e grinta, a 30 anni suonati vuole arrivare in A da protagonista  – e le scommesse Balasa e Casasola.

CESENA – PERUGIA

Cesena (4-3-3): Agazzi; Balzano, Lucchini, Perticone, Capelli; Kone, Schiavone, Vitale; Djuric, Garritano, Ciano. Allenatore: Drago

Perugia 4-4-2: Rosati; Belmonte, Alhassan, Chiosa, Volta; Della Rocca, Brighi, Guberti, Drolè; Bianchi, Zapata. Allenatore: Bucchi

Infine nel posticipo della prima giornata si scontreranno due squadre di buon livello complessivo (in particolare il Cesena), che intendono proseguire il solco tracciato nel campionato scorso. I romagnoli sembrano sin dal principio fare sul serio: hanno trattenuto i big Djuric, Ragusa e Ciano e, contando già gli esperti Lucchini e Capelli, oltre al talentuoso Garritano atteso alla consacrazione definitiva, hanno aggiunto sicuri protagonisti come Balzano, Agazzi e Perticone, quest’ultimo reduce da una stagione monstre a Trapani.

A Perugia, dove la voglia di serie A è tanta, forse si dovrà ancora attendere per puntare al bersaglio grosso, ma nel frattempo si sono affidati a Bucchi, uno che il cuore ce l’ha qui da sempre e puntano, oltre che su leader naturali come Del Prete e Brighi,  anche sulla voglia di rivalsa di gente come Belmonte e Guberti.

 

I MIEI PRONOSTICI IN SINTESI

PROMOSSE IN SERIE A

BARI

HELLAS VERONA

CARPI (dopo playoff)

AI PLAYOFF (oltre al Carpi)

FROSINONE

NOVARA

SPEZIA

CESENA

VICENZA

RIVELAZIONI

BENEVENTO

SALERNITANA

SALVA AI PLAYOUT

CITTADELLA

RETROCESSE IN LEGA PRO

TERNANA

PISA

BRESCIA

 

 

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...