Basket NBA: al via le semifinali delle due conference! Tutte le big ancora in corsa ma che sofferenza per Oklahoma e San Antonio nella prima fase

E così i nostri pronostici in linea di massima sono stati rispettati, nonostante il tantissimo equilibrio che ha regnato in questa prima fase di playoff  NBA, eccezion fatta per i campioni di Miami guidati da un James che sta ritrovando il giusto smalto proprio nel momento cruciale della stagione, guarda caso. D’altronde forse quello era l’accoppiamento più azzardato, dove gli squilibri in campo dal punto di vista tecnico erano lampanti. Meno in altre sfide, considerando che diverse big sono finite a imporsi a fatica solo in gara 7. Ce l’hanno fatta alla fine gli Oklahoma City Thunders delle stelle Durant e Westbrook (se il play mantiene la forma da qui alla fine davvero a ovest potranno dire la sua e chissà se riuscirà ad arrivare il tanto sospirato anello), così come i Clippers finiti loro malgrado nell’occhio del ciclone a causa del loro patron, bannato a vita dalla Federazione americana. Che sfida contro Golden State (la mia favorita tra le due) ma onore a Los  Angeles che sospinta da Paul e Griffin (finalmente quello “vero” dopo aver deluso nelle prime due gare). Equilibrio assoluto anche tra Portland e Houston: sono caduti con onore i texani del barbuto Harden, ormai a un passo dal poter diventare un MVP e pure Howard ha limitato nel possibile un grandissimo Lillard, ormai compiutamente esploso secondo le sue enormi potenzialità. San Antonio ha sudato sette camicie ma se recuperano gli uomini migliori (qualche segnale di risveglio è giunto dal francese Parker, imprescindibile per gli uomini di Popovich): a mio avviso resta il più serio candidato nella lotta al titolo contro Miami. E vedremo se Indiana, dopo i tentennamenti iniziali, saprà tornare a giocare sui livelli standard ottimi mostrati per tutta la Regular Season. Ha sorpreso ma nemmeno tanto, visti i nomi in roster, il passaggio del turno dei Nets di Brooklyn. La squadra, che ha fatto penare i suoi tifosi per tutto l’anno, ha uomini di provata esperienza in tutti i reparti (bastino i nomi degli ex Celtics Pierce e Garnett o di Kirilenko?) che hanno fatto valere la loro classe contro i Raptors, usciti senza demeritare, e ammirati a lungo durante la stagione. Ora si entra veramente nel vivo con le semifinali delle due conference!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...