Focus serie B. Il Palermo espugna Latina, manca solo la matematica per la serie A. Il resto è all’insegna dell’equilibrio mentre in coda c’è il primo verdetto con la retrocessione della Juve Stabia

Al Palermo, dopo la perentoria affermazione in quel di Latina (che nonostante la sconfitta, rimane serissima accreditata almeno per i playoff), manca in pratica solo la matematica ma ormai i conti paiono fatti. Sarà meritata serie A, non solo perchè così “doveva essere”, considerato il pedigree e la rosa della squadra rosanero, ma perchè sancita in modo inequivocabile dal campo, dopo la traballante parentesi iniziale di Gattuso, ottimamente compensata dalla gestione Iachini, sempre più specialista in promozioni dalla cadetteria. Ora la palla spetta all’enigmatico e umorale Zamparini, che già si è fatto avanti sostenendo come Iachini sia il miglior tecnico con cui abbia mai lavorato. Può darsi che sia vero, ma da qui sono passati anche tra gli altri Zaccheroni, Delneri e Guidolin, e non si trattava certo di tecnici scarsi.

download

Dietro il Palermo è vero equilibrio, se non proprio bagarre. Riemerge l’Empoli e alla fine, pur con sudore, credo sarà proprio la compagine toscana di Sarri la più seria candidata alla promozione diretta: lo dice la storia, anche recente, ma soprattutto i numeri, il gioco, la continuità, anche se ormai è palese che i toscani dovranno fare i conti con alcune squadre davvero mai dome, ostiche, impertinenti e sbarazzine, che non temono confronti. Del Latina abbiamo già accennato: era in splendida forma, avesse fermato anche la capolista staremmo qui a parlare quasi di miracolo calcistico avvenuto, considerando che si tratta di una matricola assoluta della serie B (certo, ma che in attacco può vantare uomini del calibro di Jonatas e Paolucci, per dire!). Cade rovinosamente il Cesena in casa, sotto i colpi di un sempre più indecifrabile Brescia. La squadra lombarda avrebbe tutto per salire in A: storia, tradizione, un gran vivaio, giocatori top per la categoria come Caracciolo, capitan Zambelli o Corvia, uomini che se in condizioni un minimo accettabili possono fare la differenza (vedi Sodinha, ieri autore di una prova monstre). Tengono botta in alto il super Crotone dei tanti giovani (Bernardeschi, Crisetig, Dezi, Cataldi, Gomys, ieri assente), nonostante la sconfitta di Avellino (gli irpini irrompono nuovamente in zona playoff)  e il Trapani, tornato vincitore nella gara che ha sancito il primo verdetto ufficiale della stagione: la retrocessione in Lega Pro della Juve Stabia, giunta al termine di una sciagurata stagione, nata malissimo e mai migliorata durante il percorso.

Ormai pienamente guarito il Lanciano, ieri vittorioso a Varese  grazie al solito Mammarella, cecchino infallibile su punizione (sempre più valida nel suo caso l’iperbole di “Roberto Carlos d’Abruzzo”!). Varese che a questo punto, pare impossibile considerando i propositi di inizio stagione e la squadra allestita in estate, deve guardarsi bene alle spalle, visto che sono solo 3  i punti che lo dividono dal Novara e 4 dal Cittadella, che ieri si è imposto al Granillo in una gara da “dentro o fuori”. Reggina e Padova hanno ancora la possibilità di acciuffare i playout ma realisticamente pare a questo punto della stagione assai improbabile, e spiace vedere due squadre rappresentative di realtà importanti cadere così in basso. Occasioni perse sono sembrate quelle di due big della categoria: Siena e Pescara. Entrambe sono rimaste al palo nelle rispettive gare casalinghe, con pareggi a reti bianche contro Carpi e Novara, squadre sinceramente alla portata. Ma se per il Siena possono valere delle attenuanti (problemi societari non da poco e un clima di disfattismo evidente), per la squadra di Cosmi difficile trovare delle giustificazioni. E’ in pratica tutta la stagione, già dalla stagione Marino, che il potenziale notevole della squadra sembra non essersi mai espresso, peccato!

Insomma, da qui alla fine, sarà sempre più arduo lanciarsi in pronostici, considerando i tanti scontri diretti e le poste ancora in palio: prepariamoci a pregustare un grande finale di stagione.

 

i

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...