Felice Natalino si ritira dal calcio giocato a 21 anni: ripercorriamo la sua storia

nata

Il giovane difensore calabrese (classe ’92) Felice Natalino dice addio al calcio giocato. La notizia era nell’aria: da tempo purtroppo le voci riguardo le sue condizioni fisiche non erano confortanti, e così ci ha pensato lui con un innocuo ma al contempo commovente tweet a ridestare attenzione su una vicenda che ha colpito tutti gli appassionati di calcio giovanile, ma non solo, perché il calciatore che aveva debuttato assai precocemente in prima squadra nell’Inter per tanta gente era molto più di una scommessa su cui puntare. Su questo blog in tempi non sospetti avevamo iniziato a seguire la sua vicenda e nel corso dei mesi quel post rimase tra i più letti, e tuttora detiene il record assoluto di visite in un solo giorno (il 9 febbraio furono ben 1181)

https://giannivillegas.wordpress.com/2012/11/08/giovani-talenti-che-fine-ha-fatto-felice-natalino/

No, niente a che vedere con coloro che si “perdono” presto per strada, per coloro che, giunti nel mondo del professionismo del pallone, non ne assecondano ritmi, stili di vita e maturità a più livelli, niente sfacciataggine o comportamenti poco irreprensibili. Da questo punto di vista il crotonese era proprio immune a simili “pericoli”, essendo in possesso di tante doti riconosciute e che aveva mostrato nelle sue pur brevi esperienze da calciatore “vero”:  era serio, atletico, ben strutturato, si impegnava molto, si sacrificava, non aveva vizi particolari. Però aveva pure un cuore “ballerino” e alle prime importanti esibizioni emerse con forza il problema di una seria aritmia, elemento certo da non sottovalutare. In prestito al Verona, dopo i buoni esordi in maglia Inter, dove pareva un predestinato, visto come affrontava gli allenamenti e seguiva con personalità le disposizioni tattiche in allenamento e in gara, non riuscì mai in pratica a giocare,causa un cavillo burocratico. L’allarme era già scattato, coi primi accertamenti, le visite specialistiche, la giusta e normale apprensione. Poi il ritorno nella natìa Crotone, ma nemmeno in quel contesto Natalino potè emergere, e non certo per limiti tecnici. A questo punto la notizia sui suoi problemi di salute era già rimbalzata da più parti, e l’Inter fu magistrale nel sostenere il ragazzo, soprattutto a livello psicologico, non facendogli mai mancare supporto, fiducia, assistenza. I tempi passano inesorabili, i mesi si rincorrono ma il rientro pare sempre più lontano. Nel 2013 Felice comincia seriamente a fare i conti con sé stesso e con la sua vita, ma già immagina un responso che a quel punto gli farà meno male del previsto, avendo vissuto sulla propria pelle poco prima un peggioramento delle funzioni cardiache che lo costringerà a farsi trasportare d’urgenza in elicottero per scongiurare guai estremamente peggiori.

imagesnata

Così, notizia di poche ore fa, ecco l’annuncio di un ritiro precoce ma doveroso, per sé e per le persone che più gli vogliono bene: con la vita non si può scherzare, specie quando si ha 21 anni e le risorse per poter emergere in altri mille ambiti. Lo ha capito per primo lui stesso, che si è sempre fidato ciecamente del giudizio dei suoi medici che da anni lo seguono, tanto da non prendere nemmeno in minima considerazione l’ipotesi di andare all’estero dove probabilmente (i casi di Fadiga e Kanu, tra l’altro curiosamente ex interisti entrambi) avrebbe ottenuto il nulla osta dai medici locali per disputare gare di livello agonistico, riprendendo così una vera carriera. Una carriera che in Italia era iniziata prestissimo, partendo a 15 anni da prodigio difensivo del Crotone in direzione Inter, dove in poco tempo divenne una stella nel contesto di uno squadrone (lo stesso pool di giocatori che avrebbe messo le mani su scudetto Primavera e Next Generation, per capirci). Nazionale giovanile di categoria, disputò da stella conclamata un buon Mondiale Under 17, in una squadra che vedeva presenti anche Perin, El Shaarawy, Fossati – con cui spesso duettava in mediana, zona che occupava saltuariamente ma con grande maestria – De Vitis, Carraro e altre giovani promesse come lui.

feli

Abile soprattutto da terzino incursore, nonostante i centimetri potessero indurre qualche allenatore a schierarlo in prospettiva pure da centrale difensivo, faceva della velocità e della leggiadria nei movimenti le sue armi migliori; come detto in Nazionale capitava di vederlo anche come perno centrale in mediana,  con licenza di muoversi e di inserirsi, sempre grazie alle sue doti atletiche. Un peccato che tante belle premesse siano state disilluse così presto, ma a Felice non possiamo fare altro che augurare una buona vita e tante soddisfazioni anche al di fuori del mondo del calcio. D’altronde lo ha scritto lui stesso, la vita vale molto più di ogni altra cosa e comunque il ricordo vivido di aver giocato a fianco di campioni come Eto’ o (immortalato nella foto postata a completamento del suo intervento su twitter) rimarrà sempre con lui.

Annunci

2 risposte a “Felice Natalino si ritira dal calcio giocato a 21 anni: ripercorriamo la sua storia

  1. Mi dispiace tantissimo, però la salute viene prima di tutto. E’ una questione di rispetto verso se stessi ma anche verso gli altri, verso chi ci vuole bene. E’ un peccato che, come invece avvenne per Kanu ai tempi, la medicina non sia riuscita a trovare il modo di guarire il ragazzo, ma la scelta di non emigrare in campionati più colpevolmente tolleranti fa onore alla maturità di Natalino. Ancora una volta il disastrato calcio italiano ha dimostrato di poter vantare almeno un primato, di cui deve andare assolutamente orgoglioso: la scrupolosità e l’inflessibilità delle “barriere” mediche. Se il cuore funziona male o è anche solo ballerino, il campo te lo scordi, ed è giusto così. Il fatto che la questione sia maturata nell’arco di diversi mesi ha senz’altro aiutato il giovane a metabolizzare il trauma, ad accettarlo con più serenità e a cominciare a fare progetti per l’avvenire. L’età è dalla sua parte, diciamo che il pallone è stata una bella parentesi, potrebbe rimanere nell’ambiente in altre vesti ma ha persino il tempo di studiare e specializzarsi in qualcosa. In bocca al lupo di tutto cuore.

    • bel commento Carlo, che sostanzialmente ricalca in pieno il mio pensiero nei confronti di questo ragazzo, ma in generale sul senso che bisogna dare alla nostra vita… alle cose davvero importanti cui dobbiamo guardare

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...