Italia Under 17: termina agli Ottavi contro il forte Messico il cammino degli Azzurrini al Mondiale di categoria. Ecco i miei giudizi sugli uomini di Zoratto

E’ calato piuttosto presto il sipario sulla spedizione azzurra della NAZIONALE UNDER 17 di calcio, impegnata negli Emirati Arabi Uniti al Mondiale di categoria. Uno scenario appetibile per i futuri campioni di un calcio nemmeno troppo lontano, se è vero che tra i protagonisti c’è pure chi ha già esordito in serie A (il capitano Cerri, nel Parma), ma che poteva essere “sfruttato” meglio.

itt

Superata una fase a gironi non troppo proibitiva – anche se gli ostacoli Costa d’Avorio, campione africano under 17 e Uruguay, di recente finalista al Mondiale Under 20, sconfitta solo dalla Francia  non erano proprio semplicissimi  da affrontare – in sorte, o meglio, in tabellone era toccato il Messico, non solo squadra campione in carica, ma dalla grande tradizione a questi livelli.

Ciò che ha colpito rispetto ad altri cicli del calcio giovanile azzurro, è che mancassimo di qualità, di quei guizzi che solitamente ci si aspetta da ragazzi in un’età in cui agli aspetti esageratamente tattici si sommano quelli prettamente tecnici.

Poco si è visto in questo senso, se non tanta, tantissima applicazione, ordine, e – va beh – grinta, ci mancherebbe mancasse in una competizione simile.

Certo, fossimo passati ci sarebbe toccato in sorte il Brasile che, pur faticando contro la quotata Russia, rimane a mio avviso la favorita del torneo per qualità di gioco (appunto) e numero di interpreti di alto livello (di qualcuno tra Boschilia, Danilo, Mosquito sentiremo prestissimo parlare), e magari saremmo stati eliminati comunque, però un po’ di rammarico è rimasto per aver concluso la strada agli Ottavi.

Andiamo ad analizzare il percorso dei ragazzi, senza voler dare giudizi insindacabili: per carità, la carta d’identità è tutta dalla loro parte e ci auguriamo che il loro percorso di crescita continui spedito verso il professionismo.

SCUFFET – uno dei pochi, non a salvarsi, ma proprio ad emergere con forza nel contesto dell’intera manifestazione mondiale. Portiere di sicuro avvenire, apparentemente senza punti deboli: forte fisicamente, reattivo, freddo, bravo nelle uscite alte e basse. Una manna dal cielo per l’Udinese che se lo sta coltivando in casa-

CALABRESI – forse è più abile nella fase difensiva… con lui al posto del milanista Calabria sulla fascia destra, l’Italia di Zoratto ha guadagnato in fisicità, perdendo però in dinamismo. Comunque per il giocatore della Roma l’esperienza si può definire abbastanza positiva.

DE SANTIS – buono apporto del centrale milanista, non ancora del tutto strutturato fisicamente rispetto al compagno di reparto Capradossi ma in ogni caso raramente distratto e in possesso di una buona personalità

CAPRADOSSI – il difensore della Roma era tra i più attesi e continua ad essere tra i più quotati ’96 in circolazione, tuttavia nella circostanza ha giocato un po’ al di sotto del suo standard. Niente di eclatante, non errori da rimarcare con la matita blu, ma a tratti è parso svagato e poco incisivo in marcatura.

DIMARCO – l’esterno sinistro dell’inter è tra coloro che hanno convinto maggiormente. Classe ’97 (uno dei più giovani dell’intera spedizione azzurra) ha corso tantissimo, svolto bene le due fasi di gioco, difensiva e offensiva. Sicuramente deve crescere ancora da un punto di vista fisico, ma a livello atletico e tecnico pare già sulla buonissima strada.

PALAZZI – il mediano dell’Inter, punto fermo della Nazionale di Zoratto ha un po’ giocato sotto tono, lontano da come ci aveva sempre abituato in campionato, dove a metà campo solitamente detta legge, giocando da leader. Qui si è limitato all’interdizione, risultando oltremodo impreciso in fase di impostazione, fino a perdere il posto.

ROMANO – non male il regista del Napoli, ma nemmeno trascendentale. Insomma, col suo piede educato, il suo lancio preciso e le sue felici intuizioni poteva dare un maggior apporto alla causa.

PARIGINI – frizzante, veloce, tecnico, eppure spesso sottotono, o meglio scarsamente utilizzato, servito a dovere. Per il fantasista laterale cresciuto nel Torino e da quest’anno in prestito alla Juve Stabia, sussistono delle attenuanti plausibili, ma da parte sua è rimproverabile il fatto che doveva mostrare più personalità, chiedere palla, osare di più coi dribbling, che ben gli riescono in campionato.

CERRI – il capitano, il leader della squadra, un “top player” potremmo dire tra tutti i ’96 che si presentavano al via al Mondial… tutte definizioni adeguate al suo talento e corroborate dai fatti (ha trascinato gli Allievi Nazionali del suo Parma allo scudetto di categoria; ha esordito nel finale di stagione l’anno scorso in serie A a poco più di 16 anni) ma poco riscontrate in queste gare, dove è apparso sin troppo isolato. Col suo fisico “da paura” (è alto 1,96!) ha tenuto sempre in allerta i difensori avversari, abili a creargli autentiche gabbie attorno, e raramente è stato pericoloso. Insomma, spesso ci hanno disinnescato la nostra arma migliore-

VIDO – il più positivo, e non solo per i gol realizzati, dal peso specifico elevatissimo (due reti che hanno fruttato due vittorie!), ma anche per l’impegno, la voglia di non mollare mai, l’abnegazione, il sacrificio a giocare spesso dietro la punta, a supporto. Per il giovanissimo attaccante milanista (classe ’97) il futuro “alla Ibra”, cui viene talvolta associato nei campionati giovanili, pare essere promettente.

STEFFE’ – il centrocampista del Chievo, ma di proprietà nerrazzurra dell’Inter è parso una discreta pedina a livello tattico, tornante di destra si sarebbe scritto anni orsono, ma alla resa dei conti è parso spesso tagliato fuori dai giochi e appunto usato quasi esclusivamente per dare maggiore equilibrio e solidità.

PUGLIESE – l’esterno atalantino è tra coloro che sono piaciuti di più, per dinamismo, grinta, corsa, personalità, voglia di emergere, di inserirsi tra le linee, cercando così di rompere una certa monotonia tattica. Non ancora perfettamente a fuoco (può fungere da interno destro, così come da laterale puro) ha ampi margini di miglioramento, ma sembra possedere le stimmate del calciatore professionista: il fatto di giocare nella Dea poi potrebbe ulteriormente facilitargli il compito.

TIBOLLA – pochi e ininfluenti scampoli di gara per il mediano clivense.

FABBRO – trottolino offensivo milanista, ha cercato di dar manforte all’attacco nei momenti di maggior difficoltà. in grado di giocare da seconda punta (ruolo a lui più congeniale) o da trequartista (in quanto dotato di buona tecnica individuale) ha sempre risposto “presente” una volta chiamato in causa.

CALABRIA – il terzino del Milan era partito benissimo nella gara inaugurale contro la Costa d’Avorio.. terzino desto con licenza di spingere e cercare sovrapposizioni sulla fascia con Pugliese, aveva convinto per capacità di corsa, resistenza e attitudine. Poi, tra scelte tattiche più “prudenti” e problemini fisici  (tanto che è stato operato per una appendicite.. intervento riuscito benissimo) è uscito di scena, ma ci sembra non azzardato pronosticargli una buona carriera.

TUTINO – forse il fantasista del Napoli non era giunto al Mondiale nelle migliori condizioni fisiche, fatto sta che ha fatto vedere ben poco delle meraviglie a cui ci aveva abituati in campionato. Con la sua invidiabile tecnica, la sua capacità di saltare l’uomo, avrebbe potuto davvero fare la differenza, farci cambiare marcia, invece tutto si è fermato alle semplici intenzioni, tanto da non meritarsi il posto fisso.

per gli altri ragazzi della spedizione giusto una citazione: si tratta comunque di giovani tra i più quotati e certamente più interessanti che si sono evidenziati in questi anni, e sui quali vale la pena continuare a investire… o iniziare a farlo!

Audero (Juventus), Ferrari (Milan), Lomolino (Modena), Pirrello (Palermo), Baldini (Inter).

it

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...