Hellas Verona: la corsa alla promozione diretta in serie A si fa sempre più dura

Diventa sempre più problematica la promozione diretta del Verona in serie A. Nonostante una serie positiva che dura da ben 8 giornate, clamorosamente i gialloblu di Mandorlini hanno perso terreno nei confronti della corazzata Sassuolo – che pure aveva perso qualche colpo ultimamente – e di un redivivo Livorno, che può vantare, a differenza del Verona, un attacco a dir poco atomico.

In attesa della gara col Novara, la squadra amaranto pare possedere, al momento, una marcia in più e gli stessi play off, più a volte “a rischio” durante il torneo, con le inseguitrici in difficoltà a mantenere i ritmi delle tre davanti, sembrano ormai a portata di mano da una squadra brillante come l’Empoli di Sarri, guidato dal super trio Tavano – Saponara – Maccarone.

Un Hellas deludente, poco amalgamato fra i reparti, e che nonostante una rosa ricca di qualità, propone un gioco solo a tratti brillante, anche solo paragonandolo a quello espresso dai gialloblu soltanto 12 mesi fa, quando davvero il ritrovato entusiasmo aveva sospinto la squadra fino ai meritati play off.

Sono un po’ deluso da sostenitore storico, lo ammetto, mentre da sportivo e addetto ai lavori, mi tocca ammettere che sarà quel che sarà e che se ci sono compagini più meritevoli è giusto che vadano in serie A queste ultime.

Niente disfattismi, il torneo può ancora regalare sorprese ma è indubbio, innegabile che l’Hellas deve cambiare marcia-

Advertisements

2 risposte a “Hellas Verona: la corsa alla promozione diretta in serie A si fa sempre più dura

  1. Visto da fuori: il Verona dello scorso anno era una squadra senza stelle (qualcuno è diventato star solo in corso d’opera) ma compatta, un blocco di granito animato da una grandissima voglia di rivalsa, e con giocatori validi ma fino a quel momento sottostimati dal grande calcio e quindi desiderosi di emergere. Quello di quest’anno si è forse un po’ “imborghesito”, è arrivato qualche nome di richiamo e l’equilibrio perfetto del 2011/12 si è un po’ incrinato. Però il rendimento, finora, mi pare comunque soddisfacente, la media punti è assai elevata, e i nuovi hanno alzato il tasso tecnico quel tanto che bastava per consentire di fare risultato anche quando il gioco non è stato all’altezza. Del resto, secondo me, senza tali innesti sarebbe stato difficile ripetere il precedente torneo, allorquando la squadra si espresse forse al di sopra delle proprie possibilità. Un Hellas più ricco di classe ed esperienza, pur se più discontinuo e meno brillante, è anche una discreta garanzia per gli eventuali playoff, che continuo a sperare non ci siano (e sabato mi toccherà fare il tifo per lo Spezia contro l’Empoli, pensa te…), ma che, se anche ci fossero, verrebbero affrontati con un piglio più smaliziato, più da squadra “adulta”.

    • ciao CARLO, forse hai ragione tu, e io vedo tutto nero, essendo sin troppo coinvolto nelle questioni scaligere. Il fatto è che davvero, come capitato al Torino, ad esempio, ormai la voglia di serie A, di tornare dove ci compete, è stata superata dall’impazienza. Troppi anni spesi in Lega Pro, troppe delusioni e allora quest’anno che eravamo sicuri di avere la miglior squadra della cadetteria, ci si intristisce al pensiero di dover sostenere gli estenuanti play off. Sassuolo e Livorno volano in classifica e a onor del vero, come dici tu, anche il cammino dell’Hellas è per lo meno regolare. Eppure la pressione – brutta bestia – si sta facendo sentire nei giocatori. Voglio dire, tu lo sai bene perchè immagino che al Genoa funzioni in modo similare, il Verona ha il miglior tifo della serie B, il più caldo, il più appassionato. Lasciamo perdere gli estremisti… parlo del tifo sano… eppure molti giocatori quando il gioco si fa duro, tirano indietro e si fanno sopraffare dalla paura, e quindi la pressione ambientale diventa un boomerang invece che uno stimolo positivo. I play off poi non ci portano bene, anzi, li abbiamo vinti solo contro la Salernitana, per il resto solo delusioni atroci. Vedremo se si arriverà con la testa giusta, è quello che mi auguro

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...