Si nasce incendiari, si muore pompieri

Ormai, arrivati quasi a 36 anni, non ci si dovrebbe stupire più di niente, specie su questioni che riguardano le “ideologie”. Difatti non mi sono stupito, però prendo lo spunto per una riflessione, magari banale.

Per molti, le ideologie sono ancorate alla giovinezza, si manifestano con più enfasi e più forza, più genuino entusiasmo se vogliamo, ma altresì con tanta ingenuità, a volte – nel peggiore dei casi – la si segue solo “per moda”.

pel

Premetto che intendo parlare di musica e non di politica o di filosofia, conoscete quel detto che dice “si nasce incendiari e si muore pompieri”?

Beh, credo sia molto illuminante, l’ho visto coi miei occhi in tanti casi. Io stesso, lungi dall’essere mai stato in fondo un rivoluzionario, ma un sognatore, idealista quello sì, mi rendo conto che mi sono un po’ “ammorbidito” su certe questioni, non riconoscendone più la priorità rispetto ad altri aspetti dell’esistenza.

Però mi ha fatto un certo effetto ieri sera vedere Cristiano Godano, uno dei rocker italiani che maggiormente ho apprezzato e seguito negli anni, un autore a cui non stonerebbe l’appellativo di “poeta”, vista la statura di molti suoi testi, mogio mogio mentre seguiva le prove di “The voice of Italy”, neo talent show d’importazione che vede tra i giudici mattatori un Piero Pelù che ormai da tempo invece ci sguazza nella tv di consumo.

Per carità, niente di scandaloso, in fondo il cantante dei Marlene Kuntz si è limitato appunto a dare qualche suggerimento (specie sull’arrangiamento del pezzo) alle due concorrenti che di lì a poco si sarebbero sfidate su una hit di Tina Turner… insomma, non si può dire si sia “venduto” ma comunque quest’uomo non sembra lo stesso che cantava con grande enfasi e disperata e poco lucida follia “Voglio una figa blu!”. Il meccanismo del programma è piuttosto semplice, ci sono i coach che hanno le loro squadre di ragazzi (i partecipanti del programma) e hanno pure un pool di collaboratori, tra arrangiatori, pianisti e vocal coach. Ecco, avrei qualcosa da ridire anche qui, visto che Godano, come detto prima, è un grandissimo compositore, un poeta rock ma non si può certo definire un grande cantante da un punto di vista prettamente vocale.

Va beh, fine dello sfogo, dai, ogni tanto mi ci vuole… sapete, quando si invecchia, o si diventa pompieri, o si diventa brontoloni… mi sa che apparterrò di diritto alla seconda categoria!

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...