Michele Cortese e la sua faticosa carriera solista. Dopo Antonio Maggio, un altro ex Aram Quartet, merita il successo

Antonio Maggio, fresco vincitore dell’ultima edizione di Sanremo giovani, sta mietendo un giusto successo con la sua frizzante “Mi servirebbe sapere”. Sta entrando in heavy rotation col suo fortunato brano e una volta conquistate le platee televisive, è importante per lui che passi anche in radio o nelle tv generaliste musicali come Mtv e affini. E’ vero, esiste il web come alternativa, ma se vogliamo essere cinici, la rete può rappresentare ancora più vacuità per quanto concerne elementi comunque discutibili, presi a sè stanti, come il “successo” o la popolarità. Nel web infatti tutto è ancora più veloce che in tv, dove già i ritmi e le tempistiche spesso sono impietose e finiscono per svilire l’arte.

miche

Dagli Aram Quartet sta cercando di emergere anche l’altro vero talento del quartetto vincitore con pieno merito della primissima edizione di X Factor, vale a dire Michele Cortese, che proprio con Maggio divideva maggiormente le parti solistiche nella band, forte di una voce matura, flessibile, pulita e di un carisma innegabile. Cortese sta provando a farsi notare con un album uscito invero quasi 3anni fa, in cui ha riversato tutto sè stesso, contornandosi tra l’altro di ospiti anche prestigiosi come ad esempio Lucio Fabbri, storico collaboratore della Pfm o Francesco Gazzè, fratello di Max e suo principale paroliere. L’album in questione è il brillante “Il teatro dei burattini”, sorta di riuscito mix tra equilibrio formale e varietà di umori.

Michele, pur essendo dotato vocalmente, sa che la sua strada è in salita. Durante X Factor sbaragliò col suo gruppo, forte di una coesione un po’ artefatta ma terribilmente efficace e di un coach vitale e curioso come Morgan, in grado di proporre arrangiamenti particolari e perfetti per far notare il talento dei 4, esempio lampante la versione di “Per Elisa”, davvero ben congegnata ed eseguita.

A mio avviso Michele avrebbe tutte le carte in regola per seguire l’ex sodale Antonio Maggio nella strada verso un successo che sarebbe davvero meritato. Ascoltare per credere.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...