La favola Hoffenheim non può finire così!

Vedendo ieri in campo Compper,  il difensore tedesco colored della Fiorentina, appena acquistato a parametro zero dall’Hoffenheim, mi è venuta un po’ di tristezza nel constatare una situazione di classifica sempre più compromessa della squadra che fino a pochi anni fa rappresentava una sorta di favola made in Germany, stile Chievo per intenderci.

L’Hoffenheim divenne non solo fenomeno “da studiare”, piccola realtà di poche migliaia di abitanti  che si affacciava prepotentemente alla ribalta, ma vera e propria realtà, con una società modello che investì parecchi soldi per allestire una compagine in grado di farsi rispettare tra le big tedesche.

stadio

Altro che rispetto: l’Hoffenheim 4 anni fa rischiò seriamente di fare un grande sgambetto a Bayern e compagnia, dominando alla sua prima stagione di Bundes la classifica e mettendo in mostra talenti autentici.

Proprio il neo viola fu uno dei grandi artefici di quel miracolo, capitano della squadra e complice della scalata tra i grandi, ma in rosa figuravano pure l’emergente terzino destro Beck, a lungo inseguito dai club italiani. Vera freccia bionda, Beck unisce ancora sapientemente qualità e quantità, anche se la brutta stagione attuale ne ha un po’ oscurato il talento. E che dire di altri atleti passati in questi anni come il fantasista ora al Tottenham Sigurdsson o le punte Obasi, Demba Ba e Ibisevic, quest’ultimo super cannoniere all’esordio qui e poi transitato in vari club tedeschi senza più ritrovare quella splendida continuità di marcatore.

Stadio splendido di proprietà, alcune altre buone stagioni, a sfiorare l’Europa, condendo i propri campionati di comode salvezze trovate mediante un calcio propositivo. Le cessioni eccellenti, mal compensate, stanno facendo però precipitare la squadra blu verso la retrocessione, nonostante in Germania il regolamento consenti alla terzultima un’ultima possibilità: giocarsi uno spareggio con la terza classificata della seconda divisione. Sarebbe un peccato per l’Hoffenheim rientrare mestamente tra i ranghi, ma può starci qualora la società decidesse di continuare comunque a investire nel progetto. Noi ci crediamo, perchè ci piace credere ancora alle favole.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...