Primi risultati al Festival… considerazioni sulla classifica provvisoria

Ieri era San Valentino e sinceramente avrei voluto festeggiare come tutti gli innamorati, visto che sto benissimo con la mia fidanzata e siamo prossimi alle nozze… tuttavia, l’onda lunga dell’influenza mi costringe ancora a casa per qualche giorno e così, giocoforza, ho dovuto rimandare la mia serata romantica.

Questo mi ha permesso di assistere anche ieri alla serata festivaliera, quella che ha emesso i primi (parziali) verdetti e ha consolidato sempre di più la formula faziana.

Piccoli appunti sparsi: mi è parsa una puntata riuscita, con ottimi interventi della Littizzetto (specie quello contro la violenza sulla donne, quando ha cambiato improvvisamente registro, passando dal leggero al drammatico, prendendosi gli elogi pubblici dell’amico conduttore), la tranquillità che emanano Fazio e la stessa Luciana, ospiti stranieri in linea con la scelta “alta” di quest’anno (anche se ieri Anthony ha spiazzato Fazio col suo lungo discorso…) e la gradita esperienza di Roberto Baggio, visibilmente emozionato e “vero”: per fare un parallelo calcistico con un altro ospite di qualche anno, mi è piaciuto infinitamente di più rispetto al Cassano visto in precedenza.

elio

Poi le canzoni, ormai assimilate, ma con il rimpianto che magari fossero meglio quelle eliminate, almeno per qualche artista in gara, come vedremo nel dettaglio.

Inizio dai giovani, visto che ieri si è completato il quadro dei 4 finalisti. Beh, innanzitutto mi preme dire una cosa: da un paio di settimane su Sky c’è un canale interattivo sulla storia del Festival, dove ininterrottamente trasmettono varie canzoni tratte da tutte le edizioni di Sanremo in ordine sparso. Da ieri hanno inserito anche i pezzi in gara quest’anno ma il problema è che avevo quindi sentito “in anteprima” il bel brano di Antonio Maggio. Quest’anno, a differenza delle discutibili scelte degli anni passati, anche i brani dei giovani dovevano essere assolutamente inedite e perciò immagino che Sky, inconsciamente, abbia fatto un’enorme gaffe, nel trasmettere un brano inedito subito dopo quello di Rubino.

Chiusa parentesi… anche ieri almeno 3 dei 4 semifinalisti erano piuttosto “noti”. A partire da Andrea Nardinocchi che, insieme al già eliminato Cilembrini, costituiva l’elemento di maggior interesse, almeno per certa critica alternativa.

L’impressione è che sia ancora estremamente acerbo per quel palco, con una canzone dal testo banale e poco ficcante a livello musicale, con un’elettronica appena accennata. Insomma, eliminazione giusta a mio avviso.

Anche Paolo Simoni non è un emerito sconosciuto, anzi, frequenta da anni il Club Tenco, essendo considerato tra i migliori giovani cantautori su piazza. Solitamente propone brani in chiave jazz, ieri si è limitato a una (pur bella) ballata pianistica. Per lui, che aveva duettato di recente con Lucio Dalla (è uscito anche un videoclip dove si vede per l’ultima volta il grande Lucio), arriva un’inaspettata eliminazione. Da “artista” sensibile e impegnato nel sociale, si concede una chicca: attaccare al microfono un messaggino di speranza ai giovani.

Passano il turno una impersonale Ilaria Porceddu, che avevo assolutamente rimosso come partecipante della prima edizione di X Factor, quella con Giusy Ferreri e vinta dagli Aram Quartet e un più convincente Antonio Maggio. Il cantautore salentino, ex Aram Quartet, ha proposto un brano vagamente retrò (a quanto pare vanno di moda quest’anno), solare e immediato. Secondo me può ambire alla vittoria, e sinceramente mi farebbe piacere per lui, visto che ha una bellissima voce ed è riuscito ad arrivare a Sanremo da solo, senza scorciatoie, resettando il suo passato col gruppo.

Veniamo ai big e alla classifica che, da tradizione, richiama “proteste” e scontenti. A me la formula piace, erano anni che tra ripescati e classifiche solo dal terzo al primo, si cercava di accontentare tutti, come se da un brutto piazzamento dipendesse una carriera intera. E invece, come sapete benissimo, casi come quelli di Vasco, Zucchero o i Subsonica insegnano.

C’è da dire che per l’edizione 2013 entra in scena la giuria di qualità, un po’ bistrattata nelle ultime edizioni, in favore del televoto sovrano. Ieri si è tenuto conto solo del televoto, che però andrà a incidere per un 25% sul totale… tradotto, le classifiche possono essere – non dico stravolte – ma sicuramente modificate.

Scontate le ultime due posizioni, appannaggio dei gruppi alternativi Almamegretta e Marta sui Tubi. Mi spiace per i primi, che hanno portato una bella canzone, mentre i Marta hanno osato poco. Conoscendo – e apprezzando – il loro repertorio, ritenevo più in linea col loro percorso la canzone “Dispari”, quella scartata. La prima sorpresa in negativo è il 12esimo posto di Malika Ayane. Apriti cielo, la favorita della critica! Giù fischi, come in occasione del 2010, quando però in effetti vinse Valerio Scanu e non la sua stupenda “Ricomincio da qui”. Invece il brano proposto quest’anno non possiede la stessa forza, la medesima carica emotiva. E’ una canzone pop, senza pretese, sarebbe stato molto meglio la scartata “Niente”.

Ancora più stupore me lo hanno destato i modesti piazzamenti di Cristicchi e Silvestri, due cantautori tra i migliori della loro generazione. Il brano di Simone mi piace tantissimo: ha un testo originale, particolare, la melodia (per i maligni troppo somigliante proprio a “Le cose in comune” di Daniele Silvestri) è accattivante, l’arrangiamento riuscito, con un bell’inserto di fisarmonica.

La canzone di Silvestri è bellissima, punto! Almeno il premio della Critica spero possa essere suo.

Elio e le Storie Tese si piazzano a metà del guado, ma a mio avviso hanno fatto il loro, presentando un brano spiazzante, divertente, irriverente… pensare di replicare l’exploit storico del 96 quando arrivarono a insidiare pericolosamente il primo posto sarebbe un’utopia.

E così nei primi posti si piazzano molti tra i provenienti dai talent. Ma sinceramente Fazio e Pagani hanno strutturato un cast eterogeneo, era onestamente impossibile (oltre che ingiusto) boicottare gli artisti provenienti da Amici o X Factor, e non solo per una mera questione di audience, ma proprio perchè, guardando le classifiche, è innegabile che siano questi recenti protagonisti a dominare le classifiche, insieme a mostri sacri quali Vasco, Liga, Antonacci, Jovanotti, Pausini, gente che non parteciperà mai più a Sanremo.

In ogni caso, mi stride il quarto posto di Chiara Galiazzo… a mio avviso il brano non è nelle sue corde e qui l’effetto tv ha avuto un gran merito nel piazzamento. Annalisa è sul podio, meritatamente a mio avviso, mentre credevo che i Modà fossero, per il momento, primi. Invece la palma d’oro provvisoriamente va a Marco Mengoni, il quale si sa essere amatissimo dal pubblico. La sua è la canzone più sanremese fra tutte quelle proposte, ha una melodia semplice e un testo che arriva ma a me ha lasciato più o meno indifferente.

Le vere sorprese sono rappresentate da due signore che rappresentano al meglio l’eleganza e la femminilità, seppur siano diversissime fra loro: Simona Molinari e Maria Nazionale, piazzate rispettivamente sesta e settima, sono a questo punto delle outsiders, così come il raffinato Raphael Gualazzi, giunto quinto. Io preferivo il suo brano scartato ma ammetto che anche “Sai (ci basta un sogno)” è molto intensa e profonda.

Ci rivediamo a questo punto domenica con il bilancio finale della manifestazione, ma prevedo qualche stravolgimento nella classifica e un po’ di sana polemica… ma d’altronde quando ci sono di mezzo graduatorie e risultati è sempre così. Lunga vita al Festival

Advertisements

2 risposte a “Primi risultati al Festival… considerazioni sulla classifica provvisoria

  1. Bel quadro esauriente. Su alcune cose concordo, su altre no, ma è normale. Giusta la sottolineatura su come fosse impossibile rinunciare all’universo talent, e così sarà, credo, anche in futuro, almeno finché durerà questo fenomeno musical – televisivo. Riguardo ai giovani, anch’io vedo Maggio favorito; sul mio blog sono stato un po’ duro con Simoni, che non mi ha convinto ma che, come è giusto che sia, mi riservo di riascoltare. Premio della critica a Silvestri? Ci potrebbe stare, anche se penso che verrà assegnato agli Elii. D’accordo su Malika: in passato ha fatto molto meglio, “Come le foglie” e soprattutto “Ricomincio da qui” erano di un’altra categoria. Quanto a Baggio, presenza fin troppo discreta, ma mille volte meglio dell’ospitata di Cassano di tre anni fa, mamma mia…
    PS: fico questo canale Sky! Fammi sapere se trasmette qualche chicca che di solito non viene mai passata nelle rievocazioni storiche dei canali generalisti, dove fanno sempre vedere il primo Vasco, il primo Eros, la prima Oxa, Gaetano e poco altro…

    • ciao amico.. ti rispondo in particolare su Sky, visto che per il resto abbiamo già commentato abbondantemente, scambiandoci i pareri.
      Sky da sempre nel canale 701 ha un quadro interattivo dove il cliente può scegliere – ovviamente fa parte di un pacchetto d’acquisto – che musica ascoltare. Sono in pratica tutte compilations, ci sono una ventina di canali tutti diversi, eterogenei, dal rock moderno a quello classico, dalle hit italia ai pezzi italiani vintage, dagli anni 80 ai 90 ai 70, dal blues all’hip hop, uno sul jazz classico, uno sul jazz moderno, uno sulle colonne sonore, uno sulla dance e persino un canale baby con le sigle dei cartoni animati e le canzoni tanto amate dello Zecchino d’Oro. In mezzo ci sta pure un canale tematico, che ogni mese cambia. Solitamente febbraio è dedicato alla storia del Festival… per un mese consecutivo passano in rassegna 24 ore su 24 tanti brani, tratti da tutte le edizioni sanremesi, da Nilla Pizzi a Renzo Rubino, senza criteri particolari. E ti assicuro che non trasmettono solo brani celebri, in mezzo trovi tante di quelle chicche… persino brani inediti a quanto pare, come quello che ho sentito io 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...