Delio Rossi? Nessuna giustificazione!

Ne ho sentite di tutti i colori riguardo la triste vicenda accaduta tra il tecnico della Fiorentina, Delio Rossi, e il suo giovane calciatore Adem Ljajic. Sgombero subito il campo dagli equivoci: il gesto dell’allenatore non ammette giustificazioni!

Sicuramente Ljajic – che non è certo uno stinco di santo – avrà detto qualcosa di offensivo, oltre ad aver provocatoriamente applaudito al contestato cambio (bruttissima abitudine dei nostri calciatori) ma nulla toglie che non si meritasse un’aggressione in piena regola. Un raptus, un gesto di follia, un momento di adrenalina scambiato per eccessivo stress: il tutto è stato definito in mille modi, un po’ per provare a capire i motivi che hanno spinto un allenatore sovente indicato come mite e tranquillo da parte di tutti coloro che lo hanno conosciuto in questi anni.

Io sono stato male nel vedere quelle immagini che stanno attraversando il globo: davvero non ho ricordi di aver visto nulla di simile su un campo di calcio! Credo che il minimo sia che Rossi si prenda un buon periodo sabbatico, di “disintossicazione” dal rettangolo verde. Invece, come niente fosse, nel secondo tempo ha ripreso il suo posto in panchina, poco lontano dall’umiliato e affranto giocatore serbo. Inqualificabile, caro Delio, avrai avuto i nervi tesi, la pressione sanguigna alle stelle ma, cavoli, ti pare normale inveire contro un tuo giocatore, che potrebbe avere l’età dei tuoi figli, picchiarlo violentemente davanti a uno stadio intero, ai suoi compagni, ai tuoi collaboratori?

Assurdo, un’ennesima conferma che davvero il calcio italiano ha bisogno di resettare tutto, e di farlo il più in fretta possibile.

Poi, Ljajic deve necessariamente rendere di più, impegnarsi maggiormente, rispettare le consegne, i suoi superiori, addirittura dovrà una volta per tutte meritarsi la fama giunta forse troppo in fretta, dovrà mantenere qualche promessa.. ma anche se non riuscisse a fare nessuna di queste cose, non dovrà più venire maltrattato da un suo allenatore, nella maniera più assoluta. Di violenza ce n’è fin troppa nell’aria, e sinceramente siamo stufi di assistere a certe scene, a un crescendo continuo e inquietante di simili episodi.

Annunci

6 risposte a “Delio Rossi? Nessuna giustificazione!

  1. Certe frasi se le tenga x lui!Se è vero quello che dice calciomercato.it Rossi gliene ha date poche.Fossi il presidente della fiorentina lo caccerei senza l’onore delle armi. Non si infierisce sui Problemi (P maiuscola notare) di un genitore xche quest’ultimo ti sostituisce.

    • Guarda, ho appena risposto anche su fb a degli amici, tra cui un fiorentino doc, e sicuramente pronunciare quelle frasi da parte di Ljajic è stato terribile. Lavoro con i disabili, sono un educatore, non accetto nessuna forma di razzismo nei loro confronti, ma quando muovi violentemente le mani, come ha fatto Rossi, purtroppo si passa inevitabilmente dalla parte del torto. Lì il tecnico ha sbagliato, anche se ovviamente pure il giocatore serbo merita una punizione esemplare. Ciao

  2. Le tue, caro Gianni, sono considerazioni dettate da buon senso e maturità, che io stesso ho espresso stamane. Nulla, nemmeno la più volgare provocazione può giustificare un’aggressione fisica, oltretutto da parte di una persona matura, esperta e financo con responsabilità quasi da “educatore”. Questo giustificazionismo diffuso è inquietante: sembra che per molti italiani l’uso della violenza per dirimere screzi personali sia accettato come cosa buona e giusta. Disgusto.

    • sono d’accordissimo col tuo pensiero, come ti ho appena scritto su note d’azzurro. Spiace, quello è vero, che Rossi sia stato sottoposto a un trattamento verbale simile da parte di un immaturo ragazzino, ma ha sbagliato a muovere pesantemente le mani.. ero allucinato nel vedere le immagini, davvero! e concordo pure quando scrivi che tutto il campionato si lascia alle spalle una sequela di fatti deplorevoli come non ricordavo da anni

  3. Un mister è come un padre…deve educare i “suoi” ragazzi. Ma DEVE anche ottenere il loro rispetto. Non sono d’accordo con i patron che hanno esonerato Rossi. Una punizione ci stava anche bene, ma l’esonero no. Ljajic ha offeso pesantemente Rossi e la sua famiglia, e per mandare fuori dai gangheri una persona come Rossi deve avergliene dette di molto pesanti. Solo che il giocatore (qui parlo da ragioniera) è parte del patrimonio della società, quindi se lo tengono, con tutte le sue bizze e la sua maleducazione, il tecnico invece, essendo un dipendente stipendiato, rappresenta solo un costo. Mi spiace, Gianni, questa volta non concordo con te. Anche un padre a volte dà un ceffone ad un figlio (e tra i figli mi ci metto pure io..e ti assicuro che male non me ne hanno fatto). Un caro saluto
    Loredana

  4. ciao Loredana, di questa cosa ho discusso molto anche su facebook. Io reputo che Ljajic abbia evidentemente sbagliato nel mancare di rispetto a un suo superiore, un uomo che potrebbe benissimo essere suo padre. C’è un “giallo” riguardo la frase incriminata, molti ben informati mi dicono che il serbo si esprima ancora male in italiano, o comunque non in modo tale da poter offendere specificatamente come da più parti è stato trapelato. Ma a parte questo, io non mi soffermerei troppo sull’offesa, io non giustifico il gesto di Rossi nella sua interezza. Non doveva alzare le mani, stop! Quello non è stato uno schiaffone da padre a figlio, è stata quasi un’aggressione. Certo, non mi sarei mai aspettato un epilogo del genere da parte di un tecnico che ho sempre molto stimato da un punto di vista umano prima che sportivo. Non deve la sua rimanere una macchia indelebile nel contesto di un’onorata carriera da allenatore e da educatore ma non sarò tra quelli che dicono che in fondo ha fatto bene in questo caso.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...