Dischi anni ’90 – 9) MASSIMO VOLUME “Lungo i bordi”

I Massimo Volume rappresentano un caso davvero unico nel panorama musicale, non solo attinente agli anni’90, ma pure nell’ambito del variegato rock alternativo emerso con forza in quel decennio.

Ensemble variegato che ha trovato sede a Bologna, dove tutti i componenti nei primi anni ’90 si ritrovarono a studiare all’Università, da subito poggia sulla ricca personalità di tutti gli interpreti e a farne le spese all’inizio è proprio colui che di tutti pare il leader, oltre che quello più esperto e musicalmente preparato, Umberto Palazzo. Fatto sta che alla fine decide di lasciare il gruppo, che era più in linea nel seguire le coordinate gettate in avanti dall’altro leader, il più silenzioso e apparentemente riflessivo, Emidio “Mimì” Clementi.

Il quale propone testi intrisi di una vena narrativa che danno un realistico sguardo sul mondo, il proprio ma pure quello che gravita attorno, e in quella Bologna, in quegli anni, gli stimoli non mancano, anzi, sono vieppiù molteplici e vari.

Mimì non canta, letteralmente declama i suoi pezzi, veri “racconti in musica”, spaccati di vissuto quotidiano elevato a rango poetico oppure riflessioni ponderate e viscerali di ciò che avverte.

Ne nascono, con il contributo fondamentale del chitarrista Egle Sommacal, fondamentale nella stesura dei brani musicali e nella creazione di uno stile intrecciato sapientemente con l’altro interprete Umberto Ceci e della poliedrica batterista Vittoria Burattini, brani che diverranno classici nel fertile panorama underground italiano.

Per molti i Massimo Volume sono ostici, sicuramente complicati, persino snob per chi non li conosce davvero. In realtà dietro una maschera assai riflessiva, c’è tutta la solarità e la schiettezza di un personaggio non banale come Clementi che saprà pure affermarsi come importante scrittore contemporaneo. D’altronde, ascoltando tutte le tracce dello straordinario “LUNGO I BORDI”, uscito a due anni di distanza dall’esordio, il più irruente “Stanze”, si potevano ben intuire le potenzialità del leader.

Un gruppo che poi ha gettato la spugna, salvo poi tornare in scena con un piglio simile a quello degli esordi. Meritano di rimanere non solo negli annali ma pure a lungo nei vostri lettori mp3.. o nei vostri stereo se ancora ne possedete uno!

qui sotto, un brano assolutamente IMPERDIBILE, uno dei tanti esempi del talento dirompente dei MASSIMO VOLUME

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...