Dischi anni ’90- 4) TIMORIA “Eta Beta”

I Timoria da subito si differenziano dalla maggior parte dei gruppi o degli artisti rock italiani. Dopo una prima formazione embrionale, i Precious Time passano alla lingua italiana e da subito si contraddistinguono per un songwriting non convenzionale, molto vitale e legato a un modo di fare musica che abbraccia più ambiti.

Da subito si delineano forti personalità: il chitarrista e paroliere (nonchè principale compositore) Omar Pedrini e Francesco Renga, in possesso di una voce maestosa, splendida, che non teme confronti se paragonata a quella di tanti altri esponenti di un “nuovo” rock italiano.

I Timoria in ogni caso possono contare anche su una validissima sezione ritmica e su un tastierista che aggiunge sale e fantasia negli arrangiamenti.

Giungono ben presto i risultati, man mano che il gruppo si sposta progressivamente verso suoni duri, quasi “grunge”. Con “Viaggio senza vento”, che non pare sbagliato definire un concept album vero e proprio arrivano i primi meritatissimi consensi, forte di brani immortali come “Senza vento” e “Sangue impazzito”.

L’album che più mi piace tuttavia, e al quale sono più legato, è “Eta Beta” del ’97.

Un disco certamente ispirato, poliedrico rispetto ai precedenti, dove si mischiano le atmosfere soffuse, world con le classiche chitarre elettriche marchio di fabbrica della band. E’anche l’ultimo album con la splendida voce di Francesco Renga, che poi abbandonerà il gruppo per motivi mai ben chiariti per dedicarsi a una fortunatissima carriera solista all’insegna di un cantautorato leggero.

Peccato, quello che resta del gruppo, che in questo album si distingue in brani come “Bella Bambola”, “Vola piano”, malinconica e commovente ballata dedicata al giornalista scomparso Stefano Ronzani e “Sudeuropa” con Zulù dei 99posse, è un senso di “incompiutezza”.

Chiaro, hanno continuato a fare dischi, magari non del tutto a fuoco, sempre con una qualità media elevata rispetto agli standard ma io sono tra coloro che sperano di rivedere in studio di nuovo assieme Pedrini e Renga, una volta appianati gli screzi. La cosa è già successa in occasione di alcuni mini concerti a Brescia, speriamo in un seguito.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...