PELLEeCALAMAIO incontra MondoScrittura – intervista a Greta Cerretti e Cristina Lattaro

MondoScrittura è una Idea, MondoScrittura è una possibilità importante, MondoScrittura è un’opportunità notevole per chiunque ami scrivere e voglia comunicare, MondoScrittura infine è una sfida, che tre indomite donne hanno lanciato al – quasi saturo – mercato editoriale via web. Ma loro contano di avere una marcia in più. Questi i servizi editoriali proposti dalle tre “streghe”, come (non so quanto) ironicamente si autodefiniscono loro: Amalia (Greta Cerretti), Maga Magò (Cristina Lattaro) e Grimilde (Enrica Aragona): correzione bozze, editing, valutazioni, impaginazioni, presentazioni, sinossi, biografie estese, quarta di copertina, creazione e-book e booktrailer. Insomma, c’è tutto quello che occorre a un aspirante scrittore.

Ho la possibilità di saperne di più, scambiando queste belle quattro chiacchiere con due di loro: Greta e Cristina, reduci entrambi da un esordio letterario, sotto l’egida Nulla die, casa editrice con sede e Piazza Armerina (En).

“Voi avete instaurato un’amicizia in modo assolutamente sincero e spontaneo, come sempre andrebbe fatto, ma il collante, mi sento di dire, è stato il web, l’appartenenza ad una stessa casa editrice, la condivisione di un sogno. Quando avete capito che dovevate necessariamente cooperare per qualcosa di assolutamente vostro?”

G: Mondoscrittura è figlia della fortuna, e delle coincidenze astrali. Pubblicare con Nulla Die ha permesso a me e Cristina di conoscerci e scambiare numerose informazioni. Tuttavia, come racconto sul sito in Mondoscrittura story http://www.mondoscrittura.it/?p=331, nulla sarebbe stato possibile senza il terzo componente: Grimilde.

C: Mondoscrittura è una e trina. Ci siamo semplicemente rese conto della sinergia che poteva sviluppare la comunione disinteressata di tre teste pensanti molto diverse ma accomunate da unico obiettivo: facciamo qualcosa di pulito e di efficace. Facciamolo al meglio.

“Cosa vi prefissate con “Mondoscrittura”? Sorprese della grande adesione alle vostre iniziative? (perdono, io non ho avuto il tempo materiale per scrivere un racconto!). Raccontate a me e ai miei lettori questo interessante progetto”

G: Sorprese e contente del consenso ricevuto: Mondoscrittura ha meno di due mesi e già abbiamo all’attivo una rivista digitale, il concorso continua a ricevere proposte e non mancano i clienti per le valutazioni.

C: Innanzi tutto Mondoscrittura rappresenta qualcosa che non esisteva e che noi abbiamo generato. Dunque è la nostra creatura. Ci prefiggiamo di allevarla, di farla crescere sana e forte e soprattutto intelligente. Quanto al tuo racconto mancato, in verità io me la sono legata al dito.

“Come percepite la realtà editoriale, da una prospettiva diversa da quella di autrici?”

G: si può rispondere con un no comment?

C:  La situazione è ottima per chiunque abbia voglia di fare. Ci sono molti strumenti a disposizione per poter lavorare onestamente, ci sono le sinergie per produrre libri di qualità. Sono convinta che lanciare una voce nella nebbia porterà molti viandanti nella direzione giusta, basterà solo che abbiano la voglia di ascoltare.

“La grande diffusione di siti, forum letterari e corsi di scrittura rappresenta indubbiamente una grande opportunità per aspiranti autori. Voi come vi ponete dinnanzi alla questione del “vanity press”? Quanto conta per questi sedicenti scrittori apparire, essendo disposti pure a pagare pur di pubblicare un romanzo?”

C:  Ho la stessa considerazione di chi paga per pubblicare di chi si rifà il naso. La natura ci ha dato una dotazione al momento della nascita, può esserci andata bene o male. L’importante è quanto miglioreremo col sudore della fronte, con la volontà e la perseveranza.

G: La vanity press non è solo la piaga dell’editoria italiana, ma della cultura in generale. Personalmente ritengo che sull’argomento ci sia poca, pochissima informazione e molta disinformazione. Non mi sento di condannare chi cade nella rete degli spennapolli perché non è a conoscenza del sistema, però ho poca stima di tutti coloro i quali, volutamente, scelgono la via più breve per non sottoporsi al giudizio degli esperti.

“Da poco avete esordito con i vostri romanzi eppure se chiudete gli occhi immagino che sia facile far riaffiorare ansie, aspettative, sogni… A distanza di pochi mesi, siete in grado di fare un piccolo bilancio sulla vostra esperienza? Solo soddisfazioni e le gratificazioni o c’è spazio pure per dei punti  oscuri, delle piccole delusioni?”

G: Non scrivo per guadagnare, ma per essere letta. E per regalare emozioni. L’altro giorno mi hanno chiesto di firmare una copia del romanzo: sono diventata rossa e avevo le lacrime agli occhi. E’ una soddisfazione che non si può spiegare. Certo, sono dispiaciuta che a distanza di sei mesi dall’uscita del romanzo, non ci sia ancora l’ombra di una presentazione. Dato che non ho intenzione di occuparmene io (non è il mio lavoro, ndr) se non ce ne sarà alcuna mi rimarrà questo amaro in bocca. Però sto partecipando al Premio Campiello, visto mai che… J

C: Fare un bilancio dl primo libro pubblicato non è facile perché mancano oggettivi termini di paragone. Dunque non riesco a andare oltre alla soddisfazione di aver pubblicato pulito. Mi riservo tuttavia di trarre delle conclusioni su questa esperienza a tempo debito. Al momento guardo al futuro, a quello che debbo ancora fare sperando di farlo sempre meglio.

“Io vi auguro le migliori fortune, davvero, e vi chiedo a che punto siate con i vostri progetti personali, se avete scritto una nuova storia o se è soltanto in stato embrionale. In bocca al lupo ragazze”

G: non mi ritengo un’autrice molto prolifica, specie al confronto con la mia socia qui accanto. Diciamo, però, che ho in cantiere tre belle storie che crescono di giorno in giorno, e spero di poter  pubblicare un secondo romanzo nel 2012.

C: Se avessi tempo scriverei moltissimo. Al momento ho quattro manoscritti da giostrare, 2 in valutazione presso la Nulla die, uno appena inviato a una decina di CE NOEAP, uno quasi completato. Ne ho molti abbozzati (da circa trenta cartelle cadauno)  e moltissimi che mi carambolano in mente.
Naturalmente, crepi il lupo!

Ora.. spazio all’intervista doppia… chi buttate dalla torre???

 Greta:

–         KING vs GRISHAM

–         AMMANITI vs BARICCO

–         VASCO vs LIGABUE

–         BERLUSCONI vs MONTI

–         ANTONIONI vs FELLINI

–         BERTOLUCCI vs PASOLINI

–         DE ANDRE’ vs BATTISTI

–         RAUL BOVA vs GEORGE CLOONEY

–         BELEN vs CANALIS

–         PANARIELLO vs FIORELLO

–         BONOLIS vs CONTI

–         MEDIASET vs RAI

–         TRAVAGLIO vs FERRARA

–         ROMA vs LAZIO

–         SCORSESE vs SPIELBERG

–         BIANCANEVE vs PINOCCHIO

–         BENIGNI vs MASSIMO TROISI

–         BEATLES vs ROLLING STONES

–         MANZONI vs ALIGHIERI

–         LEOPARDI vs CARDUCCI

–         MOZART vs BEETHOVEN

Cristina:

–         KING vs GRISHAM

–         AMMANITI vs BARICCO

–         VASCO vs LIGABUE

–         BERLUSCONI vs MONTI

–         ANTONIONI vs FELLINI

–         BERTOLUCCI vs PASOLINI

–         DE ANDRE’ vs BATTISTI

–         RAUL BOVA vs GEORGE CLOONEY

–         BELEN vs CANALIS

–         PANARIELLO vs FIORELLO

–         BONOLIS vs CONTI

–         MEDIASET vs RAI

–         TRAVAGLIO vs FERRARA

–         ROMA vs LAZIO

–         SCORSESE vs SPIELBERG

–         BIANCANEVE vs PINOCCHIO

–         BENIGNI vs MASSIMO TROISI

–         BEATLES vs ROLLING STONES

–         MANZONI vs ALIGHIERI

–         LEOPARDI vs CARDUCCI

–         MOZART vs BEETHOVEN

Ognuna mi dica i pregi e i difetti dell’altra

G: Cristina è una ventata di contagiosa allegria, anche se non mi riconosco nella sua capacità diplomatica (per pura invidia).

C: Sono un tipo tendenzialmente solitario, decidere di fondare un’associazione con qualcuno è indicativo della grande stima che nutro per codesto (fortunato) individuo. Senza dilungarmi in una svilinata fuori posto, Greta ha una grandissima capacità organizzativa che si esplica al meglio quando c’è  qualche difficoltà. Ha qualche difetto ma chiudo un occhio in modo da non ritrovarmeli entrambi neri.

Provate a convincere in poche parole i lettori a comprare i vostri libri.. qual è il punto di forza de “La Catena” e de “La Saggezza dei Posteri”.

G: La Catena non è un libro facile, e non è un libro per tutti. E’ una sfida, che può essere raccolta da chi ha il coraggio e la forza di guardare dentro se stesso attraverso il doloroso specchio della malattia.

C: La Saggezza dei Posteri offre molti spunti originali. Per come affronta il tema del demoniaco nel quotidiano. Per la situazione topica, quella di un militare italiano che presta servizio in Afghanistan dove tornerà qualche anno più tardi con un esorcista.  Dunque, è qualcosa di diverso o non avrei cercato di pubblicarlo.

Annunci

6 risposte a “PELLEeCALAMAIO incontra MondoScrittura – intervista a Greta Cerretti e Cristina Lattaro

  1. “Questi i servizi editoriali proposti dalle tre “streghe”, come (non so quanto) ironicamente si autodefiniscono loro…”

    Lasciatelo dire da uno che due delle tre le conosce, eccome.
    Streghe, sono proprio streghe! Fatte e finite.
    Una l’adoro ma è una palla colossale, con l’altra ci litigo anche per un puntino.
    Ma grazie a Dio che hanno incrociato la mia strada.
    🙂

  2. Lo sappiamo che sono ragazze in gamba. Mi hanno sorpreso (positivamente), perchè sentivo parlare di MondoScrittura ma poi mi sono ammalato e ho perso i risvolti della questione. Quando ho capito in cosa si sono avventurate, beh, la prima cosa che ho pensato è che dietro a tanta passione c’è anche volontà, voglia di mettersi in gioco. Tutti questi servizi richiedono competenze e responsabilità. Brave STREGHE! 🙂 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...