Notizie sul mio romanzo d’esordio “Verrà il tempo per noi” (ed. Nulla Die)

Proprio nei giorni in cui ho trovato quello che mi mancava per legare una vicenda cruciale ai fini della mia nuova storia, ho voglia di tornare a parlarvi del mio romanzo d’esordio “Verrà il tempo per noi”, edito da Nulla Die di Massimiliano Giordano.

http://nulladie.wordpress.com/2011/09/24/esce-oggi-il-romanzo-di-gianni-gardon/

Il mio primo libro è uscito a fine settembre 2011 e da subito ho avuto buoni riscontri. Dopo una prima presentazione avvenuta presso una libreria di Legnago (VR), condita da ben 100 e passa persone, sono pervenuti altri ordini in quella libreria, messaggi privati sul blog o su facebook, diversi attestati di stima. Poi, ovviamente, giungono anche le prime critiche (e ci mancherebbe, anzi, ben venga se sono, come si suol dire “costruttive”). Qui a lato lascio il link per accedere a ibs,noto e importante store digitale, a cui sono giunte delle recensioni.

http://www.ibs.it/code/9788897364085/gardon-gianni/verra-tempo-per.html

Dicevo, critiche accettate, anche perché trattasi il mio di un esordio e di una novità assoluta, per quanto sia da anni impegnato a scrivere articoli per giornali, sceneggiature o testi teatrali. Tutte forme “scrittevoli” tuttavia molto diverse da un racconto lungo, da un romanzo. Moltissimi poi hanno apprezzato la copertina, e il complimento assume un significato particolare, perchè trattasi di un quadro originale della mia ragazza, Maria Teresa Zingaro, Mary come la chiamano tutti.

La storia frullava in testa da molti anni, esattamente da quando condividevo sogni e passioni, oltre che un appartamento universitario con due cari amici. Era nata lì l’idea di far confluire in un libro le storie di un gruppo di giovani che si sentiva “diverso” dalla massa, quasi stretto in una gabbia, pensando a un futuro che, come quello di molti coetanei di provincia, sembrava già scritto. Invece, i ragazzi che descrivo nel libro, cercano davvero una via alternativa per emergere, pur andando incontro alle inevitabili difficoltà e alle delusioni che si accompagnano a una fase delicata di crescita, quella post adolescenziale, in cui davvero devi toglierti di dosso i panni dell’eterno studente e diventare Uomo.

Ambientato negli anni ’90, nella splendida zona senese (mi è rimasta impressa nel cuore dopo un paio di soggiorni), questo gruppo di amici inizierà una sfida, dimostrare per sé stessi che ci si può realizzare, che i sogni possono esaudirsi se vanno accompagnati a una grande forza di volontà, determinazione e impegno. Come dice saggiamente Claudio, uno dei protagonisti, a un affranto Ricky, deluso per le innumerevoli difficoltà che sta incontrando a entrare nel mondo discografico, “non contano le latitudini, dove nasci e cresci, conta la forza e la volontà con cui portiamo avanti i nostri sogni”.

Qui sotto riporto brevemente le schede dei personaggi, anche se preferisco non svelare la trama! J

Claudio Shane McManus – di origini irlandesi, è un idealista convinto, amante della cultura del suo Paese. Il suo sogno è aprire un pub irlandese, organizzando eventi a tema, invitando a salire sul palco i talenti della zona. Proverà a incamminarsi in questo percorso grazie all’aiuto della giovane Ketty.

Ricky Campoli – introverso e disilluso, al centro di una crisi familiare che investe i genitori (il padre noto psicanalista, la madre ormai malata di schizofrenia), sogna di vivere a Londra e di entrare a lavorare in una casa discografica.

Johnny Castellani – di buona famiglia, destinato a prendere il timone del padre alla guida dell’azienda, molla tutto e cerca di sfondare come cantante e leader di un gruppo rock. Entrerà in una spirale discendente.

Ketty e Michele Bertelli – sono sorella e fratello. Lei, solare, estroversa e sognatrice, condividerà molte cose con Claudio, lui timido, chiuso e tutto dedito alla realizzazione di un suo sogno, diventare calciatore. Prodigio giovanile, incapperà in un brutto infortunio.

Valeria Lenzini – la ragazza un tempo invidiata da tutte le donne del piccolo paese e sognata dai ragazzi, a 19 anni è una ragazza madre malvista dalla gente e con uno shock non ancora superato. Ritroverà la gioia di vivere grazie al dottor Francesco Campoli, padre di Riccardo e si sentirà nuovamente in grado di amare.

Davide Carotenuto – ex ragazzo difficile, ha un conto in sospeso con la vita.

Ma all’interno della vicenda alle storie di queste personaggi se ne intrecciano altre, importanti per il susseguirsi della trama.

Il tutto è intessuto dalla mia grande passione per la musica e per la radio (riaffiorano le mie esperienze come conduttore a RadioPopolare Verona), a cui dedico grande spazio all’interno del romanzo, tanto da essermi pure preso del “didascalico” da un amico.

E’ un racconto di formazione, come qualcuno forse audacemente ha descritto, perché narro un quinquennio della vita di questi amici, dalla fine delle scuole superiori in  poi, ma è soprattutto un romanzo che parla, come dico nelle pagine iniziali, di “amicizia, amore, sogni, vita”.

BUONA LETTURA AMICI!!!

Gianni 

Annunci

2 risposte a “Notizie sul mio romanzo d’esordio “Verrà il tempo per noi” (ed. Nulla Die)

  1. Complimenti Gianni, come sai ho letto il tuo libro, trovando davvero interessante, dai personaggi molto delineati e passionali al colpo di scena finale. Soprattutto x chi come me ha vissuto gli anni 90 che tu ben descrivi è davvero un importante spaccato d’ epoca! In bocca al lupo!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...