Chi crede ancora in un calcio pulito?

Si può ancora credere nel calcio, dopo le allucinanti rivelazioni di quest'estate? Dopo il perdurare di comportamenti che di sportivo non hanno pressochè nulla?
Da appassionato cronista di questo sport e studioso della sua storia dalle origini, sembra proprio che non si riesca mai a imparare dagli errori passati. Che nessuna società, in nessuna epoca riesca ad essere immune da scandali e nefandezze assortite.
E' con grande amarezza che scrivo queste righe, non perchè io caschi dal pero o sia un perenne illuso che prima o poi possa tornare una purezza dei valori dello sport, probabilmente mai conosciuta e avvertita nel mondo del calcio, a differenza ad esempio di quello che accade nel volley o nella pallamano.
La giostra continuerà a girare, passerà anche questa (ennesima) bufera, e poi staremo tutti ad ammirare le gesta di Messi, le accelerazioni di Ronaldo o la vigoria del calcio inglese. Che senso avrebbe esaltarsi ancora per le partite del campionato italiano, quando alcuni atleti, nemmeno pochi, giocano a far perdere la propria squadra, scommettendo sulla sconfitta, prendendo così per i fondelli le vere vittime della situazione tragicomica creata: i tifosi.
Sulle società non mi pronuncio… saranno anche responsabilità oggettive ma se un mio dipendente mi sputtana a tal punto e mi arreca un danno talora incalcolabile, come mi dovrei comportare? Invece nessuno si espone, tutti a difendere a spada tratta ciò che spesso è indifendibile. Tutti a proclamarsi innocenti, da Signori a Doni (pure recidivo), a Bellavista fino all'imbarazzante Paoloni: tutti santi, tutti raggirati, anche chi è arrivato persino a drogare i propri compagni.
Indignazione, scoramento, rabbia, sgomento ma pure… qualcosa di già sentito, poco stupore, rassegnata abitudine, quasi come se veramente la gente, più che assuefatta a queste dinamiche tutt'altro che virtuose, ne sia mestamente pervasa e consideri il tutto frutto e manifesto dei tempi.
Ci vorrebbe un repulisti, ma onestamente da dove iniziare?

Annunci

3 risposte a “Chi crede ancora in un calcio pulito?

  1. Bisogna fare giustizia ed eliminare un marcio sempre piu’ esteso nel calcio. Per questo l’Inter va processata come le altre squadre e Doni e gli altri giocatori marci vanno puniti, squalificati a vita. Non vanno toccate pero’ le societa’, almeno quelle che sono pulite e si sono trovate coinvolte per colpa di alcuni loro giocatori.

  2. Il calcio dei calzettoni abbassati alla Cerezo, delle maglie fuori dai pantaloncini alla Baresi e delle esultanze sotto la curva dei propri tifosi è finita con l'avvento delle pay TV.
    Non credo che si vedrà più uno scudetto a Verona, Genova sponda Sampdoria o a Napoli…

  3. Purtroppo no, almeno fin quando squadre come Inter, Milan e Juve decadano definitivamente e questo ad oggi mi sembra impossibile.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...