Leggere: la cosa più bella del mondo

Leggo molto, sempre, ovunque, di tutto! E scrivo pure… tanto che l’idea del blog è nata inconsciamente anche per contenere alcune tensioni scrittevoli, prima sparpagliate qua e là per il web. Avrò centinaia di articoli, post, recensioni in giro, e difatti alcuni ci tengo a inserirle in questo spazio, per quanto datate e già lette e commentate da altri utenti.

Ora mi piace bruciare le tappe: ho finito un romanzo, verrà pubblicato e sapeste da quanto tempo è nell’immaginario “cassetto”! Troppo preso da altri affari, oltre che pervaso da una piccola dose di congenita pigrizia, si è manifestato poco per volta, finchè l’urgenza narrativa non ha preso il sopravvento.

Ma dicevo che, oltre che scrittore, sono assiduo lettore. Di più: direi frenetico, compulsivo, abitudinario. Libri, riviste, quotidiani, libelli, volantini, carta pesta… tutto ciò che contiene lettere subisce il mio fascino! Leggerei e scriverei tutto il giorno (anche per lavoro mi capitano giornate riempite di parole e fogli: relazioni socio-educative, progetti individualizzati, copioni teatrali, voti e giudizi, lettere formali, inviti, cartelloni ecc…).

Non fosse che talvolta sono “costretto” a svolgere anche mansioni pratico-manuali (per quanto sia negato in tutto ciò), anche perché con la casa nuova lavoretti ce ne stanno a iosa da fare – direi che non sarebbe il massimo divorziare con la mia ragazza, ancora prima di sposarsi, no?- passerei le mie giornate a leggere (e anche a fare altro, non capite male!).

Ma il mio rapporto con la lettura è alquanto strano: per quanto possegga vagonate di romanzi, saggi, raccolte e inevitabilmente alcuni libri debba ancora iniziarli, capita spesso che mi ritrovi tra le mani libri già letti, non una ma più volte. Cavoli, so la trama, conosco i personaggi, so a memoria il finale… eppure è più forte di me, quando una cosa mi conquista non mi faccio abbandonare da lei, mi piace sviscerarla e così accade non solo per le storie avventurose, d’amore, di intrighi o d’atmosfera, ma pure per i saggi, le biografie.

Non si finisce mai di apprendere, c’è sempre qualche dettaglio da analizzare e rivedere. La mia casa pullula di libri enciclopedici, che farò in modo di travasare fedelmente nella casa nuova di recente acquistata con Mary!
Lei è un po’ “spaventata” all’idea, vorrebbe rimanesse spazio anche per altre cose e io puntualmente mi ritrovo a rassicurarla! Ma non posso certo abbandonare i miei libri.

Domani vi parlerò di un libro che sto leggendo per la terza volta, tanto è il coinvolgimento emotivo che mi dà.. e si tratta appunto di una biografia, ma molto ricca e passionale, di quelle per cui ti vien voglia di conoscere tutto dell’artista in questione.

Io già conoscevo benissimo a livello musicale i Massimo Volume, ma grazie ad Andrea Pomini ho soddisfatto ogni mia richiesta e ogni mia curiosità sulle vicende artistiche e personali di questo splendido e innovativo gruppo, pietra miliare del panorama rock alternativo italiano.

Annunci

2 risposte a “Leggere: la cosa più bella del mondo

  1. grazie emma della visita e del commento! Il blog è ancora in costruzione, ho poco tempo a disposizione e pertanto non ho ancora avuto modo di scoprire tutte le funzioni di splinder. Ma poi sarò certamente più operativo e soprattutto mi collegherò ai vostri, linkerò ciò che reputo interessante e, insomma, cercherò di condividere le mie cose con te e altri utenti.
    Ciaooo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...